Gli Stati Uniti si ritirano dal Consiglio dei Diritti Umani dell’Onu

ambasciatrice-usa-onu

di Lorenzo Vita.

Gli Stati Uniti scelgono, ancora una volta, la via della rottura con la comunità internazionale.

L’ambasciatrice Usa alle Nazioni Unite ha annunciato che il suo Paese si ritira dal Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite, definito come “la fogna della faziosità politica”.

“Prendiamo questa decisione perché il nostro impegno non ci permette di continuare a far parte di un’organizzazione ipocrita e asservita ai propri interessi che ha fatto dei diritti umani una barzelletta”, ha dichiarato la Haley.

La scelta è stata giustificata, in primo luogo, con la faziosità dimostrata dal Consiglio contro Israele. Il pregiudizio contro Israele, vera pietra dello scandalo che ha portato allo strappo di Washington, risiede, a detta dei funzionari Usa, in due numeri. Gli Stati Uniti rimproverano infatti al Consiglio di aver approvato più di 70 risoluzioni contro Israele e solo sette contro l’Iran. Questi numeri hanno portato Washington a ritenere inutile la sua presenza nell’organismo di Ginevra.

Per la Haley, questi numeri confermerebbero “l’ipocrisia” di questo Consiglio, cui si aggiungono le ultime decisioni assunte dall’organismo, tra cui l’ammissione del Congo e l’incapacità dell’organismo internazionale di vigilare su Iran Venezuela. Per gli Stati Uniti c’erano tutti i presupposti per questo strappo: che infatti era nell’aria da molti mesi.

“Quando abbiamo chiarito che avremmo fortemente premuto per riformare il Consiglio”, ha aggiunto, “Paesi come Russia, Cina, Cuba ed Egitto hanno tentato di minare i nostri sforzi”, ha confermato la Haley. Che ha dunque ribadito la guerra in corso in sede Onu fra le varie potenze per declinare la propria agenda politica. Non solo diritti umani, ma soprattutto tanta politica.

Il segretario di Stato Mike Pompeo ha chiarito che gli Stati Uniti non si ritirano dall’impegno “sul fronte dei diritti umani”. Pompeo, al contrario, ha voluto ribadire l’esatto opposto: “facciamo questo passo perché il nostro impegno non ci consente di rimanere parte di un’organizzazione ipocrita ed egoista che si fa beffe dei diritti umani”. Ma è una decisione destinata, ancora una volta, a far discutere. Come tutto quello che compie la nuova amministrazione targata Donald Trump.

Se infatti gli Stati Uniti hanno ricevuto il plauso di Israele, che ha definito la scelta come ” una decisione coraggiosa contro l’ipocrisia e le bugie” del Consiglio dei Diritti Umani, dall’altro lato sono molti i Paesi e le agenzie internazionali a chiedere un ripensamento. Il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, ha detto che “avrebbe preferito che gli Stati Uniti rimanessero nel Consiglio”. L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Zeid Ràad Al Hussein ha definito il ritiro “deludente, se non addirittura sorprendente”. “Dato lo stato dei diritti umani nel mondo di oggi, gli Stati Uniti dovrebbero intensificare gli sforzi e non fare un passo indietro”, ha scritto Zeid su Twitter.

Fonte: il Giornale

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Non solo il Padre nostro, il personalismo liturgico divide

      messale di Stefano Fontana. Molti amici e conoscenti mi dicono che non reciteranno la nuova formula del Padre Nostro ma continueranno a dire le parole tradizionali: “non ci indurre in tentazione”. I vescovi italiani hanno approvato la nuova versione durante la loro assemblea generale, ma è certo che dei fedeli – pochi o tanti che siano – non si atterranno alle nuove disposizioni. Perché? Per molti motivi: perché si stanno facendo troppi cambiamenti nella Chiesa che disorientano e in qualche caso angosciano. Mi pongo la domanda se i vescovi abbiano tenuto conto di un aspetto della questione, ossia che un’altra divisione tra i fedeli durante la liturgia domenicale si aggiungerà alle tante già presenti. Leggi il seguito… 

    • Giovanni Paolo II difese la patria per difendere i popoli

      papa-woytila di Valerio Pece. Oggi il patriottismo è dipinto come xenofobo, ma chi promuove il cosmopolitismo serve un potere non democratico. Il primo a dirlo è Giovanni Paolo II che scrisse: «Quando penso “patria”, esprimo me stesso...frontiera segreta che da me si dirama verso gli altri, per abbracciare tutti». C'è chi dice che il papa si era "snazionalizzato", ma a Varsavia ribadì: «La parola “patria” ha per noi un significato affettivo». Leggi il seguito… 

    • Che vuol dire sovranismo

      sovranismo di Marcello Veneziani. Il sovranismo non può essere antieuropeo; può esprimere un’altra idea d’Europa ma non si situa fuori dalla civiltà europea, dalla sua storia e tradizione. È contro la Ue, semmai, questa Ue, ma non può essere contro l’Europa. E questo va detto non solo ai suoi detrattori ma anche ai suoi sostenitori d’oltreoceano se pensano di usare il sovranismo per sfasciare l’Europa e per garantire l’egemonia americana. Il sovranismo è un principio di sovranità che sale dalle piccole patrie alla grande patria, come l’Europa, ma senza saltare il passaggio intermedio, cruciale: la sovranità nazionale Leggi il seguito… 

    • Uno spettro si aggira per la Chiesa: la gnosi

      chiesa-clima di Stefano Fontana. Quando nella storia della Chiesa cambiamo i paradigmi filosofici e teologici, bisogna sempre chiedersi se dietro non ci siano anche cause spirituali e religiose, se non ci siano delle eresie, l’adorazione di falsi dei o false adorazioni di Dio, oltre che falsi concetti… Vuol dire che da tempo non solo è cambiato un paradigma di pensiero, un modo di vedere le cose per cui oggi si accetta quanto ieri si condannava e si insegna quanto ieri si vietava, ma vuol dire che dalle fessure è entrato uno spirito nuovo di tipo religioso Leggi il seguito…