L’Unione debole nutre i violenti

assalto-a-sede-ue2

di Gian Micalessin.

Spiegare un fatto senza precedenti come il tentato assalto di ieri alle sedi Ue di Bruxelles con la violenza dell’estrema destra è improprio e riduttivo. Quell’esplosione di violenza, accompagnata dalla presenza di oltre 5mila manifestanti, è la dimostrazione di come il malessere verso l’Unione Europea cresca di giorno in giorno. E come questo malessere raggiunga il suo apice quando ci sono in ballo questioni come la sovranità nazionale e i migranti

*****************

A sinistra se la caveranno liquidandolo come un nuovo segnale del fascismo emergente. Ma i fallimenti della sinistra derivano dall’abbinamento di analisi politiche desuete alla convinzione che criminalizzare basti ad esorcizzare ogni evento politicamente sgradito.

Meglio dunque evitare l’errore. Spiegare un fatto senza precedenti come il tentato assalto di ieri alle sedi Ue di Bruxelles con la violenza dell’estrema destra è improprio e riduttivo. Quell’esplosione di violenza, accompagnata dalla presenza di oltre 5mila manifestanti, è la dimostrazione di come il malessere verso l’Unione Europea cresca di giorno in giorno. E come questo malessere raggiunga il suo apice quando ci sono in ballo questioni come la sovranità nazionale e i migranti. Non a caso sono stati questi due temi – dopo il benvenuto ai richiedenti asilo lanciato dalla Merkel nel 2015 – ad aver innescato prima la Brexit e poi la rivolta di sovranisti ed euro-scettici.

E sono stati ancora una volta questi temi a garantire adesioni alle manifestazioni inscenate ieri a Bruxelles. Per attirare manifestanti è bastato cavalcare il malcontento per quel «global compact» sui migranti che, solo una settimana prima, aveva spinto i nazionalisti della Nuova Alleanza Flamminga ad abbandonare l’esecutivo del premier Charles Michel. Un premier accusato dagli alleati di destra d’aver garantito, senza alcuna consultazione preventiva, la partecipazione dell’esecutivo alla conferenza dell’Onu di Marrakech in cui è stato dato il via libera al Global Compact.

Stipulato da un’istituzione transnazionale e non eletta come l’Onu, rifiutato da paesi come Svizzera, Italia, Usa, Israele, Polonia e Australia, ma sottoscritto e consigliato dalla Ue, il cosiddetto «Global compact» è la sintesi di tutto ciò che fa andar in bestia gli euroscettici. Seppur ufficialmente non vincolante il documento punta non solo a garantire uguali diritti a migranti regolari e non, allargando a dismisura le maglie dell’accoglienza, ma anche a sottrarre agli stati nazionali e ai governi democraticamente eletti il controllo delle frontiere e la gestione degli arrivi per trasferirli a organizzazioni scelte dall’Onu o dalla stessa Ue. Tutto quel che serve per garantire linfa vitale a quel movimento populista che alle europee del prossimo maggio tenterà il vero assalto alle fortezze Ue di Bruxelles.

Fonte: il Giornale

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Politically correct, “è colpa nostra” come catechismo

      capozzi-libro-politically-correct di Aurelio Porfiri. Il politically correct è come un "catechismo civile", una somma di "precetti", di divieti, di censure in cui si compendia la retorica di un'ideologia ben precisa: quello che possiamo chiamare neo-progressismo, ideologia dell'Altro. È entrato nelle nostre vite “con una martellante opera di propaganda, di estensione e profondità ‘orwelliane’, che pretende di eliminare dai prodotti culturali, dalla dialettica politica, dai comportamenti pubblici e privati, dai luoghi della formazione, ogni termine o concetto che possano essere considerati ‘discriminatori’, ‘offensivi’, per imporre un'idea di ‘rispetto’ che in effetti coincide con un totale indifferentismo, nel quale la ‘verità’ politica è decisa volta a volta dalle élite che ‘dettano la linea’ alle società”. Intervista a Capozzi, autore del libro "Politicamente corretto. Storia di un'ideologia". Leggi il seguito… 

    • Il Papa spinge Verona: famiglia naturale insostituibile

      bergoglio-a-loreto di Nico Spuntoni. «Nella delicata situazione del mondo odierno, la famiglia fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna assume un’importanza e una missione essenziali». Le parole del Papa ieri a Loreto corrispondono perfettamente allo spirito del Congresso mondiale delle Famiglie che si svolgerà a Verona nel fine settimana e che è oggetto di violentissime polemiche e accuse di oscurantismo, a cui si è accodata anche una parte del mondo cattolico. Leggi il seguito… 

    • Altro che famiglia

      alfredo-mantovano di Alfredo Mantovano. Se la precedente Legislatura ha assestato colpi non da poco alle disposizioni sul matrimonio e sulla famiglia, con le leggi sul divorzio breve, sul divorzio facile, sulle unioni civili, con conseguente affievolimento normativo del legame sociale fondamentale, in questa Legislatura – in controtendenza rispetto alla ricomparsa dello Stato in alcuni settori dell’economia – si va verso la privatizzazione del rapporto coniugale: gli accordi prematrimoniali riducono il matrimonio a un contratto come tanti altri che, come per la somministrazione di un servizio, disciplina le modalità di conclusione prima ancora di iniziare, in un’ottica mercantilistica consacrata in clausole negoziali. Leggi il seguito… 

    • Congresso delle famiglie a Verona. Il test della libertà democratica nel Paese. Dove è la Chiesa?

      world-congress-family-verona di Marco Tosatti. Il Congresso Mondiale delle Famiglie in programma a Verona è un test importante, e tutto fa pensare che sia la Chiesa che il regime politico mediatico che si definisce progressista lo abbiano già fallito. Ma è un test importante per il Paese, perché è la cartina di tornasole della democrazia, che a parole la sinistra e i suoi giornali – i maggiori – dicono di apprezzare e difendere. In realtà l’unica democrazia che nei fatti difendono è la loro; e a chiunque si differenzi dal pensiero unico di cui sono servi felici impongono la mordacchia. Il Congresso è una cartina di tornasole della libertà di pensiero in questo Paese; Leggi il seguito…