Restare umani

«Scriviamo un libro?». Quando Marco Scicchitano mi telefonò con questa proposta, confesso, fui preso alla sprovvista. Dirò di più: ero in sincera difficoltà. Il lavoro, le conferenze di quel periodo e gli impegni già assunti erano infatti già assai numerosi. Dove trovare allora il tempo per scrivere? Inoltre, per quanto allettante, l’idea era in sé, a sua volta, problematica: io sto a Trento, lui a Roma – pensai -, io ho una formazione sociologica, lui da psicologo psicoterapeuta, dunque come e che cosa potremmo mai scrivere, noi due? No mi spiace, non si può fare. Impossibile. Le ultime parole famose…

Ecco, Restare umani, il libro che oggi esce, è nato così: come una proposta che è stata, almeno per me, anche una sfida; come una collaborazione tra amici che, pur lavorando a 600 km di distanza l’uno dall’altro, si sono alla fine convinti – grazie anche alla disponibilità di un editore, Citta Nuova, che da subito ha creduto molto nel progetto – che fosse il caso di mettersi all’opera insieme. Come mai? Per un motivo molto semplice, a ben vedere già riassunto nel titolo: la crescente emergenza antropologica che alimenta, appunto, l’urgenza di restare umani o forse, addirittura, di riscoprirsi tali.

Perché in alcuni casi, in effetti, il limite è stato da tempo superato. E si dà il caso che, là dove il limite venga meno, pure l’umano cessi di esser tale, snaturandosi e finendo col parodiare malamente il divino. Per questo il libro non si concentra su un solo versante ma – cercando di offrire una prospettiva insieme psicologica e sociologica – si propone di esplorarne ben sette: la generazione, la differenza tra maschile e femminile, la sessualità, l’aborto, gli innesti tecnologici nel corpo umano, l’essere cittadini di una civiltà globale, la morte. Sette temi nei quali, converrete, quella del «restare umani» è davvero una sfida, per non dire un’emergenza.

Un’emergenza che esige di essere mostrata per quello è, senza giri di parole e senza comodi eufemismi, nella consapevolezza che solo soffermandosi sulle trappole di una contemporaneità traboccante di «saperi» ma povera di «Sapere», e dunque paralizzata dinnanzi ad una domanda semplice ed enorme insieme – chi è l’uomo? -, è possibile arrestarne la disumanizzazione. Restare umani è dunque insieme un libro e un invito a non sottovalutare le insidie delle trasformazioni biotecnologiche e di costume delle quali, quotidianamente, siamo testimoni ma, soprattutto, protagonisti.

La tentazione è infatti credere che la crisi antropologica non ci riguardi, mentre invece interpella ognuno di noi come una sfida in cui le possibilità non sono vincere o perdere, ma resistere o perdersi.  Tertium non datur. Con l’amico Marco Scicchitano abbiamo dunque deciso di offrirvi, con questo volume, uno strumento che offra ragioni per capire, ma anche per sperare. Sì, perché nel momento in cui si comprendono da un lato la reale posta in gioco – che è immensa -, e, dall’altro, la forza delle ragioni di chi crede nell’inalienabile dignità della persona umana, quel senso di rassegnazione che spesso ci visita, a poco a poco, si dirada. E tutto inizia a fare meno paura.

Giuliano Guzzo

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Omogenitorialità, una causa contro gli abusi dei sindaci

      generazione-famiglia-senato di Marco Guerra. Generazione Famiglia e CitizenGo, presentano esposti ai tribunali di Milano, Torino, Firenze, Bologna e Pesaro e hanno tenuto ieri una conferenza stampa al Senato con i parlamentari di centrodestra, per rispondere ai sindaci che, aggirando la legge, hanno affidati minori a coppie gay Leggi il seguito… 

    • Gli Stati Uniti si ritirano dal Consiglio dei Diritti Umani dell’Onu

      ambasciatrice-usa-onu di Lorenzo Vita. Gli Stati Uniti scelgono, ancora una volta, la via della rottura con la comunità internazionale. L'ambasciatrice Usa alle Nazioni Unite ha annunciato che il suo Paese si ritira dal Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite, definito come "la fogna della faziosità politica". "Prendiamo questa decisione perché il nostro impegno non ci permette di continuare a far parte di un'organizzazione ipocrita e asservita ai propri interessi che ha fatto dei diritti umani una barzelletta", ha dichiarato la Haley. Leggi il seguito… 

    • Tanti interessi dietro le accuse di inumanità

      centro-di-accoglienza di Gianandrea Gaiani. L'Italia continua ad accogliere migranti irregolari, anzi sono aumentati negli ultimi giorni. Lo stop riguarda solo le navi delle Ong, ma potrebbe essere l'inizio di una nuova linea europea, che manderebbe in crisi il fiorente business dell'accoglienza. E guarda caso le accuse arrivano da chi sui clandestini ci sta guadagnando. Leggi il seguito… 

    • Quando Bergoglio telefonò a Enrico Letta, e partì l’operazione “Mare Nostrum”. Una rivelazione.

      papa_lampedusa_ansa di Marco Tosatti. L’operazione “Mare Nostrum”, che segnò l’inizio della straordinaria ondata di migrazione (alcuni parlando di invasione) dalle coste africane, e in particolare dalla Libia destabilizzata dall’aggressione anglo-franco-americana,  ha avuto uno sponsor eccezionale. Lo rivelano a Stilum Curiae fonti di alto livello del Ministero degli Interni, che all’epoca erano presenti e operative nella stanza dei bottoni. Leggi il seguito…