Un ricordo del cardinale Caffarra. Parte II

flora1

Nel primo anniversario della morte del cardinal Carlo Caffarra, il 6 settembre si è tenuta a Roma in Senato (Palazzo Madama, sala dei caduti di Nassirya) una conferenza stampa per ricordare la figura e il magistero di questo principe della Chiesa cattolica, durante la quale sono stati presentati gli atti del convegno organizzato nella capitale il 7 aprile 2018 dagli Amici del cardinal Caffarra in suo onore con il titolo “Chiesa cattolica, dove vai? Solo un cieco può negare che nella Chiesa vi sia una grande confusione” (edizioni Fede & Cultura, Verona 2018). Alla conferenza stampa sono intervenuti il cardinal Raymond L. Burke e l’ostetrica Flora Gualdani, moderati da Francesco Agnoli.

Pubblichiamo qui il ricordo del cardinal Caffarra nella testimonianza di Flora Gualdani, in una versione ampliata contenente il saluto della fondatrice di Casa Betlemme e il discorso rivolto da Caffarra a questa fraternità di laici il 24 giugno 2017. Il discorso è conservato nell’archivio del sito www.caffarra.it ed è riportato per estratti nel libro C. Caffarra, “Prediche corte, tagliatelle lunghe. Spunti per l’anima” (a cura di L. Bertocchi e G. Carbone OP, edizioni Studio Domenicano, Bologna 2017).

di FLORA GUALDANI

ostetrica, fondatrice dell’opera Casa Betlemme (Arezzo)

Il cardinale Carlo Caffarra è uno dei giganti che ebbi come docente nei primi anni ’80 a Roma durante i corsi che frequentavo all’Università Cattolica del Sacro Cuore. In quel periodo di aggiornamento ho avuto il privilegio di conoscere, accanto a lui, quelli che considero i miei grandi maestri, i giganti della fede e della scienza: all’epoca infatti, mentre sedute di fianco a me come studenti c’erano le suore inviate da Madre Teresa di Calcutta,

i relatori che avevamo davanti erano figure come la psichiatra polacca Wanda Połtawska (monumento vivente della bioetica), i coniugi Billings che venivano dall’Australia e la ginecologa Anna Cappella (pionieri nella regolazione naturale della fertilità), l’allora mons. Sgreccia (bioeticista padre del personalismo ontologicamente fondato), oppure il padre della genetica moderna, Jerome Lejeune. Ma sopra tutti c’era san Giovanni Paolo II il quale, dopo ogni congresso internazionale, non si limitava ai suoi discorsi pubblici di incoraggiamento, ma voleva riceverci per essere continuamente aggiornato sugli sviluppi sia scientifici che pastorali a livello mondiale sul tema della procreazione responsabile. Una volta, superando tutti gli appuntamenti che aveva in agenda, volle addirittura riceverci prima di cena nel suo appartamento. San Giovanni Paolo II aveva legato tra loro tutti questi giganti e, ponendoli nei vari dicasteri, li aveva scelti come luminosi consulenti moderni della sana Dottrina sulla delicata materia della procreatica. A Lejeune, dopo averla istituita, aveva affidato la Pontificia Accademia per la vita, chiedendogli di scrivere lo Statuto. Ed è insieme a questo luminare francese che il Prefetto Ratzinger aveva redatto l’istruzione bioetica Donum vitae.

Caffarra aveva avuto nel 1970 uno scontro durissimo con Häring e Chiavacci sul tema dell’Humanae vitae, tanto da volersene andare dall’associazione dei teologi moralisti. Il papa chiese a lui di fondare il Pontificio “Istituto Giovanni Paolo II per studi su matrimonio e famiglia”. L’inaugurazione era prevista per il 13 maggio 1981 ma la cosa saltò perché il papa subì l’attentato. Quell’Istituto, che Wojtyla aveva affidato alla Madonna di Fatima, era malvisto anche dentro la Chiesa a causa della visione che proponeva. Caffarra doveva dirigerlo e ne era preoccupato. Così scrisse una lettera a suor Lucia di Fatima chiedendole preghiere. Dopo qualche settimana ricevette inaspettatamente una lunga risposta autografa che finiva così: «verrà un momento in cui la battaglia decisiva tra il regno di Cristo e Satana sarà sul matrimonio e sulla famiglia. E coloro che lavoreranno per il bene della famiglia sperimenteranno la persecuzione e la tribolazione. Ma non bisogna aver paura, perché la Madonna gli ha già schiacciato la testa». Da quella lettera Caffarra trasse la forza per affrontare tutte le difficoltà e le umiliazioni che ha dovuto accettare fino all’ultimo.

Delle sue lezioni al Policlinico Gemelli ricordo la chiarezza: erano profonde e sistematiche ma semplici, le avrebbe capite chiunque. Anche quelle lezioni ho cercato di divulgarle e di trasmetterle ai miei collaboratori. Alla fine della lezione vedevi monsignor Caffarra che si concedeva una sigaretta. Era il fedele teologo di san Giovanni Paolo II, il papa della famiglia: c’è la sua mano dietro encicliche fondamentali come Evangelium vitae e soprattutto Veritatis splendor. Con i suoi insegnamenti ha continuato fino alla fine a proclamare lo splendore della verità. Spiegandoci il legame tra verità, coscienza e libertà. Lui rimane per la Chiesa un faro nella notte. E, pensando al sinodo dei giovani, suonano oggi perfette le parole con cui dieci anni fa a Roma, in una stupenda Lectio magistralis all’Università Cattolica del Sacro Cuore per il 40esimo dell’Humanae vitae, spiegò che la sfida educativa urgente a cui siamo chiamati è quella di «aiutare le giovani generazioni a trascendere se stessi verso la verità. Cioè, a essere veramente liberi e liberamente veri» (E. Giacchi-S. Lanza, Humanae vitae. Attualità e profezia di un’Enciclica, Vita e Pensiero, Milano 2011 – Atti del congresso internazionale).

Ci siamo incontrati di nuovo il 29 ottobre 2016 in un corso di formazione organizzato dall’associazione “Vita è” a Cella di Noceto. Prima del suo vigoroso intervento, davanti a Caffarra toccò a me parlare della situazione in cui si trovano le due encicliche Humanae vitae ed Evangelium vitae. La mia relazione si sintetizzava nell’espressione “Dall’utero a Lutero”: analizzando le condizioni dell’enciclica di Paolo VI, dopo un’anamnesi storica e pastorale, esposi la mia personale diagnosi e la terapia. E affondai il bisturi sul tema centrale della castità. Questione basilare per ogni vocazione: per la fedeltà e la felicità degli sposi, per la salute dei nostri giovani, per l’equilibrio di una vita consacrata, e per il bene di una persona con tendenza omosessuale.

Da quella sera, dopo essere stata una sua giovane allieva, mi sono ritrovata ad essere in breve un’anziana amica del cardinale Caffarra. Per l’esattezza gli feci notare che eravamo coetanei. E lui, con la sua tipica ironia raffinata, mi rispose che le donne i loro anni li sanno portare meglio degli uomini.

Per proseguire privatamente il nostro colloquio mi ricevette qualche tempo dopo a Bologna. Mi spiegava che alla sua età, ormai in pensione, pensava che si sarebbe potuto finalmente riposare. Invece, con le vicende del Sinodo, si ritrovava dentro una tempesta ecclesiale dove era impegnato più che in gioventù e, per amore della Chiesa di Cristo, si sentiva in dovere di dire alcune cose, se necessario anche alzando la voce. Parlavamo dei dubia. Lui ed io ci eravamo esposti pubblicamente sul tema della confusione che si stava delineando nel cattolicesimo. Tra le prime voci italiane preoccupate, dalla mia piccola postazione ostetrica io mi ero permessa di affermare con un microfono accademico (mentre ricevevo un premio prolife a Roma il 3 maggio 2014) che «se sopra la disinformazione ci seminiamo confusione, alla fine raccoglieremo devastazione». Lui dai piani più alti della Chiesa, nel suo ruolo di principe, nel gennaio 2017 aveva rincarato la dose rilasciando un’intervista dolorosa che conteneva una denuncia: «solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione». Mi parlava del modo rispettoso e filiale con cui aveva chiesto e poi implorato una risposta che desse chiarezza sopra la confusione crescente. Durante un nostro colloquio, in un momento di sconforto alzò le mani e lo sguardo al cielo sfogandosi: «ma il Signore non lo vede in che condizioni è la Sua barca?!». Si riprese subito dicendo che questa è la tentazione che vissero anche gli apostoli quando si trovarono in mezzo al lago dentro una bufera di vento e di onde mentre Gesù si era incredibilmente addormentato. Usando le parole di Dante mi spiegava che la Chiesa, nella sua storia, ne ha vissuti altri di questi momenti, quando sembrava “senza nocchiero e in gran tempesta”.

Il cardinale Caffarra non era soltanto un principe e un grande dottore della Chiesa. Era un pastore buono, coraggioso e sapiente, dall’enorme umiltà. Ci siamo sentiti altre volte al telefono. Aveva apprezzato molto una mia lunga catechesi dedicata alla grandezza della Maternità della Madonna, che avevo tenuto a Roma nel dicembre 2016 a Santa Maria in Vallicella. Mi confidò che gli avevo fatto venir voglia di tirare fuori dal cassetto un vecchio lavoro incompiuto che lui aveva avviato sulla figura di Maria. Abbiamo parlato a lungo della Madonna. Riflettendo sul tema della Corredentrice, gli dicevo che oggi mi pare urgente esaltare la figura di Maria poiché c’è una forte corrente teologica che vorrebbe, per ragioni diplomatiche, minimizzare il ruolo della Madonna, relegandola al devozionismo da vecchiette: «scusi Eminenza, ma secondo lei, agli occhi del Figlio di Dio sarà più importante non disturbare i protestanti o non offendere la Sua Mamma?». Il cardinale sorrise e mi dava ragione. Sempre immergendoci nel mistero dell’Incarnazione, c’era un altro punto su cui ci confrontavamo: io sostengo che il concepimento di Gesù, essendo avvenuto nel corpo di una donna senza concorso di uomo, andrebbe definito come transustanziazione della materia (cioè dell’ovulo di Maria) per opera dello Spirito Santo, grazie al magnifico “consenso informato” dato da Maria all’angelo. Lui mi raccontava che Paolo VI, in mezzo alle turbolenze teologiche del ’68, si raccomandava di usare il termine “transustanziazione” rigorosamente soltanto per la Messa. Infatti – gli rispondevo – sono profondamente convinta che, in realtà, la prima Messa e la prima Santa Comunione sono avvenute proprio in quel tabernacolo, l’utero della Madonna: dove la materia è divenuta corpo di Cristo. E Maria è stata così la prima persona a ricevere il corpo e il sangue di Cristo.

Caffarra desiderava venire a Casa Betlemme (Arezzo) per conoscere la fraternità dei miei collaboratori. Per evitargli la fatica del viaggio, organizzammo una prima trasferta a Bologna e ci ricevette il 24 giugno 2017 nel suo appartamento in un afoso pomeriggio. Premuroso come un padre, si preoccupava del poco spazio in cui ci accoglieva. Invademmo quel piccolo appartamento con una carica di vita e di giovani coppie entusiaste con i loro bambini e lattanti. Dopo averci offerto un pò di acqua fresca, ci fece accomodare tutti quanti, si sedette davanti all’altare e ci regalò un bellissimo discorso a braccio, di incoraggiamento sul carisma betlemita e sulla nostra moderna missione nella Chiesa. Durante la celebrazione della Santa Messa nella sua cappella, al momento dell’Offertorio ognuno di noi fece la promessa nelle mani del cardinale, il quale pose con cura tutti quei fogli firmati sull’altare a fianco del calice.

Alla fine ci trattenemmo ancora per alcuni consigli e suggerimenti che volle darmi. Ci salutò uno per uno, era stanco ma felice. Mi diceva che i medici gli avevano riconosciuto un cuore giovane in una “carrozzeria” malandata. In agosto ci risentimmo al telefono mentre era in vacanza e dovevamo confermare un nuovo appuntamento per metà settembre. Quell’incontro è rimandato nell’Alto dei Cieli. Dove lui adesso, con la potenza dei santi, può lavorare in totale libertà a proteggere e risollevare la Chiesa di Cristo dal fango in cui si trova. Per questo lo vogliamo ricordare con immensa riconoscenza.

flora-gualdani-e-il-cardinale-caffarra-bologna-24-giugno-2017

Di seguito riporto il testo del saluto che quel pomeriggio feci al cardinale a nome della nostra associazione pubblica di fedeli, e il discorso che lui ci rivolse prima della S. Messa.

 

 

FLORA GUALDANI al card. CARLO CAFFARRA:

Eminenza carissima,

ci presentiamo a lei con grande stima e gratitudine. Grazie per le due sue firme ai “dubia”. E grazie per averci ricevuto oggi. Siamo venuti perché lei accolga oggi la nostra promessa di fedeltà a servizio della Chiesa, la nostra amata Chiesa: che nel 2005, dopo 40 anni, riconobbe quale opera sua il nostro Statuto, voluto dall’allora Vescovo di Arezzo Bassetti.

Siamo qui per rinnovare l’obbedienza totale al “BTD” (Bibbia, Tradizione, Dottrina) senza reinterpretazioni rivoluzionarie svianti circa i beni fondamentali della vita cristiana. Il nostro impegno è per uno specifico servizio che vuole incarnare soprattutto Veritatis splendor, Humanae vitae, Evangelium vitae, Familiaris consortio, come dal nostro Statuto: documenti particolarmente attuali nella confusione di questi tempi. Papa Benedetto XVI, quando prese visione del nostro Statuto, si congratulò e disse all’allora Vescovo Bassetti: «queste sono persone che vivono e servono Veritatis splendor». Parole di Benedetto XVI. E in questo anno stiamo ristudiando questo documento basilare.

Eminenza, lei per noi e per molti, è un faro nella notte. Grazie!

Noi siamo una fraternità di laici che, vivendo del proprio lavoro, s’impegnano con gioia (e senza opinionismi) a servire la vera Chiesa nella sua norma oggettiva assoluta. In verità per carità, come lei ci insegna.

Siamo un assortimento di professionalità: ci sono ingegneri, insegnanti di vario grado, giornalisti, ostetriche, infermiere, funzionari pubblici, artisti, impiegati, operatori sociali. Dico questo non per ostentare titoli ma per testimoniare che la nostra fede e obbedienza non sono da ignoranza né da paurosa sottomissione (un pò di moda ad alti livelli). Abbiamo tutti un unico ideale: farci santi in questo tempo di martirio. Ciascuno con la propria vocazione. Ci sostengono i nostri tre patroni: Francesco, Teresina, Caterina.

Nella presentazione di ognuno dirò l’impegno assunto nell’opera Casa Betlemme in questo anno 2017/2018. L’Opera comprende tre rami: consacrati, oblati, terziari betlemiti e terziari aspiranti oblati.

Di nuovo grazie per averci ricevuto, e grazie per la sua posizione chiara nella Chiesa di oggi.

Card. CARLO CAFFARRA alla fraternità di Casa Betlemme:

Grazie Flora e grazie a voi tutti. Mi dispiace di non avervi accolti in un modo diciamo “più accogliente”, ma questa è la mia casa. Come dicevo a uno di voi, certamente i giornalisti dell’Espresso non potranno dire che il cardinale Caffarra vive in un appartamento di grande lusso. Ecco, però mi dispiace perché c’è per voi qualche piccola sofferenza da sopportare. A ciò si è aggiunto “Caronte”, mi dicono che si chiama così questa nuova ondata di caldo: prima si chiamava “Annibale”, e questa si chiama “Caronte”.

Avete un carisma nella Chiesa. Carisma sapete cosa vuol dire? Vuol dire che ci sono delle persone che vivono la loro fede cristiana con una particolare attenzione ad alcuni aspetti della proposta cristiana stessa. Voi avete fatto questa scelta e adesso la rinnoverete.

La Chiesa ha approvato questo modo di vivere il Vangelo. Quindi dovete essere assolutamente sicuri che non siete, nella Chiesa, gente “un po’ strana”. La Chiesa vi ha approvato, e l’approvazione della Chiesa cosa vuol dire? Vuol dire che se tu segui questo carisma, se tu segui cioè questa proposta di vita cristiana, stai tranquillo: incontrerai il Signore.

Questo carisma è risultato molto chiaramente sia dalle tue preghiere (che abbiamo pregato adesso all’inizio), sia dalle parole famosissime “Ci alzeremo in piedi quando…, ci alzeremo in piedi…” (san Giovanni Paolo II, 1979). Questo è il vostro carisma. Voi sicuramente più di me, perché vivete di più nel mondo, vi renderete conto di quanto oggi la Chiesa e la società ha bisogno di questo forte richiamo.

La Chiesa perché – l’ho anche scritto pubblicamente – bisogna essere ciechi per non vedere che la Chiesa sta attraversando un momento di confusione e di smarrimento. Non è la prima volta che questo succede. Ne ha vissuti altri di questi momenti. Quando sembrava, come dice Dante, “senza nocchiero e in gran tempesta”. L’han vissuto anche gli apostoli, quando si son trovati in mezzo al lago dentro una bufera di vento e di onde. E – incredibile – Gesù dormiva, si era addormentato. A volte siamo tentati di dire: Gesù, ti sei ancora addormentato in questo momento? Ma sappiamo che Lui c’è, questa è la nostra certezza.

Però con la vostra testimonianza, con il vostro vivere in tutti gli aspetti della vita – come diceva prima Flora – voi testimoniate lo splendore della verità circa ciò che è bene e ciò che è male. Questo è il punto. E quindi anche non solo per la Chiesa ma anche per la società civile. Perché vedete che ormai siamo alla resa dei conti di quei presupposti che abbiamo messo qualche decina di anni fa come base della nostra vita associata.

Non so se voi sapete che quando ormai si era deciso di firmare il famoso Trattato di Roma che dava origine all’Europa unita, i grandi padri fondatori – De Gasperi, Adenauer e Schuman – hanno passato insieme qualche giornata di preghiera e di raccoglimento presso il monastero dei benedettini di Bonn in Germania. Ecco, provate a immaginare se oggi quando si ritrovano (come si son ritrovati ieri) hanno anticipato qualche giorno di preghiera e raccoglimento in qualche monastero benedettino!

Portiamo dunque le conseguenze di premesse. Io ricordo benissimo quando si fece la Costituzione dell’Europa unita che poi, grazie a Dio, dovendo essere approvata da tutti, venne respinta dalla Francia e dall’Olanda – e quindi non passò – che di proposito non vollero mettere le radici cristiane dell’Europa, che poi è un fatto storico. Io spiegavo sempre questo fatto storico quando facevo le catechesi ai giovani e dicevo: provate a chiudere gli occhi un momento e immaginate di togliere tutto ciò che è stato prodotto dalla fede a Bologna a livello di monumenti artistici – fatelo voi in questo momento per la vostra città – e poi aprite gli occhi e cosa resta? Una ragazzina una volta mi disse: “eminenza, resta quel brutto monumento a Giuseppe Garibaldi!”. Le risposi: “Brava, hai detto bene”.

Vedete, è la fede che produce bellezza. E parlo a persone che vengono da una regione che è uno scrigno da questo punto di vista: anche piccoli borghi che hanno opere d’arte straordinarie, che i fedeli hanno creato con la loro fede. Ora tutto questo si è come reso evanescente. La fede sembra una piccola lampada che stia per estinguersi. In questa società così, “nave senza nocchiero e in gran tempesta”, la presenza di testimoni veri, semplici, forti – credetemi – è ciò che salva la società stessa.

In quella distruzione totale di tutto che fu la caduta dell’Impero romano, Benedetto si ritirò con alcuni suoi amici nel bosco di Subiaco, semplicemente “per servire il Signore” dice nella sua Regola. Però da quel piccolo gruppo è stata generata una nuova Europa. Cioè vedete le piccole comunità sono piccole – certo – quantitativamente, ma una delle regole che il Signore segue nel Suo agire, è che Lui fa le opere grandi con le forze piccole. Questo nella Bibbia è chiarissimo. Abbiamo letto in questi giorni la storia di Gedeone: manda a casa l’uno, manda a casa gli altri, dice il Signore, e sono rimasti qualche centinaio contro un esercito di migliaia e migliaia, e il Signore ha vinto. Il santo Curato d’Ars diceva: “vedete, il Signore con Gedeone si è servito di una mascella d’asino per vincere i suoi nemici. Pensate cosa non può fare con me che sono un asino tutto intero!”.

Quindi queste piccole comunità come la vostra sono i luoghi della fioritura della nuova società, sono i luoghi dove si pongono le basi per la vera città degli uomini, e anche per la guida e un orientamento nella Chiesa.

Dunque, questi sono i miei pensieri come mi vengono dettati dal cuore. Quindi: fedeltà. La strada vi è stata indicata. Fedeltà ad un impegno che avete preso. E state certi, come vi dicevo, che il Signore opera e opererà grandi cose attraverso di voi. Grandi cose.

Sempre nella Sacra Scrittura, nella grande lotta contro coloro che volevano imporre una cultura pagana al popolo ebreo, i Maccabei ad un certo momento dovettero affrontare un esercito molto molto forte e molto numeroso, per cui molti nell’esercito dei Maccabei lasciarono e scapparono. A questo punto ne rimasero un centinaio, quindi niente! Allora i generali di Giuda Maccabeo gli consigliarono quello che in questi casi, in tutte le strategie, si consiglia cioè non affrontarli direttamente ma la guerriglia, perché sennò si è distrutti. Giuda Maccabeo ascolta e dice: “perché il Signore fa più fatica a compiere la sua opera se siamo in dieci che se fossimo in cento?”. Bellissimo questo. Non è che il Signore faccia più fatica perché magari non siete cinquemila. No, fa più fatica se non siete fedeli al vostro carisma! Ma se siete fedeli a questo, il Signore opera grandi cose.

info@casabetlemme.it

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Pro life e pro family si alleano in Senato

      gandolfini-intergruppo-parlamentare di Tempi. Il 18 settembre a Palazzo Madama oltre 150 senatori hanno aderito all’intergruppo parlamentare per la Famiglia, nato per presidiare e promuovere le istanze più profonde dell’antropologia umana, dalla vita alla libertà educativa, «temi che vanno trattati avendo chiaro il riferimento valoriale della tradizione del popolo italiano e che vanno al di là dell’appartenenza partitica del legislatore». Leggi il seguito… 

    • Di sinodalità si può morire

      sinodo di Stefano Fontana. La nuova Costituzione apostolica "Episcopalis Communio" sembra ratificare un grave equivoco sul significato dei Sinodi, ovvero che siano i sinodi a produrre la verità e non viceversa. Ma oggi il vero problema della Chiesa è l’episcopato, vale a dire la perdita del senso di cosa significhi essere successore degli Apostoli. Leggi il seguito… 

    • Il fronte parlamentare contro la “deriva antropologica”

      fronte-parlamentare-contro-deriva-antropologica di Federico Cenci. Un fronte, costituito da esponenti di partiti diversi, che ha l’obiettivo di arginare la“deriva antropologica”. Così può essere definito l’Intergruppo parlamentare “Famiglia e Vita”, che è stato presentato stamattina in Senato. Posto in linea di continuità con un gruppo analogo sorto nel corso della scorsa legislatura, esso nasce sotto l’egida del Family Day. Leggi il seguito… 

    • L’agenda è già scritta, il Sinodo diventa solo un pretesto

      sinodo-giovani-ottobre-2018 di Stefano Fontana. Dalle nomine così unilaterali per il prossimo Sinodo sui Giovani emerge la volontà di determinare fin da subito l’esito dell'assise dei vescovi. Una conferma che in realtà, oggetto del Sinodo non siano i giovani ma nuove aperture moderniste nel campo della morale sessuale, in modo particolare delle relazioni sessuali prematrimoniali e della contraccezione. Potremmo parlare di Sinodi “pretesto”, o di Sinodi “strumentali” per raggiungere un qualche fine già stabilito prima. Il Sinodo potrà auspicabilmente anche rimanere nel vago, dire e non dire, aprire le questioni anziché chiuderle. Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.