Viva le chiusure domenicali

A domenica si vada a Messa, non a lavorare. D’accordo, non arrivano all’invito in chiesa, ma le cinque proposte del Governo per disciplinare le aperture, meglio le chiusure dei negozi la domenica e nei giorni festivi vanno comunque nella giusta direzione. Ne ero già persuaso di mio, per via del terzo comandamento, ma me ne sono convinto del tutto per via della vacuità degli argomenti di chi vi si oppone. Ho infatti letto che chiudere i negozi sarebbe un regalo ad Amazon, come se gli acquisti on line già non prosperassero, e non fosse comunque più comodo aspettare il lunedì; ho letto che, se anche si ripristina la chiusura domenicale, qualcuno comunque lavora, come se fosse giusto far diventare la saltuaria pena di alcuni la puntuale pena di molti; ho pure letto che così il Governo toglie la libertà di acquistare, ma la libertà di acquistare che diavolo è, perdiana, rispetto al piacere di stare in famiglia, coi nonni o con gli amici «tutti insieme, abitanti delle città o delle campagne», come sottolineava già san Giustino, che non era più idealista ma solo meno idiota di certi di oggi. Ebbene, ho letto tutte queste scemenze e, confesso, ho faticato. Fortuna che domani è domenica.

Giuliano Guzzo

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il Sinodo dell’Amazzonia bypassa Benedetto XVI

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Benedetto XVI sosteneva che le religioni del mito, le religioni pagane, erano forme umane di esorcizzazione del pericolo dell’esistenza, tramite la protezione di qualche divinità contro altre divinità. La religione cristiana invece è la religione del Logos. Le religioni dei popoli indigeni citate nell'Instrumentum laboris del Sinodo dell'Amazzonia hanno tutte le caratteristiche che Ratzinger attribuiva alle religioni del mito Leggi il seguito…

    • Poveri migranti: ostaggi sì, ma del cinismo buonista

      di Andrea Zambrano. La Cedu respinge il ricorso della Sea Watch3, che vuole a tutti i costi sbarcare i 43 clandestini a Lampedusa. L'obiettivo non è umanitario, ma politico: dimostrare che Salvini si può battere. E il video diffuso ieri dalla ong è la prova della strumentalizzazione di questi poveretti per interessi di bottega: usarli come "scudi umani", giocando sulla loro pelle, con emotività e attraverso bugie mediatiche, non è affermare il loro rispetto, ma la loro futura solitudine. E' questa la cinica danza macabra buonista che le ong alimentano, la Sinistra sostiene e la Chiesa scambia per carità. Leggi il seguito…

    • Aborto o omicidio? Il cieco travaglio della Cassazione

      di Tommaso Scandroglio. I giudici, per avvalorare la tesi che il bambino nascente è come noi e non come un feto qualsiasi, indicano l’esistenza di un “quadro normativo e giurisprudenziale italiano ed internazionale di totale ampliamento della tutela della persona e della nozione di soggetto meritevole di tutela, che dal nascituro e al concepito si è poi estesa fino all'embrione”. Se è soggetto di diritto anche il concepito salta la distinzione giuridica tra omicidio colposo e aborto colposo e dunque anche, più semplicemente, tra omicidio e aborto, perchè anche l’aborto sarebbe un omicidio, solo compiuto prima della nascita. E dunque, a dar retta al senso di questa affermazione, la legge 194 dovrebbe essere dichiarata incostituzionale. Parimenti potremmo usare le stesse argomentazioni articolate dalla Cassazione per chiedere l’abrogazione della legge 194. Perché non usare questa sentenza a nostro favore? Leggi il seguito…

    • Il vescovo di Vicenza, il non giudicare e la DSC

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Un nuovo capitolo della storia del “non giudicare” è stato scritto dal vescovo di Vicenza Beniamino Pizziol in relazione al Gay Pride tenutosi di recente in quella città. Monsignor Pizziol ha isistito su tre punti. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.