Pro life e pro family si alleano in Senato

gandolfini-intergruppo-parlamentare

di Tempi.

Il 18 settembre a Palazzo Madama oltre 150 senatori hanno aderito all’intergruppo parlamentare per la Famiglia, nato per presidiare e promuovere le istanze più profonde dell’antropologia umana, dalla vita alla libertà educativa, «temi che vanno trattati avendo chiaro il riferimento valoriale della tradizione del popolo italiano e che vanno al di là dell’appartenenza partitica del legislatore».

***************

Massimo Gandolfini lo ha ripetuto tante volte, «non vogliamo fare un nuovo partito. Vogliamo assumerci la sfida – difficile, difficilissima, enorme – di “contagiare” la politica dei partiti con la nostra “politica dei princìpi”». Per il leader del Family dayquesto ha sempre significato radunare uomini e donne nelle istituzioni per promuovere e sostenere politiche concrete, culturali ed economiche, «a vantaggio della vita, dal concepimento alla morte naturale, in contrasto con il gelo demografico e le derive omicidiarie legalizzate, della famiglia, papà mamma e figli, del diritto alla libertà educativa dei genitori».
E così è stato: il 18 settembre a Palazzo Madama oltre 150 senatori hanno aderito all’intergruppo parlamentare per la Famiglia, nato per presidiare e promuovere le istanze più profonde dell’antropologia umana, dalla vita alla libertà educativa, «temi che vanno trattati avendo chiaro il riferimento valoriale della tradizione del popolo italiano e che vanno al di là dell’appartenenza partitica del legislatore».

VALORI NON NEGOZIABILI. A pochi mesi dalla fine della passata legislatura e della sua folle corsa verso quello che il popolo del Family day ha rappresentato come la “rottamazione” della società civile – approvazione del divorzio breve e divorzio express, legge sulle unioni civili approvata con l’imposizione di due voti di fiducia, testamento biologico passato prima della chiusura dei lavori parlamentari – nasce dunque un nuovo soggetto trasversale tra maggioranza e opposizione, che insieme alle anime del tradizionale centrodestra, Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia, Udc, Idea e Noi con l’Italia, ha trovato il sostegno anche di alcuni esponenti del Movimento cinque stelle come Tiziana Drago.
Sul tavolo, utero in affitto, adozioni omogenitoriali, legalizzazione delle droghe “leggere”, contrasto al suicidio assistito, valorizzazione del principio di obiezione di coscienza, educazione gender nelle scuole, temi da affrontare alla luce di quei valori «non negoziabili» a difesa dei quali sono scesi in piazza milioni di persone.

PROSSIMA TAPPA, MILANO. Alla presentazione dell’Intergruppo avvenuta in sala Nassirya sono intervenuti Simone Pillon e Alessandro Pagano (Lega), che hanno assicurato pieno rispetto del patto di governo che prevede una moratoria sui temi sensibili ma non esclude un lavoro sul piano culturale su enti locali e giustizia, Maurizio Gasparri, Antonio Palmieri e Luciano Malan (Fi), Gaetano Quagliariello (Idea), Paola Binetti (Udc) e Augusta Montaruli (Fdi). A tutti Massimo Gandolfini ha chiesto di agire concretamente a sostegno della natalità e della famiglia. Un’analoga iniziativa, annuncia il comitato Difendiamo i nostri figli, verrà portata avanti con gli amministratori locali in un incontro a Milano a ottobre.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il Sinodo dell’Amazzonia bypassa Benedetto XVI

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Benedetto XVI sosteneva che le religioni del mito, le religioni pagane, erano forme umane di esorcizzazione del pericolo dell’esistenza, tramite la protezione di qualche divinità contro altre divinità. La religione cristiana invece è la religione del Logos. Le religioni dei popoli indigeni citate nell'Instrumentum laboris del Sinodo dell'Amazzonia hanno tutte le caratteristiche che Ratzinger attribuiva alle religioni del mito Leggi il seguito…

    • Poveri migranti: ostaggi sì, ma del cinismo buonista

      di Andrea Zambrano. La Cedu respinge il ricorso della Sea Watch3, che vuole a tutti i costi sbarcare i 43 clandestini a Lampedusa. L'obiettivo non è umanitario, ma politico: dimostrare che Salvini si può battere. E il video diffuso ieri dalla ong è la prova della strumentalizzazione di questi poveretti per interessi di bottega: usarli come "scudi umani", giocando sulla loro pelle, con emotività e attraverso bugie mediatiche, non è affermare il loro rispetto, ma la loro futura solitudine. E' questa la cinica danza macabra buonista che le ong alimentano, la Sinistra sostiene e la Chiesa scambia per carità. Leggi il seguito…

    • Aborto o omicidio? Il cieco travaglio della Cassazione

      di Tommaso Scandroglio. I giudici, per avvalorare la tesi che il bambino nascente è come noi e non come un feto qualsiasi, indicano l’esistenza di un “quadro normativo e giurisprudenziale italiano ed internazionale di totale ampliamento della tutela della persona e della nozione di soggetto meritevole di tutela, che dal nascituro e al concepito si è poi estesa fino all'embrione”. Se è soggetto di diritto anche il concepito salta la distinzione giuridica tra omicidio colposo e aborto colposo e dunque anche, più semplicemente, tra omicidio e aborto, perchè anche l’aborto sarebbe un omicidio, solo compiuto prima della nascita. E dunque, a dar retta al senso di questa affermazione, la legge 194 dovrebbe essere dichiarata incostituzionale. Parimenti potremmo usare le stesse argomentazioni articolate dalla Cassazione per chiedere l’abrogazione della legge 194. Perché non usare questa sentenza a nostro favore? Leggi il seguito…

    • Il vescovo di Vicenza, il non giudicare e la DSC

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Un nuovo capitolo della storia del “non giudicare” è stato scritto dal vescovo di Vicenza Beniamino Pizziol in relazione al Gay Pride tenutosi di recente in quella città. Monsignor Pizziol ha isistito su tre punti. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.