Condotti Oltre: discernimento, educazione e responsabilità nella Bibbia in pellegrinaggio con Don Giorgio Scatto

Fabio Nones, Natività 2010 ca., Madonna di Lourdes, Ottava presa di Caorle (VE)

Nel contesto dell’iniziativa Tessere trame di responsabilità. Chiamati a conversioni educative, promossa dall’Unità pastorale di Ambivere-Mapello-Valtrighe con Prezzate,

in Diocesi di Bergamo, martedì 29 gennaio 2019,

alle ore 20.45,

presso la Chiesina di Ambivere,

Don Giorgio Scatto, del quale accennai nell’articolo del 16 gennaio 2019 (qui), parlerà a giovani e adulti su  

Condotti Oltre: discernimento,

educazione e responsabilità nella Bibbia

 

Don Giorgio, priore della Comunità monastica Piccola famiglia della Risurrezione di Marango di Caorle (VE), offrirà il cuore della sua missione: l’accoglienza delle persone come inviati di Dio e

la vita battesimale come sviluppo coerente, continuo, sino alla sequela totale del Cristo, nella lode alla gloriosa Santissima Trinità, in attesa vigile e amorosa del ritorno del Signore Gesù, sempre in incessante intercessione per la Chiesa di Venezia, per tutta la Chiesa, per gli uomini, specialmente i più piccoli e miseri, per quelli che ancora non conoscono Gesù.

Non vigliamo anticipare le parole di Don Giorgio, ma, certo, discernimento, educazione e responsabilità, nel suo annuncio scaturiranno dalla Parola, così come è vissuta da lui e dai suoi Monaci, sia in casa che nei luoghi ove la fede si accende tra le fiamme e le miserie di una nazione devastata, quale è  l’Iraq, nazione nella quale la Comunità si reca annualmente da cinque anni anche per portare aiuti materiali alle chiese in grave difficoltà, discriminazione e persecuzione.

Con questo spirito la sera precedente,

Lunedì 28 gennaio 2019, all’Oratorio del Villaggio degli Sposi,

in Via Cesare Cantù 1, a Bergamo,

alle ore 20.45

“Progetto Iraq”

Don Giorgio incontrerà molti amici interessati alla  serata di testimonianza e raccolta di offerte organizzata grazie all’amica Anna Cattaneo.

Il racconto testimonierà l’amicizia con la comunità di Qaraqosh, nome da molti conosciuto anche grazie ad un toccante filmato diffuso alcuni anni fa tramite youtube: Myriam di Qaraqoush.

Dopo la ritirata dell’Isis, i fratelli cristiani stanno ricostruendo le loro case e con esse la loro comunità. Ci vorrà molto per ricostruire i loro cuori feriti, terrorizzati, umiliati. Verranno portate dalla Comunità Monastica offerte per la costruzione di un futuro di pace, al quale anche noi possiamo partecipare con l’informazione, la preghiera e la carità.

 

Il monastero della Resurrezione

In monastero, vengono accolte persone e gruppi che chiedono un accompagnamento spirituale, un ritiro, un approfondimento della Parola di Dio, o desiderano partecipare alla preghiera e alla vita dei monaci.

Alla Comunità piace anche ricordare i doni ricevuti attraverso l’accoglienza di persone con malattie psichiche, stranieri, pentiti di mafia ed ex ergastolani, prostitute (dal sito qui).

Nelle Opere di misericordia corporale di Fabio Nones in S. Margherita di Caorle 2018, la donna che si tira i capelli ricorda la sofferenza mentale

Quando la Comunità giunse a Marango, così come negli altri luoghi vicini, trovò uno stato di abbandono. Anche le persone si sentivano abbandonate. Si  iniziò, allora, con pazienza e coraggio a ricostruire. Non solo a mettere su mattoni, ma amicizia, fiducia, collaborazione, gioia, bellezza.

Verso dove vuoi andare?

 

I monaci si lasciarono ispirare dalle parole profetiche di un grande monaco, David Maria Turoldo, per capire verso dove andare:

Dio è il primato della bellezza. Senza bellezza è impossibile vivere. Solo la bellezza può ingentilire anche l’animo più cupo e più restio; mentre il brutto continuerà a incattivirlo. Conventi brutti è un non senso; chiese brutte, liturgie brutte e squallide, come le nostre, è la fine. Ogni civiltà del brutto è una catastrofe. E questa, la nostra, è la più brutta di tutte le civiltà. Almeno, dunque, i monasteri siano oasi dove Dio continui a creare le cose più necessarie: la poesia, la musica, il canto.

 

Festa della Bibbia, Domenica 2 Settembre 2018

 

 Dalla Fede in Cristo una vita nuova

 

S. Antonio Abate: Chi conosce le Scritture conosce Dio.

 

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Belgio e abusi, il 76% delle vittime dei preti sono maschi

      Chiesa arcobaleno di Marco Tosatti. La Chiesa cattolica belga ha pubblicato un rapporto sugli abusi sessuali da cui risulta che su oltre 1.000 casi presi in considerazione il 76% delle vittime sono di sesso maschile. Il risultato evidenzia ancora una volta il preponderante legame tra omosessualità e abusi da parte del clero, un aspetto che i vertici del Vaticano non vogliono riconoscere. Leggi il seguito… 

    • “I preti che abusano hanno tendenze omosessuali”

      don-fortunato-di-noto di Aurelio Porfiri. Intervista sulla pedofilia al sacerdote fondatore di Meter alla vigilia del vertice in Vaticano: «Fenomeno esteso nel mondo e nella società, con la connivenza dei colossi del web». E sulla Chiesa ricorda che gli abusi sono commessi soprattutto su adolescenti da persone «con spiccate tendenze omosessuali». Leggi il seguito… 

    • Il ’68 teologico, una rivoluzione suadente e quotidiana

      preti-operai-68 di Stefano Fontana. Il '68 fu una rivoluzione anche per la teologia con la pastorale come nuova dogmatica e le difformità pastorali come nuove eresie. Un radicale strappo, diventato poi “progressismo cattolico”: una rivoluzione non più dirompente ma quotidiana, da eccezionale, normale, da aggressiva, suadente.  Leggi il seguito… 

    • Inno a Satana: l’appello degli esorcisti italiani a Virginia Raffaele

      Virginia Raffaele di Interris. Non si può essere spettatori ignari dell’esaltazione del male, o meglio di colui che ne è il rappresentante per eccellenza, il demonio, Satana. La modalità dell’evento sembra presupporre una subdola tecnica subliminale e manipolatoria. Far arrivare dei messaggi con un contenuto oggettivamente negativo a spettatori indifesi e ignari di quanto sta per essere fatto e detto è da deplorare in assoluto. Pertanto, chiediamo come cristiani a Virginia Raffaele, ma ancor più, a coloro che hanno collaborato per la scenografia relativa alla performance di chiarire a tutti e in forma pubblica le ragioni di quanto detto e fatto Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.