Il suicidio di Pina Orlando: conseguenza della fecondazione artificiale?

pina

Il suicidio di Pina Orlando fa pensare. Sì perchè la povera mamma disperata aveva avuto 3 gemelle, una delle quali morta subito, le altre due, a quanto sembra, gravamente malate (“Inoltre una delle due gemelline era nata completamente cieca e non avrebbe riacquistato la vista. L’ altra avrebbe avuto per tutta la vita deficit deambulatori”). Ora è noto che la fecondazione artificiale produce spesso: parti multipli e bimbi prematuri con gravi disabilità.

Essa inoltre genera sovente uno stress fortissimo nei genitori, in particolare sulla madre, coinvolta in iperstimolazioni ovariche ed altri trattamenti medici causa, non di rado, di gravi depressioni nella donna, oltre che di un’alta conflittualità coniugale, soprattutto in caso di ricorso all’eterologa.

Giustamente Leggo ricorda: Gli scompensi ormonali dovuti ai farmaci utilizzati per la fecondazione assistita (oltre alla notizia delle bimba morta e delle altre due malate, ndr) hanno fatto il resto ( https://www.leggo.it/italia/roma/mamma_suicida_tevere_gemelline_ultime_notizie_23_dicembre_2018-4191234.htmlhttps://www.leggo.it/italia/roma/mamma_suicida_tevere_ricerche_gemelline_ultime_notizie-4191106.html  )

 

Vedremo se questa lettura sarà confermata o meno.

In ogni caso nei resoconti compare troppo di rado, e come fosse ininfluente, il fatto centrale: la pericolosità delle tecniche artificiali!

 

Qui

 

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • L’ombra dei pedofili e le strane carriere dei porporati gay tra le mura vaticane

      bergoglio_mccarrick di Riccardo Cascioli. Non basterà a papa Francesco la ormai certa riduzione allo stato laicale dell'ex cardinale statunitense Theodore McCarrick per calmare le acque e gestire a suo modo il vertice sugli abusi sessuali del clero convocato in Vaticano dal 21 al 24 febbraio prossimo, con la presenza dei presidenti delle Conferenze episcopali di tutto il mondo. Leggi il seguito… 

    • Tutti eredi di Sturzo. Ma c’è poco di cui rallegrarsi

      luigi_sturzo di Stefano Fontana. La statura morale e intellettuale di don Luigi Sturzo è indiscutibile, ma gli esiti di quel suo "appello ai liberi e forti" di cento anni fa sono tutt'altro che positivi: è iniziato allora il cammino di un progressivo distacco del criterio della fede dalla politica. Vedere oggi i tanti - anche di opposte visioni - che vogliono far rivivere quell'esperienza con nuovi appelli "ai liberi e forti" non può non lasciare perplessi. Leggi il seguito… 

    • ll ’68, sfida per i cattolici oggi. La lezione di Del Noce

      del-noce di Luca Del Pozzo. Tra le tante letture critiche di quel ‘68 che ha rappresentato, come ebbe a dire Benedetto XVI, una vera e propria “cesura storica”, un posto a parte merita quella di Augusto Del Noce. Tanto il marxismo quanto la società tecnocratica quanto il ’68 ponevano quella per Del Noce era “la” questione innanzi alla quale i cattolici erano (e sono) chiamati a dire la loro: la questione antropologica. Leggi il seguito… 

    • “Ecco chi raccoglie l’eredità di don Luigi Sturzo…”

      luigi_sturzo di Federico Cenci. È passato un secolo da quando un giovane sacerdote siciliano, don Luigi Sturzo, pronunciò il celebre appello destinato a cavare una massiccia sacca elettorale dalle paludi del "non expedit". Dopo decenni in cui i cattolici italiani, su indicazione di Pio IX, avevano rifiutato lo Stato unitario e la partecipazione alle elezioni, il Partito Popolare Italiano offrì loro una forza in cui riconoscersi.  Della possibilità di tener viva l'eredità popolare e democristiana se ne discute oggi alla Camera, nel corso della conferenza “1919-2019. Popolari oggi, da Sturzo al nuovo millennio”. La relazione introduttiva è affidata a Gennaro Sangiuliano, direttore del Tg2. In Terris lo ha intervistato per conoscere uno dei diversi punti di vista sul tema Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.