Le equazioni delle inique azioni

spread

di Francesco Carraro.

Lo spread è un misuratore di valori monetari (perciò a-morale) trasformato nel primo dei valori morali. Quando scende gli opinionisti e i commentatori di punta tirano un sospiro di sollievo. Quando sale, scatta il panico in sala macchine. Spread su = BTP giù; Spread giù = BTP su; queste equazioni basiche, e in teoria del tutto neutre (cioè a-valutative sul piano morale), si sono trasformate in equazioni etiche. Quindi, per riassumere la primitiva logica di chi dovrebbe orientarci: spread su = male; spread giù = bene. Tale logica binaria è in grado di travolgere qualsiasi altra considerazione e chiunque osi anche solo avanzare l’ombra del dubbio o, peggio, quella del sospetto.

Se lo fai, sei un irresponsabile perché ciò che conta è: spread su = male; spread giù = bene. Ma questo non ci deve esimere dal continuare, ostinati, a coltivare il dubbio e pure il sospetto. Intanto, dobbiamo ricordarci che il rispetto della soglia convenzionalmente accettabile di un misuratore non è, di per sé, indice di un comportamento assennato ed equo.

Per esempio, il grado di violenza esercitata sulle vittime di un ricatto misura il loro adeguamento alle minacce scellerate: ti adegui poco, ti spacco una vetrina; ti adegui pochissimo, ti brucio la macchina; non ti adegui per niente, ti demolisco la casa. Lo ‘spread’ delle ritorsioni malavitose è un misuratore. Trasformarlo in un Valore ha un effetto apparentemente positivo (fintanto che lo rispetti, cioè righi dritto macchiandoti magari di gravi reati, la tua impresa e la tua vita evitano certi ‘sfortunati’ guasti accidentali, incendi occasionali, scoppi imprevedibili). Nello stesso tempo, la paura di quello spread trasforma il destinatario in un pedissequo esecutore dell’illecito potere-volere altrui e consolida l’egemonia del delinquente. Ora – per smascherare lo spread – possiamo usare la strategia dell’iperbole. Dobbiamo chiederci: cosa farebbe calare moltissimo lo spread? Di seguito, elenco alcune riforme in grado di ridurlo quasi a zero (se trovate un economista che mi smentisce sul punto, vi offro un caffè): innalzamento dell’età pensionabile a ottant’anni per uomini e donne, riduzione drastica dei livelli essenziali di assistenza della sanità pubblica, abbattimento del costo del Servizio Sanitario Nazionale del venti per cento, possibilità di licenziamento senza preavviso, con buonuscita non superiore alle quattro mensilità, sistema pensionistico contributivo con efficacia retroattiva per tutti.

Come vedete, più ci allontaniamo dai valori cardine della nostra Costituzione, più lo spread si abbassa; più cerchiamo di conformarci ad essi (come dimostrano le reazioni all’ultima legge di bilancio) più lo spread si alza. Primi passi propedeutici a una rieducazione civica: 1) lo spread non è un valore morale, ma un misuratore di valori a-morali; 2) il suo cattivo andamento denota la sfiducia dei Mercati verso l’Italia; 3) il suo buon andamento indica l’imbarbarimento dell’Italia come comunità civile; 4) l’averlo reso una sorta di articolo 1 immodificabile della Costituzione ‘materiale’, non scritta, certifica la nostra flessibile tolleranza per un modello socio-economico sostanzialmente criminale.

Fonte: Scenari Economici

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Tutti eredi di Sturzo. Ma c’è poco di cui rallegrarsi

      luigi_sturzo di Stefano Fontana. La statura morale e intellettuale di don Luigi Sturzo è indiscutibile, ma gli esiti di quel suo "appello ai liberi e forti" di cento anni fa sono tutt'altro che positivi: è iniziato allora il cammino di un progressivo distacco del criterio della fede dalla politica. Vedere oggi i tanti - anche di opposte visioni - che vogliono far rivivere quell'esperienza con nuovi appelli "ai liberi e forti" non può non lasciare perplessi. Leggi il seguito… 

    • ll ’68, sfida per i cattolici oggi. La lezione di Del Noce

      del-noce di Luca Del Pozzo. Tra le tante letture critiche di quel ‘68 che ha rappresentato, come ebbe a dire Benedetto XVI, una vera e propria “cesura storica”, un posto a parte merita quella di Augusto Del Noce. Tanto il marxismo quanto la società tecnocratica quanto il ’68 ponevano quella per Del Noce era “la” questione innanzi alla quale i cattolici erano (e sono) chiamati a dire la loro: la questione antropologica. Leggi il seguito… 

    • “Ecco chi raccoglie l’eredità di don Luigi Sturzo…”

      luigi_sturzo di Federico Cenci. È passato un secolo da quando un giovane sacerdote siciliano, don Luigi Sturzo, pronunciò il celebre appello destinato a cavare una massiccia sacca elettorale dalle paludi del "non expedit". Dopo decenni in cui i cattolici italiani, su indicazione di Pio IX, avevano rifiutato lo Stato unitario e la partecipazione alle elezioni, il Partito Popolare Italiano offrì loro una forza in cui riconoscersi.  Della possibilità di tener viva l'eredità popolare e democristiana se ne discute oggi alla Camera, nel corso della conferenza “1919-2019. Popolari oggi, da Sturzo al nuovo millennio”. La relazione introduttiva è affidata a Gennaro Sangiuliano, direttore del Tg2. In Terris lo ha intervistato per conoscere uno dei diversi punti di vista sul tema Leggi il seguito… 

    • Convegno a Palermo dedicato ai “40 anni della Legge 194/78”

      palermo-convegno-194 di Paolo Piro. Sabato 1 dicembre 2018, a Palermo, l’associazione Società Domani ha promosso un convegno intitolato “A 40 ANNI DELLA LEGGE 194/78, Storia Valutazioni Prospettive”. Tre ore di intenso scambio culturale con il pubblico che ha gremito la sala “Dei Normanni” dell’NH Hotel al Foro Italico di Palermo. Circa quattrocento persone hanno seguito relazioni e testimonianze di: Movimento per la Vita, Medici Cattolici Italiani, Centro Aiuto alla Vita di Palermo, Forum Vita Famiglia Educazione, Forum delle Associazioni Familiari, Guide e Scout San Benedetto, Avulss e Cesvop. Il tema è stato affrontato in chiave storica, giuridica, medico scientifica, morale e culturale. Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.