Rimosso il funzionario che registrò la figlia di due padri

figlia-2-padri

da Interris.

Ad aprile aveva registrato una bambina, nata in Canada con l’utero in affitto, come figlia di due padri. Oggi, quel funzionario del Comune di Roma dovrà preparare gli scatoloni perché è stato rimosso dal suo incarico di capo dell’ufficio Atti esteri. Sen. Pillon: “L’aria sta cambiando”

***************

Ad aprile aveva registrato una bambinanata in Canada con l’utero in affitto, come figlia di due padri. Oggi, quel funzionario del Comune di Roma dovrà preparare gli scatoloni perché è stato rimosso dal suo incarico di capo dell’ufficio Atti esteri. Ne dà notizia Il Messaggero, sottolineando che in molti, all’interno degli uffici dell’anagrafe, sostengono che “il funzionario paghi lo scotto” per la decisione arbitraria, cioè presa senza consultare il sindaco, di aver registrato la bambina come figlia di una coppia omosessuale.

Già a maggio il Campidoglio ed altri ufficiali dell’anagrafe avevano dimostrato di avere una posizione sul tema non in linea con quella di questo funzionario appena rimosso. Una coppia di donne si era recata all’anagrafe per registrare come loro figlia una bambina, ma gli ufficiali negarono loro la richiesta, rilasciando alla coppia un certificato recante solo il nome della madre biologica.

“Roma sembra incredibilmente tenere alla deriva, da questo punto di vista – commenta su Facebook Filippo Savarese, responsabile italiano di CitizenGo -. Verrebbe da pensare che i dirigenti generali dell’anagrafe siano persone con la testa sulle spalle. La rimozione del funzionario, peraltro, segue di poco la richiesta di chiarimenti rivolta al Comune da Simone Pillon, a cui il Campidoglio rispose prendendo le distanze dalla forzatura illegittima”.

E proprio il senatore Pillon, della Lega, ha salutato con favore la notizia della rimozione del funzionario. “L’aria sta cambiando – scrive su Facebook -. Il clima culturale e politico spinto con forza dall’onda lunga del Family Day sta portando frutti. Due settimane fa avevamo denunciato la situazione insieme agli amici di CitizenGo.

Dopo le nostre richieste i dirigenti avevano risposto prendendo le distanze dalla trascrizione. Ora arriva la notizia che il Comune di Roma ha cacciato il funzionario che aveva trascritto un atto di nascita di una bambina come se fosse figlia di due padri, avallando così la delittuosa pratica dell’utero in affitto. Le Procure di mezza Italia stanno indagando su questi abusi. I sindaci creativi sono avvertiti. Chi viola la legge va a casa. O in galera a seconda dei casi. I bambini non si comprano, non si vendono e non si regalano. I bambini hanno diritto a crescere con la loro mamma e il loro papà”.

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Oltre la violenza, per sfide che possiamo vincere

      mons-negri di Luigi Negri. C‘è una peste che si diffonde quasi inarrestabilmente nella struttura della nostra vita personale e sociale: la violenza. La violenza che lentamente trova e poi distrugge i sacri vincoli di gratuità, di dedizione e di fedeltà su cui è fondata la famiglia, che adesso, sprezzantemente, la mentalità dominante, il potere dominante si permette di definire una posizione da “sfigati”. Leggi il seguito… 

    • Lo spacco d’Italia

      lega-m5s di Marcello Veneziani. È davvero curiosa e senza precedenti la situazione politica in cui ci troviamo: ci sono due forze che si radicalizzano ogni giorno di più agli antipodi ma governano insieme; e nel mezzo, al centro, ci sono le opposizioni. Non penso che ci siano uguali nel mondo e nella nostra storia. Leggi il seguito… 

    • Pro family, non serve identificarsi con un partito

      world-congress-family-verona di Stefano Fontana. I politici che a Verona ci metteranno la faccia prenderanno posizione e con il movimento pro family stabiliranno un rapporto concreto. Tuttavia il movimento nel suo complesso non potrà identificarsi con nessuno di essi in particolare, né con singoli uomini politici né con singoli partiti. Valorizzerà la loro presenza e la loro apertura, ma manterrà anche le distanze. Ciò soprattutto per tre motivi Leggi il seguito… 

    • Il card. Sarah: “La Chiesa, che dovrebbe essere un luogo di luce, è diventata un covo di tenebre”

      libro-card-sarah di Michele M. Ippolito. E’ in uscita in Francia il nuovo libro del cardinale Robert Sarah dal titolo “Le soir approche et déjà le jour baisse”, scritto con Nicolas Diat per le edizioni Fayard. Nel libro il cardinale Sarah apre la sua anima per affrontare la terribile crisi che la Chiesa soffre e scrive: “non voglio intorpidirvi con parole rassicuranti e ingannevoli. Non sto cercando il successo o la popolarità. Questo libro è il grido della mia anima! È un grido d’amore per Dio e per i miei fratelli”. Sul blog Dominus Est sono  comparse le prime anticipazioni del contenuto di qualche pagina del libro. Leggi il seguito…