Democrazie al vaglio: nessuna si salva

papa-woytila

Dottrina sociale di Stefano Fontana.

Nel blog precedente ho esposto brevemente l’insegnamento di Pio XII sulla democrazia e concludevo dicendo che, in base a quei criteri, nessuna delle democrazie attuali si salverebbe. Si parla tanto di accettazione da parte della Chiesa della democrazia, però se si confronta i criteri che la Dottrina sociale della Chiesa propone per distinguere la vera e la falsa democrazia finisce che nessuna democrazia oggi esistente è da considerarsi vera. E ciò, si badi bene, anche nel magistero post conciliare. Proviamo a fare un esempio con Giovanni Paolo II.

Se leggiamo la Centesimus annus troviamo le seguenti affermazioni qui espresse in sintesi:

  • La democrazia è possibile solo “sulla base di una retta concezione della persona umana” (n. 46);
  • La maggioranza democratica non può negare “la trascendente dignità della persona umana, immagine visibile del Dio invisibile” (n. 45).
  • Il totalitarismo “comporta anche la negazione della Chiesa” quindi se la democrazia nega la Chiesa è una forma di totalitarismo;
  • La democrazia non deve favorire la “formazione di gruppi dirigenti ristretti” (n. 45).
  • “Una democrazia senza valori si converte facilmente in un totalitarismo aperto oppure subdolo” (n. 46);
  • La vera democrazia si fonda sulla libertà dentro l’accettazione della verità (n. 46).
  • La democrazia deve rispettare diritti umani fondamentali: “il diritto alla vita, di cui è parte integrante il diritto a crescere sotto il cuore della madre dopo essere stati generati, il diritto a vivere in una famiglia unita e in un ambiente morale, favorevole allo sviluppo della propria personalità …” sicché ove questi diritti non sono rispettati non c’è vera democrazia (n. 47).
  • La democrazia spesso perde “la capacità di decidere secondo il bene comune” (n. 47).
  • Alla democrazia la Chiesa dà il contributo della “visione della dignità della persona, la quale si manifesta  in tutta la sua pienezza nel mistero del Verbo incarnato”, sicché se la democrazia rifiuta la religione del Verbo incarnato perde anche la visione della dignità della persona (n. 47).

Possiamo chiederci a questo punto se esista oggi una democrazia con queste caratteristiche, ossia che: si fondi su una corretta concezione della persona vista nel suo fondamento tascendente in Cristo, dia il giusto spazio alla Chiesa e alla religione vera, eviti la formazione di gruppi dirigenti ristretti, non si fondi sulla filosofia relativista, intenda la libertà solo nel rispetto della verità, rispetti i principi non negoziabili, decida secondo il criterio del bene comune. Questi criteri sono talmente esigenti che una democrazia che li rispetti non esiste. Non mi riferisco qui solo alle democrazie come sono di fatto, per le quali si può perorare la causa della limitatezza intrinseca ad ogni costruzione umana, ma mi riferisco anche alle concezioni teoriche di democrazia o, se vogliamo, ai modelli di democrazia: nessuno se non quello proposto dalla tradizione della filosofia e teologia politiche cattoliche e fatto proprio dalla Dottrina sociale della Chiesa. Agli occhi dei fautori della moderna democrazia, la democrazia qui proposta da Giovanni Paolo II non sarebbe democrazia, e viceversa.

Alle stesse conclusioni si arriva esaminando il testo della Evengelium vitae che è anche un grande documento magisteriale sulla democrazia. Si può allora concludere che non esiste un assenso indiscusso della Chiesa verso la democrazia, anzi si può sostenere che i “paletti” posti dalla Chiesa a distinguere la vera e la falsa democrazia siano talmente stretti ed esigenti da non permettere di considerare vera democrazia la democrazia come viene intesa oggi. Ciò anche oggi e non solo nel magistero sociale preconciliare. Ciò è utile precisare quando invece molti vorrebbero far entrare la democrazia anche nella Chiesa, soprattutto attraverso la promozione di una sinodalità dai contorni problematici.

Fonte: La nuova Bussola Quotidiana

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Siamo ancora fermi al ’68

      femministe-non-una-di-meno di Marcello Veneziani. Femministe sul piede di guerra, dichiarazioni d’odio e disprezzo verso le famiglie anzi verso Dio, patria e famiglia, campagne d’odio contro carabinieri e poliziotti, lotte per l’aborto, il sesso libero e la droga legalizzata… porte aperte a tutti, società sconfinata, abbasso i muri e i freni, indulgenti con i trasgressori, intolleranti coi conservatori, accuse di fascismo a chiunque non sia dalla loro parte, anzi, elevazione del fascismo a categoria metastorica, pacifismo libertario, ma a chi non concorda tappiamogli la bocca…Rieccolo, il 68. Non è tornato, non se n’era mai andato, solo che ora esce allo scoperto e si sente nuovo, mentre si avverte che è rancido, inacidito, invecchiato male e andato a male. Leggi il seguito… 

    • È guerra contro la famiglia, vescovi non reclutati

      bassetti di Andrea Zambrano. Quella di Verona si sta delineando come una guerra per distruggere la famiglia. Eppure i vescovi non si rendono conto che una guerra è stata dichiarata. San Giovanni Paolo II disse che "attorno alla famiglia e alla vita si svolge oggi la lotta fondamentale della dignità dell'uomo". E quando c'è una lotta bisogna combattere non auspicare buonismo.  Leggi il seguito… 

    • Tre conversioni non ne fanno una

      vescovi di Stefano Fontana. Da tempo sono apparse all’orizzonte del cattolicesimo tre nuove conversioni. Si tratta della conversione pastorale, della conversione sinodale e della conversione ecologica. La prima è largamente presente in Amoris laetitia, la seconda è stata espressamente indicata da papa Francesco in Evangelii gaudium, e la terza nell’enciclica Laudato si’. La parola conversione la Chiesa l’aveva sempre adoperata per indicare il volgersi a Cristo, unico Salvatore. Ora viene usata in questi altri significati, e non senza un perché alle spalle. Leggi il seguito… 

    • “Ecco perchè non servivano le Unioni civili”

      Monica Cirinnà 1 di Maura Delle Case. “Non c’era bisogno della legge sulle Unioni civili per garantire diritti alle coppie di conviventi perché quei diritti erano già stati riconosciuti dalla giurisprudenza”. Carlo Amedeo Giovanardi di Idea e oppositore strenuo della legge 76/2016 rea a suo dire “d’aver socchiuso la porta ad adozioni e utero in affitto per le coppie omosessuali”, liquida così la sentenza del tribunale di Pordenone sull’assegno riconosciuto, all’atto di scioglimento dell’unione civile, alla parte debole di una coppia di donne. Leggi il seguito…