Chi vuole il bene dei migranti?

Sulla vicenda delle 629 persone imbarcate dall’Aquarius, il cui approdo sulle coste italiane è stato finora impedito, è divampata una polemica dalla quale, scusate, intendo chiamarmi fuori. Non per nulla, è che fra le accuse di razzismo, l’indignazione un tanto al chilo e le citazioni evangeliche a casaccio non mi sento a mio agio. Capitemi. Inoltre, non ho alcun commento valido da offrire ma solo, per quel che valgono, delle domande. Per esempio: posto che il bene di quelle 629 persone certamente sembra non desiderarlo chi appoggia la chiusura dei porti italiani, allora chi lo vuole? Si può sapere?

Chi li ha allontanati dalle coste dietro compensi stellari ma con imbarcazioni per modo di dire, oltretutto con il concreto rischio di farli annegare? O forse chi, contattato da questi filantropi, i 629 e andato a prelevarli in prossimità delle coste libiche e anziché riportali indietro – mica all’inferno, eh, ma solo alle coste più vicine –, tenta di condurli neppure all’isola più vicina (Malta), ma in Italia? Chi, come fa Sos Mediterranée, spende 11.000 euro al giorno in mare, quando con quegli stessi soldi – alle stesse 629 persone – garantirebbe pasti quotidiani per oltre 17 euro, dieci volte tanto quello con cui si sopravvive in Africa subsahariana, fa dunque del bene?

Ancora, in chi urla «accogliamoli!», ma per favove non pvopvio a Capalbio, gvazie, c’è dell’altruismo? Anche se non sembra, non provoco affatto: chiedo. Esattamente come chiedo se non sussista un legame, a dir poco esecrabile, tra il flusso di questi disperati e chi vede in essi l’esercito industriale di riserva, gente disposta a farsi ingiustamente sfruttare, cosa che giustamente gli italiani non vogliono più accettare. Ripeto: non ho alcun commento valido da offrire, proprio nessuno, solo delle domande. Domande di chi sa poco, ma è consapevole che ci si può abbruttire – e tanto – pure dietro a belle parole, e che talvolta è meglio tenersi alla larga, da ciò che è lastricato di buone intenzioni.

Giuliano Guzzo

*****

…Ordinalo subito su Amazon!

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Politically correct, “è colpa nostra” come catechismo

      capozzi-libro-politically-correct di Aurelio Porfiri. Il politically correct è come un "catechismo civile", una somma di "precetti", di divieti, di censure in cui si compendia la retorica di un'ideologia ben precisa: quello che possiamo chiamare neo-progressismo, ideologia dell'Altro. È entrato nelle nostre vite “con una martellante opera di propaganda, di estensione e profondità ‘orwelliane’, che pretende di eliminare dai prodotti culturali, dalla dialettica politica, dai comportamenti pubblici e privati, dai luoghi della formazione, ogni termine o concetto che possano essere considerati ‘discriminatori’, ‘offensivi’, per imporre un'idea di ‘rispetto’ che in effetti coincide con un totale indifferentismo, nel quale la ‘verità’ politica è decisa volta a volta dalle élite che ‘dettano la linea’ alle società”. Intervista a Capozzi, autore del libro "Politicamente corretto. Storia di un'ideologia". Leggi il seguito… 

    • Il Papa spinge Verona: famiglia naturale insostituibile

      bergoglio-a-loreto di Nico Spuntoni. «Nella delicata situazione del mondo odierno, la famiglia fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna assume un’importanza e una missione essenziali». Le parole del Papa ieri a Loreto corrispondono perfettamente allo spirito del Congresso mondiale delle Famiglie che si svolgerà a Verona nel fine settimana e che è oggetto di violentissime polemiche e accuse di oscurantismo, a cui si è accodata anche una parte del mondo cattolico. Leggi il seguito… 

    • Altro che famiglia

      alfredo-mantovano di Alfredo Mantovano. Se la precedente Legislatura ha assestato colpi non da poco alle disposizioni sul matrimonio e sulla famiglia, con le leggi sul divorzio breve, sul divorzio facile, sulle unioni civili, con conseguente affievolimento normativo del legame sociale fondamentale, in questa Legislatura – in controtendenza rispetto alla ricomparsa dello Stato in alcuni settori dell’economia – si va verso la privatizzazione del rapporto coniugale: gli accordi prematrimoniali riducono il matrimonio a un contratto come tanti altri che, come per la somministrazione di un servizio, disciplina le modalità di conclusione prima ancora di iniziare, in un’ottica mercantilistica consacrata in clausole negoziali. Leggi il seguito… 

    • Congresso delle famiglie a Verona. Il test della libertà democratica nel Paese. Dove è la Chiesa?

      world-congress-family-verona di Marco Tosatti. Il Congresso Mondiale delle Famiglie in programma a Verona è un test importante, e tutto fa pensare che sia la Chiesa che il regime politico mediatico che si definisce progressista lo abbiano già fallito. Ma è un test importante per il Paese, perché è la cartina di tornasole della democrazia, che a parole la sinistra e i suoi giornali – i maggiori – dicono di apprezzare e difendere. In realtà l’unica democrazia che nei fatti difendono è la loro; e a chiunque si differenzi dal pensiero unico di cui sono servi felici impongono la mordacchia. Il Congresso è una cartina di tornasole della libertà di pensiero in questo Paese; Leggi il seguito…