La metà del cielo

copertina-donne

La metà del cielo. Breve storia alternativa delle donne è diviso nei seguenti capitoli:

L’ottica di un filosofo dell’Ottocento

La donna nel Vecchio e nel nuovo Testamento

I nuovi valori: la pace e la pietà

Le donne di Francia

I cambiamenti: vita religiosa e vita matrimoniale

Le donne bavare, alamanne, longobarde

Aborto e infanticidio

L’ostetricia

Le vedove

Le sterili

Le religiose

Le donne nella poesia e nell’arte medievale

Le donne di potere

Il Settecento: madri per conto dello Stato

L’Ottocento: ovvero lo scarso peso dei cervelli femminili

Il marito contro l’esteta

Il comunismo e la donna “liberata”

La donna fascista

La donna nazista non è “schiava del sentimento materno”

Due filosofe tedesche: Hannah Arendt e Edith Stein

Ritorno ad Oriente: l’India e l’utero in affitto

I movimenti femminili/femministi: dal diritto di voto all’utero in affitto

 

Di seguito una pagina dall’ultimo capitolo:

Nel 1903 nasce in Inghilterra l’Unione politica e sociale delle donne, organizzazione femminile attiva nella battaglia per ottenere il diritto di voto. Alcune suffragette inglesi non temono di interrompere i comizi politici, organizzare scioperi della fame, sfidare i governi, finendo persino in galera (anche se di solito le pene verso le donne sono più miti). Ma vi sono anche donne inglesi schierate sul fronte opposto, e riunite nella Lega nazionale antisuffragista.

Cedere o meno alle rivendicazioni delle suffragette? Il problema non è solo che siano donne, ma anche un altro: la loro partecipazione spaventa un po’ tutti. Quale partito sceglieranno le donne? Molti hanno semplicemente paura di non essere i prescelti…

Succede qualcosa di analogo in Italia, prima nel 1912, con l’introduzione del suffragio universale maschile – in quanto la borghesia teme il voto dei contadini e degli operai, destinato a far trionfare cattolici e socialisti – e nel 1946, con il suffragio universale femminile, che rafforza soprattutto la Democrazia cristiana e, in secondo luogo, il Partito comunista.

In Italia il voto alle donne viene proposto ad inizio del Novecento soprattutto dai cattolici e dai socialisti. Nel 1919, lo invoca, alla nascita del Partito Popolare, il suo fondatore Don Luigi Sturzo; fa parte anche del programma dei socialisti e dei Fasci di combattimento di Benito Mussolini, anch’essi fondati nel 1919.

Nel 1945, grazie all’azione di Alcide De Gasperi, erede di don Sturzo, e Palmiro Togliatti, con la benedizione pubblica di papa Pio XIILa vostra ora è sonata, donne e giovani cattoliche; la vita pubblica ha bisogno di voi»), viene emanato il decreto legislativo che conferisce il diritto di voto alle italiane che abbiano almeno 21 anni, con la contrarietà dei partiti borghesi (liberali, azionisti e repubblicani), che sanno di non essere i veri potenziali beneficiari del voto femminile.

Anche in Francia, sempre nel 1919, viene proposto dalle stesse forze, cattolici e socialisti, il voto alle donne. La femminista Simone de Beauvoir nel suo Il secondo sesso scrive: «Al femminismo rivoluzionario… si è aggiunto un femminismo cristiano: Benedetto XV nel 1919 si è pronunciato in favore del voto alle donne; Monsignor Baudrillart e Padre Sertillanges fanno un’ardente campagna in questo senso… Al Senato numerosi cattolici, il gruppo dell’Unione repubblicana, e d’altra parte i partiti di estrema sinistra, sono per il voto alle donne: ma la maggioranza dell’assemblea è contraria».

Ad opporsi è soprattutto l’ala radicale, alleata con una parte della sinistra, guidata dal senatore radicale Alexandre Bérard: a suo dire il rischio è dare potere ai “clericali”, perché, secondo una lettura diffusa, sono state le donne cattoliche, in passato, a tradire la «rivoluzione con la loro resistenza al culto della ragione e con la loro cooperazione con i preti». Sarà De Gaulle nel 1944 a preannunciare il suffragio femminile nel suo governo provvisorio.

Intanto «altri Paesi cattolici come l’Austria, la Polonia, l’Irlanda e la Spagna concedevano alle donne i diritti politici (1918, 1922, 1931)», mentre in Belgio, dal 1922, possono votare madri e vedove dei caduti, e in Portogallo le donne istruite.

Oltre al diritto di partecipare alla vita politica, nelle prime rivendicazioni «avanzate dalle donne delle classi medie», si afferma l’idea che «il lavoro e la maternità non potevano e non dovevano cumularsi, almeno nelle prime fasi della maternità». In questo femminismo, definito anche “femminismo materno” o “maternalismo femminista” la maternità viene per lo più vista non come «una questione isolata, bensì come la condizione unificante del sesso femminile».

Tra il 1890 e il 1920 circa, la maggior parte delle femministe, di qualsiasi colore politico, ritengono il lavoro domestico e la cura dei figli un compito primariamente femminile, ma rivendicano il riconoscimento di maggior dignità al lavoro di madre e di “casalinga”: le madri che allevano i figli svolgono una “funzione sociale” importantissima, che deve essere riconosciuta anche economicamente. Il lavoro domestico non è una questione privata, ma pubblica; non è degradante, ma essenziale per la famiglia e la società

Per il libro: https://www.edizionilavela.it/prodotto/la-meta-del-cielo-breve-storia-alternativa-delle-donne/

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Olanda e Germania attaccano militarmente l’Italia con la Sea Watch

      di Guido da Landriano. L’Italia vieta l’accesso in acque italiane, secondo una precisa norma di legge, pur accogliendo chi era in reale stato di necessità. La norma viene confermata come legittima da parte della Corte di Giustizia Europea, quindi perfettamente valida. Nonostante questo, con totale sprezzo delle norme di legge e con un atto aggressivo inusitato, nel TOTALE SILENZIO dei governi di bandiera (Olanda) e di armamento (Germania), la nave entra in acque italiane, rifiutandosi perfino di obbedire agli ordini della Guardia di Finanza. Si tratta di un atto di aggressione che sfiora l’aggressione militare, e forse la supera Leggi il seguito…

    • Sea Watch dichiara guerra all’Italia

      di Andrea Indini. Quella della Sea Watch è stata un’operazione politica in piena regola, messa in piedi apposta per mettere in difficoltà il governo italiano. Sin dall’inizio l’obiettivo era farsi aprire un porto per forzare il blocco imposto da Salvini. Una missione sulla pelle degli immigrati che ha infranto svariate leggi e messo a nudo l’incapacità dell’Unione europea di fronteggiare un problema simile. La forzatura di oggi, però, non è come le precedenti operazioni illegali delle varie ong che negli ultimi anni ci hanno riempito le coste di clandestini. La Rackete ha, infatti, deciso di infischiarsene deliberatamente del provvedimento che le è stato consegnato la scorsa settimana dalla Guardia di Finanza e che le intimava “il divieto di ingresso, transito e sosta” nelle nostre acque. Mai prima d’ora le nostre leggi erano state calpestate in modo tanto plateale Leggi il seguito…

    • Il Sinodo dell’Amazzonia bypassa Benedetto XVI

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Benedetto XVI sosteneva che le religioni del mito, le religioni pagane, erano forme umane di esorcizzazione del pericolo dell’esistenza, tramite la protezione di qualche divinità contro altre divinità. La religione cristiana invece è la religione del Logos. Le religioni dei popoli indigeni citate nell'Instrumentum laboris del Sinodo dell'Amazzonia hanno tutte le caratteristiche che Ratzinger attribuiva alle religioni del mito Leggi il seguito…

    • Poveri migranti: ostaggi sì, ma del cinismo buonista

      di Andrea Zambrano. La Cedu respinge il ricorso della Sea Watch3, che vuole a tutti i costi sbarcare i 43 clandestini a Lampedusa. L'obiettivo non è umanitario, ma politico: dimostrare che Salvini si può battere. E il video diffuso ieri dalla ong è la prova della strumentalizzazione di questi poveretti per interessi di bottega: usarli come "scudi umani", giocando sulla loro pelle, con emotività e attraverso bugie mediatiche, non è affermare il loro rispetto, ma la loro futura solitudine. E' questa la cinica danza macabra buonista che le ong alimentano, la Sinistra sostiene e la Chiesa scambia per carità. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.