Cattolici Lgbt, ciò che vìola diritto naturale e Rivelazione

bergoglio-e-lgbt

di Stefano Fontana.

L’espressione “cattolici LGBT” è un non-senso e rende impossibile la Dottrina sociale della Chiesa. Se l’ideologia gender è una forma di colonizzazione della natura umana essere “cattolico LGBT” vuol dire collaborare alla colonizzazione della natura umana. Se la Chiesa ha deciso di non fare più riferimento dogmatico, morale e politico alla creazione, e quindi all’ordine finalistico del creato come base della sua Dottrina sociale, almeno non ce lo dica con una misera foto.

“Una foto che vale un’enciclica” scriveva ieri la Nuova BQ a proposito dell’incontro di Papa Francesco con i “cattolici LGBT” della diocesi di Westminster. L’espressione è incisiva: oggi le encicliche non si scrivono più, ma si fanno? Se, come sembra da tanti segni dopo la conclamata “conversione pastorale”, la pastorale è la nuova dogmatica, si deve rispondere di sì. Mi chiedo però anche: “Una foto vale un’enciclica anche sociale?”. Pure a questa domanda viene da rispondere di sì, da cui conseguirebbe che anche i documenti di Dottrina sociale della Chiesa oggi non vengono più scritti, ma fatti.

L’espressione “cattolici LGBT”, dal punto di vista della Dottrina sociale della Chiesa, è un non-senso e, accolta nella pienezza del suo significato anche sociale e politico, rende impossibile la Dottrina sociale della Chiesa. Se l’ideologia gender è una forma di colonizzazione della natura umana, come ha detto in altra occasione papa Francesco, essere “cattolico LGBT” vuol dire collaborare alla colonizzazione della natura umana. Se è legittimo essere “cattolici LGBT” allora è anche doveroso e i cattolici non dovrebbero più combattere la colonizzazione della natura umana insita nell’ideologia gender. Non dovrebbero più lottare contro le leggi omosessualiste o transessualiste, non dovrebbero più fare le marce nella pubblica piazza, non dovrebbero più opporsi alla genderizzazione della scuola e della cultura diffusa.

Se l’ideologia gender è una ideologia sbagliata, distruttiva dell’ordine del creato, ingiusta e dannosa non solo per le persone coinvolte, ma anche per la comunità sociale e soprattutto per la famiglia, non può esistere il “cattolico LGBT”. Anche i cattolici possono essere soggetti a tendenze disordinate, non solo in questo campo ma anche in altri. Anche i cattolici possono cedere a certe tendenze disordinate e chiedere perdono in confessionale. Ma non possono identificarsi come cattolici in queste tendenze disordinate, ancor più se vengono messe in pratica e se si chiede che la comunità le convalidi giuridicamente e politicamente. Ci sono stati e ci sono i “cattolici per l’aborto” e i “cattolici per il divorzio” ma erano e sono espressioni altrettanto contraddittorie.

La Dottrina sociale della Chiesa ha sempre affermato di fondarsi su due basi: il diritto naturale e la rivelazione. Convalidare la possibilità di “cattolici LGBT” e la legittimità delle loro campagne sociali e politiche, significa minare alla base ambedue le fonti della Dottrina sociale della Chiesa. Il diritto naturale permette di fondare in modo oggettivo – e quindi sottratto a ogni potere di parte – il legame morale che tiene insieme i cittadini. Esso rimanda al concetto di ordine naturale il quale fonda il legame sociale e politico in quanto ordine finalistico. In altri termini indica i fini prossimi cui ogni realtà sociale – dalla persona, alla famiglia, alla nazione – deve tendere, assieme al fine ultimo – che è Dio – senza del quale i fini intermedi perdono di consistenza. L‘ideologia LGBT ritiene non esserci un ordine naturale finalistico e quindi si contrappone al fondamento della Dottrina sociale della Chiesa.

Una volta negato l’ordine finalistico naturale, su che cosa fonderemo il collante che tiene insieme i cittadini? Se la Chiesa accetta che si possano legittimamente dare “cattolici LGBT” così confermando la inesistenza di un ordine naturale e sociale, su cosa fonderà poi le motivazioni ultime dello stare insieme nella società politica? Lo scivolamento verso i diritti soggettivi sarà inevitabile, ma i diritti soggettivi, in quanto soggettivi, non fondano per niente lo stare insieme nel bene comune: dalla diversità non deriverà mai l’unità, perché il più non viene dal meno. Allora si tenderà a dire che bisogna partire sì dai diritti, ma collocati nell’ambito dei doveri. Però i doveri su cosa si fondano? Non c’è altro modo di fondarli se non derivandoli da un ordine finalistico delle realtà sociali, e così si torna da capo.

La Dottrina sociale della Chiesa non può rinunciare all’ordine del creato come fonte finalistica del diritto e, quindi, dei doveri e dei diritti. Quindi non può accettare che l’autorità politica ponga sullo stesso piano, considerandoli egualmente aspetti del bene comune, atteggiamenti contrari e atteggiamenti conformi a quell’ordine. Sarebbe come giustificare politicamente l’ingiustizia. Avvalorando la legittimità di essere “cattolici LGBT” si fa proprio questo.

Scriveva Benedetto XVI nella Caritas in veritate: “La Chiesa ha una responsabilità per il creato e deve far valere questa responsabilità anche in pubblico. E facendolo deve difendere non solo la terra, l’acqua e l’aria come doni della creazione appartenente a tutti. Deve proteggere soprattutto l’uomo contro la distruzione di se stesso”.

Se la Chiesa ha deciso di non fare più riferimento dogmatico, morale e politico alla creazione, e quindi all’ordine finalistico del creato come base della sua Dottrina sociale della Chiesa, almeno non ce lo dica con una misera foto.

Fonte: La nuova Bussola Quotidiana

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Siamo ancora fermi al ’68

      femministe-non-una-di-meno di Marcello Veneziani. Femministe sul piede di guerra, dichiarazioni d’odio e disprezzo verso le famiglie anzi verso Dio, patria e famiglia, campagne d’odio contro carabinieri e poliziotti, lotte per l’aborto, il sesso libero e la droga legalizzata… porte aperte a tutti, società sconfinata, abbasso i muri e i freni, indulgenti con i trasgressori, intolleranti coi conservatori, accuse di fascismo a chiunque non sia dalla loro parte, anzi, elevazione del fascismo a categoria metastorica, pacifismo libertario, ma a chi non concorda tappiamogli la bocca…Rieccolo, il 68. Non è tornato, non se n’era mai andato, solo che ora esce allo scoperto e si sente nuovo, mentre si avverte che è rancido, inacidito, invecchiato male e andato a male. Leggi il seguito… 

    • È guerra contro la famiglia, vescovi non reclutati

      bassetti di Andrea Zambrano. Quella di Verona si sta delineando come una guerra per distruggere la famiglia. Eppure i vescovi non si rendono conto che una guerra è stata dichiarata. San Giovanni Paolo II disse che "attorno alla famiglia e alla vita si svolge oggi la lotta fondamentale della dignità dell'uomo". E quando c'è una lotta bisogna combattere non auspicare buonismo.  Leggi il seguito… 

    • Tre conversioni non ne fanno una

      vescovi di Stefano Fontana. Da tempo sono apparse all’orizzonte del cattolicesimo tre nuove conversioni. Si tratta della conversione pastorale, della conversione sinodale e della conversione ecologica. La prima è largamente presente in Amoris laetitia, la seconda è stata espressamente indicata da papa Francesco in Evangelii gaudium, e la terza nell’enciclica Laudato si’. La parola conversione la Chiesa l’aveva sempre adoperata per indicare il volgersi a Cristo, unico Salvatore. Ora viene usata in questi altri significati, e non senza un perché alle spalle. Leggi il seguito… 

    • “Ecco perchè non servivano le Unioni civili”

      Monica Cirinnà 1 di Maura Delle Case. “Non c’era bisogno della legge sulle Unioni civili per garantire diritti alle coppie di conviventi perché quei diritti erano già stati riconosciuti dalla giurisprudenza”. Carlo Amedeo Giovanardi di Idea e oppositore strenuo della legge 76/2016 rea a suo dire “d’aver socchiuso la porta ad adozioni e utero in affitto per le coppie omosessuali”, liquida così la sentenza del tribunale di Pordenone sull’assegno riconosciuto, all’atto di scioglimento dell’unione civile, alla parte debole di una coppia di donne. Leggi il seguito…