Femminismo contro immigrazione?

walking-299218_960_720

Un ragazzo cammina nei pressi di un bar e incrocia una bella ventenne, piuttosto scollacciata e in minigonna. Nel momento in cui le passa a pochi centimetri le fa un fischio, in perfetto stile anni ’80, a metà tra il complimento e le avance tipiche del maschio cacciatore. Lei risponde con un sonoro vaffa. Lui dopo pochi secondi torna indietro e colpisce la ragazza con un solenne ceffone.

Tutto questo sarebbe senz’altro aneddotico e banale, se la scena, occorsa a Parigi il 24 luglio, non fosse stata ripresa nella sua interezza da una telecamera a circuito chiuso; se la vittima non fosse una militante femminista, tale Marie Laguerre, studentessa universitaria di 22 anni, la quale ha prontamente messo in rete il video, ricevendo oltre 9 milioni di visualizzazioni e tantissimi like. E soprattutto se il protagonista, un venticinquenne di origini maghrebine Firas M., non fosse stato punto il 4 ottobre scorso con 6 mesi di carcere, senza condizionale (oltre a 2000 euro da dare alla vittima per danni morali). Per uno schiaffo!

Già sapevamo che la sinistra radical chic, alla Saviano per capirci o alla Fabio Fazio, considera le donne come dei cittadini particolarmente fragili, e quindi degni di speciale attenzione e protezione. Il che, da certe femministe meno incoerenti, è considerato a giusto titolo, come un residuo implicito e incoffessato di maschilismo (rimosso). Ma sappiamo anche che quando la vittima è una donna italiana (o europea) e l’aggressore è un povero rifugiato, o almeno uno straniero, il progressismo va in tilt.

Perché tra due categorie protette e esaltate, come le donne e gli stranieri, non si sa come fare a trovare il colpevole e non si sa chi difendere di più. Così, quando lo stupratore è italiano (bianco, nativo, eterosessuale e altre nefandezze del genere), pagine e pagine vengono dedicate all’epica lotta contro il maschilismo e in favore dell’uguaglianza tra i sessi (anzi fra i generi). Ma quando il violentatore è della genìa di coloro che verrebbero qui solo perché spinti dalla fame e dalla ricerca di dignità, ecco che la notizia fa meno clamore, e magari viene collocata tra le brevi nei giornaloni più intelligenti (e meno populisti).

Anche sul banale episodio sopra riportato ci sarebbe molto da dire. Sull’abbigliamento delle donne non ci dilunghiamo certo, ma siamo arciconvinti che spesso e volentieri esso non sia conveniente e appropriato. La tredicenne che alle medie va in minigonna e assume pose poco civili esprime una conquista della libertà dei costumi, o piuttosto come direbbe Pier Paolo Pasolini, il frutto maturo dell’omologazione borghese?

La violenza va punita ovviamente, a prescindere da chi la esercita e da chi la subisce. Ma sei mesi di carcere per uno schiaffo, senza danni particolari alla schiaffeggiata, non è una pena che risente dell’ideologia femminista della donna come cittadina con maggiori diritti del maschio?

E che dire del fatto che in tantissimi casi, il bieco macho non sia un indigeno ma uno straniero, come nel caso qui sopra? Coloro che sognano un mondo senza frontiere e senza controlli, come Soros e Macron, preparano il paradiso per le donne europee o aumentano, oggettivamente, i loro rischi? Meglio revocare la nazionalità allo stupratore che l’ha ottenuta da pochi anni, come propongono i maschilisti di Salvini e i populisti di Marine Le Pen, oppure no?

Ogni giorno, e questa è la più grande certezza, la società senza valori etici condivisi, esprime disagio, malessere e rancore, mali che non sarà facile curare senza prendere il toro per le corna.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Deregulation, interesse nazionale, sussidiarietà: le stelle polari del centrodestra dopo la globalizzazione “cinese”

      di Eugenio Capozzi. Quali dovrebbero essere le priorità, le parole d’ordine, i punti programmatici alla base della coalizione di centrodestra ora che l’Italia deve affrontare la dura sfida della ripresa dopo l’epidemia di coronavirus gestita (male, malissimo), dal governo giallorosso di Giuseppe Conte? Come si può trasformare in fatti e progetti la presenza critica mostrata nelle manifestazioni del 2 giugno, in termini di risultati concreti per il paese, più ancora che di consensi elettorali? Leggi il seguito…

    • Censis, in cinque interviste tutti i limiti di Conte

      di Frodo. Cinque interviste nel corso di poche ore e tutte al vetriolo nei confronti di alcune scelte di sostanza operate dall’esecutivo giallorosso: se la giornata di ieri ha avuto un padrone, questo è stato il professor Giuseppe De Rita, presidente del CENSIS. Un Professore con la P maiuscola che ha ridimensionato con dovizia di particolari la narrativa del governo sulla pandemia, scaricando di fatto l’azione politica di Giuseppi e dei suoi alleati. De Rita è un sociologo di nota fama. La sua lettura non ha paletti. Un termine che ricorre spesso tra le cinque disamine è “paura”. Quella che il governo, secondo noi, non solo non è riuscito a stemperare, ma forse è persino finito con l’assecondare. Leggi il seguito…

    • Il patriottismo dei mascalzoni

      di Marcello Veneziani. Su, finitela con questa mascherata. Da quando, il 1° giugno, Sergio Mattarella ha invocato l’unità del paese allo scopo di delegittimare la manifestazione dell’opposizione del giorno dopo, la Cupola italiana – quell’intreccio di poteri che occupa istituzioni, governo, scena politica, media di stato e giornaloni, poteri giudiziari e sanitari – ripete ogni giorno il mantra di restare uniti contro il virus, la destra e la piazza, che poi ai loro occhi coincidono. La chiamano unità ma intendono uniformità. La chiamano comunità ma intendono conformità. Leggi il seguito…

    • Parla il fondatore dei (veri) Gilet arancioni: “Noi siamo il movimento della terra, ripartire da qui”

      Intervista di Claudia Passa. “I gilet arancioni ce li siamo inventati noi, e non sono certo questi. Sono un movimento nato per far sentire l’urlo della terra. Potranno pure prendersi il nostro marchio, ma noi non ci fermeremo”. I gilet arancioni hanno un luogo e una data di nascita, hanno una precisa ragione sociale e hanno un “papà”, che non è il pittoresco generale Pappalardo ma il conte Onofrio Spagnoletti Zeuli. Importante imprenditore agricolo pugliese, da sempre attivo nel mondo dell’associazionismo di settore, Spagnoletti è stato protagonista di importanti mobilitazioni dei lavoratori della terra, esercito di “invisibili” di cui forse l’emergenza coronavirus ha fatto comprendere appieno il valore. Leggi il seguito…