Ci scrive un amico italiano dalla Russia

Il 22 gennaio a Mosca il responsabile delle truppe missilistiche Mihail Matveevic ha tenuto una conferenza in cui ha spiegato dettagliatamente ai giornalisti le caratteristiche dei missili russi, e in particolare di quello messo sotto accusa dal Pentagono e dalla NATO, cioè il 9M729, che violerebbe l’accordo sugli Euromissili del 1987 per la sua asserita lunga gittata. Contestualmente alla conferenza, i presenti hanno potuto osservare, fotografare e filmare nello stesso capannone i missili esposti ad altezza d’uomo e parzialmente smontati.
Un’occasione ghiotta per giornalisti e appassionati d’armamenti.

Matveecic, oltre a rispondere alle domande dei giornalisti, ha illustrato, calcoli e grafici alla mano, che il missile accusato non infrange l’accordo del 1987.
Sullo stesso tema, il vice-ministro degli esteri della Federazione Russa Sergej Rjabkov ha tenuto un briefing, al quale potevano presenziare esperti militari anche di paesi attualmente in rapporti ostili con la Russia. Rjabkov ha anch’egli dimostrato che il missile 9M729 non infrange i trattati, e che per la Federazione Russa essi sono ancora validi e vanno rispettati.
Ultimamente le accuse di violazione del trattato sugli Euromissili avevano ulteriormente fatto salire la tensione internazionale, e l’iniziativa russa, peraltro non contemplata dai trattati stessi, intende gettare acqua sul fuoco e prevenire una pericolosa escalation militare su entrambi i fronti. Essendo le accuse basate su rilevazioni satellitari, la possibilità offerta di vedere da vicino l’arsenale missilistico russo e di porre domande ai responsabili militari e politici era una preziosa occasione per conoscere la reale situazione della difesa russa. Ciononostante, ai suddetti eventi nessun esperto militare dei paesi che più accusano la Russia, cioè Stati Uniti, Francia, Gran Bretagna e Germania, e della NATO stessa, si è presentato. Inoltre, in un recente incontro a Ginevra, esperti militari russi hanno invitato in Russia i loro omologhi americani per accertarsi di persona sul tipo di missili in possesso all’esercito russo, ma l’invito non è stato accettato.
Dalle immagini dei telegiornali russi si vede che alla conferenza stampa erano presenti le telecamere della televisione austriaca ORF, ma ignoro se poi questa abbia poi trasmesso il servizio. In ogni caso, la notizia non è circolata sui media occidentali, internet compresa.
Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il Sinodo dell’Amazzonia bypassa Benedetto XVI

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Benedetto XVI sosteneva che le religioni del mito, le religioni pagane, erano forme umane di esorcizzazione del pericolo dell’esistenza, tramite la protezione di qualche divinità contro altre divinità. La religione cristiana invece è la religione del Logos. Le religioni dei popoli indigeni citate nell'Instrumentum laboris del Sinodo dell'Amazzonia hanno tutte le caratteristiche che Ratzinger attribuiva alle religioni del mito Leggi il seguito…

    • Poveri migranti: ostaggi sì, ma del cinismo buonista

      di Andrea Zambrano. La Cedu respinge il ricorso della Sea Watch3, che vuole a tutti i costi sbarcare i 43 clandestini a Lampedusa. L'obiettivo non è umanitario, ma politico: dimostrare che Salvini si può battere. E il video diffuso ieri dalla ong è la prova della strumentalizzazione di questi poveretti per interessi di bottega: usarli come "scudi umani", giocando sulla loro pelle, con emotività e attraverso bugie mediatiche, non è affermare il loro rispetto, ma la loro futura solitudine. E' questa la cinica danza macabra buonista che le ong alimentano, la Sinistra sostiene e la Chiesa scambia per carità. Leggi il seguito…

    • Aborto o omicidio? Il cieco travaglio della Cassazione

      di Tommaso Scandroglio. I giudici, per avvalorare la tesi che il bambino nascente è come noi e non come un feto qualsiasi, indicano l’esistenza di un “quadro normativo e giurisprudenziale italiano ed internazionale di totale ampliamento della tutela della persona e della nozione di soggetto meritevole di tutela, che dal nascituro e al concepito si è poi estesa fino all'embrione”. Se è soggetto di diritto anche il concepito salta la distinzione giuridica tra omicidio colposo e aborto colposo e dunque anche, più semplicemente, tra omicidio e aborto, perchè anche l’aborto sarebbe un omicidio, solo compiuto prima della nascita. E dunque, a dar retta al senso di questa affermazione, la legge 194 dovrebbe essere dichiarata incostituzionale. Parimenti potremmo usare le stesse argomentazioni articolate dalla Cassazione per chiedere l’abrogazione della legge 194. Perché non usare questa sentenza a nostro favore? Leggi il seguito…

    • Il vescovo di Vicenza, il non giudicare e la DSC

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Un nuovo capitolo della storia del “non giudicare” è stato scritto dal vescovo di Vicenza Beniamino Pizziol in relazione al Gay Pride tenutosi di recente in quella città. Monsignor Pizziol ha isistito su tre punti. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.