Stiamo andando verso una nuova rivoluzione?

rivoluzion_francese-jpg

 

 

 

 

 

 

 

Articolo redatto da François Billot de Lochner – 22 marzo 2019
Un recente sondaggio ci fa sapere che il 40% dei francesi è convinto che non saranno possibili cambiamenti nella loro società, senza una rivoluzione! Ma quel sondaggio, in sé stesso, è già una rivoluzione. Mai i francesi, dopo la rivoluzione del 1789, si erano mostrati a tal punto rivoluzionari.
A questo proposito vogliamo ricordare un’interessante cifra in comparazione a quel 40%. Nella primavera del 1789, alla vigilia della Rivoluzione, il 90% dei francesi era cattolico, e gli storici più seri stimano che i rivoluzionari che volevano davvero abbattere la monarchia, erano meno del 5%. Eppure, con meno del 5% di rivoluzionari dichiarati, dal giugno 1789 la Francia fu messa a ferro e fuoco. Quali rischi possono esserci per la nostra società, con una percentuale del 40%? È necessario che ci poniamo questa domanda.

Evidentemente conosciamo perfettamente le cause di questa spinta rivoluzionaria che Liberté politique denuncia da anni. Chi avrebbe potuto immaginare che l’inascoltato disprezzo di una minuscola casta politico-mediatica, verso una grande maggioranza di popolazione francese, e in modo particolare verso la classe media, si sarebbe un giorno tradotta in una reazione violenta, di cui i Gilet gialli non sono che la punta dell’iceberg?
La maggioranza dei francesi ha capito che il solo modo di far valere le proprie legittime rivendicazioni sarebbe stata messa in moto dal referendum di iniziativa popolare. La minuscola casta politico-mediatica ha compreso che la messa in atto di tale referendum avrebbe portato a una drastica riduzione dei suoi considerevoli vantaggi finanziari, e alla messa in opera di riforme che sono esattamente il contrario di ciò che esse propongono.
In queste condizioni è apparso chiaro che ai francesi non resta che un solo mezzo per invertire la rotta e modificare la storia messa in atto da coloro che vogliono decostruire la società: la rivoluzione.
La messa in scacco dei Champs-Élisées e dei dintorni saccheggiati, hanno mostrato la potenza distruttiva dei vandali di sinistra. Al momento Macron e Castaner, dei quali il primo sta sciando beatamente nei Pirenei, mentre il secondo passa una notte scapigliata, non sono che un prototipo della minuscola casta sopra menzionata, che approfitta delle immense protezioni politiche di cui fanno uso e abuso. Così, la rivoluzione, voluta dal 40% dei francesi, potrebbe portarseli via in un colpo solo.
Fraçnois Billot de Lochner
Presidente ella Fondazione di Service politique, di Liberté politique e di France audace.

Fonte: http://www.libertepolitique.com/Actualite/Editorial/Vers-une-nouvelle-revolution
Traduzione di Claudio Forti

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La legge dell’Alabama? Ancora ingiusta, ma è un passo avanti

      alabama-vs-roe-wade di Tommaso Scandroglio. Il testo di legge in materia di aborto che ha ricevuto la firma del governatore dell’Alabama Kay Ivey, e la cui entrata in vigore è prevista tra sei mesi, riporta il seguente titolo: “Legge dell’Alabama per la tutela della vita umana”. Il titolo corrisponde al contenuto della legge? In altri termini: si tratta di una legge giusta, posta a tutela della vita del nascituro, o ingiusta? La risposta è la seguente: questa legge è intrinsecamente ingiusta, seppur sia una proposta meno ingiusta rispetto alla legge tuttora vigente in Alabama e rispetto ad altre leggi sull’aborto. Per provarlo andiamo ad esaminare per sommi capi l’articolato di legge Leggi il seguito… 

    • Dimmi che parole usi e ti dirò in cosa credi

      dom-giulio-meiattini Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Giulio Meiattini, benedettino, è professore al Sant’Anselmo di Roma e sulla rivista francese “Catholica”, diretta da Bernard Dumont, scrive cose piuttosto interessanti. Nel fascicolo n. 143 ora in distribuzione, egli si occupa dei “silenzi” nella Chiesa di oggi, ossia delle parole che non vengono più adoperate assieme ai relativi concetti dato che, come diceva Aristotele, “i nomi sono segni dei concetti”. Leggi il seguito… 

    • Il Risucchio

      zingaretti_dimaio di Marcello Veneziani. Cosa sta succedendo ai grillini? Non c’è giorno che Giggino Di Maio non accentui l’antagonismo contro la Lega, accusandola di slittare a destra. Non c’è giorno che i grillini non difendano norme e proposte che hanno una chiara valenza di sinistra, e spesso di sinistra radicale: sui migranti, sui rom, sulla legalizzazione della droga, sullo spirito forcaiolo, per non dire del pauperismo e delle leggi assistenziali. Leggi il seguito… 

    • Gli Scritti su Etica, Famiglia e Vita del cardinale Caffarra

      carlo-caffarra di Alessandro Cortese. Gli ultimi tempi si sono caratterizzati per una serie impressionante di attacchi alla famiglia e alla vita umana a livello legislativo e prima ancora culturale. All’interno del mondo cattolico si sono levate voci che hanno denunciato questa situazione, e una delle più autorevoli è stata sicuramente quella del card. Carlo Caffarra (1938-2017), che ha difeso in modo appassionato la verità sull’uomo alla luce della fede e della retta ragione. Egli è stato, infatti, nel 1981 fondatore e primo preside del Pontificio Istituto Giovanni Paolo II per gli studi su Matrimonio e Famiglia, che doveva aiutare i cristiani a riscoprire la centralità della famiglia nella Chiesa e nella società. Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.