“Ecco perchè non servivano le Unioni civili”

Monica Cirinnà 1

di Maura Delle Case.

“Non c’era bisogno della legge sulle Unioni civili per garantire diritti alle coppie di conviventi perché quei diritti erano già stati riconosciuti dalla giurisprudenza”. Carlo Amedeo Giovanardi di Idea e oppositore strenuo della legge 76/2016 rea a suo dire “d’aver socchiuso la porta ad adozioni e utero in affitto per le coppie omosessuali”, liquida così la sentenza del tribunale di Pordenone sull’assegno riconosciuto, all’atto di scioglimento dell’unione civile, alla parte debole di una coppia di donne.

“Il giudice valorizza la convivenza di fatto, che era antecedente al 2016 (anno di approvazione della legge Cirinnà) e si è venuta ad innestare poi nell’unione civile. Non ci vedo nulla di straordinario: quello che viene riconosciuto è un rapporto di convivenza che, esordito nel 2013, ha determinato conseguenze economiche sulla parte debole della coppia”. Unione civile o meno. Questa la tesi dell’ex senatore, che liquida la legge citando Shakespeare. “Molto rumore per nulla”. “Non ci vedo alcunché di scandaloso se due persone, di qualsiasi sesso o orientamento, decidano di vivere assieme a abbiano con questi patti di convivenza la possibilità di risolvere tutta una serie di questioni” afferma ancora Giovanardi per il quale l’ambiguità della legge Cirinnà sta altrove: “Nel tentativo di dire che le unioni civili sono come il matrimonio perché così si sposta la battaglia su un altro terreno che è quello del diritto dei bambini ad avere un padre e una madre”.

“Due uomini vogliono vivere insieme? E chi glielo contesta – rilancia il già ministro per i Rapporto con il parlamento -. Il problema si realizza però quando i diritti si vogliono estendere alla sfera della genitorialità. Pensiamo alle adozioni: per ogni bambino adottabile c’è una fila immensa di coppie regolarmente sposate, ma perché mai un bambino che ha già la sfortuna di aver perso i genitori o di esser stato tolto a una famiglia disastrata non deve poter avere un padre e una madre bensì trovarsi ad essere cresciuto da due uomini o due donne? Non parliamo poi della pratica dell’utero in affitto – conclude Giovanardi -. Per la donna che si vende è peggio della schiavitù, per chi va all’estero e si compra un figlio è un delitto. Gli uomini che rientrano in Italia con un bambino avuto da un utero in affitto sono per la nostra legge due delinquenti. Questo è il punto della questione, il resto sono cose che si possono risolvere”.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il Sinodo dell’Amazzonia bypassa Benedetto XVI

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Benedetto XVI sosteneva che le religioni del mito, le religioni pagane, erano forme umane di esorcizzazione del pericolo dell’esistenza, tramite la protezione di qualche divinità contro altre divinità. La religione cristiana invece è la religione del Logos. Le religioni dei popoli indigeni citate nell'Instrumentum laboris del Sinodo dell'Amazzonia hanno tutte le caratteristiche che Ratzinger attribuiva alle religioni del mito Leggi il seguito…

    • Poveri migranti: ostaggi sì, ma del cinismo buonista

      di Andrea Zambrano. La Cedu respinge il ricorso della Sea Watch3, che vuole a tutti i costi sbarcare i 43 clandestini a Lampedusa. L'obiettivo non è umanitario, ma politico: dimostrare che Salvini si può battere. E il video diffuso ieri dalla ong è la prova della strumentalizzazione di questi poveretti per interessi di bottega: usarli come "scudi umani", giocando sulla loro pelle, con emotività e attraverso bugie mediatiche, non è affermare il loro rispetto, ma la loro futura solitudine. E' questa la cinica danza macabra buonista che le ong alimentano, la Sinistra sostiene e la Chiesa scambia per carità. Leggi il seguito…

    • Aborto o omicidio? Il cieco travaglio della Cassazione

      di Tommaso Scandroglio. I giudici, per avvalorare la tesi che il bambino nascente è come noi e non come un feto qualsiasi, indicano l’esistenza di un “quadro normativo e giurisprudenziale italiano ed internazionale di totale ampliamento della tutela della persona e della nozione di soggetto meritevole di tutela, che dal nascituro e al concepito si è poi estesa fino all'embrione”. Se è soggetto di diritto anche il concepito salta la distinzione giuridica tra omicidio colposo e aborto colposo e dunque anche, più semplicemente, tra omicidio e aborto, perchè anche l’aborto sarebbe un omicidio, solo compiuto prima della nascita. E dunque, a dar retta al senso di questa affermazione, la legge 194 dovrebbe essere dichiarata incostituzionale. Parimenti potremmo usare le stesse argomentazioni articolate dalla Cassazione per chiedere l’abrogazione della legge 194. Perché non usare questa sentenza a nostro favore? Leggi il seguito…

    • Il vescovo di Vicenza, il non giudicare e la DSC

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Un nuovo capitolo della storia del “non giudicare” è stato scritto dal vescovo di Vicenza Beniamino Pizziol in relazione al Gay Pride tenutosi di recente in quella città. Monsignor Pizziol ha isistito su tre punti. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.