Gli Usa via da Siria e Afghanistan

trump

Conoscendo la foga guerrafondaia di Clinton, speravo davvero che Trump avrebbe mantenuto le promesse elettorali (“Basta esportazione della democrazia!”), ma ho sempre dubitato che sarebbe riuscito a farlo. Il deep state aveva in agenda scontri con Iran, Corea del Nord, Siria, Russia…
H. Clinton aveva fatto capire che quella sarebbe stata la sua linea.
Nulla è definitivo, oggi, e nulla è certo, con Trump.

Però i fatti sono fatti: al di là di tante dichiarazioni, per ora gli Usa di Trump non hanno fatto guerre, ma siglato paci (inaudito, se solo si pensa ai disastri del premio Nobel per la Pace Obama); l’Isis è ormai sconfitto; la Corea del Nord sembra avviarsi verso la pace con la Corea del sud, e Trump, contro i generali, spegne il più possibile i constrasti con la Russia e ritira finalmente le truppe da Siria e Afghanistan (dopo 17 anni!).

Di più: il generale Mattis – veterano della I guerra del Golfo, durissimo con la Russia, contrario alle trattative ragionevoli di Obama con l’Iran ecc.- dà le dimissioni, e il Corrierone piange, ricordando che lui sì che era un militare serio: “Nella visione di Mattis la Russia resta il pericolo numero uno per gli Stati Uniti. Mosca va contrastata ovunque” (Giuseppe Sarcina, sul Corriere). Dal canto suo anche Repubblica, con Fubini, sembra piuttosto arrabbiata con il presidente isolazionista che ha rotto con “uno dei poteri forti più legati alla proiezione imperiale degli Stati Uniti” (l’analisi di Fubini, tutta con Mattis e i generali “di destra” americani, avrà anche delle ragioni, ma che Repubblica stia apertamente con la “proiezione imperiale” degli Usa la dice lunga sul perchè appoggiasse a spada tratta la Clinton).
Ora, ribadisco, nulla è certo, Trump è imprevedibile (ed è la sua “pazzia” a permettergli di fare ciò che altri non oserebbero mai) e i suoi avversari interni ancora di più, ma per ora mi sembra non si possa che gioire…
Aggiungo che i timori di Repubblica e Corriere, l’assenza del gendarme Usa nel mondo, mi sembrano superficiali: gli Usa possono fare molto di più per la pace, come nel caso delle Coree, quando collaborano e usano in modo intelligente la loro forza, piuttosto che come hanno fatto negli ultimi 30 anni, epoca in cui sono diventati invisi a metà del mondo con i loro interventi prepotenti e affrettati.

 

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • L’ombra dei pedofili e le strane carriere dei porporati gay tra le mura vaticane

      bergoglio_mccarrick di Riccardo Cascioli. Non basterà a papa Francesco la ormai certa riduzione allo stato laicale dell'ex cardinale statunitense Theodore McCarrick per calmare le acque e gestire a suo modo il vertice sugli abusi sessuali del clero convocato in Vaticano dal 21 al 24 febbraio prossimo, con la presenza dei presidenti delle Conferenze episcopali di tutto il mondo. Leggi il seguito… 

    • Tutti eredi di Sturzo. Ma c’è poco di cui rallegrarsi

      luigi_sturzo di Stefano Fontana. La statura morale e intellettuale di don Luigi Sturzo è indiscutibile, ma gli esiti di quel suo "appello ai liberi e forti" di cento anni fa sono tutt'altro che positivi: è iniziato allora il cammino di un progressivo distacco del criterio della fede dalla politica. Vedere oggi i tanti - anche di opposte visioni - che vogliono far rivivere quell'esperienza con nuovi appelli "ai liberi e forti" non può non lasciare perplessi. Leggi il seguito… 

    • ll ’68, sfida per i cattolici oggi. La lezione di Del Noce

      del-noce di Luca Del Pozzo. Tra le tante letture critiche di quel ‘68 che ha rappresentato, come ebbe a dire Benedetto XVI, una vera e propria “cesura storica”, un posto a parte merita quella di Augusto Del Noce. Tanto il marxismo quanto la società tecnocratica quanto il ’68 ponevano quella per Del Noce era “la” questione innanzi alla quale i cattolici erano (e sono) chiamati a dire la loro: la questione antropologica. Leggi il seguito… 

    • “Ecco chi raccoglie l’eredità di don Luigi Sturzo…”

      luigi_sturzo di Federico Cenci. È passato un secolo da quando un giovane sacerdote siciliano, don Luigi Sturzo, pronunciò il celebre appello destinato a cavare una massiccia sacca elettorale dalle paludi del "non expedit". Dopo decenni in cui i cattolici italiani, su indicazione di Pio IX, avevano rifiutato lo Stato unitario e la partecipazione alle elezioni, il Partito Popolare Italiano offrì loro una forza in cui riconoscersi.  Della possibilità di tener viva l'eredità popolare e democristiana se ne discute oggi alla Camera, nel corso della conferenza “1919-2019. Popolari oggi, da Sturzo al nuovo millennio”. La relazione introduttiva è affidata a Gennaro Sangiuliano, direttore del Tg2. In Terris lo ha intervistato per conoscere uno dei diversi punti di vista sul tema Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.