Un incontro da non perdere

quaglia

Dove stiamo andando?

Questo governo è destinato a durare, o può accadere che si riaffermi l’alleanza tra Lega e centro destra, a scapito dei 5 Stelle?

C’è possibilità che rimangano insieme ancora a lungo Salvini e Di Maio (nonostante le loro divergenze su molti dossier caldi), Lorenzo Fontana, ministro pro la famiglia leghista e Vincenzo Spadafora, ministro grillino pro LGBT?

Forza Italia è un partito destinato a finire o ha possibilità di tornare ad avere un qualche ruolo? Sono solo alcune delle domande che Francesco Agnoli, storico, affronterà con due ospiti d’eccezione, il senatore di idea, già ministro per le riforme e docente di storia moderna presso l’Università di Bari, Gaetano Quagliariello e il giornalista de Il Giornale.it Francesco Boezi.

L’attualità italiana, ovviamente, verrà collocata nel più ampio contesto del rinnovamento mondiale: quale il rapporto tra gli Usa

di Donald Trump e la sempre più influente Russia di Vladimir Putin?

Dove ci porteranno il declino di Angela Merkel e quello, precipitoso, del presidente francese Macron? L’Unione Europea continuerà su questa strada o sarà costretta, dopo le elezioni di maggio, ad ascoltare anche i paesi in cui si è affermato il sovranismo?

Riuscirà l’Italia, oggi sotto lo sguardo benevolo di Russia ed America, ma fortemente in difficoltà con Germania e Francia, a trovare una sua politica estera dopo anni di insignificanza renziana?

Davvero molta carne al fuoco, ma con ospiti come Quagliariello, noto soprattutto per la sua conoscenza del mondo francese ed americano, e Francesco Boezi, che come collaboratore de «Gli occhi della guerra» si è occupato di elezioni americane, elezioni francesi e populismi, la profondità di analisi è assicurata.

Da: La voce del Trentino

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Voto in Umbria: si dice “lista civica”, si legge 5 Stelle

      di Ruben Razzante. E’ una vera e propria ipocrisia, un inganno ideologico ideato dalla politica “populista” per conquistare voti senza metterci la faccia, continuando a usare il consenso popolare per gestire il potere. La scommessa del “civismo”, in questa fase storica, sembra sommarsi a quella, purtroppo al momento vincente, del camaleontismo trasformistico. La formazione del Conte bis ha svelato il vero volto del nuovo inedito asse Pd-Cinque Stelle fondato sulla conquista delle leve del comando anche a prezzo della definitiva eclissi di qualsiasi criterio di coerenza culturale e politica. Leggi il seguito…

    • Macron e “Giuseppi”, la nuova coppia, in nome dell’Europa accogliente

      di Anicio Severino. Passa la scialuppa “Matteo Salvini” e Conte salta su. Passa l’imbarcazione macroniana e Conte salta pure su quella. Guardate che un cambio di gioco così, almeno nei tempi recenti, non si era ancora visto. Conte c’è e predica europeismo. “Sono stato sempre molto attento per formazione civica alla vita politica, la mia formazione è di sinistra nel cattolicesimo democratico. Anche quando ho parlato di immigrazione ho sempre ragionato rifuggendo la formula porti aperti o porti chiusi”. Lo ha detto per davvero, non per scherzo, nel corso della festa di Articolo Uno. Ce lo teniamo. Serva al centrodestra tutto come monito Leggi il seguito…

    • «Tutti i cristiani in Francia si mobilitino contro la distruzione dell’umano»

      di Tempi. «La Chiesa cattolica chiede a tutti i cristiani di mobilitarsi a causa delle implicazioni etiche e antropologiche di questa legge. Davanti alla commercializzazione dell’essere umano, che si staglia in sottofondo, non possiamo non reagire». Lo ha dichiarato in un’intervista a Boulevard Voltaire monsignor Dominique Rey, vescovo di Frejus-Toulon. Il prelato francese si riferisce alla legge “Pma per tutte“, ribattezzata “Pma senza padre”, che darà diritto a tutte le donne (single o impegnate in una coppia lesbica) di accedere alla fecondazione eterologa a spese dei contribuenti e di essere dichiarate “madri” sull’atto di nascita, anche in assenza di legame biologico con il nascituro. Il padre, ridotto a materiale genetico, sarà al contrario cancellato dall’atto di nascita. Leggi il seguito…

    • Cambiamo!, firmato l’atto costitutivo: con Toti già 9 parlamentari

      di l’Occidentale. È stato firmato ieri a Palazzo Grassi a Roma l’atto costitutivo del partito di Giovanni Toti Cambiamo! alla presenza di parlamentari, assessori, consiglieri regionali e amministratori provenienti da tutta Italia. “Da questo momento – ha spiegato Giovanni Toti – il panorama politico si arricchisce ufficialmente di una nuova forza che punta a dare voce a tutti coloro che non si sentono più rappresentati dai partiti tradizionali e sognano un centrodestra nuovo. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.