Lo scontro tra Russia e Ucraina: quale la verità?

russiaucraina675
di D.S.*
Di nuovo, quando si tratta della Russia, i principali media occidentali diffondono disinformazione, come nel recente caso delle navi ucraine bloccate dalla marina russa sul Mar Nero, nei pressi del Mar d’Azov.
Inizialmente si è parlato vagamente di acque territoriali russe, ma si è lasciato intendere che fossero le acque antistanti la Crimea, che l’Unione Europea e la NATO non riconoscono come appartenente alla Federazione Russa.
Invece l’incidente è avvenuto in acque territoriali russe, che erano tali anche prima dell’ingresso della Crimea nella Federazione Russa (per richiesta della prima). Poi si è passati a parlare solo di navi ucraine sequestrate dai russi, che erano dirette ad una città ucraina sul Mar d’Azov. In generale, tuttavia, non si sono viste analisi accurate, men che meno imparziali su quali siano i fatti. Si sono spese, invece, molte parole sullo sdegno che l’episodio suscita o dovrebbe suscitare sullo scacchiere internazionale. Insomma, si è soffiato sul fuoco della guerra.

Guardando i telegiornali russi, vediamo una narrazione molto diversa di quanto accaduto, corredata da molte immagini filmate. Innanzitutto le navi ucraine sequestrate sono navi da guerra, a bordo delle quali sono state trovate molte munizioni e armi. Sono poi state esposte e ordinate sugli scafi affinché siano visibili da tutti. Queste navi sono entrate nelle acque territoriali russe, ignorando l’alt impartito dalla marina russa, la quale ha poi sparato alcuni colpi e ferito alcuni marinai ucraini. L’incidente si è chiuso con il sequestro delle imbarcazioni e l’arresto degli equipaggi.
Ora vorrei sapere quale Stato, tra coloro che puntano il dito solo sulla Russia, permetterebbe a navi da guerra straniere di invadere le proprie acque territoriali senza muovere un dito? E’ giusto poi sdegnarsi perché uno Stato è intervenuto a proteggere le proprie acque territoriali? Inoltre, che andavano cercando le navi ucraine, se non una provocazione per aizzare l’opinione pubblica internazionale contro la Russia?
Non sono state riportate neppure le dichiarazioni che Putin ha fatto sull’incidente al G20 di qualche giorno fa. Tra l’altro, ha ricordato il dettaglio che le navi erano entrate in acque territoriali russe, non delle Crimea (per chi ne contesta l’appartenenza alla Federazione Russa).
Infine, il presidente ucraino – che ha davanti le elezioni di marzo e che è al quinto posto nei sondaggi – continua a ripetere che la Russia intenderebbe invadere l’Ucraina. Lo stesso viene detto da tempo delle Repubbliche Baltiche. Ora, vorrei sapere: c’è una dichiarazione, una rivendicazione, una parola, un’allusione anche velata del Governo Russo in merito a simili propositi? No. Se ci fosse, verrebbe mostrata e rimostrata fino alla nausea dai nostri media, come prova delle accuse lanciate. Perché dunque continuare ad agitare questo spauracchio?
I giornalisti italiani, che recentemente hanno rivendicato la propria libertà di stampa davanti al Governo e vantato il loro dovere professionale di informare, non sembrano però voler dare di certi eventi un resoconto completo, che non taccia su certi particolari chiave, e che venga steso dopo aver sentito entrambe le campane.
D.S. è un italiano che lavora in Russia
Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • «Tutti i cristiani in Francia si mobilitino contro la distruzione dell’umano»

      di Tempi. «La Chiesa cattolica chiede a tutti i cristiani di mobilitarsi a causa delle implicazioni etiche e antropologiche di questa legge. Davanti alla commercializzazione dell’essere umano, che si staglia in sottofondo, non possiamo non reagire». Lo ha dichiarato in un’intervista a Boulevard Voltaire monsignor Dominique Rey, vescovo di Frejus-Toulon. Il prelato francese si riferisce alla legge “Pma per tutte“, ribattezzata “Pma senza padre”, che darà diritto a tutte le donne (single o impegnate in una coppia lesbica) di accedere alla fecondazione eterologa a spese dei contribuenti e di essere dichiarate “madri” sull’atto di nascita, anche in assenza di legame biologico con il nascituro. Il padre, ridotto a materiale genetico, sarà al contrario cancellato dall’atto di nascita. Leggi il seguito…

    • Cambiamo!, firmato l’atto costitutivo: con Toti già 9 parlamentari

      di l’Occidentale. È stato firmato ieri a Palazzo Grassi a Roma l’atto costitutivo del partito di Giovanni Toti Cambiamo! alla presenza di parlamentari, assessori, consiglieri regionali e amministratori provenienti da tutta Italia. “Da questo momento – ha spiegato Giovanni Toti – il panorama politico si arricchisce ufficialmente di una nuova forza che punta a dare voce a tutti coloro che non si sentono più rappresentati dai partiti tradizionali e sognano un centrodestra nuovo. Leggi il seguito…

    • Se il ministro dell’Istruzione invita gli studenti a fare sciopero come Greta

      di Giuseppe Leonelli. Il grillino Lorenzo Fioramonti ha dato la propria benedizione allo sciopero degli studenti approvando la scelta dei ragazzi di disertare la scuola. Fingendo di non capire che se il Ministro dell’istruzione benedice il boicottaggio delle lezioni degli studenti italiani da un lato rinnega il proprio mandato, dall’altro toglie peso alla protesta stessa. Senza un Sistema di regole, che il Ministro è chiamato come garante massimo delle Istituzioni a far rispettare, le proteste e la ribellione che valore hanno? Se chi trasgredisce le norme riceve il plauso di chi deve farle rispettare, allora vale tutto Leggi il seguito…

    • Amazzonia: Ratzinger e Rahner a confronto

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. L’Instrumentum laboris del prossimo sinodo dell’Amazzonia non parla mai di evangelizzazione ma solo di inculturazione, non parla mai di insegnare ma solo di ascoltare, non parla mai di fare domande ma di farsi domande, non di interrogare ma di farsi interrogare. In altre parole la Chiesa dovrebbe farsi “amazzonica”, nel senso di riformularsi (“disimparare, reimparare, imparare” dice il documento). Questa è appunto la posizione di Rahner e non quella di Ratzinger Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.