STAMPA IN MISSIONE E PERSONE PIU’ VICINE

Tempo di Estate, tempo di riflessione


 

Giorgione, Madonna leggente, 1500 ca., Ashmolean Museum

Da alcuni anni, partecipando alla festa di dieci giorni del centro scolastico paritario La Traccia di Calcinate (BG), oltre che svolgere alcune serate di servizio ai tavoli, mi dedico al “banco libri”, che non ha mai abbastanza aiutanti. Gli spazi, già ampliati lo scorso anno, e mantenuti anche quest’anno, facilitano l’esposizione, l’incontro e la vendita. Sottolineo l’incontro. E’ l’occasione per parlare con molte persone che hanno lì i figli per il primo anno, o che desiderano conoscere meglio quest’esperienza di scuola, che vuole avvicinare gli alunni, dalla primaria alle superiori (circa mille ragazzi), al sapere, alle opere d’arte, di ogni arte, scoprendovi bellezza e amore per la vita e per Dio. I libri sono uno strumento che consente di incontrare i loro autori oltre la pagina e, in molti casi, proprio lì, alla Festa, all’Auditorium, entusiasti di proporsi con la propria voce, la propria immagine, interloquendo.

Le testimonianze-conferenze spingono, poi, a comprare i libri e questi stimolano a interessarsi alle testimonianze.

Proprio per la dimensione di incontro, stiamo pensando a nuove idee che rendano lo spazio più simile agli altri spazi delle diverse classi, allestiti a tema. Mi sono anche detto -rispolverando un mio sogno che ho nel cassetto da anni-, ma perché qualcuno dovrebbe scrivere se poi si lascia che siano solo le librerie a vendere. Specialmente nell’ambito della stampa, legata direttamente, o meno, alla fede, perché non girare e incontrare le persone dove vivono la fede, nelle parrocchie? Così, ho iniziato ad organizzare dei Banchi libro.

Libri davanti alle Chiese

Un tempo le Suore delle Paoline lo facevano ordinariamente davanti alle chiese. Nelle mie zone non mi pare che ci si scaldi molto per organizzare simili iniziative. In realtà, non è difficile darsi da fare un poco e pensare di coinvolgere qualche giovane, qualche persona che già legge per innamorare altri al leggere e al leggere sulla fede oltre che sulla cultura in genere.

Suore Paoline

 

Da queste pagine vorrei proprio proporre a tutti di provare in prima persona.

Nelle due parrocchie, molto piccole, in cui sono stato tra un sabato ed una domenica, ho seguito quattro sante Messe con relative omilie e, al termine della celebrazione, ho potuto proporre libri, vangelini, giochi biblici prodotti dalla Mimep-Docete, con grande fantasia e sapienza, a persone non abituate ad acquistare libri religiosi. Sono contento per averlo fatto in due piccole parrocchie di due paesini della Bassa, dove non vi sono negozi, tanto meno librerie e nessuno va. Dove nessuno va, dobbiamo andare noi a proporre la parola: la parola dell’uomo e la parola di Dio. E’ una missione antica quanto la Chiesa e che precede la Chiesa.

 

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • L’ombra dei pedofili e le strane carriere dei porporati gay tra le mura vaticane

      bergoglio_mccarrick di Riccardo Cascioli. Non basterà a papa Francesco la ormai certa riduzione allo stato laicale dell'ex cardinale statunitense Theodore McCarrick per calmare le acque e gestire a suo modo il vertice sugli abusi sessuali del clero convocato in Vaticano dal 21 al 24 febbraio prossimo, con la presenza dei presidenti delle Conferenze episcopali di tutto il mondo. Leggi il seguito… 

    • Tutti eredi di Sturzo. Ma c’è poco di cui rallegrarsi

      luigi_sturzo di Stefano Fontana. La statura morale e intellettuale di don Luigi Sturzo è indiscutibile, ma gli esiti di quel suo "appello ai liberi e forti" di cento anni fa sono tutt'altro che positivi: è iniziato allora il cammino di un progressivo distacco del criterio della fede dalla politica. Vedere oggi i tanti - anche di opposte visioni - che vogliono far rivivere quell'esperienza con nuovi appelli "ai liberi e forti" non può non lasciare perplessi. Leggi il seguito… 

    • ll ’68, sfida per i cattolici oggi. La lezione di Del Noce

      del-noce di Luca Del Pozzo. Tra le tante letture critiche di quel ‘68 che ha rappresentato, come ebbe a dire Benedetto XVI, una vera e propria “cesura storica”, un posto a parte merita quella di Augusto Del Noce. Tanto il marxismo quanto la società tecnocratica quanto il ’68 ponevano quella per Del Noce era “la” questione innanzi alla quale i cattolici erano (e sono) chiamati a dire la loro: la questione antropologica. Leggi il seguito… 

    • “Ecco chi raccoglie l’eredità di don Luigi Sturzo…”

      luigi_sturzo di Federico Cenci. È passato un secolo da quando un giovane sacerdote siciliano, don Luigi Sturzo, pronunciò il celebre appello destinato a cavare una massiccia sacca elettorale dalle paludi del "non expedit". Dopo decenni in cui i cattolici italiani, su indicazione di Pio IX, avevano rifiutato lo Stato unitario e la partecipazione alle elezioni, il Partito Popolare Italiano offrì loro una forza in cui riconoscersi.  Della possibilità di tener viva l'eredità popolare e democristiana se ne discute oggi alla Camera, nel corso della conferenza “1919-2019. Popolari oggi, da Sturzo al nuovo millennio”. La relazione introduttiva è affidata a Gennaro Sangiuliano, direttore del Tg2. In Terris lo ha intervistato per conoscere uno dei diversi punti di vista sul tema Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.