Le radici di Civica Trentina

fugatti

Di seguito l’intervento, come candidato di Civica Trentina, alla riunione di coalizione nella sala della cooperazione, il 6 ottobre. a sostengo di Maurizo Fugatti presidente.

E’ un onore ed una responsabilità essere qui a rappresentare Civica Trentina, un partito costruito negli anni, con tenacia, passione e competenza dall’amico Rodolfo Borga e da quanti lo hanno voluto seguire e accompagnare.

Siamo anzitutto trentini, magari solo d’adozione, lo siamo anche se siamo nati altrove!, perchè questa Terra ci sta a cuore. La nostra patria infatti è la terra che calpestiamo, quella in cui lavoriamo, quella in cui vivono e vivranno i nostri cari; sono i paesi piccoli e grandi disseminati su di un territorio esteso e variegato, fatto di valli, laghi, montagne e città.

Cento anni fa Alcide De Gasperi vantava con orgoglio la sua italianità, contro chi lo accusava di essere austriacante, ma nello stesso tempo stigmatizzava il centralismo e l’opprimente burocrazia dello Stato italiano.

Lui che è stato il padre della nostra autonomia e un fondatore dell’Europa unita, cosa direbbe oggi di una Provincia di Trento che da anni utilizza il suo potere per burocratizzare, complicare, centralizzare ogni cosa?

Cosa di un’ Unione Europea in profonda crisi non a causa dei cosiddetti sovranismi, ma della spoliazione delle sovranità nazionali a vantaggio di un centralismo, ancora una volta!, burocratico e tecnocratico?

Civica Trentina affonda le sue radici in un modo di vedere la politica che è molto lontano da quanto abbiamo visto in questi ultimi anni, e lo è perchè mette al centro principi e valori della nostra Tradizione, le radici popolari e religiose della nostra terra. Per questo non si è piegata, nella scorsa legislatura ai nuovi dogmi del politicamente corretto.

civica

Non si è inginocchiata, per esempio, di fronte all’ideologia che vorrebbe rottamare la famiglia naturale, composta da padre, madre e figli, in nome delle nuove formule alchimistiche (genitore 1 e genitore 2) o dei nuovi presunti diritti (come dimenticare che il centrosinistra ha bocciato una proposta di mozione di Civica Trentina che intendeva censurare la pratica dell’utero in affitto, difendendo così di fatto una moderna forma di schiavitù?). Nè ha ceduto al tentativo di togliere ai genitori il loro primato educativo attraverso l’imposizione di una legge liberticida: su 1440 emendamenti, 1248 sono stati di Rodolfo Borga, ed è grazie ad un ostruzionismo motivato, razionale, rispettoso e deciso che il disegno iniziale, così come voluto da PD e Arcigay non ha visto la luce; mentre al contrario Civica Trentina ha fatto approvare in Consiglio un odg che impone il coinvolgimento delle famiglie, nell’attuazione da parte delle istituzioni scolastiche di iniziative collegate all’affettività e alla sessualità.

Certamente Civica Trentina, come dimostra l’ampia adesione di sindaci, vuole occuparsi di buona amministrazione, con competenza e pragmatismo.

Ma una buona amministrazione non nasce soltanto da competenze tecniche, pure necessarie; è anche figlia di una visione del mondo, di un ancoraggio a valori e principi superiori.

Perchè una politica senza valori, ha lo sguardo corto; perchè uomini non radicati nei principi trasformano la responsabilità in privilegio; antepongono alla politica, che deve essere servizio al bene comune, la pura gestione del potere fine a se stesso, divenendo così per essere tanti piccoli Machiavelli per i quali “il (loro) fine giustifica i mezzi”.

Dove mancano solidi riferimenti ideali – cui Civica ha voluto richiamarsi anche invitando a Trento intelligenze di spessore come Marcello Foa, Ettore Gotti Tedeschi, Diego Fusaro e altri- dove mancano riferimenti ideali e culturali, dicevo, accade ciò che si è visto, talora in modo macroscopico, in questi anni: si verificano gli sprechi di denaro pubblico, per creare clientelismi, favoritismi, il formarsi di un grumo di potere, di un cerchio magico di prediletti e di protetti, che gestiscono la cosa pubblica come bene privato, sordi alle vere esigenze dei più. Civica Trentina si impegna per l’alternanza, che, dopo tanti anni della sempre medesima e sempre più cristallizzata gestione, è già di per sè un bene, ma crede che il rinnovamento non sia fine a se stesso, ma sia tale solo se è per il meglio. “Non vogliamo cambiare tutto, ha detto il nostro fondatore Rodolfo Borga, vogliamo mantenere ciò che vi è di buono, e migliorare tutto ciò che è migliorabile”. Che non è affatto poco!

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • E la dittatura impose il reato di vivere

      di Marcello Veneziani. L’Italia si avvia a diventare un regime totalitario temperato dall’inefficienza e dal ridicolo. Con la scusa della salute è stato introdotto il divieto di sbarco agli italiani in piazza, al bar, al ristorante, sulle spiagge; ora mitigato da libertà provvisoria, con la condizionale. I veri clandestini sono gli italiani, sorpresi a consumare all’aperto il più losco dei crimini: il reato di vivere. L’eversione ha un nome preciso: movida. Acchiappatelo, fa la movida. È pericoloso, ha un’arma in pugno, lo spritz. Leggi il seguito…

    • Ora Godot-Bonaccini aspira a Palazzo Chigi

      di Giuseppe Leonelli. Il suo libro su come battere la destra presentato due settimane fa, in piena emergenza sanitaria, era già un segnale chiaro delle mire romane del governatore emiliano-romagnolo Stefano Bonaccini, ma ora arriva la conferma dalle sue stesse parole. “Non mi monto la testa e tengo i piedi per terra. Ma allo stesso modo non escludo nulla, ci si mette a disposizione se si ha passione politica per migliorare la cosa pubblica” – ha infatti detto Bonaccini rispondendo a una domanda del direttore de L’Espresso sulla possibilità di una sua candidatura a premier. Leggi il seguito…

    • La caduta del mito giudiziario

      di Pietro De Leo. Scorrono i titoli di coda, il film è finito. Il pornogiustizialismo iniziato dal ’92 si squaglia assieme alla Anm. Questa associazione, per anni, ha espresso un protagonismo pubblico spesso tra la barricata politica, forte di un’aureola di infallibilità pontificale posta sul capo dei suoi componenti. Le intercettazioni che coinvolgono il pm Palamara e molti suoi colleghi, assieme ad alcune inchieste tipo quella di Taranto, testimoniano come la magistratura, o parte significativa di essa, fosse attraversata da pulsioni umane troppo umane, tra equilibrismi di corrente e scelte spesso dettate dalla tattica. Anche politica. In poche parole, è la caduta del Mito giudiziario. Si chiude a doppia mandata l’uscita di sicurezza cui hanno fatto ricorso, per venticinque anni, partiti col fiato corto sul piano programmatico. Leggi il seguito…

    • Addio Sardine

      di Giuseppe Leonelli. Giovedì la presentazione del cosiddetto “manifesto valoriale”, poi le Sardine prenderanno una “legittima pausa di riflessione e di riposo”. E’ il messaggio che Santori ha scritto nella chat interna del gruppo che ha fondato sei mesi fa a ridosso delle elezioni regionali in Emilia Romagna. Un messaggio fedelmente riportato da Repubblica. “Sono conscio che qualcuno preferisce farmi le scarpe e screditare me e le persone che mi supportano” ha scritto Santori nella chat parlando anche di “frustrazione e saccenza”. Leggi il seguito…