DA ADOTTATA A MADRE

 

Questa non è la recensione a un libro. Non è nemmeno la lettura informata delle problematiche legate

all’adozione, e nemmeno uno scritto per sensibilizzare al tema. Non è rivolto a genitori, o a figli adottivi, o ad operatori del settore. È la breve storia dell’incontro tra me e una professoressa di un mio figlio. Non conoscevo la sua storia. Mai avrei potuto immaginarla. Ma, avevo indirettamente notato che Giusi seguiva i suoi ragazzi con particolare cura, come quando pronunciava correttamente il nome in lingua straniera di uno dei suoi ragazzi.  Tutto qui.

E cosa c’era dietro la sua vita di docente che potesse riguardarmi? Non l’avrei mai potuto scoprire se non che, lo scorso anno, al Banco libri della Festa della nostra scuola, la trovai. Avrebbe firmato le copie del suo libro Amata da sempre. Storia di una figlia adottiva.

Contribuii con entusiasmo alla vendita, ma, soprattutto, con emozione. Tra una interruzione e l’altra, dovuta a veloci colloqui per le dediche, mi accennò, qualcosa della sua vita.

Giusi non fu abbandonata da una madre insensibile o irresponsabile, come pensiamo che accada a tanti bambini nati in condizioni sociali difficili. Fu affidata, da una Madre in pena per lei per il suo futuro, a chi avrebbe potuto occuparsene con amore. Quella Mamma, per questa decisione, soffrì tanto, da subito e per tutta la vita. Giusi le mancava infinitamente.

 

Una luce oltre la siepe

Questa piccola testimonianza è per te e per me; per imparare a vivere meglio ogni incontro con chi non conosciamo. Leggendo il libro, si vede quanto fu amata Giusi dalle Suore, dai Genitori adottivi italiani. Ma, anche quanto fu amata da sconosciuti, come quell’impiegato comunale di un paesino della Colombia, che si adoperò tanto per realizzare il suo sogno di ritrovare la famiglia di origine. Oggi, da suo marito Alberto, che, grazie alla Provvidenza –non guarda caso, ma grazie alla Provvidenza- io conoscevo da tanti anni, senza saperlo. Questo è il miracolo di aver superato da poco i sessant’anni: cominciare a riannodare le fila della vita, apparentemente lontane e, invece, così intrecciate. Ho così riabbracciato Alberto e ho imparato a conoscere Giusi. Attraverso Giusi, l’Associazione Famiglie per l’Accoglienza ora, per me, non è solo un nome, ma una persona.

 

A Bogotá

 

Giusi non lo sa, ma se quella sera del 26 Ottobre 2017, non avesse dovuto presentare il suo libro all’assemblea dell’Associazione, il Prof. Filippetti non sarebbe venuto a Bergamo, -anche lui Genitore adottivo-, e non avrebbe incontrato quindici delle scolaresche del mio Istituto Comprensivo.

 

Dal sito  www.filippetti.eu (qui)

 Il Prof. Filippetti, padre di due giovanotti, quando ci parla della bellezza dell’arte, sembra adottare tutti come suoi figli nel Figlio. Anzi, ho inserito nel libretto di Giusi, come speciale segnalibro, la cartolina pubblicitaria di una prossima mostra su Giotto che il Professore terrà a Tavernola Bergamasca (qui).

 

Nel cuore dell’adozione

Ma, la storia adottiva di Giusi non termina qui. Dopo aver conquistato con fatica quella serenità, possibile solo dopo una vera rielaborazione del proprio vissuto, in un contesto di amore e accettazione vera, con Alberto sempre al suo fianco, Giusi ha voluto adottare due bambini colombiani.

Potremmo dire: la storia si ripete. Direi di no. Preferisco dire … e la storia si sviluppa!

 

Alla fine …

Dolore più dolore non fa automaticamente altro dolore, ma può fare più Amore, più Bellezza, Gioia, Vita.

Quando in Primavera, prima del Banco libri della Festa della nostra scuola, cercai Giusi per dirle che ci saremmo nuovamente incontrati lì, dove anche io avrei presentato un libretto, ma sulle persone separate, divorziate, risposate, fu un nuovo abbraccio tra dimensioni speciali della famiglia, che si riassumono in una semplicissima espressione: generare e vivere Amore in un incontro tra molte vite, molte persone diverse. Così sarà il Paradiso.

Anche Gesù, in fondo, non fu adottato?

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Quel che resta dopo il massacro

      di Marcello Veneziani. Il governo che resta ha tre problemi enormi, oltre quello di una maggioranza stentata, variabile, raccogliticcia. Il primo problema si chiama Conte. Se la politica vuole riconquistare un po’ di decenza non può lasciare che resti al governo un megalomane vanitoso, mai votato dal popolo sovrano anche se si presentò in origine come populista e sovranista, che sconfessa ogni giorno le posizioni e gli alleati del giorno precedente, campa sulla pandemia e sul panico che ne deriva, finge di essere modello per il mondo intero mentre il paese sprofonda nella sua crisi più drammatica; annuncia, sceneggia, assume poteri inauditi, cerca di galleggiare a ogni prezzo, non ha altro dio all’infuori di sé. La politica tutta, da sinistra a destra, non può accettare di essere così mortificata e commissariata, deve rimandare Conte nel nulla da cui è venuto per riprendersi la dignità Leggi il seguito…

    • Obiettivi ONU 2030: la Santa Sede faccia attenzione

      di Stefano Fontana. La Chiesa cattolica sembra partecipare con convinzione al perseguimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU per il 2030, però in quegli Obiettivi molte cose non vanno né per la morale naturale né per quella cattolica. Nelle parole melliflue riportate al punto 3.7 troviamo l’aborto universalizzato, la contraccezione finanziata o imposta, la negazione della vita e della famiglia. Quest’ultima parola – famiglia – non appare mai in tutti i 169 Traguardi ONU. Come è possibile, allora, che la Santa Sede ne sia entusiasta e vi collabori? Leggi il seguito…

    • Inizia l’era di Biden, il presidente del compromesso. Mentre Trump già prepara il ritorno in scena: come, si vedrà

      di Vito De Luca. D’accordo, Joe Biden è il nuovo presidente degli Stati Uniti, il 46°, e Donald Trump, il predecessore, è volato al caldo della Florida. Forse “The Donald” fonderà un suo partito, o un movimento, forse rimarrà all’interno del Gop, il Grand Old Party, forse darà vita ad un network tutto suo, forse si ricandiderà alla presidenza degli Stati Uniti nel 2024, forse lo farà uno dei suoi figli. Di sicuro, però, si ha che da un lato Biden sarà, sin da oggi, a partire dalla raffica degli ordini esecutivi sparati immediatamente (tra l’altro, l’unico e autentico potere governativo che hanno i presidenti americani), un presidente anatra zoppa, e dall’altro che Trump non sparirà. Leggi il seguito…

    • Perché la Chiesa ormai fa politica diretta

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. I vertici ecclesiastici sia della Chiesa universale che di quella italiana ormai fanno politica diretta, appoggiano governi e uomini politici, ne condannano altri, sostengono formule politiche a danno di altre o addirittura collaborano a creare nuovi corsi politici. Gli esempi sono molteplici. L’appoggio a Biden, l’odio politico per Trump oppure per Salvini, l’appoggio a suo tempo al governo Monti e ora al governo Conte, il sostegno incondizionato per il governo dell’Unione Europea, la produzione di nuovi soggetti politici come per esempio il partito “Insieme” di Stefano Zamagni, l’invito ai parlamentari cattolici a sostenere un possibile nuovo partito di Conte in cui forse confluirebbe anche “Insieme”. Papa e Vescovi fanno i politicanti, non c’è dubbio. Leggi il seguito…