Restare umani

«Scriviamo un libro?». Quando Marco Scicchitano mi telefonò con questa proposta, confesso, fui preso alla sprovvista. Dirò di più: ero in sincera difficoltà. Il lavoro, le conferenze di quel periodo e gli impegni già assunti erano infatti già assai numerosi. Dove trovare allora il tempo per scrivere? Inoltre, per quanto allettante, l’idea era in sé, a sua volta, problematica: io sto a Trento, lui a Roma – pensai -, io ho una formazione sociologica, lui da psicologo psicoterapeuta, dunque come e che cosa potremmo mai scrivere, noi due? No mi spiace, non si può fare. Impossibile. Le ultime parole famose…

Ecco, Restare umani, il libro che oggi esce, è nato così: come una proposta che è stata, almeno per me, anche una sfida; come una collaborazione tra amici che, pur lavorando a 600 km di distanza l’uno dall’altro, si sono alla fine convinti – grazie anche alla disponibilità di un editore, Citta Nuova, che da subito ha creduto molto nel progetto – che fosse il caso di mettersi all’opera insieme. Come mai? Per un motivo molto semplice, a ben vedere già riassunto nel titolo: la crescente emergenza antropologica che alimenta, appunto, l’urgenza di restare umani o forse, addirittura, di riscoprirsi tali.

Perché in alcuni casi, in effetti, il limite è stato da tempo superato. E si dà il caso che, là dove il limite venga meno, pure l’umano cessi di esser tale, snaturandosi e finendo col parodiare malamente il divino. Per questo il libro non si concentra su un solo versante ma – cercando di offrire una prospettiva insieme psicologica e sociologica – si propone di esplorarne ben sette: la generazione, la differenza tra maschile e femminile, la sessualità, l’aborto, gli innesti tecnologici nel corpo umano, l’essere cittadini di una civiltà globale, la morte. Sette temi nei quali, converrete, quella del «restare umani» è davvero una sfida, per non dire un’emergenza.

Un’emergenza che esige di essere mostrata per quello è, senza giri di parole e senza comodi eufemismi, nella consapevolezza che solo soffermandosi sulle trappole di una contemporaneità traboccante di «saperi» ma povera di «Sapere», e dunque paralizzata dinnanzi ad una domanda semplice ed enorme insieme – chi è l’uomo? -, è possibile arrestarne la disumanizzazione. Restare umani è dunque insieme un libro e un invito a non sottovalutare le insidie delle trasformazioni biotecnologiche e di costume delle quali, quotidianamente, siamo testimoni ma, soprattutto, protagonisti.

La tentazione è infatti credere che la crisi antropologica non ci riguardi, mentre invece interpella ognuno di noi come una sfida in cui le possibilità non sono vincere o perdere, ma resistere o perdersi.  Tertium non datur. Con l’amico Marco Scicchitano abbiamo dunque deciso di offrirvi, con questo volume, uno strumento che offra ragioni per capire, ma anche per sperare. Sì, perché nel momento in cui si comprendono da un lato la reale posta in gioco – che è immensa -, e, dall’altro, la forza delle ragioni di chi crede nell’inalienabile dignità della persona umana, quel senso di rassegnazione che spesso ci visita, a poco a poco, si dirada. E tutto inizia a fare meno paura.

Giuliano Guzzo

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Se il peccato non è un dato oggettivo, salta la Dottrina sociale

      stanislas-lalanne Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Il vescovo francese Stanislas Lalanne ha affermato: “Non posso dire che la pedofilia sia peccato”. Se l’uomo non è più in grado di sapere quando una sua azione è peccato allora vuol dire che anche i peccati sociali ci rimangono oscuri e, con essi, le “strutture di peccato” di cui parlava Giovanni Paolo II nella Sollicitudo rei socialis (1987). Non so quanti vescovi la pensino come monsignor Lalanne. Mi sento di dire solo che un simile modo di vedere le cose è come una pietra tombale sulla Dottrina sociale della Chiesa Leggi il seguito… 

    • Lo spread esiste, il popolo no

      popolo-spread di Marcello Veneziani. Il Corriere della sera, in un editoriale di Angelo Panebianco, è arrivato a sostenere che lo spread è reale, mentre il popolo è un’astrazione, non esiste, se non nella propaganda sovranista. Panebianco rispondeva a una semplificazione demagogica, ma la conclusione a cui portava era questa: il popolo è un’invenzione dei populisti, lo spread, invece, è vero e vivo nel regno della finanza, quindi esiste quasi in natura… Ecco come capovolgere la realtà che ci dice esattamente l’inverso: Leggi il seguito… 

    • Contro l’ideologia che erge a modello un sistema di reati

      mimmo-lucano-sindaco-riace di Centro Studi Livatino. I fatti avrebbero dovuto consigliare prudenza nel commentare la vicenda Riace; soprattutto avrebbero dovuto evitare impropri accostamenti col tema della resistenza alla legge ingiusta. Spiace invece constatare che, oltre a commentatori poco attenti ai fatti, anche magistrati (Magistratura democratica) abbiano strumentalizzato la vicenda per attaccare i Giudici di Locri e la politica dell’Esecutivo in tema di immigrazione Leggi il seguito… 

    • Utero in affitto, si difende il reato, si censura la verità

      manifesto-censurato-contro-utero-affitto di Marco Guerra. La Raggi annuncia la rimozione dei manifesti contro l’utero in affitto di Generazione Famiglia e Pro Vita. In Italia si è liberi di reclamizzare la maternità surrogata, che è reato, mentre viene punita la difesa della verità e del diritto dei bambini a mamma e papà.  Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.