Chi ha paura di Marcello Foa?

foa3

Appena circolata la notizia della nomina di Marcello Foa alla presidenza della RAI il vecchio establishment è entrato in fibrillazione mostrandosi preoccupato. E’ bastato leggere alcuni tweet per avere la sensazione di un attacco affannoso.

Ma chi ha paura del nuovo Presidente della RAI?

Certamente molti non se l’aspettavano la nomina di Marcello Foa ad un ruolo di primo piano nella RAI, o forse sì, ed è per questo che L’Espresso recentemente si era messo ad attaccarlo dopo aver fatto finta di niente riguardo le numerose denunce di ogni genere da lui fatte negli anni. Eliminare gente come Foa diceva qualcuno quando era direttore del Corriere del Ticino, ne avevo proprio parlato pochi giorni fa in un articolo su CS, cosa penseranno e cosa intenderanno fare i vari ‘qualcuno’ adesso?

Intanto abbiamo assistito ad una serie di interventi scomposti e oltretutto di una banalità sorprendente viste le figure da cui provenivano, prendiamo ad esempio quello dell’ex Premier Gentiloni:

Che dire, neanche un ragazzino delle elementari avrebbe scritto una cosa insensata e neanche spiritosa, se quella era l’intenzione. Ma Gentiloni non è da solo:

Come si usa dire, una bella battaglia….

Prendiamo a caso nel mazzo anche la Picierno, quella che “le famiglie con 80 Euro ci fanno la spesa due settimane“, oltretutto gli 80 Euro frutto della vendita dell’Italia alla UE come unico approdo dei migranti:

Ma fermiamoci qui, altri esempi non sarà difficile trovarne per chi fosse interessato, il fatto è che le preoccupazioni di queste persone che affermano di temere per le sorti della corretta informazione sono in realtà quelle di chi teme che l’informazione diventi finalmente un servizio pubblico e non al servizio del politicamente corretto o delle veline che arrivano dai gatekeeper internazionali. Proprio per questa sua capacità nel 2015 era stato intervistato qui su queste pagine “CS intervista Marcello Foa“, un’intervista tutta da rileggere e che oggi acquista ancor più valore.

Solo chi desidera la disinformazione può criticare la nuova Presidenza RAI, questa affermazione è possibile sostenerla con delle semplici considerazioni che evidentemente questi signori non vogliono fare. Marcello Foa è un giornalista che negli anni si è specializzato nello studio e nella conoscenza a livello professionale dei metodi di disinformazione e manipolazione delle notizie denunciandoli in ogni modo possibile, nota è la sua intervista su Byoblu del 2013:

E recentissima è invece la seconda edizione del suo “Gli stregoni della notizia” (Come si manipola l’informazione: il libro che ti farà capire tutto) dopo la prima edizione del 2006. Tanto per restare in tema di tweet ecco quello da me fatto per far dire che gli scritti di Foa sono utilissimi per decifrare le notizie sui quotidiani:

Con un semplicissimo ragionamento possiamo quindi affermare che se uno vivesse di manipolazione dell’informazione l’ultima cosa che gli passerebbe per la mente sarebbe quella di dire come funziona la disinformazione stessa, quindi è chiaro che Foa non è interessato a manipolare le notizie altrimenti non avrebbe svelato a tutti come si fa. Anzi negli anni ha dimostrato di andare contro corrente senza servilismi verso nessuno. Quindi quelli che quindi si preoccupano che un’informazione fedele ai fatti ed equilibrata sia in pericolo con Foa somigliano a dei seguaci del CICAP che si preoccupassero che il noto prestigiatore James Randi potesse smascherare i ciarlatani delle pseudoscienze. Una contraddizione.

Non sarebbe invece contraddittorio il caso in cui il James Randi della situazione sarebbe temuto proprio dai truffatori per la sua capacità di smascherare le falsità.

Questa è la risposta alla domanda “Chi ha paura di Marcello Foa” ?

.

.

.

.

.

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • L’ombra dei pedofili e le strane carriere dei porporati gay tra le mura vaticane

      bergoglio_mccarrick di Riccardo Cascioli. Non basterà a papa Francesco la ormai certa riduzione allo stato laicale dell'ex cardinale statunitense Theodore McCarrick per calmare le acque e gestire a suo modo il vertice sugli abusi sessuali del clero convocato in Vaticano dal 21 al 24 febbraio prossimo, con la presenza dei presidenti delle Conferenze episcopali di tutto il mondo. Leggi il seguito… 

    • Tutti eredi di Sturzo. Ma c’è poco di cui rallegrarsi

      luigi_sturzo di Stefano Fontana. La statura morale e intellettuale di don Luigi Sturzo è indiscutibile, ma gli esiti di quel suo "appello ai liberi e forti" di cento anni fa sono tutt'altro che positivi: è iniziato allora il cammino di un progressivo distacco del criterio della fede dalla politica. Vedere oggi i tanti - anche di opposte visioni - che vogliono far rivivere quell'esperienza con nuovi appelli "ai liberi e forti" non può non lasciare perplessi. Leggi il seguito… 

    • ll ’68, sfida per i cattolici oggi. La lezione di Del Noce

      del-noce di Luca Del Pozzo. Tra le tante letture critiche di quel ‘68 che ha rappresentato, come ebbe a dire Benedetto XVI, una vera e propria “cesura storica”, un posto a parte merita quella di Augusto Del Noce. Tanto il marxismo quanto la società tecnocratica quanto il ’68 ponevano quella per Del Noce era “la” questione innanzi alla quale i cattolici erano (e sono) chiamati a dire la loro: la questione antropologica. Leggi il seguito… 

    • “Ecco chi raccoglie l’eredità di don Luigi Sturzo…”

      luigi_sturzo di Federico Cenci. È passato un secolo da quando un giovane sacerdote siciliano, don Luigi Sturzo, pronunciò il celebre appello destinato a cavare una massiccia sacca elettorale dalle paludi del "non expedit". Dopo decenni in cui i cattolici italiani, su indicazione di Pio IX, avevano rifiutato lo Stato unitario e la partecipazione alle elezioni, il Partito Popolare Italiano offrì loro una forza in cui riconoscersi.  Della possibilità di tener viva l'eredità popolare e democristiana se ne discute oggi alla Camera, nel corso della conferenza “1919-2019. Popolari oggi, da Sturzo al nuovo millennio”. La relazione introduttiva è affidata a Gennaro Sangiuliano, direttore del Tg2. In Terris lo ha intervistato per conoscere uno dei diversi punti di vista sul tema Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.