Governo, vita, famiglia e nuovi scenari: intervista a G. Amato

amato

L’avvocato Gianfranco Amato, presidente dei Giuristi per la Vita e co-fondatore del Popolo dalla Famiglia, ha pubblicato ieri un lungo articolo sulla Verità, nel quale tracciava un bilancio della situazione socio-politica attuale, alla luce del Governo nato dalle elezioni del 4 marzo, e annunciava le sue dimissioni dal Popolo della Famiglia.

ProVita lo ha contattato telefonicamente per chiedergli un approfondimento.
Avvocato Amato, nel suo articolo si espone affermando che Lorenzo Fontana, Marco Bussetti e Giancarlo Giorgetti, componenti importanti dell’attuale Governo, sono un «baluardo in difesa dei principi non negoziabili». Vita e famiglia sono dunque protette?

In questo momento credo proprio di sì. Ricordo anche che il Ministro Fontana, che segue i Giuristi per la Vita fin dal 2012, ha introdotto diverse mie conferenze in questi anni e siamo anche censurati insieme, a Milano: è un baluardo inossidabile.

Stessa cosa per Bussetti: un tecnico molto bravo, che ha saputo gestire bene la realtà complessa milanese, e che terrà il gender fuori da tutti gli ordini e gradi della scuola italiana.
La situazione politica italiana dal 4 marzo in poi è di certo mutata. Qual è il suo giudizio sulla genesi e sulle prospettive che interessano il nuovo Governo?

La situazione è mutata perché è venuto meno quello che tutti si aspettavano, compreso il sottoscritto: la riedizione del Nazzareno Bis (Pd + FI). Tutta la stampa, anche internazionale, dava per scontato questo scenario. Questo non si è realizzato e i due partiti protagonisti sono ridotti all’irrilevanza politica.

Di contro, si è visto il successo a sud del M5S e la Lega che non solo è avanzata rispetto a Forza Italia, ma che ha anche cambiato impronta rispetto alla linea bossiana e, ora, per quanto riguarda i principi non negoziabili è vicina al popolo del Family Day.

Quindi c’è stato uno tsunami. Personalmente non mi esalta per il M5S, ma è di certo un Governo di tregua dal punto di vista valoriale. Un altro dato importante è che l’agenda dei valori antropologici rischia di essere fuori tema… il dibattito sarà su altri fronti: sicurezza, immigrazione, Europa, Russia… questi saranno i temi caldi.
È dunque la fine della divisione tra “destra” e “sinistra”?

Questi due schemi novecenteschi sono completamente spariti. Lo scontro sarà su altri temi, come dicevo, e qui chi ha una prospettiva di visione cristiana dovrà interrogarsi su come intervenire.

Credo che andremo sempre più verso il bi-partitismo, secondo me anche il bipolarismo è finito.
Arriviamo ora al Popolo della Famiglia, dal quale ha annunciato le sue dimissioni. Senza entrare nel merito del partito, come intende proseguire la sua lotta per la Verità?

Il Popolo della Famiglia ha avuto il merito di certificare che un partito valoriale in questo momento non rispecchia il bisogno del Paese. Penso che ora sia necessario scegliere un’altra via, come quella messa in atto da Comunione e Liberazione negli anni Settanta: non ci si impegna direttamente, ma comunque si incide a livello sociale, culturale e politico. La rete costruita in questi anni può essere all’altezza di questa operazione. E va anche visto come inserirla in un rapporto di ricucitura con il Family Day: va ricomposta la frattura della piazza del Circo Massimo, che è una realtà che può davvero incidere.

La mia idea è di non arrendersi: bisogna ripensare un modo diverso di essere presenza politica ed essere incidenti. Su questo siamo aperti al contributo di tutti, ma ritengo prioritario rientrare nell’alveo del Family Day, che forse – alla luce della nuova situazione di Governo – dovrà anche ripensarsi e, ripartendo dal Circo Massimo, strutturare un’azione adatta a questo tempo.

Teresa Moro

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Uno sguardo sull’islam politico. Recensione al testo di Marie Thérès Urvoy “Islamologie et monde islamique”

      islam di Stefano Fontana. Il mondo cattolico affronta il problema dell’islam soprattutto dal punto di vista del dialogo interreligioso. La crescente presenza di musulmani nei Paesi di antica tradizione cristiana impone però di esaminare il mondo islamico anche dal punto di vista strettamente sociale e politico, cosa diversa, anche se non contraria, alla prospettiva del dialogo interreligioso. Per farlo, i cattolici dovranno utilizzare la Dottrina sociale della Chiesa che, quindi, si trova davanti ad un nuovo compito, quello di esaminare la dimensione politica della religione islamica e di valutarla non solo in rapporto alla visione politica dell’occidente cristiano, che può avere elementi di diversità dal cristianesimo anche se, in qualche modo, da esso deriva, ma proprio in rapporto al proprio corpo dottrinale. Leggi il seguito… 

    • Esiste dunque un magistrato a Roma

      coppia-gay-con-figlio di Centro Studi Livatino. Riprendendo il titolo di una famosa opera di Bertold Brecht, siamo particolarmente lieti di pubblicare l’atto con cui la Procura della Repubblica di Roma, nella persona dei pubblici ministeri, dr.ssa Maria Monteleone e Stefano Pizza, impugna la trascrizione, disposta dal Sindaco della Capitale, dell’atto di nascita di una minore, iscritta come figlia di due “padri”, che avevano fatto ricorso alla pratica della maternità surrogata.   Si tratta di un provvedimento pregevole, per più ragioni: Leggi il seguito… 

    • Pro life e pro family si alleano in Senato

      gandolfini-intergruppo-parlamentare di Tempi. Il 18 settembre a Palazzo Madama oltre 150 senatori hanno aderito all’intergruppo parlamentare per la Famiglia, nato per presidiare e promuovere le istanze più profonde dell’antropologia umana, dalla vita alla libertà educativa, «temi che vanno trattati avendo chiaro il riferimento valoriale della tradizione del popolo italiano e che vanno al di là dell’appartenenza partitica del legislatore». Leggi il seguito… 

    • Di sinodalità si può morire

      sinodo di Stefano Fontana. La nuova Costituzione apostolica "Episcopalis Communio" sembra ratificare un grave equivoco sul significato dei Sinodi, ovvero che siano i sinodi a produrre la verità e non viceversa. Ma oggi il vero problema della Chiesa è l’episcopato, vale a dire la perdita del senso di cosa significhi essere successore degli Apostoli. Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.