Intervista ad Aurelio Porfiri

aurelio-porfiri

Un personaggio davvero versatile, che viaggia per il mondo per la musica, la cultura, la fede. Si potrebbe definire così, in poche parole, Aurelio Porfiri, musicista, compositore, direttore di coro, già

coordinatore per l’intero programma musicale presso l’Università di San Giuseppe in Macao (Cina), direttore delle attività corali presso la scuola Santa Rosa da Lima (Macao) e professore ospite al Conservatorio di Musica di Shanghai (Cina).

Maestro, la musica in due righe…

 

“In due righe? Come se mi chiedesse di parlare dell’universo in due parole. Comunque, ispirandomi a qualcosa detto anche da altri, direi che la musica è un’altissima forma di conoscenza. Purtroppo molti vedono solo la tecnica come fine della musica e ne perdono invece la sua capacità fondamentale, quella di elevarci non solo fisicamente, facendoci sentire meglio, ma soprattutto spiritualmente, intendendo questa parola nel suo senso più ampio”.

E la musica sacra?

“La musica sacra è quella musica impiegata nella liturgia per dare gloria a Dio e per edificare i fedeli. Certamente questa definizione è molto sintetica e bisognerebbe dedicare molte righe soltanto per circoscrivere la definizione stessa. Infatti alcuni preferiscono chiamarla musica liturgica, musica rituale, musica di Chiesa e non musica sacra, pur se quest’ultima definizione ha un’importante tradizione nei documenti del magistero. Ma non entro qui in questa diatriba”.

Lei è stato ad Hong Kong e conosce il cardinal Jopseph Zen, con cui ha scritto anche un libro: quale è la situazione attuale della Chiesa in Cina?

“La situazione è di grande incertezza che si riflette nella divisione sull’atteggiamento da tenere nei confronti del governo cinese, una divisione che del resto nella Chiesa è oggi radicalizzata su più fronti, se non tutti. C’è la percezione che l’inevitabile accadrà, cioè che l’accordo verrà firmato. Questo rende perplesse molte persone con cui ho parlato, sapendo che si firmano accordi con antichi oppositori solo quando esista un cambio di atteggiamento, che qui proprio non si capisce quale sia”.


Cosa pensa Zen della politica cinese della Santa Sede?

“Io non posso rispondere per lui. Credo che ha chiarito più volte che la sua posizione ferma non è mai per mancare di rispetto al Pontefice ma per affermare i diritti di una verità in cui lui crede con grande forza. I suoi scritti e interventi sull’argomento soni quasi tutti disponibili su internet, non basta che cercarli”.

Il suo ultimo libro è un triller sulla confessione (“La confessione: se puoi tradire Dio, chi non sarai capace di tradire?”, Edizioni Chorabooks). Di che si tratta?

“È il primo di una serie sui Sacramenti. Io credo che i Sacramenti stessi nella Chiesa sono in una grande crisi di identità, in fondo annacquati da una cultura che procede in senso contrario alla tradizione cristiana. Ecco la mia ragione nel provare la strada dello scrittore di gialli”.

La trama?

“Siamo in Hong Kong, un missionario italiano in grande crisi di fede riceve una confidenza in confessione su un delitto, ma non può parlarne…”.

Progetti futuri?

Tanti. Comunque mi basterà accennare ad un altro libro in uscita in aprile, con prefazione di Marcello Veneziani, “Sia l’uomo la tua frontiera. Lettera a un medico di famiglia” (Sugarco) che tratta della medicina ma con un senso spirituale”.

Lei è musicista ma tratta temi che sembrano lontani dalla musica…

“Sembrano, ma in realtà il musicista vero non può non avere uno sguardo più ampio sulla realtà che lo circonda. Per i greci il mousikos non era semplicemente il musicista ma la persona edotta in tutte le arti sacre alle Muse, la persona educata”.

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Che vuol dire sovranismo

      sovranismo di Marcello Veneziani. Il sovranismo non può essere antieuropeo; può esprimere un’altra idea d’Europa ma non si situa fuori dalla civiltà europea, dalla sua storia e tradizione. È contro la Ue, semmai, questa Ue, ma non può essere contro l’Europa. E questo va detto non solo ai suoi detrattori ma anche ai suoi sostenitori d’oltreoceano se pensano di usare il sovranismo per sfasciare l’Europa e per garantire l’egemonia americana. Il sovranismo è un principio di sovranità che sale dalle piccole patrie alla grande patria, come l’Europa, ma senza saltare il passaggio intermedio, cruciale: la sovranità nazionale Leggi il seguito… 

    • Uno spettro si aggira per la Chiesa: la gnosi

      chiesa-clima di Stefano Fontana. Quando nella storia della Chiesa cambiamo i paradigmi filosofici e teologici, bisogna sempre chiedersi se dietro non ci siano anche cause spirituali e religiose, se non ci siano delle eresie, l’adorazione di falsi dei o false adorazioni di Dio, oltre che falsi concetti… Vuol dire che da tempo non solo è cambiato un paradigma di pensiero, un modo di vedere le cose per cui oggi si accetta quanto ieri si condannava e si insegna quanto ieri si vietava, ma vuol dire che dalle fessure è entrato uno spirito nuovo di tipo religioso Leggi il seguito… 

    • Tutela della vita, il Livatino va nella tana del leone

      Aula Magna Cassazione Il Centro Studi Rosario Livatino ha organizzato il convegno “La tutela della vita nell’ordinamento giuridico italiano". Coraggiosa la location: non è il solito convegno "pro life", perché si tiene nell'aula Magna della Corte suprema di Cassazione, luogo che recentemente è stato decisivo in senso negativo nell’orientare non solo la giurisprudenza, ma anche la coscienza collettiva ad abbracciare principi contrari alla vita e alla famiglia.  Leggi il seguito… 

    • La liturgia non è scontro, non imporre il Messale nuovo

      messale di Nicola Bux. Ci si domanda se sia necessario apportare ulteriori cambiamenti ai testi del Messale romano nella prossima edizione italiana. Ma su Gloria e Padre nostro si attuano due pesi e due misure. Eppure c'è un precedente argentino che suggerisce di non recepire per forza le nuove disposizioni. Lo ricevette proprio l'allora cardinal Bergoglio. E' deleteria questa smania di cambiamento continuo, che appare sempre più essere un omaggio all’ideologia del provvisorio.  Leggi il seguito…