Protesta di Pro Vita al I Municipio per le dimissioni della Alfonsi

pro-vita_alfonsi_blitz

COMUNICATO STAMPA

Protesta di Pro Vita al Municipio I
Il presidente Brandi: «Con bavaglio e in silenzio per le dimissioni della Alfonsi»

Roma, 28 novembre 2018

«Da Sabrina Alfonsi abbiamo subìto un atto incivile e abusivo lunedì sera, quando la signora in questione ha deciso, con altre abortiste della Giunta, di imbrattare il manifesto in difesa del nascituro che è esposto nella nostra vetrina affacciata sulla strada. Per questo, insieme a sostenitori di Pro Vita e altri cittadini, siamo scesi in campo in difesa della libertà di dire la verità sul valore della vita.

Ci siamo presentati all’assemblea del Consiglio Municipale di Roma Centro per sostenere la richiesta di dimissioni del Presidente Alfonsi»: è quanto ha dichiarato Toni Brandi, presidente di Pro Vita, che si è presentato stamane con bavaglio e in silenzio insieme a sostenitori nell’Aula municipale per appoggiare la mozione di Fratelli d’Italia, che chiederà le dimissioni della presidente del I Municipio Sabrina Alfonsi.

Ormai gli abortisti non tollerano che si possa manifestare in favore della vita nemmeno nel proprio domicilio! Questa azione abusiva e liberticida da parte di un presidente di Municipio è intollerabile:

Firma anche tu
il modulo per chiedere le dimissioni del presidente del Municipio I Roma!

«Una rappresentante istituzionale del Municipio non può permettersi di compiere azioni indegne che non rappresentano l’intera cittadinanza ma solo qualche ex femminista radical chic e abortista: tutte persone che dimenticano di essere nate grazie alla scelta per la vita fatta dai loro genitori. La Alfonsi ha voluto calpestare il diritto degli altri di avere un’opinione e di esporla pubblicamente», ha continuato Brandi.

«Ringrazio pubblicamente gli esponenti di Fratelli d’Italia del primo municipio, Stefano Tozzi, Gianluca Caramanna, Lorenzo Santonocito e Maurizio Esposito, che hanno subito condannato l’azione di censura e che chiederanno le dimissioni della Alfonsi, con l’opposizione d’accordo (M5s e Lega). Li ringrazio perché bisogna sempre avere il coraggio delle proprie idee e perché si è davvero liberi solo quando si può esprimere il proprio pensiero senza piegarsi a chi vorrebbe tapparci la bocca».

Ufficio Stampa di Pro Vita Onlus

Ufficio Stampa Pro Vita Onlus
Tel: +39 3929042395
Mail: ufficiostampa@provitaonlus.org
@ProVita_Tweet
Sito: www.notizieprovita.it

Fonte

blitz_pro-vita_alfonsi_femministe

 

QUI IL VIDEO DEL BLITZ

 

QUI LA DICHIARAZIONE DEL FILOSOFO DIEGO FUSARO A PROPOSITO DEL BLITZ DELLE ABORTISTE

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Socialisti perdenti e aggrappati al potere dalle Ande alle Alpi

      di Luca Volontè. Le elezioni che si sono svolte in questo fine settimana sono sia conferme che sorprese, ma hanno tutte una caratteristica comune: i socialisti e i partiti di sinistra, in Svizzera non sfondano, in Canada calano, in Portogallo sono in minoranza, e Morales è alle strette in Bolivia. Ma in nessun caso la sinistra rinuncia al governo. Leggi il seguito…

    • Così Ratzinger benedice i muri: “Proteggono e aprono solo al bene”

      di Francesco Boezi. Abbattere ogni muro ed ogni confine per costruire una società aperta, accogliente e multiculturale: è il diktat della contemporaneità. Ma Joseph Ratzinger, che non è un uomo del passato come si vorrebbe far credere, aveva indicato un'altra strada. Quella in cui anche le barriere svolgono un ruolo: quello di declamare una serie di "no", che per il cattolicesimo sono propri della funzione paterna. La stessa che riconduce l'uomo alle radici, dunque alla rettitudine morale. Il Papa emerito, in una delle sue omelie, aveva esordito così: "La Chiesa ha mura. Il muro da una parte indica verso l'interno, ha la funzione di proteggere, raccoglierci e condurci l'uno verso l'altro". Toni differenti da chi ritiene che i limiti esistano solo per essere messi in discussione. Leggi il seguito…

    • Un governo ombra per fermare la deriva giallorossa

      di Marco Gabrielli. Italia, fine ottobre 2019: il Governo giallo-rosso sta muovendo i primi passi. L’Italia della politica non è riuscita a reagire ad avvenimenti tanto inspiegabili da risultare incomprensibili ai più. Sono accaduti scenari e fatti mai visti prima. La ricerca di possibili alternative di governo non è riuscita a trovarne di numericamente valide considerando le forze attualmente presenti in Parlamento. La richiesta di elezioni anticipate non è stata esaudita. Leggi il seguito…

    • Giustizia è fatta: le statue pagane volano nel Tevere (VIDEO)

      di Andrea Zambrano. Blitz all'alba in Santa Maria in Traspontina. Un "giustiziere" ignoto fa l'unica cosa che si doveva fare: è entrato nella chiesa dove si svolgono i riti pagano-amazzonici e ha prelevato le statuette Pachamama falsamente attribuite alla Madonna. Arrivato a Castel sant'Angelo le ha gettate nel Tevere. Il video diventa virale. E il gesto assume un significato che va oltre la Pasquinata: per debellare il paganesimo servono modi spicci e retta ragione. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.