Cosa pensa Lorenzo Fontana, ministro Famiglia e disabilità

34119749_10216563638907350_4923080278487859200_n

 

Riporto qui una mia intervista a Lorenzo Fontana, pubblica su La Verità pochi giorni prima delle elezioni del 4 marzo.

Lorenzo Fontana, classe 1980, candidato il 4 marzo, è vicesegretario della Lega, europarlamentare, vicesindaco di Verona, ed autore di un recentissimo libro – scritto a quattro mani con Ettore Gotti Tedeschi – dal titolo: “La culla vuota della civiltà. All’origine della crisi” (edizioni Gondolin).

Quali le tesi sostenute nel testo?

“Più che una tesi è un’evidenza che, ahinoi, tanti analisti disconoscono: la crisi è stata causata dal calo delle nascite che ha generato un terribile effetto domino di calo della domanda compensato da una rincorsa sfrenata a moltiplicare i consumi individuali, abbassando i costi di produzione, e dalle conseguenti delocalizzazioni produttive. L’incremento dopato dei consumi si traduce in consumismo sfrenato, in erosione dei risparmi, che sono la ‘materia prima’ del credito bancario, quindi del sostegno alle imprese. Parallelamente il calo delle nascite ha prodotto inevitabilmente un aumento incessante dell’età media, quindi dei necessari costi fissi: sanità e pensioni in primis”.

Numeri?

“Le statistiche parlano chiaro: al ritmo attuale, nel 2050 ci saranno più over 60 che ragazzi sotto i 16 anni, cosa mai avvenuta prima nella storia: gli anziani saranno ben 21,8 milioni, ovvero il 34,3% della popolazione. Tornare a investire sulla famiglia, quindi, non è una questione legata a come la si pensa, ma è una necessità per tornare a crescere, un’urgenza anche economica. Per questo nel libro illustriamo un piano di rilancio che guardi alla famiglia e riprendiamo la proposta del Papa emerito Benedetto XVI di fare proprio della famiglia il “patrimonio dell’umanità” “.

Quando comincia la sua passione per la politica?

“La politica è la passione di una vita. Avevo 16 anni (era il febbraio del 1997) quando ho fatto la mia prima tessera della Lega. Pochi anni dopo ero vicesegretario federale dei giovani, poi consigliere comunale e, oggi, europarlamentare, vicesindaco di Verona e vice di Matteo Salvini. Un percorso partito dal basso, dai territori. Della Lega ho da sempre condiviso, con coerenza, le battaglie. Mi riferisco, in particolare, alle battaglie federaliste, al tema delle autonomie, alla tutela delle identità, alla lotta contro i poteri forti oggi rappresentati dalle elite europee che decidono sulla testa dei cittadini, preferendo la speculazione finanziaria e gli interessi delle grandi multinazionali alla tutela del tessuto produttivo rappresentato dalle nostre piccole e medie imprese. La Lega nasce e cresce come sindacato dei territori”.

Lei sta a Bruxelles, con Salvini. Cosa rappresenta, per un leghista, Bruxelles?

“Bruxelles è oggi il simbolo di un’Europa che ha tradito il sogno originario dei padri fondatori. L’Europa ha mancato l’occasione storica di fondarsi sui comuni valori cristiani ed è diventata un apparato burocratico al servizio dei grandi gruppi di interesse. Dai trattati commerciali alle istanze globaliste, dalla gabbia dei vincoli di bilancio al relativismo imperante: l’Ue vuole annullare le differenze per omologare le comunità. Noi siamo per le identità, per la tutela delle differenze, per un’Europa diversa, che guardi ai popoli, che rispetti i territori, che tuteli i valori comuni emersi in secoli di storia”.

In una conferenza, a Verona, ha parlato di Bruxelles come di una città ormai musulmana, con una presenza cristiana molto coraggiosa, benché invisa alla stessa gerarchia ecclesiastica…

“E’ un problema del Paese e dell’Europa. E non sono io a dirlo, ma sono i numeri. Ricordo lo studio Pew Research di marzo 2017, secondo il quale tra cinquant’anni circa assisteremo al “sorpasso” dei musulmani a danno dei cristiani. E poiché – come ricorda Open Doors – oggi l’Islam è la prima causa di persecuzione dei cristiani nel mondo, non c’è da aspettarsi nulla di buono. La strategia di diffusione islamica passa attraverso l’alta natalità dei propri fedeli. E’ anche per questo che l’Europa deve tornare a fare figli. La famiglia è un valore e una necessità”.

Lega-Berlusconi: un rapporto spesso teso e difficile. E oggi?

“Condividiamo un programma su punti specifici, compreso l’impegno per rifondare un’Europa che, così com’è, non va, come è chiaro ed evidente a tutti. Forza Italia – aderendo a una forza europea di maggioranza come il Ppe – potrebbe impegnarsi per cambiare dal di dentro questa UE. Detto ciò, gli elettori sanno che ogni voto in più alla Lega aiuterà a far valere la forza del nostro leader Matteo Salvini e del nostro programma”.

Se il centro destra non vince, alleanza con i grillini?

“Non ci interessano le alchimie politiche o i calcoli col bilancino, ci interessano i contenuti. E noi stiamo con chi è disposto a portare avanti, insieme a noi, il nostro progetto identitario, per ridare centralità alle comunità, per la tutela delle piccole e medie imprese contro multinazionali che fanno dumping salariale, eludono il fisco e generano una corsa al ribasso dei salari e dei diritti dei lavoratori. Siamo per la salvaguardia delle nostre tradizioni, per la gestione dell’immigrazione, che deve essere regolamentata e adeguatamente selezionata, per la certezza del diritto, per la sicurezza, per un fisco più equo e vicino alle famiglie, in particolar modo alle famiglie numerose. Nell’epoca del relativismo imperante si è avverata la profezia di Chesterton: “Spade saranno sguainate per dimostrare che le foglie sono verdi in estate”. E oggi la prima e vera rivoluzione è quella del buon senso”.

Quali ministeri vorreste?

“Salvini ha già annunciato che in caso di vittoria del centrodestra ci sarà un leghista al ministero delle Politiche Agricole. Una scelta che ha un valore sostanziale: ripartire dai territori, dalle produzioni primarie, dall’economia reale, dalla tutela di ciò che è nostro, fino ad oggi svenduto per compiacere gli interessi delle grandi multinazionali. E’ ovvio che qualsiasi sia la rappresentanza di governo che la Lega, in caso di vittoria, avrà, abbiamo al nostro interno figure, competenze e idee per fare la differenza e per cambiare il corso della storia politica di questo Paese”.
Nella Lega sono presenti diversi candidati vicini al Family day, come gli avvocati Simone Pillon e Giancarlo Cerrelli. Anche lei e l’altro vice di Salvini, Giancarlo Giorgetti, siete cattolici. Come vi ponete di fronte ai temi etici: matrimonio gay, utero in affitto, droga libera…?

“Noi siamo per la tutela di mamme, papà, per il sostegno alla famiglia e alla natalità. Siamo per il rilancio demografico del nostro Paese che, come spiegato, significa anche rilancio economico. Il sostegno alla famiglia è il sostegno alla cellula della società che, unica, può generare figli per il bene del Paese e produrre ricchezza. Altre forme di unioni non possono avere, per loro stessa natura, questa peculiarità. Quanto all’utero in affitto, crediamo che i bambini non siano merce di scambio, né le mamme possano essere ridotte a ‘incubatrici’. La cannabis è droga, anche se definita ‘leggera’, e pensiamo che sia dovere di uno Stato porre un argine a ciò che genera dipendenze dannose. Vale anche, ad esempio, per il gioco d’azzardo”.

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Riti pagani in Vaticano, dopo lo sfregio la menzogna

      di Riccardo Cascioli. Una situazione surreale si trascina da giorni ai briefing del Sinodo: alle domande dei giornalisti che chiedono chiarimenti sui riti pagani svoltisi nei Giardini Vaticani il 4 ottobre e che si susseguono nella chiesa di Santa Maria in Traspontina, i responsabili della comunicazione del Sinodo, Paolo Ruffini e padre Giuseppe Costa, prima fanno finta di non sapere e poi offrono versioni platealmente smentite dalle numerose testimonianze fotografiche e video. Intanto un sito di magia ed esoterismo esulta: «Finalmente la Chiesa riconosce l'importanza delle religioni pagane». Leggi il seguito…

    • La contraddizione più evidente del Sinodo sull’Amazzonia

      di Stefano Fontana. Se, come dicono, la Chiesa è in Amazzonia per dialogare con le culture indigene e difendere l’ecosistema, perché ci sarebbe bisogno di più sacerdoti, al punto da ordinare uomini sposati? Quello dei viri probati è solo uno stratagemma. E bisogna interrogarsi su cosa significhi, oggi, missione. Solo dalla fede e dall’annuncio di Cristo sorgono sacerdoti. Come dimostra la storia. Leggi il seguito…

    • L’opzione Domopac del democristiano Conte

      di Emanuele Boffi. Grillino coi grillini, cattolico coi cattolici. Il premier è come la pellicola trasparente: un contenitore che s’adatta al contenuto Poiché la Democrazia cristiana in Italia non muore mai, uno come Giuseppe Conte non poteva farsi sfuggire l’occasione di dimostrarsi fratello “anche” degli ultimi epigoni della Balena bianca. Sceso ad Avellino in terra demitiana, il premier ha svolto una lectio magistralis sul contributo dei cattolici nei lavori dell’Assemblea costituente. Ad ascoltarlo in platea, raccontava ieri sul Corriere Francesco Verderami, «il vecchio sinedrio [Dc] seduto in prima fila: De Mita, Bianco, Mancino, Zecchino, Gargani, Mastella». Leggi il seguito…

    • Il governo in procinto

      di Marcello Veneziani. Ma che roba è questo governo giallorosso? Proviamo a dare una definizione attinta dalla grammatica politica, anzi solo dalla grammatica, visto che la politica sta morendo di miseria. Questo è un governo perifrastico, un costrutto artificioso fondato sul participio futuro. La perifrasi, spiegano i dizionari, esprime l’imminenza di un’azione, l’intenzione di fare qualcosa o la predestinazione a compierla. Ecco il Premier “Siamo in procinto di”, segue a ruota il leader “Siamo sul punto di”, appresso viene il Ministro “Ci accingiamo a”. È la grammatica del potere grillo-sinistro, un governo intenzionale, di annunciatori e futurologi. Stanno sempre per fare qualcosa che sarà una svolta epocale, ma non è fatta ancora, verrà. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.