SENZA FORMAZIONE IL POPOLO CATTOLICO SI DISPERDE. Riparte la Scuola di Dottrina sociale della Chiesa di Mons. Crepaldi

scuola-dsc

Che i cattolici debbano esserci nella politica è cosa certa. Ma come? Spogliati dalla luce derivante dalla rivelazione e dal diritto naturale ed armati solo di una generica solidarietà? Esserci in modo confuso, in ordine sparso, in ritardo, con mille distinguo? Sarebbe la rinuncia a farsi guidare dalla verità. Esserci collaborando con tutti, anche con gruppi ed istituzioni che vogliono la morte dell’uomo perché vogliono la morte di Dio? Sarebbe un esserci per esserci perfino dannoso.

Una Scuola “come Dio comanda”

Nella attuale situazione di incertezza e confusione, i cattolici devono esserci sì, ma con il bagaglio orientativo e unitivo della Dottrina sociale della Chiesa, assunta, vissuta e incarnata “come Dio comanda”, ossia senza concessioni a quanto oggi è di moda fuori e dentro la Chiesa, senza amputazioni degli aspetti dottrinali a supposto vantaggio di quelli più pratici, senza staccarne gli insegnamenti dalla vita della Chiesa e dal deposito della fede. In una parola, senza farne solo un manuale di buon comportamento civico accomodante con i poteri del tempo.

Riparte la Scuola dell’arcivescovo Giampaolo Crepaldi

L’anno scorso La Nuova Bussola Quotidiana e l’Osservatorio Cardinale Van Thuân hanno organizzato una Scuola di Dottrina sociale della Chiesa con queste caratteristiche tenuta dall’arcivescovo Giampaolo Crepaldi, vescovo di Trieste. La Scuola è stata frequentata a distanza da centinaia di persone di tutta Italia. Il 3 febbraio 2018, a conclusione della Scuola, c’è stato a Milano l’incontro di tutti i partecipanti e la consegna dei diplomi da parte dello stesso Mons. Crepaldi.

In quell’occasione il vescovo aveva detto che senza formazione il popolo cattolico si disperde: “Il problema non è mai quanti si è, anche se pure noi cattolici ameremmo essere in tanti. Il problema principale è se si è uniti o dispersi, se si è radicati insieme nell’essere o se si è dispersi nel fare fine a se stesso. Credo di poter dire che oggi i cattolici nella società, e specialmente nella politica, siano dispersi. Troveremo la soluzione con stravaganti formule o col recupero del nostro essere? Né si creda che la dispersione riguardi solo le cose da fare. Essa ha una ricaduta anche nel modo di essere, perché questo è il paradosso: la messa da parte del corpus della Dottrina sociale della Chiesa frammenta e disperde l’agire e di rimbalzo incrina anche il nostro essere uniti nella fede. Non siamo gli unici a fare formazione alla Dottrina sociale della Chiesa e quanto facciamo non è in concorrenza con nessun’altra iniziativa. Teniamo, però, ad aver chiare le motivazioni profonde della nostra attività”.

Il 29 ottobre prossimo inizierà la Prima Sessione

Riparte la Scuola di Dottrina sociale della Chiesa di Mons. Crepaldi. Intendiamo riproporre l’iniziativa – per coloro che non l’hanno seguita l’anno scorso -, convinti che molti altri cattolici siano interessati ad acquisire una informazione / formazione di base sulla Dottrina sociale della Chiesa solida negli orientamenti e sicura nelle applicazioni. La nuova edizione della Scuola di Dottrina sociale della Chiesa inizierà lunedì 29 ottobre con la Prima Sessione. Le video-lezioni e i testi saranno messi a disposizione dei frequentanti settimanalmente. Riportiamo qui sotto il programma completo delle due Sessioni. Sono aperte le iscrizioni alla Prima Sessione.

L’anno scorso abbiamo verificato che c’è un popolo che si muove e che vuole esserci, ma non in modo generico. Qui sotto troverete tutte le indicazioni per la partecipazione.

Riccardo Cascioli

La Nuova Bussola Quotidiana

Stefano Fontana

Osservatorio Cardinale Van Thuan

*****

Partecipazione e iscrizioni

L’iscrizione al corso permette di:

  • scaricare le videoregistrazioni delle lezioni dell’Arcivescovo;
  • inviare domande a cui Mons. Crepaldi risponderà in una lezione apposita;
  • scaricare il testo scritto della lezione e il materiale didattico collegato.

Per l’iscrizione è necessario effettuare il pagamento di euro 60. Il costo comprende l’accesso alla Prima sessione (7 lezioni complessive) e l’abbonamento di un anno al “Bollettino di Dottrina sociale della Chiesa” dell’Osservatorio Cardinale van Thuân.

Ai partecipanti sarà rilasciato l’Attestato di partecipazione.

Per iscriversi si deve andare sullo “shop” della Bussola, anche attraverso il banner “Mater Ecclesia” nella Home Page

Programma completo della Scuola

Prima sessione: problemi di fondazione e di metodo

1 La Dottrina sociale della Chiesa come annuncio di Cristo nelle realtà temporali

2 La Dottrina sociale della Chiesa nella vita della Chiesa

3 La Dottrina sociale della Chiesa come sapere teorico-pratico

4 La Dottrina sociale della Chiesa e i dogmi della dottrina cattolica

5 I Principi fondamentali della Dottrina sociale della Chiesa

6 La dottrina dei principi non negoziabili

7 Mons. Crepaldi risponde alle domande dei frequentanti

 Le lezioni della Prima Sessione verranno trasmesse nel periodo ottobre-dicembre 2018 con cadenza settimanale a partire dal giorno 29 ottobre 2018. 

Seconda Sessione: La politica alla luce della Dottrina sociale della Chiesa

1 Le politiche religiose. Laicità, pluralismo religioso e religio vera.

2 Le politiche del bene comune.

3 L’articolazione sussidiaria del potere politico

4 Fondamenti e limiti della democrazia

5 Le politiche della vita e della famiglia

6 Le politiche dell’economia e del lavoro

7 Mons. Crepaldi risponde alle domande dei frequentanti

La Seconda Sessione verrà attivata all’inizio del 2019

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • L’ombra dei pedofili e le strane carriere dei porporati gay tra le mura vaticane

      bergoglio_mccarrick di Riccardo Cascioli. Non basterà a papa Francesco la ormai certa riduzione allo stato laicale dell'ex cardinale statunitense Theodore McCarrick per calmare le acque e gestire a suo modo il vertice sugli abusi sessuali del clero convocato in Vaticano dal 21 al 24 febbraio prossimo, con la presenza dei presidenti delle Conferenze episcopali di tutto il mondo. Leggi il seguito… 

    • Tutti eredi di Sturzo. Ma c’è poco di cui rallegrarsi

      luigi_sturzo di Stefano Fontana. La statura morale e intellettuale di don Luigi Sturzo è indiscutibile, ma gli esiti di quel suo "appello ai liberi e forti" di cento anni fa sono tutt'altro che positivi: è iniziato allora il cammino di un progressivo distacco del criterio della fede dalla politica. Vedere oggi i tanti - anche di opposte visioni - che vogliono far rivivere quell'esperienza con nuovi appelli "ai liberi e forti" non può non lasciare perplessi. Leggi il seguito… 

    • ll ’68, sfida per i cattolici oggi. La lezione di Del Noce

      del-noce di Luca Del Pozzo. Tra le tante letture critiche di quel ‘68 che ha rappresentato, come ebbe a dire Benedetto XVI, una vera e propria “cesura storica”, un posto a parte merita quella di Augusto Del Noce. Tanto il marxismo quanto la società tecnocratica quanto il ’68 ponevano quella per Del Noce era “la” questione innanzi alla quale i cattolici erano (e sono) chiamati a dire la loro: la questione antropologica. Leggi il seguito… 

    • “Ecco chi raccoglie l’eredità di don Luigi Sturzo…”

      luigi_sturzo di Federico Cenci. È passato un secolo da quando un giovane sacerdote siciliano, don Luigi Sturzo, pronunciò il celebre appello destinato a cavare una massiccia sacca elettorale dalle paludi del "non expedit". Dopo decenni in cui i cattolici italiani, su indicazione di Pio IX, avevano rifiutato lo Stato unitario e la partecipazione alle elezioni, il Partito Popolare Italiano offrì loro una forza in cui riconoscersi.  Della possibilità di tener viva l'eredità popolare e democristiana se ne discute oggi alla Camera, nel corso della conferenza “1919-2019. Popolari oggi, da Sturzo al nuovo millennio”. La relazione introduttiva è affidata a Gennaro Sangiuliano, direttore del Tg2. In Terris lo ha intervistato per conoscere uno dei diversi punti di vista sul tema Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.