Il nemico alle porte: le minoranze democratiche contro i popoli

nemico_porte

Nel luglio del 1942 iniziava la battaglia di Stalingrado, la differenza con il luglio 2018 non salta all’occhio. Perché non c’è. (Cit.)

Un confronto-scontro è in atto in questo inizio del XXI secolo che secondo Fukuyama avrebbe dovuto sancire la “fine della storia”, si tratta di quello delle nazioni contro le élite,  quello delle “minoranze democratiche” contro i “popoli fascisti”, per riferirsi ad una terminologia (ossimorica ma emblematica di una involuzione orwelliana) coniata proprio da Francis Fukuyama e usata in un incontro con Giulietto Chiesa che ne ha riferito ieri durante una conferenza alla Camera.

Le ‘minoranze democratiche’ sono quelle che detengono sia la grande editoria stampata su carta e online che quella in video, sono quelle delle lobby accreditate presso Bruxelles e Washington per promuovere i loro interessi, sono quelle dei deep State presenti ovunque, le minoranze democratiche sono quelle a cui si riferiva Julian Huxley, primo presidente dell’UNESCO quando nel primo documento programmatico dell’agenzia ONU scriveva:

L’Unesco deve guardarsi dalla tendenza, attuale in certe regioni, di ridurre tutto in termini quantitativi, come se il conteggio delle teste fosse più importante di quello che è contenuto in esse…

Il progresso non è automatico o inevitabile ma dipende dalla scelta umana e dallo sforzo di volontà. Prendendo le tecniche di persuasione e informazione e vera propaganda che abbiamo imparato ad applicare come nazione in guerra, e deliberatamente unendole ai compiti internazionali di pace, se necessario utilizzandole, come Lenin previde, “per superare la resistenza di milioni” verso il cambiamento desiderabile

Le minoranze democratiche sono quelle che occupano i posti chiave nell’orientare l’opinione pubblica, sono le Giovanna Botteri che si disperano perché i giornalisti non sono riusciti a far vincere Hillary Clinton, sono le Monica Maggioni, i Gianni Riotta, i Beppe Severgnini e le Lilli Gruber che vanno agli incontri segreti del Bilderberg dichiarando fedeltà a loro e non ai lettori, sono gli uomini e donne di Stato che sono passati prima dagli uffici della Goldman Sachs o che ci passeranno poi a riscuotere la ricompensa. Le minoranze democratiche sono quelle che invitano il popolo a non interferire con il loro lavoro:

Antonio Tajani

@EP_President

Il Parlamento europeo deciderà liberamente la sua posizione in merito alla legge europea sul copyright con l’obiettivo di proteggere l’interesse di tutti i cittadini. Non bisogna interferire con il lavoro del Parlamento e non si devono diffondere informazioni false e demagogiche

Dall’altra ci sono i popoli, le maggioranze antidemocratiche che in linea di massima sono brutte, ignoranti, sporche e cattive, o meglio fasciste che così si racchiude un po’ tutto. Queste maggioranze ossimoricamente antidemocratiche hanno a disposizione solo il web sul quale hanno costruito una spontanea rete di informazione alternativa che inaspettatamente ha permesso di sconfiggere il Deep State che supportava i Clinton, di far passare la Brexit e di mandare i “populisti” (che non a caso fa rima con fascisti) al potere in Italia.

Ora è del tutto evidente che le minoranze democratiche, quell’ 1% del mondo che detiene il 50% delle ricchezze totali, non saranno così sportive da accettare la sconfitta senza reagire con le notevoli forze di cui dispongono ed è altrettanto evidente che il primo punto che dovranno colpire se vorranno invertire la tendenza a loro sfavorevole, sia la libera diffusione di notizie e opinioni sul web ed è questa la battaglia che si sta combattendo nel Parlamento Europeo con la legge sul copyright che con il pretesto di tutelare diritti di autore bloccherebbe la citazione di articoli e immagini impedendo di fatto la pubblicazione di articoli documentati su temi di attualità e di pubblicare analisi precise.

Come nel luglio 1942 il primo assalto alla Stalingrado 2.0 è stato fermato ma già si preannuncia che l’attacco riprenderà con vigore a alla fine del mese di agosto perché a settembre ci sarà la votazione oggi rinviata.

In campo ci sono forze immense e schieramenti divisi, come drammaticamente ricorda Paul Craig Roberts (ex assistente Segretario al Tesoro per le Politiche Economiche sotto il Presidente Reagan)  anche se le forze populiste appaiono al momento saldamente al potere in USA, Russia e Italia in realtà esiste un deep state operante e ancora in grado di spostare gli equilibri a suo favore, questo è vero per l’America di Trump che ha ancora in campo, e animate da intenzioni di rivalsa, le forze neocon che hanno sostenuto Hillary Clinton, è vero per la Russia di Putin che ha ancora un forte riferimento globalista in Medvedev, ma ovviamente la stessa cosa vale ovunque, Italia compresa.

La calma soleggiata di luglio non deve trarre in inganno, tutto è ancora da decidere e le sorprese sono più probabili che mai, intanto si consiglia la visione del film “Il nemico alle porte”,  genere di guerra del 2001 diretto da Jean-Jacques Annaud, con Jude Law, Rachel Weisz, Joseph Fiennes e Ed Harris, come ricorda Wikipedia che è oggi ancora consultabile perché l’offensiva censoria è stata arrestata. Un film che mostra cosa possa fare un singolo uomo, uno come noi, in quei frangenti. Un capolavoro del grande cinema che insegna anche come si combatte, in ogni caso se ne raccomanda la visione.

.

.

.

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Politically correct, “è colpa nostra” come catechismo

      capozzi-libro-politically-correct di Aurelio Porfiri. Il politically correct è come un "catechismo civile", una somma di "precetti", di divieti, di censure in cui si compendia la retorica di un'ideologia ben precisa: quello che possiamo chiamare neo-progressismo, ideologia dell'Altro. È entrato nelle nostre vite “con una martellante opera di propaganda, di estensione e profondità ‘orwelliane’, che pretende di eliminare dai prodotti culturali, dalla dialettica politica, dai comportamenti pubblici e privati, dai luoghi della formazione, ogni termine o concetto che possano essere considerati ‘discriminatori’, ‘offensivi’, per imporre un'idea di ‘rispetto’ che in effetti coincide con un totale indifferentismo, nel quale la ‘verità’ politica è decisa volta a volta dalle élite che ‘dettano la linea’ alle società”. Intervista a Capozzi, autore del libro "Politicamente corretto. Storia di un'ideologia". Leggi il seguito… 

    • Il Papa spinge Verona: famiglia naturale insostituibile

      bergoglio-a-loreto di Nico Spuntoni. «Nella delicata situazione del mondo odierno, la famiglia fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna assume un’importanza e una missione essenziali». Le parole del Papa ieri a Loreto corrispondono perfettamente allo spirito del Congresso mondiale delle Famiglie che si svolgerà a Verona nel fine settimana e che è oggetto di violentissime polemiche e accuse di oscurantismo, a cui si è accodata anche una parte del mondo cattolico. Leggi il seguito… 

    • Altro che famiglia

      alfredo-mantovano di Alfredo Mantovano. Se la precedente Legislatura ha assestato colpi non da poco alle disposizioni sul matrimonio e sulla famiglia, con le leggi sul divorzio breve, sul divorzio facile, sulle unioni civili, con conseguente affievolimento normativo del legame sociale fondamentale, in questa Legislatura – in controtendenza rispetto alla ricomparsa dello Stato in alcuni settori dell’economia – si va verso la privatizzazione del rapporto coniugale: gli accordi prematrimoniali riducono il matrimonio a un contratto come tanti altri che, come per la somministrazione di un servizio, disciplina le modalità di conclusione prima ancora di iniziare, in un’ottica mercantilistica consacrata in clausole negoziali. Leggi il seguito… 

    • Congresso delle famiglie a Verona. Il test della libertà democratica nel Paese. Dove è la Chiesa?

      world-congress-family-verona di Marco Tosatti. Il Congresso Mondiale delle Famiglie in programma a Verona è un test importante, e tutto fa pensare che sia la Chiesa che il regime politico mediatico che si definisce progressista lo abbiano già fallito. Ma è un test importante per il Paese, perché è la cartina di tornasole della democrazia, che a parole la sinistra e i suoi giornali – i maggiori – dicono di apprezzare e difendere. In realtà l’unica democrazia che nei fatti difendono è la loro; e a chiunque si differenzi dal pensiero unico di cui sono servi felici impongono la mordacchia. Il Congresso è una cartina di tornasole della libertà di pensiero in questo Paese; Leggi il seguito…