L’Unione debole nutre i violenti

assalto-a-sede-ue2

di Gian Micalessin.

Spiegare un fatto senza precedenti come il tentato assalto di ieri alle sedi Ue di Bruxelles con la violenza dell’estrema destra è improprio e riduttivo. Quell’esplosione di violenza, accompagnata dalla presenza di oltre 5mila manifestanti, è la dimostrazione di come il malessere verso l’Unione Europea cresca di giorno in giorno. E come questo malessere raggiunga il suo apice quando ci sono in ballo questioni come la sovranità nazionale e i migranti

*****************

A sinistra se la caveranno liquidandolo come un nuovo segnale del fascismo emergente. Ma i fallimenti della sinistra derivano dall’abbinamento di analisi politiche desuete alla convinzione che criminalizzare basti ad esorcizzare ogni evento politicamente sgradito.

Meglio dunque evitare l’errore. Spiegare un fatto senza precedenti come il tentato assalto di ieri alle sedi Ue di Bruxelles con la violenza dell’estrema destra è improprio e riduttivo. Quell’esplosione di violenza, accompagnata dalla presenza di oltre 5mila manifestanti, è la dimostrazione di come il malessere verso l’Unione Europea cresca di giorno in giorno. E come questo malessere raggiunga il suo apice quando ci sono in ballo questioni come la sovranità nazionale e i migranti. Non a caso sono stati questi due temi – dopo il benvenuto ai richiedenti asilo lanciato dalla Merkel nel 2015 – ad aver innescato prima la Brexit e poi la rivolta di sovranisti ed euro-scettici.

E sono stati ancora una volta questi temi a garantire adesioni alle manifestazioni inscenate ieri a Bruxelles. Per attirare manifestanti è bastato cavalcare il malcontento per quel «global compact» sui migranti che, solo una settimana prima, aveva spinto i nazionalisti della Nuova Alleanza Flamminga ad abbandonare l’esecutivo del premier Charles Michel. Un premier accusato dagli alleati di destra d’aver garantito, senza alcuna consultazione preventiva, la partecipazione dell’esecutivo alla conferenza dell’Onu di Marrakech in cui è stato dato il via libera al Global Compact.

Stipulato da un’istituzione transnazionale e non eletta come l’Onu, rifiutato da paesi come Svizzera, Italia, Usa, Israele, Polonia e Australia, ma sottoscritto e consigliato dalla Ue, il cosiddetto «Global compact» è la sintesi di tutto ciò che fa andar in bestia gli euroscettici. Seppur ufficialmente non vincolante il documento punta non solo a garantire uguali diritti a migranti regolari e non, allargando a dismisura le maglie dell’accoglienza, ma anche a sottrarre agli stati nazionali e ai governi democraticamente eletti il controllo delle frontiere e la gestione degli arrivi per trasferirli a organizzazioni scelte dall’Onu o dalla stessa Ue. Tutto quel che serve per garantire linfa vitale a quel movimento populista che alle europee del prossimo maggio tenterà il vero assalto alle fortezze Ue di Bruxelles.

Fonte: il Giornale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • I cattolici, il suicidio assistito e l’Ordinanza della Corte costituzionale

      di Silvio Brachetta. Assuntina Morresi, su Tempi, critica le posizioni dell’Osservatorio Van Thuân – espresse da Stefano Fontana – circa la necessità di non scendere a compromessi sull’eutanasia. Il compromesso in questione – che un gruppo di parlamentari cattolici ha richiesto alla Conferenza episcopale italiana di sostenere – prevede, tra l’altro, l’attenuazione delle pene regolate dall’articolo 580 del Codice penale, nella speranza di mantenerlo in essere. Se, infatti, l’articolo 580 non sarà abrogato, costituirà almeno un argine all’eutanasia, che potrebbe essere introdotta da future legislazioni in materia Leggi il seguito…

    • Ma oltre i migranti ci sono i restanti

      di Marcello Veneziani. Ero l’altro giorno a Otranto nella piazza dedicata “all’umanità migrante”, dove campeggia un monumento in forma di barca dedicato ai migranti. E mi sono detto: ma all’umanità restante nessuno dedica niente, piazze, monumenti, prediche, premure? Non c’è settimana che Papa Bergoglio non si preoccupi dei migranti che ritiene un’umanità speciale; a loro dà priorità e dedica l’evangelico “Prima gli ultimi”. E non c’è dem, progressista, radicale, cattosinistro, ogni santo giorno, che non consideri bestie, razzisti, subumani e disumani coloro che non ritengono assoluto e illimitato il diritto di migrare e il dovere di essere accolti. Al Papa e ai promigranti vorrei dire: i veri ultimi non sono i migranti. Sono i restanti. Leggi il seguito…

    • La Sea Watch3, Antigone e la Dottrina sociale della Chiesa

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. La Dottrina sociale della Chiesa non è mai stata tenera verso lo Stato, anche nella sua forma di “Stato di diritto” (Rule of Law) nel quale governa la legge. Ciò però non vuol dire che entrare in acque territoriali di uno Stato sovrano come l’Italia, non obbedire alle intimazioni della Guardia costiera e, anzi, speronare una imbarcazione della stessa Guardia siano atti da apprezzare. Leggi il seguito…

    • Ambiguità su Vincent, è l’ecumenismo dell’eutanasia

      di Tommaso Scandroglio. Dopo la morte del 42enne disabile francese, è stata resa nota una Dichiarazione congiunta di sei responsabili religiosi (due cattolici) della città di Reims. I firmatari sono il rabbino Amar, l’imam Bendaoud, i pastori protestanti Langlois e Geoffroy, l’arcivescovo de Moulins-Beaufort e il suo ausiliare Feillet. Dal documento pare proprio che i sei ritengano che aver dato acqua e cibo a Lambert fosse accanimento terapeutico. Segno della dinamica involutiva, anche in casa cattolica, rispetto ai principi non negoziabili, che sta portando all’accettazione supina dell’eutanasia. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.