Dall’Argentina, una grande lezione di Vita

 

Il Senato argentino, respingendo poche ore fa la proposta di legge sul libero aborto fino alla quattordicesima settimana con 38 voti contrari e 31 favorevoli, ha dato una lezione grandissima. Al mondo, ma anche allo stesso popolo pro life. Prima di tutto perché ha ricordato una cosa fondamentale, e cioè che la storia non è già scritta. Non si deve insomma per forza «uscire dal Medioevo», per dirla con un’espressione molto di moda e quindi molto sciocca. Chi l’ha detto? Ci si può pure felicemente restare, nel presunto «Medioevo», se ciò significa difendere il vero diritto di un figlio di venire al mondo. Eccome, se si può.

Del resto, che l’aborto legale sia «conquista civile» è una storia buona solo per chi non conosce la storia, dato che basta ricordarsi quanti l’hanno pionieristicamente introdotta, questa «conquista civile», per tremare. Ad approvare leggi per la soppressione prenatale per primi, infatti, furono rispettivamente l’Urss di Lenin nel 1920, e la Germania di Hitler, coi nazisti al potere da neanche sei mesi quando, nel ’33, si impegnarono per legge a prevenire «le nascite congenitamente difettose»: due precedenti – quello comunista e quello nazionalsocialista – che, non so voi, io mi sentirei di escludere dalla definizione di civiltà.

Una seconda lezione argentina consiste nel ricordare a tutti che quella per la vita nascente può, anzi deve essere anche una questione politica. Viceversa, accettare silenziosamente l’aborto legale «tanto comunque si possono aiutare anche le donne a abortire», senza pensare a un contrasto anche legislativo alla soppressione prenatale non è neppure combattere per la vita: è rassegnarsi. Ma El Salvador poco tempo fa e l’Argentina oggi, bocciando leggi pro aborto, ci rammentano che rassegnarsi è sbagliato, e che – pur nella legittima differenza di strategie – il popolo pro life ha il dovere di crederci fino in fondo, nelle proprie istanze. Perché la vittoria è possibile.

Il terzo insegnamento, collegato agli altri, riguarda la non onnipotenza della macchina abortista che, coi suoi sondaggi taroccati e il suo bombardamento mediatico, rimane temibile ma, appunto, non è imbattibile. Per sconfiggerla però servono coraggio e intelligenza. Come intelligenti sono stati i pro life argentini, chiarendo di battersi per «entrambe le vite». Essere per la vita, infatti, non significa farlo a spese di altri. Invece in bioetica «la libertà di scelta» è una cosa così bella che, una volta attuata, poi c’è sempre qualcuno in meno. Gli stessi lanci di bottiglie ed oggetti contro i pro life in piazza, dopo il voto al Senato, svelano l’umanità, per così dire, che si cela dietro la «libertà di scelta».

La splendida lezione di Vita che giunge oggi dall’Argentina riuscirà dunque a cambiare il vento anche in Europa? Nel breve termine, sarà difficile. Certo però che dall’altra parte del mondo, prima con il presidente Trump che chiude i rubinetti alle Ong abortiste mandando poi un saluto ai pro life alla marcia per la vita, ed oggi con questo voto assai controcorrente, arriva un messaggio molto forte. E chissà che insieme ai tantissimi bambini che grazie a queste svolte politiche nasceranno, non rinasca anche qui, nel Vecchio continente, la voglia di rimediare alla «conquista civile» dell’aborto legale, tornando a rendere legale la vita nascente.

Giuliano Guzzo

******

«Un utile strumento di contro-decostruzione della narrativa post-moderna» (InTerris.it)

 «Una preziosissima miniera di dati per articoli e per discussioni.Veramente imperdibile» (Silvana De Mari)

«Un libro splendido, fatto molto bene» (Diego Fusaro)

…Ordinalo subito su Amazon!

 

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Assunta, una madre per la Dottrina sociale

      Assunzione Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Maria Assunta in Cielo in anima e corpo può essere considerata la Madre della Dottrina sociale della Chiesa. Lo stesso si può dire, del resto, per Maria Immacolata. Le proclamazioni dei due dogmi da parte di Pio XII nel 1950 e di Pio IX nel 1854 possono essere considerate fondative dei motivi ultimi dell’esistenza della Dottrina sociale della Chiesa. Qualcuno sorriderà a questa mia affermazione, ma non avrebbero certo sorriso i molti cattolici che nei decenni si sono impegnati nel campo sociale e politico alla luce delle encicliche sociali Leggi il seguito… 

    • Il primo direttore di giornale di Forza PD è stato nominato, a Rete 4. Quello che distorceva i grafici per Renzi

      gerardo-greco da Scenari Economici. Nominato il primo direttore di Forza PD, Naturalmente in Mediaset. Non poteva essere diversamente, con l’avvicinamento più che evidente fra il partito di Tajani, ex  Berlusconi e quello di Renzi. Il nominato poi è un esempio di garanzia al supporto del realizzando progetto politico Piddin-Forzitaliota, perchè è Gerardo Greco, già conduttore di Agorà su RaiTre, garanzia assoluta di omologazione ai poteri forti, che passò alla storia nel 2016 per il famoso, anzi celeberrimo, “INTORTAMENTO DELLA TORTA” statistica a favore di Renzi. Leggi il seguito… 

    • Amministrare una diocesi, competenze e dottrina

      bilancio-parrocchiale Dottrina Sociale di Stefano Fontana. La Chiesa insegna la sua Dottrina sociale, ma la applica? La domanda non è peregrina e una recente iniziativa dell’Università della Santa Croce ce la ripropone. Come sono amministrate le nostre diocesi? Perché alcune hanno debiti enormi? Perché alcune sono addirittura “commissariate”? Come mai in molti casi truffatori e millantatori trovano credito nei nostri ambienti? Leggi il seguito… 

    • Salvini, tre cose buone dopo la “ribellione” del 4 marzo

      di Stefano Fontana. Nell'intervista alla Nuova BQ il ministro Salvini ha toccato tre punti cari alla Dottrina sociale della Chiesa: immigrazione con criteri, incompatibilità culturale con l'Islam e ricentratura dei temi antropologici. Una novità rispetto al panorama a cui siamo abituati, ma ancora condizionata dalla ribellione del voto del 4 marzo, dalla quale non può nascere qualcosa di organico e di ben definito. Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.