I sexy robot e l’affettività umana

artificial-intelligence-sex-doll 

L’ultima frontiera dei robot, sono i cosiddetti “sexy robot: automi che, nelle intenzioni di chi li progetta, soprattutto nel mondo anglosassone, dovrebbero fare le veci di mogli e fidanzate, “utili a chi è solo o non è in grado di stabilire una relazione“.

In soldoni, si tratta di robot che “migliorerebbero” le “sexy doll”, concepite per “fare sesso”, senza la presenza di una persona in carne e ossa. Ma è possibile davvero sostituire una persona con un robot? Ed è davvero umano il “sesso senza amore“, per usare l’espressione di un cantautore come Antonello Venditti?

Alla prima domanda si è già risposto (nel testo precedente, ndr): i robot non hanno nulla a che vedere con le persone. Sono, per usare un’espressione che racchiude tutto ciò che si è detto, “senz’anima“.

E’ dunque già chiara la risposta alla seconda domanda: il sesso senza amore è di per sè possibile, ma non è umano, nel senso che non corrisponde al vero desiderio dell’uomo, ma solo ad sua volontaria auto-amputazione della natura umana. Infatti l’uomo può anche “fingere” di essere solo un fascio di istinti e di pulsioni cieche; può comportarsi come se fosse solo un corpo disanimato, come una macchina. Ma senza che questo gli permetta di essere felice, di vivere la grandezza della vera relazione tra persone.

Il primo concetto da mettere a fuoco è questo: il corpo è epifania, manifestazione, della persona. Non esiste da solo, di per se stesso. E’ sempre connesso all’anima. In quest’ottica guardare ad una persona come se essa coincidesse con il suo corpo e soltanto con esso significherebbe reificare una persona, ridurre un soggetto ad oggetto.

Esempi di reificazione sono la pornografia, lo stupro, il ricorso alla prostituzione ecc. In tutti questi casi un soggetto concupisce, in un altro soggetto, solo il suo corpo (o addirittura solo una parte di esso), e lo riduce così ad un oggetto di piacere individuale.

Con una conseguenza per lui forse inaspettata, ma logica: che lo stesso piacere che ne ricava, è, non solo effimero, ma anche “avvelenato”. Perchè? Perchè il vero desiderio dell’uomo, se egli è anima e corpo, è amare con entrambi, amare consapevolemente, amare con tutto se stesso, amare nel rispetto della propria e dell’altrui libertà (senza essere schiavo, lui, dell’istinto, l’altra persona della sua forza bruta), e ciò – in caso di “sesso senza amore“-, non avviene.

C’è amore, dunque, quando un tutto, l’uomo come anima e corpo, abbraccia, di un altro tutto, il tutto e non la parte. E lo si chiama amore, e non solo piacere, perchè soddisfa non solo l’istinto corporeo, ma un desiderio più profondo. Perchè realizza un’ aspirazione più grande, vivendo la relazione non come possesso, ma come dono; non come mera gratificazione egoistica, ma come incontro; non con egoismo, ma con altruismo; non con la concupiscenza di chi usa gli altri come fossero intercambiabili, ma con la responsabilità di chi comprende l’unicità di ogni singola persona (“amo te, solo te, proprio te come persona, e cioè non solo in un dato momento, ma fedelmente“).

Vissuta bene la sessualità non è chiusura su di sè, ma apertura; non è pura genitalità, ma affettività; non esita nella violenza, ma rimane nell’amore. Così la natura sponsale del corpo (evidente negli organi genitali), convive armoniosamente con la natura relazionale, sponsale, dell’anima umana.

Nell’atto coniugale, cioè che congiunge, due persone si accolgono e si donano reciprocamente, integralmente, perchè si sono già accolte e riconosciute prima dell’atto corporeo stesso, nella loro mente e nel loro cuore.

I visi si guardano, si parlano e si baciano (il viso è l’ “immagine della soggettività” dell’altro, identifica la sua identità di persona razionale e libera); le braccia spalancate abbracciano: è l’accoglienza del cuore; gli organi genitali si uniscono, generando la vita.

Così l’unione dei due corpi suggella e realizza l’unione spirituale degli sposi, permettendo a sua volta di generare un figlio (perchè l’amore è davvero “creatore”).

Articolo pubblicato su Pro Vita

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La Recta Ratio e le variazioni magisteriali

      fides-catholica-rivista-apologetica di Silvio Brachetta. Sono soprattutto i documenti del Concilio Vaticano II a generare il malinteso, per l’uso eccessivo di un linguaggio volutamente oscuro. Tutto questo ha dato ampia apertura, diretta o indiretta ai principi del laicismo e dell’indifferentismo religioso. Fontana ammette che una certa «confusione» dottrinale è oramai dilagante e sembra avere il culmine nel pontificato di papa Francesco. L’insegnamento magisteriale è oggettivamente «diventato lacunoso e impreciso»: si era sempre espresso con chiarezza, ma ora viene «detto al massimo per allusione indiretta quando addirittura non più detto». Leggi il seguito… 

    • La Dottrina sociale e il Sillabo di Pio IX

      pio-ix Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Pio IX ebbe una grande importanza anche per quanto riguarda la Dottrina sociale della Chiesa. È vero che fu il suo successore – Leone XIII – a strutturarla organicamente e a insegnarla organicamente, ma è chiaro che il suo magistero si inserì pienamente nel solco del predecessore. L’enciclica con la quale Pio IX parla delle tematiche del rapporto tra la Chiesa e il mondo è la Quanta Cura del 1864 alla quale era allegato il famoso Sillabo, l’elenco di ottanta proposizioni erronee dal punto di vista dottrinale cui il credente non avrebbe dovuto dare il suo assenso. Leggi il seguito… 

    • Belgio e abusi, il 76% delle vittime dei preti sono maschi

      Chiesa arcobaleno di Marco Tosatti. La Chiesa cattolica belga ha pubblicato un rapporto sugli abusi sessuali da cui risulta che su oltre 1.000 casi presi in considerazione il 76% delle vittime sono di sesso maschile. Il risultato evidenzia ancora una volta il preponderante legame tra omosessualità e abusi da parte del clero, un aspetto che i vertici del Vaticano non vogliono riconoscere. Leggi il seguito… 

    • “I preti che abusano hanno tendenze omosessuali”

      don-fortunato-di-noto di Aurelio Porfiri. Intervista sulla pedofilia al sacerdote fondatore di Meter alla vigilia del vertice in Vaticano: «Fenomeno esteso nel mondo e nella società, con la connivenza dei colossi del web». E sulla Chiesa ricorda che gli abusi sono commessi soprattutto su adolescenti da persone «con spiccate tendenze omosessuali». Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.