In campo per cambiare l’Europa!

fede

 

Cari amici,

vi annuncio una scelta importante.

Ho deciso di candidarmi alle Elezioni Europee del prossimo 26 maggio con il partito che, a mio avviso, meglio difende i valori che ci stanno a cuore: rispetto della vita, dignità del lavoro e promozione della famiglia. Ho deciso di fare questo passo perché è finita l’epoca della fede a costo zero, e perché c’è bisogno di spendersi in prima persona per i nostri valori, oggi così minacciati.

Ho lavorato per molti anni nella finanza internazionale: conosco i meccanismi, a volte veramente mortiferi, da cui è regolata e che oggi dominano una visione puramente speculativa dell’Unione Europea, dove i tassi contano più delle persone.

Per questo, abbandonato il mio lavoro, ho fondato la Dominus Production, una casa di distribuzione cinematografica che diffonde modelli positivi per scuotere e risvegliare dal profondo dell’animo umano l’attrazione per la bellezza della verità, dell’etica e delle virtù.

Anche grazie a tutti voi, la Dominus Production ha portato in Italia film come Cristiada, God’s Not Dead 1 e 2, Marie Heurtin, Il Risveglio di un gigante, La mia seconda volta in un network di più di 300 sale coinvolte. Ha dato poi vita a una divisione editoriale per la pubblicazione di libri di approfondimento alle pellicole con una rete di quasi 2000 rivenditori, e una neonata divisione discografica per la diffusione di musica di valore per i giovani.

Come piccolo imprenditore, posso affermare che la micro-impresa in Italia, un tempo volano di crescita del Paese, è vessata e torturata da una burocrazia asfissiante. I lavoratori dipendenti e autonomi soffrono, la disoccupazione giovanile è in drammatico aumento. Perché? Perché il Lavoro ha perso il suo valore. Perché la Persona ha perso il suo valore.

Come cittadino, vedo negato il valore assoluto della vita nascente, vedo le famiglie abbandonate e addirittura derise se fanno molti figli, vedo dilagare spot per la liberalizzazione delle droghe, incentivi a una sessualità “usa e getta”, il business eutanasico delle cliniche della morte. Vedo le menzogne che vengono quotidianamente riversate sui nostri giovani, in nome di una falsa libertà, che si rivela come una “prigione della mente” asservita ai poteri e agli interessi economici internazionali che vogliono creare perfetti consumatori, cioè perfetti schiavi.

Vedo che tutto questo, troppo spesso, ci cade in testa dall’alto: da ciò che viene deciso nelle sedi dell’Unione Europea. Quello è il fronte su cui voglio combattere, per tutti noi, col vostro voto. Permettetemi di metterlo in pratica dandomi la vostra preferenza al Parlamento Europeo nelle elezioni del 26 maggio.

Per essere eletta, ho bisogno di almeno 50.000 preferenze. Ho bisogno che 50.000 persone il 26 maggio vadano al loro seggio e, barrando il simbolo di Fratelli d’Italia, scrivano accanto il mio cognome: PICCHI. Ecco perché il vostro aiuto è fondamentale!

Sono candidata nella circoscrizione del centro (Lazio, Umbria, Marche, Toscana) e Nord Ovest (Liguria, Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta). Per favore, scarica il materiale elettorale dal sito www.federicapicchi.it e aiutami a diffonderlo ai tuoi familiari, amici e conoscenti. Puoi anche chiederci di spedirti il materiale cartaceo dalla sezione contatti, sempre sul sito.

🔴 Innanzitutto, aiutami condividendo questo post❗️
e invitate i vostri amici a seguire la pagina Federica Picchi

Siate parte insieme a me di questo rinascimento valoriale. Si dice che la speranza sia dura a morire. Ma la fede ancor di più! Grazie a tutti del sostegno e dell’aiuto. #ScriviPicchi

– Federica

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • I cattolici, il suicidio assistito e l’Ordinanza della Corte costituzionale

      di Silvio Brachetta. Assuntina Morresi, su Tempi, critica le posizioni dell’Osservatorio Van Thuân – espresse da Stefano Fontana – circa la necessità di non scendere a compromessi sull’eutanasia. Il compromesso in questione – che un gruppo di parlamentari cattolici ha richiesto alla Conferenza episcopale italiana di sostenere – prevede, tra l’altro, l’attenuazione delle pene regolate dall’articolo 580 del Codice penale, nella speranza di mantenerlo in essere. Se, infatti, l’articolo 580 non sarà abrogato, costituirà almeno un argine all’eutanasia, che potrebbe essere introdotta da future legislazioni in materia Leggi il seguito…

    • Ma oltre i migranti ci sono i restanti

      di Marcello Veneziani. Ero l’altro giorno a Otranto nella piazza dedicata “all’umanità migrante”, dove campeggia un monumento in forma di barca dedicato ai migranti. E mi sono detto: ma all’umanità restante nessuno dedica niente, piazze, monumenti, prediche, premure? Non c’è settimana che Papa Bergoglio non si preoccupi dei migranti che ritiene un’umanità speciale; a loro dà priorità e dedica l’evangelico “Prima gli ultimi”. E non c’è dem, progressista, radicale, cattosinistro, ogni santo giorno, che non consideri bestie, razzisti, subumani e disumani coloro che non ritengono assoluto e illimitato il diritto di migrare e il dovere di essere accolti. Al Papa e ai promigranti vorrei dire: i veri ultimi non sono i migranti. Sono i restanti. Leggi il seguito…

    • La Sea Watch3, Antigone e la Dottrina sociale della Chiesa

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. La Dottrina sociale della Chiesa non è mai stata tenera verso lo Stato, anche nella sua forma di “Stato di diritto” (Rule of Law) nel quale governa la legge. Ciò però non vuol dire che entrare in acque territoriali di uno Stato sovrano come l’Italia, non obbedire alle intimazioni della Guardia costiera e, anzi, speronare una imbarcazione della stessa Guardia siano atti da apprezzare. Leggi il seguito…

    • Ambiguità su Vincent, è l’ecumenismo dell’eutanasia

      di Tommaso Scandroglio. Dopo la morte del 42enne disabile francese, è stata resa nota una Dichiarazione congiunta di sei responsabili religiosi (due cattolici) della città di Reims. I firmatari sono il rabbino Amar, l’imam Bendaoud, i pastori protestanti Langlois e Geoffroy, l’arcivescovo de Moulins-Beaufort e il suo ausiliare Feillet. Dal documento pare proprio che i sei ritengano che aver dato acqua e cibo a Lambert fosse accanimento terapeutico. Segno della dinamica involutiva, anche in casa cattolica, rispetto ai principi non negoziabili, che sta portando all’accettazione supina dell’eutanasia. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.