Condotti Oltre: discernimento, educazione e responsabilità nella Bibbia in pellegrinaggio con Don Giorgio Scatto

Fabio Nones, Natività 2010 ca., Madonna di Lourdes, Ottava presa di Caorle (VE)

Nel contesto dell’iniziativa Tessere trame di responsabilità. Chiamati a conversioni educative, promossa dall’Unità pastorale di Ambivere-Mapello-Valtrighe con Prezzate,

in Diocesi di Bergamo, martedì 29 gennaio 2019,

alle ore 20.45,

presso la Chiesina di Ambivere,

Don Giorgio Scatto, del quale accennai nell’articolo del 16 gennaio 2019 (qui), parlerà a giovani e adulti su  

Condotti Oltre: discernimento,

educazione e responsabilità nella Bibbia

 

Don Giorgio, priore della Comunità monastica Piccola famiglia della Risurrezione di Marango di Caorle (VE), offrirà il cuore della sua missione: l’accoglienza delle persone come inviati di Dio e

la vita battesimale come sviluppo coerente, continuo, sino alla sequela totale del Cristo, nella lode alla gloriosa Santissima Trinità, in attesa vigile e amorosa del ritorno del Signore Gesù, sempre in incessante intercessione per la Chiesa di Venezia, per tutta la Chiesa, per gli uomini, specialmente i più piccoli e miseri, per quelli che ancora non conoscono Gesù.

Non vigliamo anticipare le parole di Don Giorgio, ma, certo, discernimento, educazione e responsabilità, nel suo annuncio scaturiranno dalla Parola, così come è vissuta da lui e dai suoi Monaci, sia in casa che nei luoghi ove la fede si accende tra le fiamme e le miserie di una nazione devastata, quale è  l’Iraq, nazione nella quale la Comunità si reca annualmente da cinque anni anche per portare aiuti materiali alle chiese in grave difficoltà, discriminazione e persecuzione.

Con questo spirito la sera precedente,

Lunedì 28 gennaio 2019, all’Oratorio del Villaggio degli Sposi,

in Via Cesare Cantù 1, a Bergamo,

alle ore 20.45

“Progetto Iraq”

Don Giorgio incontrerà molti amici interessati alla  serata di testimonianza e raccolta di offerte organizzata grazie all’amica Anna Cattaneo.

Il racconto testimonierà l’amicizia con la comunità di Qaraqosh, nome da molti conosciuto anche grazie ad un toccante filmato diffuso alcuni anni fa tramite youtube: Myriam di Qaraqoush.

Dopo la ritirata dell’Isis, i fratelli cristiani stanno ricostruendo le loro case e con esse la loro comunità. Ci vorrà molto per ricostruire i loro cuori feriti, terrorizzati, umiliati. Verranno portate dalla Comunità Monastica offerte per la costruzione di un futuro di pace, al quale anche noi possiamo partecipare con l’informazione, la preghiera e la carità.

 

Il monastero della Resurrezione

In monastero, vengono accolte persone e gruppi che chiedono un accompagnamento spirituale, un ritiro, un approfondimento della Parola di Dio, o desiderano partecipare alla preghiera e alla vita dei monaci.

Alla Comunità piace anche ricordare i doni ricevuti attraverso l’accoglienza di persone con malattie psichiche, stranieri, pentiti di mafia ed ex ergastolani, prostitute (dal sito qui).

Nelle Opere di misericordia corporale di Fabio Nones in S. Margherita di Caorle 2018, la donna che si tira i capelli ricorda la sofferenza mentale

Quando la Comunità giunse a Marango, così come negli altri luoghi vicini, trovò uno stato di abbandono. Anche le persone si sentivano abbandonate. Si  iniziò, allora, con pazienza e coraggio a ricostruire. Non solo a mettere su mattoni, ma amicizia, fiducia, collaborazione, gioia, bellezza.

Verso dove vuoi andare?

 

I monaci si lasciarono ispirare dalle parole profetiche di un grande monaco, David Maria Turoldo, per capire verso dove andare:

Dio è il primato della bellezza. Senza bellezza è impossibile vivere. Solo la bellezza può ingentilire anche l’animo più cupo e più restio; mentre il brutto continuerà a incattivirlo. Conventi brutti è un non senso; chiese brutte, liturgie brutte e squallide, come le nostre, è la fine. Ogni civiltà del brutto è una catastrofe. E questa, la nostra, è la più brutta di tutte le civiltà. Almeno, dunque, i monasteri siano oasi dove Dio continui a creare le cose più necessarie: la poesia, la musica, il canto.

 

Festa della Bibbia, Domenica 2 Settembre 2018

 

 Dalla Fede in Cristo una vita nuova

 

S. Antonio Abate: Chi conosce le Scritture conosce Dio.

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Deregulation, interesse nazionale, sussidiarietà: le stelle polari del centrodestra dopo la globalizzazione “cinese”

      di Eugenio Capozzi. Quali dovrebbero essere le priorità, le parole d’ordine, i punti programmatici alla base della coalizione di centrodestra ora che l’Italia deve affrontare la dura sfida della ripresa dopo l’epidemia di coronavirus gestita (male, malissimo), dal governo giallorosso di Giuseppe Conte? Come si può trasformare in fatti e progetti la presenza critica mostrata nelle manifestazioni del 2 giugno, in termini di risultati concreti per il paese, più ancora che di consensi elettorali? Leggi il seguito…

    • Censis, in cinque interviste tutti i limiti di Conte

      di Frodo. Cinque interviste nel corso di poche ore e tutte al vetriolo nei confronti di alcune scelte di sostanza operate dall’esecutivo giallorosso: se la giornata di ieri ha avuto un padrone, questo è stato il professor Giuseppe De Rita, presidente del CENSIS. Un Professore con la P maiuscola che ha ridimensionato con dovizia di particolari la narrativa del governo sulla pandemia, scaricando di fatto l’azione politica di Giuseppi e dei suoi alleati. De Rita è un sociologo di nota fama. La sua lettura non ha paletti. Un termine che ricorre spesso tra le cinque disamine è “paura”. Quella che il governo, secondo noi, non solo non è riuscito a stemperare, ma forse è persino finito con l’assecondare. Leggi il seguito…

    • Il patriottismo dei mascalzoni

      di Marcello Veneziani. Su, finitela con questa mascherata. Da quando, il 1° giugno, Sergio Mattarella ha invocato l’unità del paese allo scopo di delegittimare la manifestazione dell’opposizione del giorno dopo, la Cupola italiana – quell’intreccio di poteri che occupa istituzioni, governo, scena politica, media di stato e giornaloni, poteri giudiziari e sanitari – ripete ogni giorno il mantra di restare uniti contro il virus, la destra e la piazza, che poi ai loro occhi coincidono. La chiamano unità ma intendono uniformità. La chiamano comunità ma intendono conformità. Leggi il seguito…

    • Parla il fondatore dei (veri) Gilet arancioni: “Noi siamo il movimento della terra, ripartire da qui”

      Intervista di Claudia Passa. “I gilet arancioni ce li siamo inventati noi, e non sono certo questi. Sono un movimento nato per far sentire l’urlo della terra. Potranno pure prendersi il nostro marchio, ma noi non ci fermeremo”. I gilet arancioni hanno un luogo e una data di nascita, hanno una precisa ragione sociale e hanno un “papà”, che non è il pittoresco generale Pappalardo ma il conte Onofrio Spagnoletti Zeuli. Importante imprenditore agricolo pugliese, da sempre attivo nel mondo dell’associazionismo di settore, Spagnoletti è stato protagonista di importanti mobilitazioni dei lavoratori della terra, esercito di “invisibili” di cui forse l’emergenza coronavirus ha fatto comprendere appieno il valore. Leggi il seguito…