Fermiamo il delirio maschicida

maschicida

Se aveva ragione Agatha Christie, quando avvertiva che «un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza, ma tre indizi fanno una prova», che l’aria culturale e mediatica stia prendendo una piega preoccupante, che criminalizza il maschio in quanto maschio, è cosa fin troppo provata. A chi non avesse ancora colto la mostrificazione dell’uomo delle campagne contro il femminicidio, tutte basate sulla fuorviante polarizzazione maschio sempre carnefice vs femmina sempre vittima, in questi giorni sono infatti venute in soccorso due evangeliste del verbo maschicida, ossia l’attrice Angela Finocchiaro, che su Rai1 ha spiegato che «gli uomini sono tutti mezzi di merda», e Michela Murgia, scrittrice secondo cui «nascere maschi in un sistema patriarcale e maschilista è un po’ come essere figli maschi di un boss mafioso».

Se dunque aveva ragione Agatha Christie, non c’è motivo di negare come dalla difesa delle donne all’attacco agli uomini il passo sia breve e, soprattutto, sia stato fatto. Tanto più che esiste chi, intellettualmente onesto, lo ammette. Come Erin Pizzey, attivista e scrittrice che, nel 1971, aprì il primo rifugio per donne vittime di violenza domestica del Regno Unito, la quale riconosce: «Il movimento femminista ovunque ha distorto il problema della violenza domestica per i propri fini politici e per riempirsi i portafogli […] Osservai le femministe costruire le loro fortezze di odio contro gli uomini, dove insegnavano alle donne che tutti gli uomini erano stupratori e bastardi». La domanda ora è: perché dobbiamo accettare questa campagna assurda, utile soltanto a seminare zizzania tra uomini e donne, alimentando i conflitti che sostiene di avversare? Pensateci, intanto io esco ad acquistare coppola e lupara.

Giuliano Guzzo

 

 

 

 

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Siamo ancora fermi al ’68

      femministe-non-una-di-meno di Marcello Veneziani. Femministe sul piede di guerra, dichiarazioni d’odio e disprezzo verso le famiglie anzi verso Dio, patria e famiglia, campagne d’odio contro carabinieri e poliziotti, lotte per l’aborto, il sesso libero e la droga legalizzata… porte aperte a tutti, società sconfinata, abbasso i muri e i freni, indulgenti con i trasgressori, intolleranti coi conservatori, accuse di fascismo a chiunque non sia dalla loro parte, anzi, elevazione del fascismo a categoria metastorica, pacifismo libertario, ma a chi non concorda tappiamogli la bocca…Rieccolo, il 68. Non è tornato, non se n’era mai andato, solo che ora esce allo scoperto e si sente nuovo, mentre si avverte che è rancido, inacidito, invecchiato male e andato a male. Leggi il seguito… 

    • È guerra contro la famiglia, vescovi non reclutati

      bassetti di Andrea Zambrano. Quella di Verona si sta delineando come una guerra per distruggere la famiglia. Eppure i vescovi non si rendono conto che una guerra è stata dichiarata. San Giovanni Paolo II disse che "attorno alla famiglia e alla vita si svolge oggi la lotta fondamentale della dignità dell'uomo". E quando c'è una lotta bisogna combattere non auspicare buonismo.  Leggi il seguito… 

    • Tre conversioni non ne fanno una

      vescovi di Stefano Fontana. Da tempo sono apparse all’orizzonte del cattolicesimo tre nuove conversioni. Si tratta della conversione pastorale, della conversione sinodale e della conversione ecologica. La prima è largamente presente in Amoris laetitia, la seconda è stata espressamente indicata da papa Francesco in Evangelii gaudium, e la terza nell’enciclica Laudato si’. La parola conversione la Chiesa l’aveva sempre adoperata per indicare il volgersi a Cristo, unico Salvatore. Ora viene usata in questi altri significati, e non senza un perché alle spalle. Leggi il seguito… 

    • “Ecco perchè non servivano le Unioni civili”

      Monica Cirinnà 1 di Maura Delle Case. “Non c’era bisogno della legge sulle Unioni civili per garantire diritti alle coppie di conviventi perché quei diritti erano già stati riconosciuti dalla giurisprudenza”. Carlo Amedeo Giovanardi di Idea e oppositore strenuo della legge 76/2016 rea a suo dire “d’aver socchiuso la porta ad adozioni e utero in affitto per le coppie omosessuali”, liquida così la sentenza del tribunale di Pordenone sull’assegno riconosciuto, all’atto di scioglimento dell’unione civile, alla parte debole di una coppia di donne. Leggi il seguito…