Se anche Maria Stuarda diventa un’eroina liberal

54651di Paolo Nardi

Un tempo ci si accapigliava sulle differenze di religione tra cattolici e protestanti, ma è interessante vedere come l’epoca nella quale viviamo abbia cancellato tutto sull’altare del politicamente corretto, del #metoo e dell’identità di genere. Il film Maria regina di Scozia con Soairse Ronan nei panni di Maria Stuarda e Margot Robbie in quelli di Elisabetta d’Inghilterra è un ottimo esempio dello stato in cui versa il cinema di oggi: a un comparto visivo affascinante (ottimi interpreti, costumi meravigliosi, scenografie cupe ed evocative, belle immagini dell’aspra natura scozzese) corrisponde un’impostazione multietnica e politicamente corretta che deforma il passato a uso e consumo del presente, in sprezzo a qualsiasi realtà storica.
Ecco quindi un ambasciatore inglese afroamericano, la dama di compagnia di Elisabetta cinese, addirittura il musico italiano Rizzio è un portoricano gay. La stessa Maria (regina cattolica) si pone nei confronti dell’omosessualità e della libertà di religione su posizioni e toni di una liberal di oggi. C’è il predicatore presbiteriano John Knox (con gli occhi folli di David Tennant), ma è poca cosa: i conflitti di religione sono assolutamente accessori e costituiscono più una vernice che il motore degli eventi, il quale è invece la rivalità storica fra le due sovrane che qui si trasforma in una sorellanza mal gestita in chiave femminista e di rivolta di genere contro il mondo maschile. Elisabetta e Maria sono due vittime di una società nelle mani di uomini malvagi e invidiosi, e per questo rappresentano due modi contrari di opporvisi: Elisabetta sceglie di essere un uomo, di non sposarsi e di non avere figli; Maria vuole essere esattamente quello che Elisabetta non è e quindi generare un figlio, l’erede che la Scozia aspetta, puntando sulla propria femminilità. Sono però entrambe delle perdenti, e non a caso John Knox tuona dal pulpito che “l’autorità delle donne genera mostri”. Banalizzazione, attualizzazione o ideologia? Agli spettatori l’ardua sentenza.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Humanae Vitae, la questione sociale

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Nei giorni scorsi ho presentato su la Nuova Bussola Quotidiana (vedi qui) il Dizionario su Sesso, amore e fecondità (Cantagalli 2019) dell’Istituto Giovanni Paolo II per le Scienze del Matrimonio e della Famiglia, curato da José Noriega. Il prof. Noriega aveva chiesto anche a me di scrivere una voce del Dizionario che riguardasse il rapporto tra la Humanae vitae e l’ambito politico dell’agire umano. Ne è uscita quindi la voce Humanae vitae: la questione sociale nella quale si segnala l’importanza del nesso tra la prospettiva dell’enciclica di Paolo VI e la Dottrina sociale della Chiesa. Pubblico ora qui sotto un breve stralcio della voce del Dizionario. Leggi il seguito…

    • Il Cardinale nigeriano Francis Arinze attacca Papa Bergoglio sull’immigrazione. Guerra aperta nel Gotha Vaticano. Il papa nero Arinze: “Basta con l’immigrazione”

      di Carlo Franza. Il cardinale Francis Arinze, ottantaseienne, è uno dei cardinali dell’ordine dei Vescovi ed è tra gli attuali 6 titolari delle Chiese suburbircarie di Roma. Così chiare le parole del Cardinale Arinze: “Gli europei devono smetterla di incoraggiare la partenza dei giovani africani. L’Africa ha bisogno di loro. Il miglior modo in cui i paesi dell’Europa e dell’America possono aiutare l’Africa non è incoraggiando i giovani a venire in Europa facendogli pensare all’Europa come un paradiso – un luogo dove il denaro cresce sugli alberi – ma aiutando i paesi da dove vengono…” Leggi il seguito…

    • Ci vogliono campo profughi dell’Europa

      di Riccardo Cascioli. La strana crisi di governo che si è aperta in Italia, a prescindere da come evolverà, una cosa l’ha comunque chiarita: c’è un potere che ha deciso che l’Italia deve diventare il campo profughi dell’Europa. Leggi il seguito…

    • L’inutile dialogo senza identità né verità

      di Peppino Zola. Tanta parte del mondo cattolico si sta riducendo a dire cose scontate, per lo più banali. Fra cui la necessità del dialogo. Che tipo di dialogo? Al Meeting di Rimini, ad esempio, si esclude l'argomento "fine vita" perché "troppo divisivo". In queste condizioni non è dialogo, ma condiscendenza.  Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.