In campo per cambiare l’Europa!

fede

 

Cari amici,

vi annuncio una scelta importante.

Ho deciso di candidarmi alle Elezioni Europee del prossimo 26 maggio con il partito che, a mio avviso, meglio difende i valori che ci stanno a cuore: rispetto della vita, dignità del lavoro e promozione della famiglia. Ho deciso di fare questo passo perché è finita l’epoca della fede a costo zero, e perché c’è bisogno di spendersi in prima persona per i nostri valori, oggi così minacciati.

Ho lavorato per molti anni nella finanza internazionale: conosco i meccanismi, a volte veramente mortiferi, da cui è regolata e che oggi dominano una visione puramente speculativa dell’Unione Europea, dove i tassi contano più delle persone.

Per questo, abbandonato il mio lavoro, ho fondato la Dominus Production, una casa di distribuzione cinematografica che diffonde modelli positivi per scuotere e risvegliare dal profondo dell’animo umano l’attrazione per la bellezza della verità, dell’etica e delle virtù.

Anche grazie a tutti voi, la Dominus Production ha portato in Italia film come Cristiada, God’s Not Dead 1 e 2, Marie Heurtin, Il Risveglio di un gigante, La mia seconda volta in un network di più di 300 sale coinvolte. Ha dato poi vita a una divisione editoriale per la pubblicazione di libri di approfondimento alle pellicole con una rete di quasi 2000 rivenditori, e una neonata divisione discografica per la diffusione di musica di valore per i giovani.

Come piccolo imprenditore, posso affermare che la micro-impresa in Italia, un tempo volano di crescita del Paese, è vessata e torturata da una burocrazia asfissiante. I lavoratori dipendenti e autonomi soffrono, la disoccupazione giovanile è in drammatico aumento. Perché? Perché il Lavoro ha perso il suo valore. Perché la Persona ha perso il suo valore.

Come cittadino, vedo negato il valore assoluto della vita nascente, vedo le famiglie abbandonate e addirittura derise se fanno molti figli, vedo dilagare spot per la liberalizzazione delle droghe, incentivi a una sessualità “usa e getta”, il business eutanasico delle cliniche della morte. Vedo le menzogne che vengono quotidianamente riversate sui nostri giovani, in nome di una falsa libertà, che si rivela come una “prigione della mente” asservita ai poteri e agli interessi economici internazionali che vogliono creare perfetti consumatori, cioè perfetti schiavi.

Vedo che tutto questo, troppo spesso, ci cade in testa dall’alto: da ciò che viene deciso nelle sedi dell’Unione Europea. Quello è il fronte su cui voglio combattere, per tutti noi, col vostro voto. Permettetemi di metterlo in pratica dandomi la vostra preferenza al Parlamento Europeo nelle elezioni del 26 maggio.

Per essere eletta, ho bisogno di almeno 50.000 preferenze. Ho bisogno che 50.000 persone il 26 maggio vadano al loro seggio e, barrando il simbolo di Fratelli d’Italia, scrivano accanto il mio cognome: PICCHI. Ecco perché il vostro aiuto è fondamentale!

Sono candidata nella circoscrizione del centro (Lazio, Umbria, Marche, Toscana) e Nord Ovest (Liguria, Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta). Per favore, scarica il materiale elettorale dal sito www.federicapicchi.it e aiutami a diffonderlo ai tuoi familiari, amici e conoscenti. Puoi anche chiederci di spedirti il materiale cartaceo dalla sezione contatti, sempre sul sito.

🔴 Innanzitutto, aiutami condividendo questo post❗️
e invitate i vostri amici a seguire la pagina Federica Picchi

Siate parte insieme a me di questo rinascimento valoriale. Si dice che la speranza sia dura a morire. Ma la fede ancor di più! Grazie a tutti del sostegno e dell’aiuto. #ScriviPicchi

– Federica

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • L’ultima dei sinistri: il sovranismo è una malattia!

      di Cominius. La malattia si chiama “sovranismo psichico”. E’ inguaribile? Forse no, e possiamo tirare un sospiro di sollievo, perché sembra che almeno una terapia farmacologica ci sia, e l’ha individuata Gilberto Corbellini, un pezzo da novanta del CNR: si chiama ossitocina. Segnatevela, se siete afferrati da un attacco grave magari il farmacista ve la dà pure senza ricetta. I sintomi? Ce li descrive autorevolmente il dizionario Treccani on line: è un atteggiamento mentale caratterizzato dalla difesa identitaria del proprio presunto spazio vitale (mi raccomando il presunto, sennò che pazzia sarebbe?). Leggi il seguito…

    • Intervista a Giulio Sapelli: “Il Mes? Va cambiato radicalmente. E non possiamo perdere l’Ilva”

      Intervista di Giuseppe Pica. “La discussione attorno alle modifiche da apportare a questo fondo va riaperta da subito: è giusto che ne discuta il Parlamento e, credo, prima o poi anche la Corte Costituzionale dovrà essere chiamata in causa”. Il professor Giulio Sapelli non usa mezzi termini quando si parla del MES e dell’iter da seguire in merito. L’Occidentale lo ha raggiunto per cercare di fare chiarezza su un tema tanto discusso. E non manca qualche accenno su Alitalia e ILVA. Leggi il seguito…

    • Europa: rinascita o morte? Intervista a Stanislaw Grygiel

      di Andrea Mariotto. Europa: rinascita o morte?” è il titolo di un incontro che il prof. Stanislaw Grygiel (filosofo, direttore della cattedra Karol Wojtyla al Pontificio Istituto Giovanni Paolo II presso la Pontificia Università Lateranense a Roma) ha recentemente tenuto per la Scuola di Cultura Cattolica di Bassano del Grappa. È stata l’occasione per delineare i principali tratti della crisi del Vecchio continente, crisi che affonda le radici – prima ancora che nella politica – nella cultura e nella visione dell’uomo. A margine dell’incontro abbiamo potuto raccogliere qualche sua dichiarazione. Leggi il seguito…

    • Il MES lo conferma: non ci si può definire liberali e appoggiare il dirigismo dei tecnocrati Ue

      di Eugenio Capozzi. Il processo comunitario europeo, così come è maturato storicamente, ha realizzato, tra molte contraddizioni, un grado considerevole di libera circolazione di merci e persone, di scambi, di opportunità legate ad uno spazio economico e sociale governato da regole comuni. Ma non è possibile ignorare il fatto che sull’altro piatto della bilancia – soprattutto a partire dalla trasformazione della Cee in Ue – si trova un assetto dei poteri concentrato in un direttorio intergovernativo in cui vige un’enorme sproporzione tra gli Stati economicamente più forti e quelli più deboli. E che al potere assegnato ad organi come la Commissione e il Consiglio europeo corrisponde un insufficiente spazio concesso alla rappresentanza dei popoli europei, nonché un ruolo pallido e ambiguo del Parlamento: quello che ancora fino ad una quindicina di anni fa molti commentatori di area liberale e progressista chiamavano – giustamente – il “deficit democratico” delle istituzioni comunitarie Leggi il seguito…