Viva le chiusure domenicali

A domenica si vada a Messa, non a lavorare. D’accordo, non arrivano all’invito in chiesa, ma le cinque proposte del Governo per disciplinare le aperture, meglio le chiusure dei negozi la domenica e nei giorni festivi vanno comunque nella giusta direzione. Ne ero già persuaso di mio, per via del terzo comandamento, ma me ne sono convinto del tutto per via della vacuità degli argomenti di chi vi si oppone. Ho infatti letto che chiudere i negozi sarebbe un regalo ad Amazon, come se gli acquisti on line già non prosperassero, e non fosse comunque più comodo aspettare il lunedì; ho letto che, se anche si ripristina la chiusura domenicale, qualcuno comunque lavora, come se fosse giusto far diventare la saltuaria pena di alcuni la puntuale pena di molti; ho pure letto che così il Governo toglie la libertà di acquistare, ma la libertà di acquistare che diavolo è, perdiana, rispetto al piacere di stare in famiglia, coi nonni o con gli amici «tutti insieme, abitanti delle città o delle campagne», come sottolineava già san Giustino, che non era più idealista ma solo meno idiota di certi di oggi. Ebbene, ho letto tutte queste scemenze e, confesso, ho faticato. Fortuna che domani è domenica.

Giuliano Guzzo

 

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Che vuol dire sovranismo

      sovranismo di Marcello Veneziani. Il sovranismo non può essere antieuropeo; può esprimere un’altra idea d’Europa ma non si situa fuori dalla civiltà europea, dalla sua storia e tradizione. È contro la Ue, semmai, questa Ue, ma non può essere contro l’Europa. E questo va detto non solo ai suoi detrattori ma anche ai suoi sostenitori d’oltreoceano se pensano di usare il sovranismo per sfasciare l’Europa e per garantire l’egemonia americana. Il sovranismo è un principio di sovranità che sale dalle piccole patrie alla grande patria, come l’Europa, ma senza saltare il passaggio intermedio, cruciale: la sovranità nazionale Leggi il seguito… 

    • Uno spettro si aggira per la Chiesa: la gnosi

      chiesa-clima di Stefano Fontana. Quando nella storia della Chiesa cambiamo i paradigmi filosofici e teologici, bisogna sempre chiedersi se dietro non ci siano anche cause spirituali e religiose, se non ci siano delle eresie, l’adorazione di falsi dei o false adorazioni di Dio, oltre che falsi concetti… Vuol dire che da tempo non solo è cambiato un paradigma di pensiero, un modo di vedere le cose per cui oggi si accetta quanto ieri si condannava e si insegna quanto ieri si vietava, ma vuol dire che dalle fessure è entrato uno spirito nuovo di tipo religioso Leggi il seguito… 

    • Tutela della vita, il Livatino va nella tana del leone

      Aula Magna Cassazione Il Centro Studi Rosario Livatino ha organizzato il convegno “La tutela della vita nell’ordinamento giuridico italiano". Coraggiosa la location: non è il solito convegno "pro life", perché si tiene nell'aula Magna della Corte suprema di Cassazione, luogo che recentemente è stato decisivo in senso negativo nell’orientare non solo la giurisprudenza, ma anche la coscienza collettiva ad abbracciare principi contrari alla vita e alla famiglia.  Leggi il seguito… 

    • La liturgia non è scontro, non imporre il Messale nuovo

      messale di Nicola Bux. Ci si domanda se sia necessario apportare ulteriori cambiamenti ai testi del Messale romano nella prossima edizione italiana. Ma su Gloria e Padre nostro si attuano due pesi e due misure. Eppure c'è un precedente argentino che suggerisce di non recepire per forza le nuove disposizioni. Lo ricevette proprio l'allora cardinal Bergoglio. E' deleteria questa smania di cambiamento continuo, che appare sempre più essere un omaggio all’ideologia del provvisorio.  Leggi il seguito…