Pro life e pro family si alleano in Senato

gandolfini-intergruppo-parlamentare

di Tempi.

Il 18 settembre a Palazzo Madama oltre 150 senatori hanno aderito all’intergruppo parlamentare per la Famiglia, nato per presidiare e promuovere le istanze più profonde dell’antropologia umana, dalla vita alla libertà educativa, «temi che vanno trattati avendo chiaro il riferimento valoriale della tradizione del popolo italiano e che vanno al di là dell’appartenenza partitica del legislatore».

***************

Massimo Gandolfini lo ha ripetuto tante volte, «non vogliamo fare un nuovo partito. Vogliamo assumerci la sfida – difficile, difficilissima, enorme – di “contagiare” la politica dei partiti con la nostra “politica dei princìpi”». Per il leader del Family dayquesto ha sempre significato radunare uomini e donne nelle istituzioni per promuovere e sostenere politiche concrete, culturali ed economiche, «a vantaggio della vita, dal concepimento alla morte naturale, in contrasto con il gelo demografico e le derive omicidiarie legalizzate, della famiglia, papà mamma e figli, del diritto alla libertà educativa dei genitori».
E così è stato: il 18 settembre a Palazzo Madama oltre 150 senatori hanno aderito all’intergruppo parlamentare per la Famiglia, nato per presidiare e promuovere le istanze più profonde dell’antropologia umana, dalla vita alla libertà educativa, «temi che vanno trattati avendo chiaro il riferimento valoriale della tradizione del popolo italiano e che vanno al di là dell’appartenenza partitica del legislatore».

VALORI NON NEGOZIABILI. A pochi mesi dalla fine della passata legislatura e della sua folle corsa verso quello che il popolo del Family day ha rappresentato come la “rottamazione” della società civile – approvazione del divorzio breve e divorzio express, legge sulle unioni civili approvata con l’imposizione di due voti di fiducia, testamento biologico passato prima della chiusura dei lavori parlamentari – nasce dunque un nuovo soggetto trasversale tra maggioranza e opposizione, che insieme alle anime del tradizionale centrodestra, Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia, Udc, Idea e Noi con l’Italia, ha trovato il sostegno anche di alcuni esponenti del Movimento cinque stelle come Tiziana Drago.
Sul tavolo, utero in affitto, adozioni omogenitoriali, legalizzazione delle droghe “leggere”, contrasto al suicidio assistito, valorizzazione del principio di obiezione di coscienza, educazione gender nelle scuole, temi da affrontare alla luce di quei valori «non negoziabili» a difesa dei quali sono scesi in piazza milioni di persone.

PROSSIMA TAPPA, MILANO. Alla presentazione dell’Intergruppo avvenuta in sala Nassirya sono intervenuti Simone Pillon e Alessandro Pagano (Lega), che hanno assicurato pieno rispetto del patto di governo che prevede una moratoria sui temi sensibili ma non esclude un lavoro sul piano culturale su enti locali e giustizia, Maurizio Gasparri, Antonio Palmieri e Luciano Malan (Fi), Gaetano Quagliariello (Idea), Paola Binetti (Udc) e Augusta Montaruli (Fdi). A tutti Massimo Gandolfini ha chiesto di agire concretamente a sostegno della natalità e della famiglia. Un’analoga iniziativa, annuncia il comitato Difendiamo i nostri figli, verrà portata avanti con gli amministratori locali in un incontro a Milano a ottobre.

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Come può nascere una nuova crisi

      deutsche-bank di Luca Lippi. La Deutsche Bank è una banca decotta, salvata più volte con i soldi degli istituti europei. E' la stessa che nel 2011 aveva cominciato a vendere i titoli di stato Italiani. Nonostante tutto è riuscita, col favore dell’ingerenza del governo tedesco, a imporre a tutte le altre banche - comprese quelle italiane, che hanno molti investimenti in titoli di stato del proprio Paese - di deprezzarli in bilancio e di ripianare le perdite potenziali non appena questi titoli perdono di valore in Borsa anche se non li vendono. Devono coprire le perdite e mettere le mani nella tasca come se avessero perso realmente soldi (di fatto raddoppiando la perdita), mentre la Deutsche Bank non deve fare nulla. Questa è una asimmetria piuttosto evidente per essere ignorata Leggi il seguito… 

    • L’Unione debole nutre i violenti

      assalto-a-sede-ue2 di Gian Micalessin. Spiegare un fatto senza precedenti come il tentato assalto di ieri alle sedi Ue di Bruxelles con la violenza dell'estrema destra è improprio e riduttivo. Quell'esplosione di violenza, accompagnata dalla presenza di oltre 5mila manifestanti, è la dimostrazione di come il malessere verso l'Unione Europea cresca di giorno in giorno. E come questo malessere raggiunga il suo apice quando ci sono in ballo questioni come la sovranità nazionale e i migranti Leggi il seguito… 

    • La famiglia soffre di mononucleosi

      famiglia di Marcello Veneziani. La famiglia mononucleare. Ma che vuol dire? Spiegano seri sociologi, economisti, statistici e antropologi che sta per famiglia con un solo elemento. Ma siete scemi? La famiglia-tipo era di almeno quattro elementi, poi fu coppia, ora uno solo. È come dire: i quattro moschettieri erano tre ma ne ricordo solo due: d’Artagnan… Oppure c’è la famiglia tiraemolla per tutti i gusti: allargata, allungata, trasversale, incrociata, infrociata, a pallini, ecc. Leggi il seguito… 

    • Strasburgo, una riflessione: il terrorismo non è buddista, confuciano o cristiano

      islam di Agostino Nobile. L’ultimo attentato terroristico avvenuto in un mercatino di Natale di Strasburgo, pur sconvolgente, per i governi europei sembra l’ennesimo incidente di percorso. Per i media e i politici progressisti tutti i terroristi hanno un passato costellato di piccoli crimini. Mai una volta li hanno definiti come autentici fedeli della dottrina islamica. Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.