Risposta al comboniano livoroso

salvini

Mi spiace sentire da un religioso dei giudizi tanto spregiativi ( http://www.comboniani.org/?p=15566 ) su un politico italiano e su tutti coloro che lo hanno sostenuto. Stranamente non si sono sentiti toni tanto accesi quando la maggioranza del popolo italiano ha votato per una legge che ha permesso di sterminare – da quando esiste la legge 40 -, oltre 6milioni di vite umane nel grembo delle loro madri!

Così un popolo a cui è permesso per legge di non accogliere e uccidere, e a spese dello Stato i propri figli, poi dovrebbe accogliere tutti i rifugiati, da qualsiasi parte provengano, qualsiasi siano le loro intenzioni?

Nessun cenno ovviamente al richiamo dei vescovi dell’africa che hanno implorato perché i loro giovani non si lascino irretire da certe propagande e invece di darsi da fare nei loro paesi. Nessun cenno ovviamente al fatto che l’Italia ha già dato accoglienza a un numero notevolissimo di persone, che in tanti casi poi vengono sfruttati dalle varie malavite. Tanti si sono anche inseriti, come Toni Iwobi, il nigeriano che è diventato deputato proprio nella Lega.

Nessuna condanna per tutti coloro che traggono enormi profitti da questa tratta di esseri umani! Mentre gli altri stati europei chiudono le frontiere, l’italia, secondo questo fratello di fede, dovrebbe accogliere tutti! Con quali risultati?

Insomma bisogna stare attenti a non usare delle frasi del vangelo come fossero degli slogan ideologici. E bisogna stare attenti a colpevolizzare sempre e comunque chi non è politicamente corretto.

Credo che, come il Direttore di Radio Maria, bisognerebbe essere un po’ più cauti nel tranciare giudizi a destra e a manca, ma soprattutto al nuovo governo, come se quello che l’ha preceduto fosse formato da persone immacolate, che non hanno fatto alcun errore. Questo suo manicheismo è veramente sconcertante, anche perché lei guarda il problema non nella sua complessità, ma affermando solo che si deve sempre e comunque accogliere.

Allora anche i vescovi dell’Africa dovrebbero invitare a scappare verso un Eldorado che non esiste, facendosi complici di chi sfrutta questa vera e propria tratta di schiavi.

Guardi che i veri poveri dell’Africa non hanno nemmeno i soldi per permettersi tanto costose e rischiose migrazioni!

Insomma, il problema è molto più complesso e non si può risolvere criminalizzando chi sta cercando di porre un argine a questo fenomeno, che non è tutto limpido da una parte e sporco dall’altra.

Un caro saluto, e l’augurio al nuovo governo di poter risolvere le cose con la dovuta umanità, ma anche con la dovuta fermezza. Poi ognuno la pensi come vuole. Non mi pare il caso di usare toni da guerra civile solo perché la si pensa in modo diverso. Soprattutto non sopporto questa schizzofrenia, per cui non trovo la stessa ardente e insistente indignazione per la non accoglienza della vita nascente!

 

 

 

 

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Belgio e abusi, il 76% delle vittime dei preti sono maschi

      Chiesa arcobaleno di Marco Tosatti. La Chiesa cattolica belga ha pubblicato un rapporto sugli abusi sessuali da cui risulta che su oltre 1.000 casi presi in considerazione il 76% delle vittime sono di sesso maschile. Il risultato evidenzia ancora una volta il preponderante legame tra omosessualità e abusi da parte del clero, un aspetto che i vertici del Vaticano non vogliono riconoscere. Leggi il seguito… 

    • “I preti che abusano hanno tendenze omosessuali”

      don-fortunato-di-noto di Aurelio Porfiri. Intervista sulla pedofilia al sacerdote fondatore di Meter alla vigilia del vertice in Vaticano: «Fenomeno esteso nel mondo e nella società, con la connivenza dei colossi del web». E sulla Chiesa ricorda che gli abusi sono commessi soprattutto su adolescenti da persone «con spiccate tendenze omosessuali». Leggi il seguito… 

    • Il ’68 teologico, una rivoluzione suadente e quotidiana

      preti-operai-68 di Stefano Fontana. Il '68 fu una rivoluzione anche per la teologia con la pastorale come nuova dogmatica e le difformità pastorali come nuove eresie. Un radicale strappo, diventato poi “progressismo cattolico”: una rivoluzione non più dirompente ma quotidiana, da eccezionale, normale, da aggressiva, suadente.  Leggi il seguito… 

    • Inno a Satana: l’appello degli esorcisti italiani a Virginia Raffaele

      Virginia Raffaele di Interris. Non si può essere spettatori ignari dell’esaltazione del male, o meglio di colui che ne è il rappresentante per eccellenza, il demonio, Satana. La modalità dell’evento sembra presupporre una subdola tecnica subliminale e manipolatoria. Far arrivare dei messaggi con un contenuto oggettivamente negativo a spettatori indifesi e ignari di quanto sta per essere fatto e detto è da deplorare in assoluto. Pertanto, chiediamo come cristiani a Virginia Raffaele, ma ancor più, a coloro che hanno collaborato per la scenografia relativa alla performance di chiarire a tutti e in forma pubblica le ragioni di quanto detto e fatto Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.