Le guide cieche

Cosa ha reso irrilevante il cristianesimo oggi? La perdita della solenne liturgia, di un rituale condiviso, dello spazio del mistero, del soprannaturale inteso come altro, rispetto alla semplice natura.
La Chiesa travolta dai processi di laicizzazione, ha cercato il mondo nel tentativo di riaccreditarsi, ha disposto che il messaggio di Cristo si riducesse ad impegno sociale, ha creduto che il regno di Dio, annunciato da Gesù, potesse prendere il via attraverso la trasformazione delle strutture, fidando più nel fare che non nell’adorare.
In tal modo la prassi ecclesiale ha finito per adeguarsi a categorie sociologiche perlopiù di derivazione marxista e inevitabilmente l’illusorio ottimismo è stato eroso da un pessimismo esistenziale rancoroso.
Questa contiguità con la visione ateistica tipica del materialismo storico, ha richiesto adeguamenti. In primis l’attenuazione progressiva di ogni residuo soprannaturale, nonché la riduzione dei sacramenti ad una pura formalità, in fondo neppure necessaria. Ridotto Dio alla pura dimensione dell’amore, un amore che tutto consente e perdona, un amore sentimentale, un amore senza nerbo, accogliente, lontanissimo dall’idea di sacrifico in breve è venuta meno la fondatezza di ogni morale, presentata come rigorismo privo di carità.
Ogni uomo si è sentito in tal modo giustificato, in diritto di rivendicare la felicità, la realizzazione mondana, il benessere. Ogni orizzonte Ulteriore è parso inutile, un differimento nel tempo di quei diritti che vanno realizzati oggi.
Con la perdita di forza della carica utopica che pur era presente nell’ideologia marxista, la vita umana si è ridotta a prassi, calcolo, competitività. Il trionfo del materialismo consumistico.
Non pochi biblisti, di fatto in linea con questa visione tutta terrena, hanno svolto il ruolo di teste di ponte dentro il cuore della Chiesa, con il fine di ridurre il Cristo alla mera figura di un uomo ispirato, scelto da Dio per manifestarne la Sua volontà; solerti teologi hanno completato il lavoro ha sostegno di questa scellerata tesi, argomentando abilmente, ma di fatto rinunciando ad una sistematica elaborazione del dogma e del magistero scivolato nel passato e sostituiti da sentimentalismi di tipo esistenzialistico.
I più avveduti non dicono esplicitamente, i più temerari sfidano spudoratamente il magistero, che per evitare rogne, tace. Penso a Mancuso, Enzo Bianchi, Maggi, Grillo, personaggi che della Chiesa non sanno che farsene.
Ma quando la Chiesa rinunci a tenere alto, direi altissimo, il tema del soprannaturale, quando la Chiesa pronunci la parola peccato sottovoce, quando la Chiesa non annunci Cristo quale Dio incarnato, o banalizzi la potenza del miracolo sottacendo tutte le manifestazioni del soprannaturale; essa nega se stessa in ciò che le è più proprio. Per conseguenza il problema del male si presenta come insolubile; ed è così ovvio, perché accanto alla negazione del miracolo vien negato il sacrificio di Cristo, il dolore di Cristo, il sangue di Cristo.

In tal modo tutto perde di significato, persino la preghiera. Senza questa precisa idea di redenzione di espiazione, l’uomo diventa troppo umano, si trasforma in un mistero insolubile, in un nodo di contraddizioni. E la parola consolante di Dio si fa afona, inverosimile; la salvezza non riposa nelle strutture, nell’organizzazione; quante volte lo ha ripetuto Ratzinger.
Confondere Dio con il mondo, fare dell’incarnazione la negazione della distinzioni dei due piani, cioè natura e soprannaturale, significa giustificare il male, renderlo parte della creazione. Ma a questo punto che mondo avrebbe creato Dio?
I “ nuovi sapienti” non possono rispondere, perché tra le altre cose negano il peccato originale.
Non resta loro che l’impegno sociale, l’ecumenismo di facciata, la comoda poltrona televisiva, il verbo nefasto del loro irrazionale nichilismo.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Olanda e Germania attaccano militarmente l’Italia con la Sea Watch

      di Guido da Landriano. L’Italia vieta l’accesso in acque italiane, secondo una precisa norma di legge, pur accogliendo chi era in reale stato di necessità. La norma viene confermata come legittima da parte della Corte di Giustizia Europea, quindi perfettamente valida. Nonostante questo, con totale sprezzo delle norme di legge e con un atto aggressivo inusitato, nel TOTALE SILENZIO dei governi di bandiera (Olanda) e di armamento (Germania), la nave entra in acque italiane, rifiutandosi perfino di obbedire agli ordini della Guardia di Finanza. Si tratta di un atto di aggressione che sfiora l’aggressione militare, e forse la supera Leggi il seguito…

    • Sea Watch dichiara guerra all’Italia

      di Andrea Indini. Quella della Sea Watch è stata un’operazione politica in piena regola, messa in piedi apposta per mettere in difficoltà il governo italiano. Sin dall’inizio l’obiettivo era farsi aprire un porto per forzare il blocco imposto da Salvini. Una missione sulla pelle degli immigrati che ha infranto svariate leggi e messo a nudo l’incapacità dell’Unione europea di fronteggiare un problema simile. La forzatura di oggi, però, non è come le precedenti operazioni illegali delle varie ong che negli ultimi anni ci hanno riempito le coste di clandestini. La Rackete ha, infatti, deciso di infischiarsene deliberatamente del provvedimento che le è stato consegnato la scorsa settimana dalla Guardia di Finanza e che le intimava “il divieto di ingresso, transito e sosta” nelle nostre acque. Mai prima d’ora le nostre leggi erano state calpestate in modo tanto plateale Leggi il seguito…

    • Il Sinodo dell’Amazzonia bypassa Benedetto XVI

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Benedetto XVI sosteneva che le religioni del mito, le religioni pagane, erano forme umane di esorcizzazione del pericolo dell’esistenza, tramite la protezione di qualche divinità contro altre divinità. La religione cristiana invece è la religione del Logos. Le religioni dei popoli indigeni citate nell'Instrumentum laboris del Sinodo dell'Amazzonia hanno tutte le caratteristiche che Ratzinger attribuiva alle religioni del mito Leggi il seguito…

    • Poveri migranti: ostaggi sì, ma del cinismo buonista

      di Andrea Zambrano. La Cedu respinge il ricorso della Sea Watch3, che vuole a tutti i costi sbarcare i 43 clandestini a Lampedusa. L'obiettivo non è umanitario, ma politico: dimostrare che Salvini si può battere. E il video diffuso ieri dalla ong è la prova della strumentalizzazione di questi poveretti per interessi di bottega: usarli come "scudi umani", giocando sulla loro pelle, con emotività e attraverso bugie mediatiche, non è affermare il loro rispetto, ma la loro futura solitudine. E' questa la cinica danza macabra buonista che le ong alimentano, la Sinistra sostiene e la Chiesa scambia per carità. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.