Cose che una donna – Prontuario di femminismo medievale

mascherinaPartiamo da un dato di fatto, riscontrabile nella quotidianità di ognuno: uomini e donne sono diversi. E spesso sono incapaci di comprendersi, accogliersi e valorizzarsi in questa ricca e generativa diversità, che ha segnato i tempi andati, segna l’oggi e segnerà il futuro.

Andrea Torquato Giovanoli, già apprezzato autore di diversi libri, in Cose che una donna – Prontuario di femminismo medievale (Gribaudi, 2018) affronta il tema del femminile  360 grandi, come di consueto condendo la sua scrittura con un pizzico di ironia e simpatici aneddoti familiari.

Ecco quindi che l’Autore affronta dapprima il fatto che uomini e donne sono biologicamente diversi: hanno un corpo diverso, un cervello diverso (sessuato, appunto), predisposizioni diverse, capacità differenti, modi di leggere e relazionarsi con la realtà spesso agli antipodi… e chi più ne ha, più ne metta.

A seguire, la parte centrale del libro è dedicata all’oggi: si parla delle differenti modalità comunicative (con la donna propensa alla lamentela e l’uomo che ha come segno distintivo del proprio linguaggio il silenzio), della differenza tra il materno (accudente e possessivo) e il paterno (volto al taglio del cordone ombelicale), della sessualità, dei ruoli sociali…

Infine, l’Autore getta uno sguardo (preoccupato?) al domani. Un domani dove appare necessario “riscoprire il valore di quella sorta di femminismo medievale, che sotto le tinte bizzarre del paradosso, cela l’atavica sapienza di ogni generazione di donna, fin dalla prima, la quale, nella consapevolezza di essere stata creata in pari dignità, ma specularmente complementare alla sua controparte maschile, riusciva a comprendere la natura profonda di entrambi i generi, nell’assecondare la connaturata disparità dei ruoli e sapendo pure trarre il meglio da ognuno, laddove si applicava con generosità nello sfruttamento delle sue innate doti relazionali. E allora orsù giovani donne, che non tutto è perduto: riscoprite le vostre cinquanta e più sfumature di rosa […]”. E così, uomini e donne saranno più liberi (e felici).

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La presunzione “statuale” dei giganti del web e la “lotta all’odio” come resistenza delle élite in declino

      di Antonio Pilati. La libertà d’espressione, un architrave delle democrazie consolidate, è sotto minaccia in molti Stati occidentali: l’insidia è doppia e proviene da due diverse fonti, una tecnica, l’altra sociale. Quella tecnica riguarda le piattaforme, ovvero gli ambienti immateriali che con i loro costrutti operativi – app, motori di ricerca, cluster – potenziano e trasformano la vita collettiva mentre la sganciano dall’interazione fisica. Quella sociale deriva da una capillare e articolata ideologia che sempre più coinvolge l’opinione pubblica. Leggi il seguito…

    • Disonora il padre e la madre

      di Marcello Veneziani. Genitore 1 a genitore 2, passo e chiudo la famiglia. Non è una comunicazione in codice della Volante ma è il nuovo codice della famiglia, già adottato in mezza Europa e ora negli Stati Uniti e ripristinato in questi giorni da noi da questo governo (come annunciato dal ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, sulla carta d’identità dei minori tornerà la dicitura “genitore 1 e genitore 2”); noi che siamo provinciali e ci adeguiamo sempre “all’estero”, come dicono gli idioti, ma in differita. La cancel culture non cancella solo i grandi del passato, ma anche la madre e il padre. La famiglia finisce in coda, prendi il numeretto e ti metti in fila. Magari sarà previsto anche un genitore 3, 4, e così via o i genitori decimali, dopo la virgola. Non importa il sesso e l’effettivo rapporto col minore, basta avere i numeri. Leggi il seguito…

    • L’etica in soccorso del medico che non vuole vaccinarsi

      di Tommaso Scandroglio. Sempre più medici non vogliono farsi vaccinare e sconsigliano il vaccino anti- Covid ai propri pazienti. E le associazioni di categoria minacciano perfino l'espulsione dall'Ordine. Ma l'etica è dalla loro parte. E anche la legge.  Leggi il seguito…

    • Trump ri-impicciato (forse). Vincono i neocon

      Il percorso per eliminare Trump dalla scena politica del prossimo futuro prosegue, ma non è così facile come ritenevano all’inizio i democratici e potrebbe anche finire sugli scogli. Se è vero che diversi repubblicani si sono detti favorevoli all’impeachement, non è ancora stata raggiunta la massa critica necessaria a far passare la legge, che necessita i tre quarti dei voti del Congresso. E il tempo scarseggia, dato che la procedura deve passare entro il 20 gennaio, data dell’insediamento di Joe Biden. Leggi il seguito…