Appello della Associazione Spagnola Avvocati Cristiani per la difesa della croce

Dalla newsletter del 5 febbraio 2019
Durante la lettura del libro La croce rinnegata, di padre Livio Fanzaga con Diego Manetti, mi è giunto questo accorato appello dalla Spagna, che non fa che confermare a quale livello di odio e di rinnegamento di sé e della propria storia possono giungere le nostre élite politiche e culturali. Tutto ciò, mentre il papa afferma che un dialogo con le altre culture e religioni non può esserci, se non partendo da un forte senso di appartenenza alla propria millenaria cultura. Quale futuro può avere l’Europa, se prevale il nichilismo e il relativismo, da cui emerge un pensiero dominante che disprezza o deforma il proprio passato? Ndt.
Caro amico, Rimarrai sbalordito quando sentirai quanto ti sto per raccontare.

Come già sai il sindaco di Callosa de Segura, Fran Maciá, del PSOE (Partito Socialista Spagnolo), ha iniziato una persecuzione contro i cittadini cattolici del suo municipio.
Già lo sospettavamo: Fran Marciá odia i sentimenti religiosi dei cristiani.
Però non ci rendevamo conto di quanto fosse pronunciato:
Lo stesso sindaco che si dedica alla persecuzione dei cattolici, ora va dicendo che “I musulmani hanno il diritto di avere il proprio spazio (per il culto)”.
Quindi i musulmani debbono avere i loro spazi, mentre i cristiani non possono avere una croce sulla porta della loro chiesa?
Caro Amico, non perderti questo video di un minuto di Fran Marciá con i musulmani, in cui evidenzia e appoggia la religione musulmana, e non la cristiana:
https://www.abogadoscristianos.es/fran-macia-respeta-a-los-musulmanes-pero-no-a-los-cristianos/?utm_source=salesmanago&utm_medium=email&utm_campaign=cruz_callosa&utm_content=relance24&smclient=e38e4a67-8043-11e8-94f9-0cc47a1254ce
Questo è un doppio, indignante, strappo:
1. Il sindaco che stuzzicò per più di un anno i suoi vicini.
2. Il sindaco che, di buon mattino si burlava mentre veniva tolta e portata via con un camion la croce dalla piazza della chiesa. Un vero tradimento.
3. Il sindaco che ordinò che venisse ritirata una semplice croce fatta con dei fiori.
4. Il sindaco che ha multato una vicina, Tere Agulló, per aver proiettato una croce di luce sulla facciata della chiesa,
Ora partecipa a riunioni di musulmani per dir loro chehanno diritto a uno spazio per il loro culto.
Caro amico, se vuoi vedere l’intero video in cui si può notare come Fran Marciá volta le spalle alla religione cristiana, puoi cliccare qui sotto:
https://www.abogadoscristianos.es/fran-macia-respeta-a-los-musulmanes-pero-no-a-los-cristianos/?utm_source=salesmanago&utm_medium=email&utm_campaign=cruz_callosa&utm_content=relance24&smclient=e38e4a67-8043-11e8-94f9-0cc47a1254ce
Ti ringraziamo per l’appoggio che ci dai nella difesa della libertà religiosa.
Ricevi il nostro affettuoso saluto.
Polonia Castellanos
Presidente dell’Associazione Spagnola degli Avvocati Cristiani
Traduzione di Claudio Forti

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Patria, il Comando che sfida l’ubriacatura globalista

      di Stefano Fontana. Perché la politica crede che lo Stato-nazione sia superato da una globalizzazione inarrestabile e così facendo condanna se stessa? A questo problema è dedicato l’XI Rapporto sulla Dottrina sociale della Chiesa nel Mondo dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân. La nazione si configura come “patria” proprio perché ha le radici nei “padri” e Giovanni Paolo diceva che il dovere verso la patria deriva dal quarto comandamento: Onora il padre e la madre. Ecco perché è necessario un recupero di fronte all’attuale ubriacatura di forzato globalismo. Leggi il seguito…

    • Il tramonto di Giuseppi

      di Frodo. Un inno alla presentabilità che non è bastato: Giuseppe Conte, tra qualche settimana, potrebbe dover fare i conti con un giudizio simile a questo. Il chiacchiericcio retroscenista che limita per sentenza politologica la durata di un governo, di solito, tende ad allungare la vita dello stesso esecutivo. È una regola non scritta del giornalismo: quando si vuole fare un piacere ad un politico, bisogna darlo per politicamente morto. Chiedere, per maggiori informazioni, a Silvio Berlusconi. Ecco perché dare Conte per spacciato non conviene ad un centrodestra che bene farebbe, invece, a pensare a riorganizzarsi come una vera coalizione. Il respiro giallorosso però rimane corto. Come abbiamo già avuto modo di far notare, i nodi stanno inesorabilmente venendo al pettine. Leggi il seguito…

    • Una tolleranza totalitaria. Antologia da BXVI

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. In un recente articolo ho sostenuto che l’intervento di Mattarella e Conte in occasione della Giornata mondiale del 17 maggio scorso contro l’omofobia e la transfobia [a cui è stata aggiunta anche la bifobia (!)] usa il principio di tolleranza per istituire un regime intollerante, cioè autoritario, cioè totalitario. In questo articolo dicevo, tra l’altro: “La tolleranza assoluta è intollerante perché deve vietare di pensare che non tutto si debba tollerare”.  E aggiungevo: “Uno Stato che non conosce il limite fa paura. Uno Stato che sa dire tanti no, ma non quelli giusti, fa paura”. Leggi il seguito…

    • Nella confusione coronavirus, un confuso genitore cattolico

      di Amedeo Rossetti. Tavolo di Lavoro sul dopo-coronavirus Quando Siena nel 1400 fu colpita dalla peste, anche molti medici ed infermieri si ammalarono e morirono. San Bernardino aveva 20 anni ed insieme ai compagni della Confraternita dei Disciplinati nella quale era entrato, Bernardino si offrì come volontario, adoperandosi nell’assistenza agli appestati per quattro mesi, fino all’inizio dell’inverno, quando la pestilenza cominciò e regredire; passò successivamente quattro mesi tra la vita e la morte, essendo rimasto pure lui contagiato, ma poi guarì. Leggi il seguito…