Il terremoto nel PDF: sta succedendo qualcosa?

noioloro

Chi è attento avrà notato che nel PDF sta succedendo un terremoto. Partiamo da un segnale evidente: il linciaggio del ministro per la famiglia Lorenzo Fontana.

Quale la reazione del PDF? In un suo post, Mario Adinolfi ha espresso una solidarietà di circostanza, ben poco convinta, poi di fatto capovolta in una critica, arrivando a suggerire che  Fontana potrebbe anche assomigliare all’ex ministro Enrico Costa. Un paragone del tutto inappropriato ed evidentemente antipatizzante, essendo Costa uno degli uomini di NCD che ha collaborato al successo del ddl Cirinnà.  Adinolfi, si sa, è fatto così: l’unico vero difensore della famiglia, intrepido e coerente, nonostante i trascorsi politici piuttosto imbarazzanti, è sempre e soltanto lui (l’unico al mondo che, con un 3% solo sognato, avrebbe abrogato d’improvviso leggi che hanno 40 anni, e che godono di un ampio consenso popolare e parlamentare, come la 194!).

Diversissima la reazione di Gianfranco Amato (totalmente schierato con Fontana) e quella del del PDF di Verona, guidato da Filippo Grigolini: appoggio incondizionato e sentito al ministro, senza se se senza ma!

Verona, va ricordato, è la città in cui il PDF è numericamente più forte; è anche la città in cui il PDF è legato non tanto ad Adinolfi, quanto a Gianfranco Amato, che qui ha svolto innumerevoli conferenze. A Verona, per di più, nacquero, con l’appoggio essenziale di alcuni membri della nostra associazione, e l’appoggio convinto del senatore Carlo Amedeo Giovanardi,  i Giuristi per la vita nel 2012.

Non è finita: Verona è la città che avrebbe potuto avere il I assessore alla famiglia d’Italia.

Chi? Filippo Grigolini, del PDF, su proposta di… Lorenzo Fontana, allora candidato vice sindaco della città scaligera.

Ma Grigolini declinò l’invito, in nome della linea ribadita di continuo da Adinolfi: sono tutti uguali, la sinistra che combatte la famiglia, e il centro destra che offre l’assessorato alla famiglia ad un membro del PDF!

lorenzo-fontana-gender-omofobia-ministro-famiglia-8Fontana, Amato, Grigolini e Dal Bon, quando si poteva stare insieme

In quell’occasione fu chiaro a molti di noi che il PDF aveva preso una strada senza uscita e senza futuro. Poteva avere un assessore in una giunta amica, e rimase senza neppure un consigliere comunale. Una strategia davvero geniale.

Come mai? La linea imposta da Adinolfi, sembrò a molti, era ben diversa da quella sposata in passato da Gianfranco Amato: proveniente da sinistra il primo, sempre vicino al centro destra e alla Lega in particolare, il secondo.

Ed ecco le politiche del 4 marzo: il PDF, decidendo di andare da solo, incassa un magro risultato. Come era ovvio, e come avevamo “profetizzato” più volte. Nonostante i trionfalismi di Mario Adinolfi, che aveva promesso a tutti strabilianti  risultati!

E dopo il 4 marzo?

La giravolta. Il PDf in Friuli non solo si allea, ma addirittura candida dei suoi rappresentati nella lista di Giorgia Meloni, tanto criticata, in precedenza, da Adinolfi. E poi a seguire: lo 0,4 per cento in Molise, andando da soli, e poi le nuove alleanze: con il centro destra a Brescia, con la Lega in altre città…

catturaLega e PDf insieme, a Mantova

Queste alleanze con il centro destra rinnegano la narrazione adinolfiana fatta per mesi, e sembrano più in linea con la visione e la storia politica di Gianfranco Amato.

La differenza di toni del comunicato di Grigolini, rispetto al post di Adinolfi, è un modo, consapevole o meno, per smarcarsi gradualmente dal sempre più ingombrante tutoraggio dell’ex renziano? Le alleanze perseguite dai PDF locali, sono un rifiuto consapevole e deciso della linea “sono tutti uguali”?

Noi ce lo auguriamo. Perchè visto che il PDf esiste, e che molta gente con generosità si impegna in esso, non può rimanere solo un freno al mondo pro life italiano, generando rivalità ora con l’ottimo Gandolfini, ora con l’ottimo Fontana… ma, forse, può ripartire.

Se e solo se, questa ci sembra, cambia decisamente rotta; se possibile anche nome; solo se rinnova almeno in parte la dirigenza e ritorna alla vecchia “dottrina Amato” (alleati di chi ci sta), mettendo da parte le velleità di un uomo, Mario Adinolfi, molto intelligente, ma certamente poco portato per la politica: chi ha scelto Gentiloni, Veltroni, Renzi, Monti… e poi ha mandato a sfasciarsi il PDF in una avventura senza uscita, dovrebbe forse farsi elegantemente da parte. Per impedire la morte definitiva di quel movimento di persone che in un progetto politico pro life ha creduto, con generosità.

 

fontana

Il post senza se e senza ma su Fontana… l’incontro ricordato fu organizzato da Marcia per la Vita e Libertà & Persona

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • L’ombra dei pedofili e le strane carriere dei porporati gay tra le mura vaticane

      bergoglio_mccarrick di Riccardo Cascioli. Non basterà a papa Francesco la ormai certa riduzione allo stato laicale dell'ex cardinale statunitense Theodore McCarrick per calmare le acque e gestire a suo modo il vertice sugli abusi sessuali del clero convocato in Vaticano dal 21 al 24 febbraio prossimo, con la presenza dei presidenti delle Conferenze episcopali di tutto il mondo. Leggi il seguito… 

    • Tutti eredi di Sturzo. Ma c’è poco di cui rallegrarsi

      luigi_sturzo di Stefano Fontana. La statura morale e intellettuale di don Luigi Sturzo è indiscutibile, ma gli esiti di quel suo "appello ai liberi e forti" di cento anni fa sono tutt'altro che positivi: è iniziato allora il cammino di un progressivo distacco del criterio della fede dalla politica. Vedere oggi i tanti - anche di opposte visioni - che vogliono far rivivere quell'esperienza con nuovi appelli "ai liberi e forti" non può non lasciare perplessi. Leggi il seguito… 

    • ll ’68, sfida per i cattolici oggi. La lezione di Del Noce

      del-noce di Luca Del Pozzo. Tra le tante letture critiche di quel ‘68 che ha rappresentato, come ebbe a dire Benedetto XVI, una vera e propria “cesura storica”, un posto a parte merita quella di Augusto Del Noce. Tanto il marxismo quanto la società tecnocratica quanto il ’68 ponevano quella per Del Noce era “la” questione innanzi alla quale i cattolici erano (e sono) chiamati a dire la loro: la questione antropologica. Leggi il seguito… 

    • “Ecco chi raccoglie l’eredità di don Luigi Sturzo…”

      luigi_sturzo di Federico Cenci. È passato un secolo da quando un giovane sacerdote siciliano, don Luigi Sturzo, pronunciò il celebre appello destinato a cavare una massiccia sacca elettorale dalle paludi del "non expedit". Dopo decenni in cui i cattolici italiani, su indicazione di Pio IX, avevano rifiutato lo Stato unitario e la partecipazione alle elezioni, il Partito Popolare Italiano offrì loro una forza in cui riconoscersi.  Della possibilità di tener viva l'eredità popolare e democristiana se ne discute oggi alla Camera, nel corso della conferenza “1919-2019. Popolari oggi, da Sturzo al nuovo millennio”. La relazione introduttiva è affidata a Gennaro Sangiuliano, direttore del Tg2. In Terris lo ha intervistato per conoscere uno dei diversi punti di vista sul tema Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.