Appello della Associazione Spagnola Avvocati Cristiani per la difesa della croce

Dalla newsletter del 5 febbraio 2019
Durante la lettura del libro La croce rinnegata, di padre Livio Fanzaga con Diego Manetti, mi è giunto questo accorato appello dalla Spagna, che non fa che confermare a quale livello di odio e di rinnegamento di sé e della propria storia possono giungere le nostre élite politiche e culturali. Tutto ciò, mentre il papa afferma che un dialogo con le altre culture e religioni non può esserci, se non partendo da un forte senso di appartenenza alla propria millenaria cultura. Quale futuro può avere l’Europa, se prevale il nichilismo e il relativismo, da cui emerge un pensiero dominante che disprezza o deforma il proprio passato? Ndt.
Caro amico, Rimarrai sbalordito quando sentirai quanto ti sto per raccontare.

Come già sai il sindaco di Callosa de Segura, Fran Maciá, del PSOE (Partito Socialista Spagnolo), ha iniziato una persecuzione contro i cittadini cattolici del suo municipio.
Già lo sospettavamo: Fran Marciá odia i sentimenti religiosi dei cristiani.
Però non ci rendevamo conto di quanto fosse pronunciato:
Lo stesso sindaco che si dedica alla persecuzione dei cattolici, ora va dicendo che “I musulmani hanno il diritto di avere il proprio spazio (per il culto)”.
Quindi i musulmani debbono avere i loro spazi, mentre i cristiani non possono avere una croce sulla porta della loro chiesa?
Caro Amico, non perderti questo video di un minuto di Fran Marciá con i musulmani, in cui evidenzia e appoggia la religione musulmana, e non la cristiana:
https://www.abogadoscristianos.es/fran-macia-respeta-a-los-musulmanes-pero-no-a-los-cristianos/?utm_source=salesmanago&utm_medium=email&utm_campaign=cruz_callosa&utm_content=relance24&smclient=e38e4a67-8043-11e8-94f9-0cc47a1254ce
Questo è un doppio, indignante, strappo:
1. Il sindaco che stuzzicò per più di un anno i suoi vicini.
2. Il sindaco che, di buon mattino si burlava mentre veniva tolta e portata via con un camion la croce dalla piazza della chiesa. Un vero tradimento.
3. Il sindaco che ordinò che venisse ritirata una semplice croce fatta con dei fiori.
4. Il sindaco che ha multato una vicina, Tere Agulló, per aver proiettato una croce di luce sulla facciata della chiesa,
Ora partecipa a riunioni di musulmani per dir loro chehanno diritto a uno spazio per il loro culto.
Caro amico, se vuoi vedere l’intero video in cui si può notare come Fran Marciá volta le spalle alla religione cristiana, puoi cliccare qui sotto:
https://www.abogadoscristianos.es/fran-macia-respeta-a-los-musulmanes-pero-no-a-los-cristianos/?utm_source=salesmanago&utm_medium=email&utm_campaign=cruz_callosa&utm_content=relance24&smclient=e38e4a67-8043-11e8-94f9-0cc47a1254ce
Ti ringraziamo per l’appoggio che ci dai nella difesa della libertà religiosa.
Ricevi il nostro affettuoso saluto.
Polonia Castellanos
Presidente dell’Associazione Spagnola degli Avvocati Cristiani
Traduzione di Claudio Forti

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • L’intervento dell’Arcivescovo Crepaldi su Noa Pothoven e il “coscienzialismo” totalitario

      di Silvio Brachetta. Il «principio di autodeterminazione assoluta», di cui scrive Crepaldi, è collegato al primato del soggetto sull’oggetto, sul quale è intessuta gran parte della filosofia e della teologia moderna. Si tratta di un soggettivismo assoluto, che rovescia i dati del mondo reale sul capriccio della volontà, spesso sganciata dalla ragione. La coscienza, in questo quadro distorto, diventa l’ultimo orizzonte di significato: da luogo metafisico nel quale l’uomo ascolta la voce di Dio e la realizza, essa è trasformata dal soggetto in tribunale esclusivo della volontà umana, che stabilisce cosa sia bene e male sulla base di un desiderio cieco, a prescindere da qualsiasi rivelazione o riferimento trascendente Leggi il seguito…

    • Radio Radicale, la solita truffa ideologica

      di Riccardo Cascioli. Come era prevedibile alla fine i fondi statali per Radio Radicale sono arrivati, grazie anche ai voti della Lega e con il plauso di molti cattolici che contano. Una scelta scriteriata che premia il parassitismo e la cultura della morte. Ed Emma Bonino presenta subito il conto alla Chiesa. Leggi il seguito…

    • Processo ai magistrati

      di Marcello Veneziani. Al di là dei singoli casi e delle specifiche responsabilità, quali sono i mali della magistratura? A parte i mali storici, la quantità impressionante di reati impuniti, le lungaggini dei processi, gli intrecci con la politica, il protagonismo malato dei magistrati e la loro sete di vetrina, non solo politica e mediatica ma anche letteraria e cinematografica, potremmo riassumerli in alcuni filoni Leggi il seguito…

    • Cari partiti, sveglia! Questa è l’occasione perfetta per una riforma della giustizia

      di Centro Studi Livatino. Parla Mantovano, magistrato ed ex parlamentare: “stupirsi è da ipocriti, ma adesso si può finalmente parlare di separazione delle carriere e del riordino di cui la categoria ha bisogno”. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.