L’Unione debole nutre i violenti

assalto-a-sede-ue2

di Gian Micalessin.

Spiegare un fatto senza precedenti come il tentato assalto di ieri alle sedi Ue di Bruxelles con la violenza dell’estrema destra è improprio e riduttivo. Quell’esplosione di violenza, accompagnata dalla presenza di oltre 5mila manifestanti, è la dimostrazione di come il malessere verso l’Unione Europea cresca di giorno in giorno. E come questo malessere raggiunga il suo apice quando ci sono in ballo questioni come la sovranità nazionale e i migranti

*****************

A sinistra se la caveranno liquidandolo come un nuovo segnale del fascismo emergente. Ma i fallimenti della sinistra derivano dall’abbinamento di analisi politiche desuete alla convinzione che criminalizzare basti ad esorcizzare ogni evento politicamente sgradito.

Meglio dunque evitare l’errore. Spiegare un fatto senza precedenti come il tentato assalto di ieri alle sedi Ue di Bruxelles con la violenza dell’estrema destra è improprio e riduttivo. Quell’esplosione di violenza, accompagnata dalla presenza di oltre 5mila manifestanti, è la dimostrazione di come il malessere verso l’Unione Europea cresca di giorno in giorno. E come questo malessere raggiunga il suo apice quando ci sono in ballo questioni come la sovranità nazionale e i migranti. Non a caso sono stati questi due temi – dopo il benvenuto ai richiedenti asilo lanciato dalla Merkel nel 2015 – ad aver innescato prima la Brexit e poi la rivolta di sovranisti ed euro-scettici.

E sono stati ancora una volta questi temi a garantire adesioni alle manifestazioni inscenate ieri a Bruxelles. Per attirare manifestanti è bastato cavalcare il malcontento per quel «global compact» sui migranti che, solo una settimana prima, aveva spinto i nazionalisti della Nuova Alleanza Flamminga ad abbandonare l’esecutivo del premier Charles Michel. Un premier accusato dagli alleati di destra d’aver garantito, senza alcuna consultazione preventiva, la partecipazione dell’esecutivo alla conferenza dell’Onu di Marrakech in cui è stato dato il via libera al Global Compact.

Stipulato da un’istituzione transnazionale e non eletta come l’Onu, rifiutato da paesi come Svizzera, Italia, Usa, Israele, Polonia e Australia, ma sottoscritto e consigliato dalla Ue, il cosiddetto «Global compact» è la sintesi di tutto ciò che fa andar in bestia gli euroscettici. Seppur ufficialmente non vincolante il documento punta non solo a garantire uguali diritti a migranti regolari e non, allargando a dismisura le maglie dell’accoglienza, ma anche a sottrarre agli stati nazionali e ai governi democraticamente eletti il controllo delle frontiere e la gestione degli arrivi per trasferirli a organizzazioni scelte dall’Onu o dalla stessa Ue. Tutto quel che serve per garantire linfa vitale a quel movimento populista che alle europee del prossimo maggio tenterà il vero assalto alle fortezze Ue di Bruxelles.

Fonte: il Giornale

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • L’ombra dei pedofili e le strane carriere dei porporati gay tra le mura vaticane

      bergoglio_mccarrick di Riccardo Cascioli. Non basterà a papa Francesco la ormai certa riduzione allo stato laicale dell'ex cardinale statunitense Theodore McCarrick per calmare le acque e gestire a suo modo il vertice sugli abusi sessuali del clero convocato in Vaticano dal 21 al 24 febbraio prossimo, con la presenza dei presidenti delle Conferenze episcopali di tutto il mondo. Leggi il seguito… 

    • Tutti eredi di Sturzo. Ma c’è poco di cui rallegrarsi

      luigi_sturzo di Stefano Fontana. La statura morale e intellettuale di don Luigi Sturzo è indiscutibile, ma gli esiti di quel suo "appello ai liberi e forti" di cento anni fa sono tutt'altro che positivi: è iniziato allora il cammino di un progressivo distacco del criterio della fede dalla politica. Vedere oggi i tanti - anche di opposte visioni - che vogliono far rivivere quell'esperienza con nuovi appelli "ai liberi e forti" non può non lasciare perplessi. Leggi il seguito… 

    • ll ’68, sfida per i cattolici oggi. La lezione di Del Noce

      del-noce di Luca Del Pozzo. Tra le tante letture critiche di quel ‘68 che ha rappresentato, come ebbe a dire Benedetto XVI, una vera e propria “cesura storica”, un posto a parte merita quella di Augusto Del Noce. Tanto il marxismo quanto la società tecnocratica quanto il ’68 ponevano quella per Del Noce era “la” questione innanzi alla quale i cattolici erano (e sono) chiamati a dire la loro: la questione antropologica. Leggi il seguito… 

    • “Ecco chi raccoglie l’eredità di don Luigi Sturzo…”

      luigi_sturzo di Federico Cenci. È passato un secolo da quando un giovane sacerdote siciliano, don Luigi Sturzo, pronunciò il celebre appello destinato a cavare una massiccia sacca elettorale dalle paludi del "non expedit". Dopo decenni in cui i cattolici italiani, su indicazione di Pio IX, avevano rifiutato lo Stato unitario e la partecipazione alle elezioni, il Partito Popolare Italiano offrì loro una forza in cui riconoscersi.  Della possibilità di tener viva l'eredità popolare e democristiana se ne discute oggi alla Camera, nel corso della conferenza “1919-2019. Popolari oggi, da Sturzo al nuovo millennio”. La relazione introduttiva è affidata a Gennaro Sangiuliano, direttore del Tg2. In Terris lo ha intervistato per conoscere uno dei diversi punti di vista sul tema Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.