Perchè candido in Civica Trentina

figurina

Pubblico il discorsetto che ho tenuto in occasione del Congresso di Civica Trentina.

Buongiorno a tutti, devo ringraziare Rodolfo Borga e Claudio Civettini, che hanno costruito una “casa” politica di cui è un onore far parte.

Non oserei “buttarmi”, se non potessi contare sulla loro competenza e sul loro idealismo. Mi è stato chiesto di dire anzitutto perchè candido.

Credo che il motivo sia il seguente: l’uomo non è, come molte filosofie hanno sostenuto, un lupo per gli altri uomini, tutto teso all’affermazione di sè, in guerra con il mondo; al contrario è un animale sociale e politico, che nasce da una relazione tra due persone differenti, e vive di relazioni, in famiglia, sul lavoro, nella sua madre-patria.

Ecco, ci si candida, credo, soprattutto in questo periodo storico, per provare a servire la causa del bene comune! Per valorizzare quelle relazioni che ci permettono di esistere e, come avrebbe detto Hannah Arendt, di non dissolverci.

Come padre e come insegnante, il mio futuro è quello dei miei figli e dei giovani che vedo crescere e affacciarsi alla vita adulta. Non posso allora che avere a cuore due realtà che sono alle radici della comunità: la famiglia, il luogo più ricco di differenze (di sesso, di età, di ruoli) e quindi il luogo principe della crescita umana di ognuno, e la scuola, non sostituta ma alleata della famiglia e della società nell’educazione delle giovani generazioni.

Avere a cuore la famiglia significa anzitutto riconoscere pubblicamente la sua funzione e la sua centralità, costruendo politiche che siano conseguenza di questa visione. Se si riconosce il ruolo della famiglia, per esempio, occorre rendere meno difficile la possibilità dei giovani di accedere all’avventura del matrimonio e tentare di restituire alla famiglia del tempo prezioso, affichè padre e madre possano stare con i loro figli.

A tal proposito come non pensare all’incredibile scarsità di politiche pro-natalità, di incentivi alle giovani coppie ecc…. con l’ inevitabile conseguenza di rendere impossibile, o terribilmente ardua, la gestione familiare di tanti? Anche il ricco Trentino è sempre più povero di giovani: sempre meno quelli che nascono, sempre di più quelli che scappano, per cercare altrove un lavoro!

Quanto alla scuola, senza aver alcuna ricetta in tasca, credo che sia necessario mettere a fuoco il miglior interesse dello studente, il suo futuro!, e, in secondo luogo, ridare peso specifico e dignità professionale educativa alla figura del docente.

Questo richiede anzitutto qualcosa di personale (ogni singolo professore deve incarnare lui stesso la dignità del suo ruolo, e avere in sè la motivazione, la spinta ideale per il proprio servizio), ma anche una reale collaborazione delle istituzioni.

Dobbiamo chiederci se oggi il docente non sia in parte soffocato dalla burocrazia, a discapito dell’aggiornamento e della qualità della relazione con gli alunni; dobbiamo domandarci che impatto possa avere sulla professionalità del docente e quindi sulla qualità del suo lavoro, la creazione degli ambiti territoriali, voluta da una forza politica nazionale che solo a chiacchiere difende i lavoratori; dobbiamo chiederci se non vada ripensato e ridimensionato il Clil, per evitare che si sacrifichino sia la lingua italiana, e quindi la nostra cultura e la nostra storia, sia le singole discipline non linguistiche coinvolte.

Dobbiamo domandarci, ancora, se non sia forse utile avviare una riflessione sul peso che deve avere la valutazione della capacità relazionale (il vecchio voto in condotta); se, considerando la naturale fragilità emotiva e relazionale degli studenti che frequentano le scuole medie, non sia necessario da una parte mettere a regime la riduzione del numero degli studenti per classe, in modo da rendere più efficace la relazione adulto-ragazzo e mirato il lavoro del docente, dall’altra ridurre quella moltitudine di progetti, non di rado finalizzati a foraggiare i soliti noti, che spesso rendono caotico il percorso e non di rado rispondono a interessi e ideologie che nulla c’entrano con la scuola.

Famiglia e scuola: la politica che non sia utopia, non sostituisce gli individui, la famiglia, la società, ma deve valorizzare, e non ostacolare, specificità e attitudini del singolo, e quei legami e quelle relazioni di cui l’uomo, animale sociale e politico, ha bisogno come del pane.

Grazie e auguri a Civica Trentina!

ps chi volesse contattarmi per domande, un appoggio ecc: agnoli.franc@tiscali.it

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La Recta Ratio e le variazioni magisteriali

      fides-catholica-rivista-apologetica di Silvio Brachetta. Sono soprattutto i documenti del Concilio Vaticano II a generare il malinteso, per l’uso eccessivo di un linguaggio volutamente oscuro. Tutto questo ha dato ampia apertura, diretta o indiretta ai principi del laicismo e dell’indifferentismo religioso. Fontana ammette che una certa «confusione» dottrinale è oramai dilagante e sembra avere il culmine nel pontificato di papa Francesco. L’insegnamento magisteriale è oggettivamente «diventato lacunoso e impreciso»: si era sempre espresso con chiarezza, ma ora viene «detto al massimo per allusione indiretta quando addirittura non più detto». Leggi il seguito… 

    • La Dottrina sociale e il Sillabo di Pio IX

      pio-ix Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Pio IX ebbe una grande importanza anche per quanto riguarda la Dottrina sociale della Chiesa. È vero che fu il suo successore – Leone XIII – a strutturarla organicamente e a insegnarla organicamente, ma è chiaro che il suo magistero si inserì pienamente nel solco del predecessore. L’enciclica con la quale Pio IX parla delle tematiche del rapporto tra la Chiesa e il mondo è la Quanta Cura del 1864 alla quale era allegato il famoso Sillabo, l’elenco di ottanta proposizioni erronee dal punto di vista dottrinale cui il credente non avrebbe dovuto dare il suo assenso. Leggi il seguito… 

    • Belgio e abusi, il 76% delle vittime dei preti sono maschi

      Chiesa arcobaleno di Marco Tosatti. La Chiesa cattolica belga ha pubblicato un rapporto sugli abusi sessuali da cui risulta che su oltre 1.000 casi presi in considerazione il 76% delle vittime sono di sesso maschile. Il risultato evidenzia ancora una volta il preponderante legame tra omosessualità e abusi da parte del clero, un aspetto che i vertici del Vaticano non vogliono riconoscere. Leggi il seguito… 

    • “I preti che abusano hanno tendenze omosessuali”

      don-fortunato-di-noto di Aurelio Porfiri. Intervista sulla pedofilia al sacerdote fondatore di Meter alla vigilia del vertice in Vaticano: «Fenomeno esteso nel mondo e nella società, con la connivenza dei colossi del web». E sulla Chiesa ricorda che gli abusi sono commessi soprattutto su adolescenti da persone «con spiccate tendenze omosessuali». Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.