Risposta al comboniano livoroso

salvini

Mi spiace sentire da un religioso dei giudizi tanto spregiativi ( http://www.comboniani.org/?p=15566 ) su un politico italiano e su tutti coloro che lo hanno sostenuto. Stranamente non si sono sentiti toni tanto accesi quando la maggioranza del popolo italiano ha votato per una legge che ha permesso di sterminare – da quando esiste la legge 40 -, oltre 6milioni di vite umane nel grembo delle loro madri!

Così un popolo a cui è permesso per legge di non accogliere e uccidere, e a spese dello Stato i propri figli, poi dovrebbe accogliere tutti i rifugiati, da qualsiasi parte provengano, qualsiasi siano le loro intenzioni?

Nessun cenno ovviamente al richiamo dei vescovi dell’africa che hanno implorato perché i loro giovani non si lascino irretire da certe propagande e invece di darsi da fare nei loro paesi. Nessun cenno ovviamente al fatto che l’Italia ha già dato accoglienza a un numero notevolissimo di persone, che in tanti casi poi vengono sfruttati dalle varie malavite. Tanti si sono anche inseriti, come Toni Iwobi, il nigeriano che è diventato deputato proprio nella Lega.

Nessuna condanna per tutti coloro che traggono enormi profitti da questa tratta di esseri umani! Mentre gli altri stati europei chiudono le frontiere, l’italia, secondo questo fratello di fede, dovrebbe accogliere tutti! Con quali risultati?

Insomma bisogna stare attenti a non usare delle frasi del vangelo come fossero degli slogan ideologici. E bisogna stare attenti a colpevolizzare sempre e comunque chi non è politicamente corretto.

Credo che, come il Direttore di Radio Maria, bisognerebbe essere un po’ più cauti nel tranciare giudizi a destra e a manca, ma soprattutto al nuovo governo, come se quello che l’ha preceduto fosse formato da persone immacolate, che non hanno fatto alcun errore. Questo suo manicheismo è veramente sconcertante, anche perché lei guarda il problema non nella sua complessità, ma affermando solo che si deve sempre e comunque accogliere.

Allora anche i vescovi dell’Africa dovrebbero invitare a scappare verso un Eldorado che non esiste, facendosi complici di chi sfrutta questa vera e propria tratta di schiavi.

Guardi che i veri poveri dell’Africa non hanno nemmeno i soldi per permettersi tanto costose e rischiose migrazioni!

Insomma, il problema è molto più complesso e non si può risolvere criminalizzando chi sta cercando di porre un argine a questo fenomeno, che non è tutto limpido da una parte e sporco dall’altra.

Un caro saluto, e l’augurio al nuovo governo di poter risolvere le cose con la dovuta umanità, ma anche con la dovuta fermezza. Poi ognuno la pensi come vuole. Non mi pare il caso di usare toni da guerra civile solo perché la si pensa in modo diverso. Soprattutto non sopporto questa schizzofrenia, per cui non trovo la stessa ardente e insistente indignazione per la non accoglienza della vita nascente!

 

 

 

 

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Pro life e pro family si alleano in Senato

      gandolfini-intergruppo-parlamentare di Tempi. Il 18 settembre a Palazzo Madama oltre 150 senatori hanno aderito all’intergruppo parlamentare per la Famiglia, nato per presidiare e promuovere le istanze più profonde dell’antropologia umana, dalla vita alla libertà educativa, «temi che vanno trattati avendo chiaro il riferimento valoriale della tradizione del popolo italiano e che vanno al di là dell’appartenenza partitica del legislatore». Leggi il seguito… 

    • Di sinodalità si può morire

      sinodo di Stefano Fontana. La nuova Costituzione apostolica "Episcopalis Communio" sembra ratificare un grave equivoco sul significato dei Sinodi, ovvero che siano i sinodi a produrre la verità e non viceversa. Ma oggi il vero problema della Chiesa è l’episcopato, vale a dire la perdita del senso di cosa significhi essere successore degli Apostoli. Leggi il seguito… 

    • Il fronte parlamentare contro la “deriva antropologica”

      fronte-parlamentare-contro-deriva-antropologica di Federico Cenci. Un fronte, costituito da esponenti di partiti diversi, che ha l’obiettivo di arginare la“deriva antropologica”. Così può essere definito l’Intergruppo parlamentare “Famiglia e Vita”, che è stato presentato stamattina in Senato. Posto in linea di continuità con un gruppo analogo sorto nel corso della scorsa legislatura, esso nasce sotto l’egida del Family Day. Leggi il seguito… 

    • L’agenda è già scritta, il Sinodo diventa solo un pretesto

      sinodo-giovani-ottobre-2018 di Stefano Fontana. Dalle nomine così unilaterali per il prossimo Sinodo sui Giovani emerge la volontà di determinare fin da subito l’esito dell'assise dei vescovi. Una conferma che in realtà, oggetto del Sinodo non siano i giovani ma nuove aperture moderniste nel campo della morale sessuale, in modo particolare delle relazioni sessuali prematrimoniali e della contraccezione. Potremmo parlare di Sinodi “pretesto”, o di Sinodi “strumentali” per raggiungere un qualche fine già stabilito prima. Il Sinodo potrà auspicabilmente anche rimanere nel vago, dire e non dire, aprire le questioni anziché chiuderle. Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.