La sistemazione del corpo

zio

Il problema della morte sempre incombe sulla mente degli animi pensosi” così scriveva Giuseppe Tucci, importantissimo tibetologo del ventesimo secolo, e di fatto Alvise (nome di fantasia) protagonista del romanzo autobiografico “La sistemazione del corpo” edito da Il Cerchio (www.ilcerchio.it) rappresenta autenticamente un animo pensoso. Problematico e sarcastico come poteva esserlo Ulrich ne “L’uomo senza qualità” di Musil, con una buona dose di autoironia che sicuramente lo ha fatto brillantemente sopravvivere in un ambiente, quello della magistratura, in cui nulla è ciò che sembra.

Alvise ha un pensiero ricorrente, quello di decidere che sistemazione dare alle Sue spoglie. Un pensiero che la maggior parte degli uomini moderni solitamente rifuggono, per timore di Sorella morte.

Il pensiero è serio, anzi il più serio che un uomo si possa porre, e Alvise lo affronta nelle varie fasi della Sua vita in maniera diversa, da giovane sicurissimo sul da farsi e poi giorno dopo giorno modificando gradualmente il Suo pensiero tramite la sua esperienza di vita e di fede. Fede inizialmente vissuta superficialmente, come solitamente la giovane età consiglia e via via sempre più profondamente.

Ben lontano dall’essere un uomo convinto di aver sempre ragione, si pone con occhi arguti e cuore di fanciullo di fronte alle avventure di un lavoro complesso come quello del magistrato (Alvise infatti è stato uno dei primi procuratori d’assalto della magistratura italiana del secondo dopoguerra) e come quello dell’uomo che giorno dopo giorno approfondisce la propria intimità, spogliandosi di pregiudizi sociali, culturali e religiosi.

La forza narrativa, elegante e mai noiosa, alterna vicende giudiziarie a meravigliose scalate in montagna, dove il protagonista riesce a ritrovare se stesso e a meditare realmente sul senso del suo agire.

Nulla di scontato, nulla di dogmatico, in Alvise tutto è un domandare.

Alla fine di questo itinerario, in cui ogni uomo non può che rispecchiare il proprio cammino di vita, resta al Lettore il sapore di un ritorno alle radici della propria natura spirituale, nelle quali anche a Sorella Morte, francescanamente, può esser rivolto un cortese cenno di benvenuto.

“La sistemazione del corpo” (autobiografia in terza persona)

Di Francesco Mario Agnoli.160 pg. CerchioEditore( www.ilcerchio.it)

Da: http://www.domus-europa.eu/?p=7806

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • I cattolici, il suicidio assistito e l’Ordinanza della Corte costituzionale

      di Silvio Brachetta. Assuntina Morresi, su Tempi, critica le posizioni dell’Osservatorio Van Thuân – espresse da Stefano Fontana – circa la necessità di non scendere a compromessi sull’eutanasia. Il compromesso in questione – che un gruppo di parlamentari cattolici ha richiesto alla Conferenza episcopale italiana di sostenere – prevede, tra l’altro, l’attenuazione delle pene regolate dall’articolo 580 del Codice penale, nella speranza di mantenerlo in essere. Se, infatti, l’articolo 580 non sarà abrogato, costituirà almeno un argine all’eutanasia, che potrebbe essere introdotta da future legislazioni in materia Leggi il seguito…

    • Ma oltre i migranti ci sono i restanti

      di Marcello Veneziani. Ero l’altro giorno a Otranto nella piazza dedicata “all’umanità migrante”, dove campeggia un monumento in forma di barca dedicato ai migranti. E mi sono detto: ma all’umanità restante nessuno dedica niente, piazze, monumenti, prediche, premure? Non c’è settimana che Papa Bergoglio non si preoccupi dei migranti che ritiene un’umanità speciale; a loro dà priorità e dedica l’evangelico “Prima gli ultimi”. E non c’è dem, progressista, radicale, cattosinistro, ogni santo giorno, che non consideri bestie, razzisti, subumani e disumani coloro che non ritengono assoluto e illimitato il diritto di migrare e il dovere di essere accolti. Al Papa e ai promigranti vorrei dire: i veri ultimi non sono i migranti. Sono i restanti. Leggi il seguito…

    • La Sea Watch3, Antigone e la Dottrina sociale della Chiesa

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. La Dottrina sociale della Chiesa non è mai stata tenera verso lo Stato, anche nella sua forma di “Stato di diritto” (Rule of Law) nel quale governa la legge. Ciò però non vuol dire che entrare in acque territoriali di uno Stato sovrano come l’Italia, non obbedire alle intimazioni della Guardia costiera e, anzi, speronare una imbarcazione della stessa Guardia siano atti da apprezzare. Leggi il seguito…

    • Ambiguità su Vincent, è l’ecumenismo dell’eutanasia

      di Tommaso Scandroglio. Dopo la morte del 42enne disabile francese, è stata resa nota una Dichiarazione congiunta di sei responsabili religiosi (due cattolici) della città di Reims. I firmatari sono il rabbino Amar, l’imam Bendaoud, i pastori protestanti Langlois e Geoffroy, l’arcivescovo de Moulins-Beaufort e il suo ausiliare Feillet. Dal documento pare proprio che i sei ritengano che aver dato acqua e cibo a Lambert fosse accanimento terapeutico. Segno della dinamica involutiva, anche in casa cattolica, rispetto ai principi non negoziabili, che sta portando all’accettazione supina dell’eutanasia. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.