DA ADOTTATA A MADRE

 

Questa non è la recensione a un libro. Non è nemmeno la lettura informata delle problematiche legate

all’adozione, e nemmeno uno scritto per sensibilizzare al tema. Non è rivolto a genitori, o a figli adottivi, o ad operatori del settore. È la breve storia dell’incontro tra me e una professoressa di un mio figlio. Non conoscevo la sua storia. Mai avrei potuto immaginarla. Ma, avevo indirettamente notato che Giusi seguiva i suoi ragazzi con particolare cura, come quando pronunciava correttamente il nome in lingua straniera di uno dei suoi ragazzi.  Tutto qui.

E cosa c’era dietro la sua vita di docente che potesse riguardarmi? Non l’avrei mai potuto scoprire se non che, lo scorso anno, al Banco libri della Festa della nostra scuola, la trovai. Avrebbe firmato le copie del suo libro Amata da sempre. Storia di una figlia adottiva.

Contribuii con entusiasmo alla vendita, ma, soprattutto, con emozione. Tra una interruzione e l’altra, dovuta a veloci colloqui per le dediche, mi accennò, qualcosa della sua vita.

Giusi non fu abbandonata da una madre insensibile o irresponsabile, come pensiamo che accada a tanti bambini nati in condizioni sociali difficili. Fu affidata, da una Madre in pena per lei per il suo futuro, a chi avrebbe potuto occuparsene con amore. Quella Mamma, per questa decisione, soffrì tanto, da subito e per tutta la vita. Giusi le mancava infinitamente.

 

Una luce oltre la siepe

Questa piccola testimonianza è per te e per me; per imparare a vivere meglio ogni incontro con chi non conosciamo. Leggendo il libro, si vede quanto fu amata Giusi dalle Suore, dai Genitori adottivi italiani. Ma, anche quanto fu amata da sconosciuti, come quell’impiegato comunale di un paesino della Colombia, che si adoperò tanto per realizzare il suo sogno di ritrovare la famiglia di origine. Oggi, da suo marito Alberto, che, grazie alla Provvidenza –non guarda caso, ma grazie alla Provvidenza- io conoscevo da tanti anni, senza saperlo. Questo è il miracolo di aver superato da poco i sessant’anni: cominciare a riannodare le fila della vita, apparentemente lontane e, invece, così intrecciate. Ho così riabbracciato Alberto e ho imparato a conoscere Giusi. Attraverso Giusi, l’Associazione Famiglie per l’Accoglienza ora, per me, non è solo un nome, ma una persona.

 

A Bogotá

 

Giusi non lo sa, ma se quella sera del 26 Ottobre 2017, non avesse dovuto presentare il suo libro all’assemblea dell’Associazione, il Prof. Filippetti non sarebbe venuto a Bergamo, -anche lui Genitore adottivo-, e non avrebbe incontrato quindici delle scolaresche del mio Istituto Comprensivo.

 

Dal sito  www.filippetti.eu (qui)

 Il Prof. Filippetti, padre di due giovanotti, quando ci parla della bellezza dell’arte, sembra adottare tutti come suoi figli nel Figlio. Anzi, ho inserito nel libretto di Giusi, come speciale segnalibro, la cartolina pubblicitaria di una prossima mostra su Giotto che il Professore terrà a Tavernola Bergamasca (qui).

 

Nel cuore dell’adozione

Ma, la storia adottiva di Giusi non termina qui. Dopo aver conquistato con fatica quella serenità, possibile solo dopo una vera rielaborazione del proprio vissuto, in un contesto di amore e accettazione vera, con Alberto sempre al suo fianco, Giusi ha voluto adottare due bambini colombiani.

Potremmo dire: la storia si ripete. Direi di no. Preferisco dire … e la storia si sviluppa!

 

Alla fine …

Dolore più dolore non fa automaticamente altro dolore, ma può fare più Amore, più Bellezza, Gioia, Vita.

Quando in Primavera, prima del Banco libri della Festa della nostra scuola, cercai Giusi per dirle che ci saremmo nuovamente incontrati lì, dove anche io avrei presentato un libretto, ma sulle persone separate, divorziate, risposate, fu un nuovo abbraccio tra dimensioni speciali della famiglia, che si riassumono in una semplicissima espressione: generare e vivere Amore in un incontro tra molte vite, molte persone diverse. Così sarà il Paradiso.

Anche Gesù, in fondo, non fu adottato?

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La croce intatta tra le macerie è il segno per salvare l’Europa

      croce-maria-gesu-notre-dame di Giacomo Susca. «Stat crux dum volvitur orbis», la croce resta salda mentre il mondo cambia. È la storia del Cristianesimo racchiusa in cinque parole. Il motto dei certosini non può essere ridotto a uno status da social network, però la comunità cristiana, che vive di simboli, si aggrappa al Simbolo per eccellenza. Quella croce perseguitata, offesa, osteggiata, dileggiata, mercificata, nonostante tutto rimane l'Alfa e l'Omega, il principio quando sembra arrivata l'Apocalisse. Se c'è stato un errore di valutazione nel commentare nell'immediatezza la catastrofe parigina, forse è stato quello di intravedere in un incidente la fine di una cultura o di un sistema di valori. Può crollare il tetto sopra le nostre teste, ma non il pavimento in cui affondano le radici della cristianità Leggi il seguito… 

    • L’eros anarchico e l’ideologia nichilista del Sessantotto. A proposito delle recenti “Note“ di Benedetto XVI

      1968 di Don Samuele Cecotti. Papa Benedetto XVI, nelle sue Note scritte a favore di papa Francesco e dei presidenti delle Conferenze Episcopali riuniti in Vaticano per affrontare lo scandalo pedofilia nella Chiesa e ora pubblicate, individua nella Contestazione Sessantottesca una vera e propria rivoluzione affermatasi tanto nel mondo (occidentale) quanto nella Chiesa. Come Osservatorio abbiamo dedicato al ’68 il numero 3 (2108) del “Bollettino di Dottrina sociale della Chiesa” [leggi] partendo proprio dal riconoscimento della natura rivoluzionaria della Contestazione e sviluppando una attenta analisi circa gli esiti socio-politici di tale rivoluzione nichilista. Leggi il seguito… 

    • Cattolici e Radio Radicale: lo scandalo continua

      radio-radicale di Riccardo Cascioli. Ancora una volta, di fronte all'intenzione del governo di cancellare il truffaldino finanziamento pubblico a Radio Radicale, c'è una mobilitazione generale. E in prima fila come sempre ci sono fette importanti del mondo cattolico. Un gioco di favori e ricatti reciproci, a danno della fede dei semplici. Leggi il seguito… 

    • Se il mondo che disprezza il Medioevo piange per Notre Dame

      croce-maria-gesu-notre-dame di Luca Volontè. Dopo le fiamme a Notre Dame i fautori del politicamente corretto, gli stessi che tacciano di “oscurantismo medievale” coloro che difendono la vita del concepito e il matrimonio, hanno esternato lamenti per la cattedrale fondata nel Medioevo. C’è dell’ironia (e della menzogna) in questo. Ma c’è anche la speranza di una ricostruzione della società, che può avvenire solo tornando a Cristo, come ricordano i fedeli raccoltisi in preghiera a chiedere l’intercessione di Maria Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.