Una moschea dove fu battezzato Clodoveo

reims-ot-reims-1

Reims è una caratteristica cittadina francese di quasi 200.000 abitanti. È ricca di storia, di fede e di arte. Viene chiamata comunemente la “Città dei Re” perché qui Clodoveo fu battezzato da san Remigio nel 496, dando luogo all’unione storica tra la Chiesa di Roma e il popolo dei Franchi. Sempre qui furono consacrati e unti moltissimi re, da Luigi il Pio nell’816 sino a Carlo X nel 1825.

Ebbene, dopo 5 anni di lavori, il 14 marzo scorso è stata inaugurata in loco, la più grande o almeno la più imponente moschea di Francia. Finanziata dal Qatar ed altri paesi arabi, e sostenuta dai presidenti François Hollande e Emmanuel Macron. L’intero edificio si estende per quasi 4000 quadrati, ed è costato circa 7 milioni di euro. È dotato di una biblioteca, bar, sale di preghiera rivolte alla Mecca, eccetera.

Qualcuno noterà che proprio nell’ex regno di Gallia ogni settimana, se non di più, un edificio religioso cattolico, chiude i battenti o viene trasformato in albergo, ristorante o casa di vacanze.

Il vescovo di Reims, non avvertendo nessun contrasto tra una religione in declino (la sua) e un’altra in ascesa (l’Islam), ha accettato l’invito alla cerimonia di inaugurazione. E nell’occasione ha pronunciato parole piuttosto impegnative e ardite, specie se si pensa a cosa ha comportato e comporta ogni giorno la massiccia presenza islamica in Francia e in Europa. Ogni giorno che passa infatti si registrano delle violenze in nome di Allah.

Monsignor Eric de Moulin-Beaufort ha affermato che “i cattolici assieme a me sono contenti che voi (mussulmani) possiate in questo luogo lodare il Dio creatore e misericordioso (…). Gli uni e gli altri, vogliamo essere dei cercatori di Dio e mettere in opera la sua volontà santa e benefica (…). Le nostre chiese e le nostre moschee, i nostri luoghi di preghiera e di istruzione, devono essere dei luoghi in cui ognuno trova la forza, l’energia, la generosità per andare verso gli altri”.

Parole che paiono un tantino astratte se si pensa al fatto che non pochi attentatori che hanno distrutto decine e decine di vite umane in Francia erano assidui frequentatori di moschee, imam e sale di preghiera.

Ma sua eccellenza, successore dei 12 apostoli, nell’allocuzione citata non nomina né il Vangelo né il Cristo, divenuto ormai la pietra d’inciampo che ora va scartata per costruire il mondo laico se non ateo di domani. Del resto se il Corano – onorato nelle moschee del mondo intero come scritto direttamente da Allah – insegna il vero, è sicuro che il Vangelo insegni il falso. Specie riguardo alla (non) divinità di Gesù, alla sua missione, alla fondazione della Chiesa per evangelizzare tutti gli uomini, alla necessità del battesimo per la salvezza, ai 7 sacramenti, e a tutto il resto.

Statistiche recenti mostrano che i praticanti cattolici in Francia sono in caduta libera e toccherebbero meno del 5% dei francesi, i quali per secoli furono guidati da re cristianissimi, a volte canonizzati a Roma, come san Luigi IX. Certo, se le priorità del cristianesimo sono quelle del dialogo e del pacifismo, allora monsignor Eric fa bene a sostenere le moschee. Ma se le priorità di Gesù fossero altre?

Il pacifismo, sia detto chiaramente, non è una dottrina compatibile con il cristianesimo. La religione di Cristo anela alla pace per mezzo della lotta, dell’impegno, del sacrificio, dello zelo, della pazienza e delle virtù eroiche. Tutto questo ci viene ricordato oggi da due bei saggi di Roberto Marchesini (Codice cavalleresco per l’uomo del terzo millennio e Le Virtù. Il cammino del cavaliere, entrambi editi da Sugarco).

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Olanda e Germania attaccano militarmente l’Italia con la Sea Watch

      di Guido da Landriano. L’Italia vieta l’accesso in acque italiane, secondo una precisa norma di legge, pur accogliendo chi era in reale stato di necessità. La norma viene confermata come legittima da parte della Corte di Giustizia Europea, quindi perfettamente valida. Nonostante questo, con totale sprezzo delle norme di legge e con un atto aggressivo inusitato, nel TOTALE SILENZIO dei governi di bandiera (Olanda) e di armamento (Germania), la nave entra in acque italiane, rifiutandosi perfino di obbedire agli ordini della Guardia di Finanza. Si tratta di un atto di aggressione che sfiora l’aggressione militare, e forse la supera Leggi il seguito…

    • Sea Watch dichiara guerra all’Italia

      di Andrea Indini. Quella della Sea Watch è stata un’operazione politica in piena regola, messa in piedi apposta per mettere in difficoltà il governo italiano. Sin dall’inizio l’obiettivo era farsi aprire un porto per forzare il blocco imposto da Salvini. Una missione sulla pelle degli immigrati che ha infranto svariate leggi e messo a nudo l’incapacità dell’Unione europea di fronteggiare un problema simile. La forzatura di oggi, però, non è come le precedenti operazioni illegali delle varie ong che negli ultimi anni ci hanno riempito le coste di clandestini. La Rackete ha, infatti, deciso di infischiarsene deliberatamente del provvedimento che le è stato consegnato la scorsa settimana dalla Guardia di Finanza e che le intimava “il divieto di ingresso, transito e sosta” nelle nostre acque. Mai prima d’ora le nostre leggi erano state calpestate in modo tanto plateale Leggi il seguito…

    • Il Sinodo dell’Amazzonia bypassa Benedetto XVI

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Benedetto XVI sosteneva che le religioni del mito, le religioni pagane, erano forme umane di esorcizzazione del pericolo dell’esistenza, tramite la protezione di qualche divinità contro altre divinità. La religione cristiana invece è la religione del Logos. Le religioni dei popoli indigeni citate nell'Instrumentum laboris del Sinodo dell'Amazzonia hanno tutte le caratteristiche che Ratzinger attribuiva alle religioni del mito Leggi il seguito…

    • Poveri migranti: ostaggi sì, ma del cinismo buonista

      di Andrea Zambrano. La Cedu respinge il ricorso della Sea Watch3, che vuole a tutti i costi sbarcare i 43 clandestini a Lampedusa. L'obiettivo non è umanitario, ma politico: dimostrare che Salvini si può battere. E il video diffuso ieri dalla ong è la prova della strumentalizzazione di questi poveretti per interessi di bottega: usarli come "scudi umani", giocando sulla loro pelle, con emotività e attraverso bugie mediatiche, non è affermare il loro rispetto, ma la loro futura solitudine. E' questa la cinica danza macabra buonista che le ong alimentano, la Sinistra sostiene e la Chiesa scambia per carità. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.