Ora la Francia rischia di esplodere. La piazza invoca il generale de Villiers

parigi-gilet-gialli

di Lorenzo Vita.

L’annuncio della moratoria sul prezzo dei carburanti è solo una soluzione temporanea (e irrisoria) rispetto a quanto sta avvenendo in Francia: una vera e propria ribellione contro Emmanuel Macron, che si sta allargando a macchia d’olio in tutti i settori della popolazione. La protesta sul caro-carburanti è stata solo l’inizio. Adesso è chiaro che si è trasformata in una larga manifestazione di dissenso e malcontento contro un sistema di potere e di governo

***************

La Francia rischia di esplodere. E le immagini di questo fine settimana sono eloquenti. Parigi è diventata il teatro di una guerriglia urbana senza precedenti. La polizia costretta a lanciare i lacrimogeni, barricate nel centro della città date alle fiamme, atti di puro vandalismo in diversi quartieri della metropoli. Centinaia di fermi, arresti e feriti, anche fra gli agenti di polizia. E il resto del Paese è tornato ad assistere ai blocchi stradali che hanno causato anche un morto: il terzo dall’inizio delle proteste dei gilet gialli.

Ma la protesta non si ferma qui. E l’annuncio della moratoria sul prezzo dei carburanti è solo una soluzione temporanea (e irrisoria) rispetto sa quanto sta avvenendo in Francia: una vera e propria ribellione contro Emmanuel Macron, che si sta allargando a macchia d’olio in tutti i settori della popolazione. La protesta sul caro-carburanti è stata solo l’inizio. Adesso è chiaro che si è trasformata in una larga manifestazione di dissenso e malcontento contro un sistema di potere e di governo.

Oggi, nella regione di Parigi, si sono sollevati 188 istituti superiori e si sono registrati nuovi incidenti che hanno coinvolto politica e studenti. A Seine-Saint-Denis, le agitazioni coinvolgono più di venti scuole, mentre in diversi licei sono stati appiccati incendi fuori dalle scuole. Polizia e vigili del fuoco sono dovuti intervenire per sedare non solo il fuoco ma anche le proteste. Ieri, Digione e Lione sono state teatri di scontri tra studenti e le forze dell’ordine. A Tolosa sono decine i licei occupati. E per venerdì è prevista una nuova grande mobilitazione nazionale, questa volta degli studenti.

Mentre Parigi brucia e le città si rivoltano, il resto del Paese inizia a essere colpito dai primi effetti dei blocchi delle arterie stradali e delle proteste dei gilet gialli. Perché se la capitale francese è diventata il teatro degli scontri di piazza, nel resto del Paese, culla della protesta della Francia profonda, la rivolta ha caratteri diversi.

In Bretagna, ad esempio, le stazioni di servizio hanno iniziato i primi razionamenti di carburante. La prefettura di Finistère ha anche imposto delle restrizioni per evitare che le pompe di benzina siano prese d’assalto, obbligando a un tetto massimo di rifornimento. I gilet gialli continuano a bloccare i grandi depositi di carburante di Lorient e Brest. E come spiegano i media francesi, il deposito Total di Vern-sur-Seiche, a pochi chilometri da Rennes, attualmente è l’unico deposito che rifornisce tutta la Bretagna.

Nel resto della Francia, la situazione non è migliore. Le arterie stradali sono tutte interessate da blocchi stradali o da presenza di manifestanti. E c’è chi parla anche di razionamento delle scorte alimentari e di carburante in vista della grande mobilitazione di questo fine settimana.

La protesta inizia a estendersi e prendere vigore nelle campagne. A Limoges, studenti, agricoltori e gilet gialli si sono uniti in un’unica grande manifestazione per chiedere le dimissioni di Macron. I trattori hanno bloccato le sedi di alcune istituzioni in diverse città della provincia. E si registrano circa duemila persone che sono scese in strada per protestare

Una situazione non diversa anche in altre parti della Francia rurale, dove gli agricoltori sono scesi in strada per protestare contro l’aumento delle imposte sui carburanti, che colpiscono direttamente la categoria, ma anche contro le politiche per il settore primario volute da Macron.

E le fiamme della protesta hanno raggiunto anche i dipartimenti d’Oltremare. A Réunion, i gilet gialli continuano il blocco del Grand Port. Una mossa disperata: quello è l’unico punto d’accesso per l’isola ed è vitale per la sua economia. Ma qui, forse anche più che in Francia, la crisi non sembra avere fine. E i cittadini sono costretti a protestare in maniera drastica.

La tensione è altissima. L’Eliseo per ora ha negato il ripristino dello stato d’emergenza come nel periodo della minaccia del terrorismo islamico. Ma la polizia si sente sempre più incapace di gestire la situazione. E sono molti a invocare l’intervento dell’esercito a sostegno delle forze dell’ordine. Soprattutto perché le proteste riguardano tutto il territorio francese e non solo alcune grandi città.

Ma chi invoca i militari non sono solo le forze dell’ordine, anche gli stessi manifestanti. E questo è un dato particolarmente interessante. Christophe Chalençon, uno dei portavoce dei gilet gialli della Vaucluse, ha dichiarato ai microfoni di Europe 1 che il generale de Villiers “ha servito la Francia di sinistra o di destra. Oggi a capo del governo ci vuole un uomo di polso”. Un segnale molto importante sulle idee di alcuni segmenti del movimento. Il generale, capo delle forze armate, diede le dimissioni dal suo incarico dopo che furono annunciato i tagli alla Difesa. “Non mi lascerò fottere così”, dichiarò pubblicamente il generale. E adesso la piazza invoca il suo nome.

Fonte

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Siamo ancora fermi al ’68

      femministe-non-una-di-meno di Marcello Veneziani. Femministe sul piede di guerra, dichiarazioni d’odio e disprezzo verso le famiglie anzi verso Dio, patria e famiglia, campagne d’odio contro carabinieri e poliziotti, lotte per l’aborto, il sesso libero e la droga legalizzata… porte aperte a tutti, società sconfinata, abbasso i muri e i freni, indulgenti con i trasgressori, intolleranti coi conservatori, accuse di fascismo a chiunque non sia dalla loro parte, anzi, elevazione del fascismo a categoria metastorica, pacifismo libertario, ma a chi non concorda tappiamogli la bocca…Rieccolo, il 68. Non è tornato, non se n’era mai andato, solo che ora esce allo scoperto e si sente nuovo, mentre si avverte che è rancido, inacidito, invecchiato male e andato a male. Leggi il seguito… 

    • È guerra contro la famiglia, vescovi non reclutati

      bassetti di Andrea Zambrano. Quella di Verona si sta delineando come una guerra per distruggere la famiglia. Eppure i vescovi non si rendono conto che una guerra è stata dichiarata. San Giovanni Paolo II disse che "attorno alla famiglia e alla vita si svolge oggi la lotta fondamentale della dignità dell'uomo". E quando c'è una lotta bisogna combattere non auspicare buonismo.  Leggi il seguito… 

    • Tre conversioni non ne fanno una

      vescovi di Stefano Fontana. Da tempo sono apparse all’orizzonte del cattolicesimo tre nuove conversioni. Si tratta della conversione pastorale, della conversione sinodale e della conversione ecologica. La prima è largamente presente in Amoris laetitia, la seconda è stata espressamente indicata da papa Francesco in Evangelii gaudium, e la terza nell’enciclica Laudato si’. La parola conversione la Chiesa l’aveva sempre adoperata per indicare il volgersi a Cristo, unico Salvatore. Ora viene usata in questi altri significati, e non senza un perché alle spalle. Leggi il seguito… 

    • “Ecco perchè non servivano le Unioni civili”

      Monica Cirinnà 1 di Maura Delle Case. “Non c’era bisogno della legge sulle Unioni civili per garantire diritti alle coppie di conviventi perché quei diritti erano già stati riconosciuti dalla giurisprudenza”. Carlo Amedeo Giovanardi di Idea e oppositore strenuo della legge 76/2016 rea a suo dire “d’aver socchiuso la porta ad adozioni e utero in affitto per le coppie omosessuali”, liquida così la sentenza del tribunale di Pordenone sull’assegno riconosciuto, all’atto di scioglimento dell’unione civile, alla parte debole di una coppia di donne. Leggi il seguito…