Un incontro da non perdere

quaglia

Dove stiamo andando?

Questo governo è destinato a durare, o può accadere che si riaffermi l’alleanza tra Lega e centro destra, a scapito dei 5 Stelle?

C’è possibilità che rimangano insieme ancora a lungo Salvini e Di Maio (nonostante le loro divergenze su molti dossier caldi), Lorenzo Fontana, ministro pro la famiglia leghista e Vincenzo Spadafora, ministro grillino pro LGBT?

Forza Italia è un partito destinato a finire o ha possibilità di tornare ad avere un qualche ruolo? Sono solo alcune delle domande che Francesco Agnoli, storico, affronterà con due ospiti d’eccezione, il senatore di idea, già ministro per le riforme e docente di storia moderna presso l’Università di Bari, Gaetano Quagliariello e il giornalista de Il Giornale.it Francesco Boezi.

L’attualità italiana, ovviamente, verrà collocata nel più ampio contesto del rinnovamento mondiale: quale il rapporto tra gli Usa

di Donald Trump e la sempre più influente Russia di Vladimir Putin?

Dove ci porteranno il declino di Angela Merkel e quello, precipitoso, del presidente francese Macron? L’Unione Europea continuerà su questa strada o sarà costretta, dopo le elezioni di maggio, ad ascoltare anche i paesi in cui si è affermato il sovranismo?

Riuscirà l’Italia, oggi sotto lo sguardo benevolo di Russia ed America, ma fortemente in difficoltà con Germania e Francia, a trovare una sua politica estera dopo anni di insignificanza renziana?

Davvero molta carne al fuoco, ma con ospiti come Quagliariello, noto soprattutto per la sua conoscenza del mondo francese ed americano, e Francesco Boezi, che come collaboratore de «Gli occhi della guerra» si è occupato di elezioni americane, elezioni francesi e populismi, la profondità di analisi è assicurata.

Da: La voce del Trentino

 

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Siamo ancora fermi al ’68

      femministe-non-una-di-meno di Marcello Veneziani. Femministe sul piede di guerra, dichiarazioni d’odio e disprezzo verso le famiglie anzi verso Dio, patria e famiglia, campagne d’odio contro carabinieri e poliziotti, lotte per l’aborto, il sesso libero e la droga legalizzata… porte aperte a tutti, società sconfinata, abbasso i muri e i freni, indulgenti con i trasgressori, intolleranti coi conservatori, accuse di fascismo a chiunque non sia dalla loro parte, anzi, elevazione del fascismo a categoria metastorica, pacifismo libertario, ma a chi non concorda tappiamogli la bocca…Rieccolo, il 68. Non è tornato, non se n’era mai andato, solo che ora esce allo scoperto e si sente nuovo, mentre si avverte che è rancido, inacidito, invecchiato male e andato a male. Leggi il seguito… 

    • È guerra contro la famiglia, vescovi non reclutati

      bassetti di Andrea Zambrano. Quella di Verona si sta delineando come una guerra per distruggere la famiglia. Eppure i vescovi non si rendono conto che una guerra è stata dichiarata. San Giovanni Paolo II disse che "attorno alla famiglia e alla vita si svolge oggi la lotta fondamentale della dignità dell'uomo". E quando c'è una lotta bisogna combattere non auspicare buonismo.  Leggi il seguito… 

    • Tre conversioni non ne fanno una

      vescovi di Stefano Fontana. Da tempo sono apparse all’orizzonte del cattolicesimo tre nuove conversioni. Si tratta della conversione pastorale, della conversione sinodale e della conversione ecologica. La prima è largamente presente in Amoris laetitia, la seconda è stata espressamente indicata da papa Francesco in Evangelii gaudium, e la terza nell’enciclica Laudato si’. La parola conversione la Chiesa l’aveva sempre adoperata per indicare il volgersi a Cristo, unico Salvatore. Ora viene usata in questi altri significati, e non senza un perché alle spalle. Leggi il seguito… 

    • “Ecco perchè non servivano le Unioni civili”

      Monica Cirinnà 1 di Maura Delle Case. “Non c’era bisogno della legge sulle Unioni civili per garantire diritti alle coppie di conviventi perché quei diritti erano già stati riconosciuti dalla giurisprudenza”. Carlo Amedeo Giovanardi di Idea e oppositore strenuo della legge 76/2016 rea a suo dire “d’aver socchiuso la porta ad adozioni e utero in affitto per le coppie omosessuali”, liquida così la sentenza del tribunale di Pordenone sull’assegno riconosciuto, all’atto di scioglimento dell’unione civile, alla parte debole di una coppia di donne. Leggi il seguito…