Chi vuole il bene dei migranti?

Sulla vicenda delle 629 persone imbarcate dall’Aquarius, il cui approdo sulle coste italiane è stato finora impedito, è divampata una polemica dalla quale, scusate, intendo chiamarmi fuori. Non per nulla, è che fra le accuse di razzismo, l’indignazione un tanto al chilo e le citazioni evangeliche a casaccio non mi sento a mio agio. Capitemi. Inoltre, non ho alcun commento valido da offrire ma solo, per quel che valgono, delle domande. Per esempio: posto che il bene di quelle 629 persone certamente sembra non desiderarlo chi appoggia la chiusura dei porti italiani, allora chi lo vuole? Si può sapere?

Chi li ha allontanati dalle coste dietro compensi stellari ma con imbarcazioni per modo di dire, oltretutto con il concreto rischio di farli annegare? O forse chi, contattato da questi filantropi, i 629 e andato a prelevarli in prossimità delle coste libiche e anziché riportali indietro – mica all’inferno, eh, ma solo alle coste più vicine –, tenta di condurli neppure all’isola più vicina (Malta), ma in Italia? Chi, come fa Sos Mediterranée, spende 11.000 euro al giorno in mare, quando con quegli stessi soldi – alle stesse 629 persone – garantirebbe pasti quotidiani per oltre 17 euro, dieci volte tanto quello con cui si sopravvive in Africa subsahariana, fa dunque del bene?

Ancora, in chi urla «accogliamoli!», ma per favove non pvopvio a Capalbio, gvazie, c’è dell’altruismo? Anche se non sembra, non provoco affatto: chiedo. Esattamente come chiedo se non sussista un legame, a dir poco esecrabile, tra il flusso di questi disperati e chi vede in essi l’esercito industriale di riserva, gente disposta a farsi ingiustamente sfruttare, cosa che giustamente gli italiani non vogliono più accettare. Ripeto: non ho alcun commento valido da offrire, proprio nessuno, solo delle domande. Domande di chi sa poco, ma è consapevole che ci si può abbruttire – e tanto – pure dietro a belle parole, e che talvolta è meglio tenersi alla larga, da ciò che è lastricato di buone intenzioni.

Giuliano Guzzo

*****

…Ordinalo subito su Amazon!

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • «Tutti i cristiani in Francia si mobilitino contro la distruzione dell’umano»

      di Tempi. «La Chiesa cattolica chiede a tutti i cristiani di mobilitarsi a causa delle implicazioni etiche e antropologiche di questa legge. Davanti alla commercializzazione dell’essere umano, che si staglia in sottofondo, non possiamo non reagire». Lo ha dichiarato in un’intervista a Boulevard Voltaire monsignor Dominique Rey, vescovo di Frejus-Toulon. Il prelato francese si riferisce alla legge “Pma per tutte“, ribattezzata “Pma senza padre”, che darà diritto a tutte le donne (single o impegnate in una coppia lesbica) di accedere alla fecondazione eterologa a spese dei contribuenti e di essere dichiarate “madri” sull’atto di nascita, anche in assenza di legame biologico con il nascituro. Il padre, ridotto a materiale genetico, sarà al contrario cancellato dall’atto di nascita. Leggi il seguito…

    • Cambiamo!, firmato l’atto costitutivo: con Toti già 9 parlamentari

      di l’Occidentale. È stato firmato ieri a Palazzo Grassi a Roma l’atto costitutivo del partito di Giovanni Toti Cambiamo! alla presenza di parlamentari, assessori, consiglieri regionali e amministratori provenienti da tutta Italia. “Da questo momento – ha spiegato Giovanni Toti – il panorama politico si arricchisce ufficialmente di una nuova forza che punta a dare voce a tutti coloro che non si sentono più rappresentati dai partiti tradizionali e sognano un centrodestra nuovo. Leggi il seguito…

    • Se il ministro dell’Istruzione invita gli studenti a fare sciopero come Greta

      di Giuseppe Leonelli. Il grillino Lorenzo Fioramonti ha dato la propria benedizione allo sciopero degli studenti approvando la scelta dei ragazzi di disertare la scuola. Fingendo di non capire che se il Ministro dell’istruzione benedice il boicottaggio delle lezioni degli studenti italiani da un lato rinnega il proprio mandato, dall’altro toglie peso alla protesta stessa. Senza un Sistema di regole, che il Ministro è chiamato come garante massimo delle Istituzioni a far rispettare, le proteste e la ribellione che valore hanno? Se chi trasgredisce le norme riceve il plauso di chi deve farle rispettare, allora vale tutto Leggi il seguito…

    • Amazzonia: Ratzinger e Rahner a confronto

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. L’Instrumentum laboris del prossimo sinodo dell’Amazzonia non parla mai di evangelizzazione ma solo di inculturazione, non parla mai di insegnare ma solo di ascoltare, non parla mai di fare domande ma di farsi domande, non di interrogare ma di farsi interrogare. In altre parole la Chiesa dovrebbe farsi “amazzonica”, nel senso di riformularsi (“disimparare, reimparare, imparare” dice il documento). Questa è appunto la posizione di Rahner e non quella di Ratzinger Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.