Democrazie al vaglio: nessuna si salva

papa-woytila

Dottrina sociale di Stefano Fontana.

Nel blog precedente ho esposto brevemente l’insegnamento di Pio XII sulla democrazia e concludevo dicendo che, in base a quei criteri, nessuna delle democrazie attuali si salverebbe. Si parla tanto di accettazione da parte della Chiesa della democrazia, però se si confronta i criteri che la Dottrina sociale della Chiesa propone per distinguere la vera e la falsa democrazia finisce che nessuna democrazia oggi esistente è da considerarsi vera. E ciò, si badi bene, anche nel magistero post conciliare. Proviamo a fare un esempio con Giovanni Paolo II.

Se leggiamo la Centesimus annus troviamo le seguenti affermazioni qui espresse in sintesi:

  • La democrazia è possibile solo “sulla base di una retta concezione della persona umana” (n. 46);
  • La maggioranza democratica non può negare “la trascendente dignità della persona umana, immagine visibile del Dio invisibile” (n. 45).
  • Il totalitarismo “comporta anche la negazione della Chiesa” quindi se la democrazia nega la Chiesa è una forma di totalitarismo;
  • La democrazia non deve favorire la “formazione di gruppi dirigenti ristretti” (n. 45).
  • “Una democrazia senza valori si converte facilmente in un totalitarismo aperto oppure subdolo” (n. 46);
  • La vera democrazia si fonda sulla libertà dentro l’accettazione della verità (n. 46).
  • La democrazia deve rispettare diritti umani fondamentali: “il diritto alla vita, di cui è parte integrante il diritto a crescere sotto il cuore della madre dopo essere stati generati, il diritto a vivere in una famiglia unita e in un ambiente morale, favorevole allo sviluppo della propria personalità …” sicché ove questi diritti non sono rispettati non c’è vera democrazia (n. 47).
  • La democrazia spesso perde “la capacità di decidere secondo il bene comune” (n. 47).
  • Alla democrazia la Chiesa dà il contributo della “visione della dignità della persona, la quale si manifesta  in tutta la sua pienezza nel mistero del Verbo incarnato”, sicché se la democrazia rifiuta la religione del Verbo incarnato perde anche la visione della dignità della persona (n. 47).

Possiamo chiederci a questo punto se esista oggi una democrazia con queste caratteristiche, ossia che: si fondi su una corretta concezione della persona vista nel suo fondamento tascendente in Cristo, dia il giusto spazio alla Chiesa e alla religione vera, eviti la formazione di gruppi dirigenti ristretti, non si fondi sulla filosofia relativista, intenda la libertà solo nel rispetto della verità, rispetti i principi non negoziabili, decida secondo il criterio del bene comune. Questi criteri sono talmente esigenti che una democrazia che li rispetti non esiste. Non mi riferisco qui solo alle democrazie come sono di fatto, per le quali si può perorare la causa della limitatezza intrinseca ad ogni costruzione umana, ma mi riferisco anche alle concezioni teoriche di democrazia o, se vogliamo, ai modelli di democrazia: nessuno se non quello proposto dalla tradizione della filosofia e teologia politiche cattoliche e fatto proprio dalla Dottrina sociale della Chiesa. Agli occhi dei fautori della moderna democrazia, la democrazia qui proposta da Giovanni Paolo II non sarebbe democrazia, e viceversa.

Alle stesse conclusioni si arriva esaminando il testo della Evengelium vitae che è anche un grande documento magisteriale sulla democrazia. Si può allora concludere che non esiste un assenso indiscusso della Chiesa verso la democrazia, anzi si può sostenere che i “paletti” posti dalla Chiesa a distinguere la vera e la falsa democrazia siano talmente stretti ed esigenti da non permettere di considerare vera democrazia la democrazia come viene intesa oggi. Ciò anche oggi e non solo nel magistero sociale preconciliare. Ciò è utile precisare quando invece molti vorrebbero far entrare la democrazia anche nella Chiesa, soprattutto attraverso la promozione di una sinodalità dai contorni problematici.

Fonte: La nuova Bussola Quotidiana

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La legge dell’Alabama? Ancora ingiusta, ma è un passo avanti

      alabama-vs-roe-wade di Tommaso Scandroglio. Il testo di legge in materia di aborto che ha ricevuto la firma del governatore dell’Alabama Kay Ivey, e la cui entrata in vigore è prevista tra sei mesi, riporta il seguente titolo: “Legge dell’Alabama per la tutela della vita umana”. Il titolo corrisponde al contenuto della legge? In altri termini: si tratta di una legge giusta, posta a tutela della vita del nascituro, o ingiusta? La risposta è la seguente: questa legge è intrinsecamente ingiusta, seppur sia una proposta meno ingiusta rispetto alla legge tuttora vigente in Alabama e rispetto ad altre leggi sull’aborto. Per provarlo andiamo ad esaminare per sommi capi l’articolato di legge Leggi il seguito… 

    • Dimmi che parole usi e ti dirò in cosa credi

      dom-giulio-meiattini Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Giulio Meiattini, benedettino, è professore al Sant’Anselmo di Roma e sulla rivista francese “Catholica”, diretta da Bernard Dumont, scrive cose piuttosto interessanti. Nel fascicolo n. 143 ora in distribuzione, egli si occupa dei “silenzi” nella Chiesa di oggi, ossia delle parole che non vengono più adoperate assieme ai relativi concetti dato che, come diceva Aristotele, “i nomi sono segni dei concetti”. Leggi il seguito… 

    • Il Risucchio

      zingaretti_dimaio di Marcello Veneziani. Cosa sta succedendo ai grillini? Non c’è giorno che Giggino Di Maio non accentui l’antagonismo contro la Lega, accusandola di slittare a destra. Non c’è giorno che i grillini non difendano norme e proposte che hanno una chiara valenza di sinistra, e spesso di sinistra radicale: sui migranti, sui rom, sulla legalizzazione della droga, sullo spirito forcaiolo, per non dire del pauperismo e delle leggi assistenziali. Leggi il seguito… 

    • Gli Scritti su Etica, Famiglia e Vita del cardinale Caffarra

      carlo-caffarra di Alessandro Cortese. Gli ultimi tempi si sono caratterizzati per una serie impressionante di attacchi alla famiglia e alla vita umana a livello legislativo e prima ancora culturale. All’interno del mondo cattolico si sono levate voci che hanno denunciato questa situazione, e una delle più autorevoli è stata sicuramente quella del card. Carlo Caffarra (1938-2017), che ha difeso in modo appassionato la verità sull’uomo alla luce della fede e della retta ragione. Egli è stato, infatti, nel 1981 fondatore e primo preside del Pontificio Istituto Giovanni Paolo II per gli studi su Matrimonio e Famiglia, che doveva aiutare i cristiani a riscoprire la centralità della famiglia nella Chiesa e nella società. Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.