Le equazioni delle inique azioni

spread

di Francesco Carraro.

Lo spread è un misuratore di valori monetari (perciò a-morale) trasformato nel primo dei valori morali. Quando scende gli opinionisti e i commentatori di punta tirano un sospiro di sollievo. Quando sale, scatta il panico in sala macchine. Spread su = BTP giù; Spread giù = BTP su; queste equazioni basiche, e in teoria del tutto neutre (cioè a-valutative sul piano morale), si sono trasformate in equazioni etiche. Quindi, per riassumere la primitiva logica di chi dovrebbe orientarci: spread su = male; spread giù = bene. Tale logica binaria è in grado di travolgere qualsiasi altra considerazione e chiunque osi anche solo avanzare l’ombra del dubbio o, peggio, quella del sospetto.

Se lo fai, sei un irresponsabile perché ciò che conta è: spread su = male; spread giù = bene. Ma questo non ci deve esimere dal continuare, ostinati, a coltivare il dubbio e pure il sospetto. Intanto, dobbiamo ricordarci che il rispetto della soglia convenzionalmente accettabile di un misuratore non è, di per sé, indice di un comportamento assennato ed equo.

Per esempio, il grado di violenza esercitata sulle vittime di un ricatto misura il loro adeguamento alle minacce scellerate: ti adegui poco, ti spacco una vetrina; ti adegui pochissimo, ti brucio la macchina; non ti adegui per niente, ti demolisco la casa. Lo ‘spread’ delle ritorsioni malavitose è un misuratore. Trasformarlo in un Valore ha un effetto apparentemente positivo (fintanto che lo rispetti, cioè righi dritto macchiandoti magari di gravi reati, la tua impresa e la tua vita evitano certi ‘sfortunati’ guasti accidentali, incendi occasionali, scoppi imprevedibili). Nello stesso tempo, la paura di quello spread trasforma il destinatario in un pedissequo esecutore dell’illecito potere-volere altrui e consolida l’egemonia del delinquente. Ora – per smascherare lo spread – possiamo usare la strategia dell’iperbole. Dobbiamo chiederci: cosa farebbe calare moltissimo lo spread? Di seguito, elenco alcune riforme in grado di ridurlo quasi a zero (se trovate un economista che mi smentisce sul punto, vi offro un caffè): innalzamento dell’età pensionabile a ottant’anni per uomini e donne, riduzione drastica dei livelli essenziali di assistenza della sanità pubblica, abbattimento del costo del Servizio Sanitario Nazionale del venti per cento, possibilità di licenziamento senza preavviso, con buonuscita non superiore alle quattro mensilità, sistema pensionistico contributivo con efficacia retroattiva per tutti.

Come vedete, più ci allontaniamo dai valori cardine della nostra Costituzione, più lo spread si abbassa; più cerchiamo di conformarci ad essi (come dimostrano le reazioni all’ultima legge di bilancio) più lo spread si alza. Primi passi propedeutici a una rieducazione civica: 1) lo spread non è un valore morale, ma un misuratore di valori a-morali; 2) il suo cattivo andamento denota la sfiducia dei Mercati verso l’Italia; 3) il suo buon andamento indica l’imbarbarimento dell’Italia come comunità civile; 4) l’averlo reso una sorta di articolo 1 immodificabile della Costituzione ‘materiale’, non scritta, certifica la nostra flessibile tolleranza per un modello socio-economico sostanzialmente criminale.

Fonte: Scenari Economici

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Che vuol dire sovranismo

      sovranismo di Marcello Veneziani. Il sovranismo non può essere antieuropeo; può esprimere un’altra idea d’Europa ma non si situa fuori dalla civiltà europea, dalla sua storia e tradizione. È contro la Ue, semmai, questa Ue, ma non può essere contro l’Europa. E questo va detto non solo ai suoi detrattori ma anche ai suoi sostenitori d’oltreoceano se pensano di usare il sovranismo per sfasciare l’Europa e per garantire l’egemonia americana. Il sovranismo è un principio di sovranità che sale dalle piccole patrie alla grande patria, come l’Europa, ma senza saltare il passaggio intermedio, cruciale: la sovranità nazionale Leggi il seguito… 

    • Uno spettro si aggira per la Chiesa: la gnosi

      chiesa-clima di Stefano Fontana. Quando nella storia della Chiesa cambiamo i paradigmi filosofici e teologici, bisogna sempre chiedersi se dietro non ci siano anche cause spirituali e religiose, se non ci siano delle eresie, l’adorazione di falsi dei o false adorazioni di Dio, oltre che falsi concetti… Vuol dire che da tempo non solo è cambiato un paradigma di pensiero, un modo di vedere le cose per cui oggi si accetta quanto ieri si condannava e si insegna quanto ieri si vietava, ma vuol dire che dalle fessure è entrato uno spirito nuovo di tipo religioso Leggi il seguito… 

    • Tutela della vita, il Livatino va nella tana del leone

      Aula Magna Cassazione Il Centro Studi Rosario Livatino ha organizzato il convegno “La tutela della vita nell’ordinamento giuridico italiano". Coraggiosa la location: non è il solito convegno "pro life", perché si tiene nell'aula Magna della Corte suprema di Cassazione, luogo che recentemente è stato decisivo in senso negativo nell’orientare non solo la giurisprudenza, ma anche la coscienza collettiva ad abbracciare principi contrari alla vita e alla famiglia.  Leggi il seguito… 

    • La liturgia non è scontro, non imporre il Messale nuovo

      messale di Nicola Bux. Ci si domanda se sia necessario apportare ulteriori cambiamenti ai testi del Messale romano nella prossima edizione italiana. Ma su Gloria e Padre nostro si attuano due pesi e due misure. Eppure c'è un precedente argentino che suggerisce di non recepire per forza le nuove disposizioni. Lo ricevette proprio l'allora cardinal Bergoglio. E' deleteria questa smania di cambiamento continuo, che appare sempre più essere un omaggio all’ideologia del provvisorio.  Leggi il seguito…