Ricordare Carlo Caffarra, in Senato, ad un anno dalla morte

immagini-quotidiano-net

Il 6 settembre 2017 lasciava questa terra il cardinal Carlo Caffarra, per tanti anni arcivescovo di Bologna, consigliere di Giovanni Paolo II e Benedetto XVI soprattutto nel campo della teologia morale e della famiglia. Uomo di profonda dottrina e di grande umanità, è conosciuto in tutto il mondo per i suoi scritti e le sue profondissime omelie. Negli ultimi anni della sua vita, soprattutto a partire dal Sinodo della famiglia, Caffarra si è reso conto molto bene della profonda crisi, di vita e di pensiero,

che attraversa oggi la Chiesa cattolica. Per questo in Suo onore, Gli amici del cardinal Caffarra hanno organizzato, il 7 aprile 2018, un grande convegno, a Roma, dal titolo “Chiesa cattolica, dove vai? Solo un cieco può negare che nella Chiesa vi sia una grande confusione”.
Il successo di pubblico e di stampa dell’evento, che ha avuto risonanza mondiale, ha portato alla pubblicazione, da parte dell’editore Fede & Cultura, degli atti integrali di quel convegno, con le relazioni dei cardinali Raymond Burke e Walter Brandmueller, del vescovo Athanasius Schneider, del giurista Valerio Gigliotti, del bioeticista Renzo Puccetti, del senatore Marcello Pera e della ostetrica Flora Gualdani.
Per presentare gli Atti, e soprattutto per ricordare la figura e il magistero di Carlo Caffarra ad un anno dalla morte, il 6 settembre, dalle 11 alle 12, si terrà una conferenza stampa (aperta anche ai non giornalisti) in Senato, nella sala dei caduti di Nassirya, presso palazzo Madama, in piazza Madama 11, a Roma.
Parleranno il cardinal Raymond Burke e Flora Gualdani, moderati da Francesco Agnoli. Sono previsti i saluti della senatrice bolognese Anna Maria Bernini e del senatore Gaetano Quagliariello. Per partecipare è necessario accreditamento, scrivendo alla mail: edizioni@fedecultura.com

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Karl Barth e la politica sudicia e malvagia

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Nel blog precedente ho ripreso alcune idee di Dietrich Bonhoeffer per mostrare come la teologia protestante non possa ammettere la Dottrina sociale della Chiesa e come abbia influito su questo punto anche sulla teologia cattolica. Era infatti inevitabile che la teologia cattolica, nel tentativo di intercettare i principi della modernità, si dovesse uniformare, più o meno, ai presupposti protestanti. Nel blog di oggi possiamo fare lo stesso esempio ma applicato a Karl Barth, considerato di gran lunga il più grande teologo luterano della storia recente. Con accentuazioni diverse da Bonhoeffer, anche Barth separa tra loro la vita pubblica e la fede, l’impegno politico e il cristianesimo. Leggi il seguito…

    • La priorità dei diritti sui doveri. In margine ad un libro di Stefano Fontana

      di Silvio Brachetta. Tavolo di Lavoro sulla Commissione Glendon. Stefano Fontana nel suo libro Per una politica dei doveri, dopo il fallimento della stagione dei diritti (Cantagalli, Siena 2006) presenta il principio della Dottrina sociale della Chiesa e della teologia morale in genere secondo cui c’è una priorità dei doveri sui diritti. Anche a seguito della “questione sociale” moderna, il magistero petrino, tra il XIX e il XX secolo, è tornato spesso sul rapporto tra diritti e doveri, rilevando «l’incongruenza grave di diritti senza precedenti doveri»[1]. Leggi il seguito…

    • Il Papa individua un altro nemico: silurato il cardinale Becciu

      di Nico Spuntoni. "Dimissionato" da Prefetto della Congregazione per le cause dei Santi e privato dei diritti connessi al Cardinalato. Questa è il duro provvedimento preso da papa Francesco nei confronti del cardinale Angelo Becciu. Il motivo non è stato spiegato ma si dà per scontato che riguardi lo scandalo legato all'acquisto di un palazzo a Londra, che ha già fatto cadere non poche teste eccellenti. Leggi il seguito…

    • M5S nel caos. Per i grillini conta solo la poltrona

      di Ruben Razzante. Di Maio punta sull’accordo organico con il Pd, Di Battista parla di sconfitta storica e invoca gli stati generali, Fico cerca di mediare e Grillo getta benzina sul fuoco. Ma se lui e il ministro degli Esteri cantano vittoria per il “sì” al referendum, perché il Movimento non accelera sulla legge elettorale così da rendere subito operativo il risparmio per il taglio dei parlamentari? Leggi il seguito…