LA POST-DEMOCRAZIA

Ai primi di aprile Virginia Raggi, sindaca pentastellata di Roma, sollecitata dalle proteste di gran parte del mondo politico e della comunicazione, ha ordinato la rimozione di un manifesto riproducente la foto di un feto all’undicesima settimana di gravidanza con l’indicazione delle funzioni già in essere degli organi essenziali per la vita e la scritta “Tu eri così a 11 settimane. E ora sei qui perché tua mamma non ti ha abortito”. Il manifesto era stato affisso, previa autorizzazione comunale, dall’associazione Pro Vita sulla parete di un palazzo di via Gregorio VI.

Hanno fatto seguito, pochi giorni dopo, il coro di condanna da parte dei maggiori esponenti politici, uscenti ed entranti, vincitori e vinti (unica eccezione Matteo Salvini), del governo di Damasco, accusato di avere utilizzato armi chimiche contro i miliziani di Jaysh al-Islam asseragliati a Douma, e l’approvazione della punizione inflittagli, per ordine del presidente USA Trump, col bombardamento del territorio siriano.

Poco dopo si è appreso che i giudici di Sua Maestà Britannica, dopo avere respinto l’opposizione dei genitori e disposto la soppressione, riservandosi di fissarne il luogo e l’ora, del piccolo Alfie Evans, sofferente di una malattia gravemente invalidante e a probabile esito infausto, hanno negato ai genitori l’autorizzazione a trasferirlo all’ospedale del Bambino Gesù di Roma, dove era stato approntato un progetto di cura, con la motivazione che il viaggio in aereo-ambulanza poteva provocare al condannato in attesa dell’esecuzione uno scompenso dai possibili esiti letali.

In apparenza nessun rapporto fra i tre eventi, diversissimi, ma in realtà uniti dal più stretto dei legami per essere tutti prodotto ed espressione della cultura dominante di una società sempre più simile a quella, uscita dalla tirannia staliniana, che Vaclav Havel nel suo libro “Il potere dei senza potere” definisce “post-totalitaria”. La nostra, quella di un Occidente di cui, purtroppo, l’Europa è parte integrante e costitutiva, potrebbe essere definita “post-democratica” o, a essere ottimisti, molto avanzata sulla strada per diventarlo.

Nel suo libro Havel parla di un erbivendolo, probabilmente praghese, che espone nella vetrina del negozio un cartello, recapitatogli dai superiori, con lo slogan “Proletari di tutto il mondo unitevi”. Scopo dell’affissione è di inviare ad autorità e concittadini il messaggio: “so che cosa devo fare, mi comporto come ci si aspetta che mi comporti, di me ci si può fidare e non mi si può rimproverare nulla, io sono ubbediente e ho quindi diritto a una vita tranquilla”.

Magari, a differenza che in quella post-totalitaria, nella società post-democratica la parola “ubbidiente” non piace, anzi è opportuno qualificarsi come persona dalla mente aperta, illuminata, libera dalle tenebre del medioevo. Ciò non toglie che sia obbligatoria la libera adesione al pensiero unico, per il quale il bambino concepito è soltanto (per i più rozzi, ligi e e creduloni) un grumo di cellule o (per i più acculturati) una non-persona, i soldati dell’Occidente e della Nato vengono inviati in giro per il mondo a portare pace e democrazia, i bambini afflitti da gravi malattie vengono soppressi nel loro “best interest” per risparmiargli il peso di una “futile” vita.

Nella società post-totalitaria descritta da Havel “la vita è percorsa in tutti i sensi da una rete di ipocrisie e di menzogne; il potere della burocrazia si chiama potere del popolo, la classe operaia viene resa schiava in nome della classe operaia; la totale umiliazione dell’uomo viene contrabbandata come sua definitiva liberazione; l’isolamento delle informazioni viene chiamato divulgazione”. In quella post-democratica la classe operaia è stata sostituita da altre “periferie” ed altri miti, ma resta percorsa da una rete di ipocrisie e menzogne, che non sono meno ipocrite e menzognere per avere cambiato contenuto e rinunciato (solo perché e finché si dispone di mezzi altrettanto efficaci e in apparenza più indolori) ad imporsi con mezzi violenti (il che non toglie che vi sia “violenza”, e tanta, non solo nel lancio di missili sulla Siria, ma anche negli aborti, nella detenzione in ospedale e nella ”terminazione” di bambini malati, nella rimozione di manifesti),

Del resto anche nella società post-totalitaria dagli anni ’70 del secolo scorso in poi la violenza poliziesca propria delle dittature aveva perso d’importanza, quanto meno si era fatta più sottile. Nell’attuale società post-democratica forse il processo non è ancora totalmente concluso, ma fin d’ora sua caratteristica fondamentale è, come dice Havel per la sua, “la vita nella menzogna”. Al contrario, quella che Havel definisce “la vita nella verità” è per entrambe più temibile della peste, tanto che quella pos-totalitaria si è volatilizzata per non essere riuscita a bloccare il diffondersi e l’affermarsi della verità nella coscienza dei sudditi.

La società post-democratica, ammaestrata dall’esempio, ne è consapevole e si adopera per evitare un così mortale pericolo. Nel caso della Siria e di Alfie sono state trasformate in verità due menzogne: l’uso di armi chimiche a Douma da parte del governo di Damasco, e l’identificazione del best interest del piccolo Alfie con la sua soppressione. Il caso romano, in apparenza meno grave, lo è invece di più in quanto qui a essere proibita e condannata è stata la verità in quanto tale. Il manifesto di Pro Vita è stato rimosso perché il suo contenuto (il feto, che ha un cuore e un cervello perfettamente funzionanti e si ciuccia il dito) è stato ritenuto “lesivo del rispetto di diritti e libertà individuali”, e tale era realmente appunto a causa della sua innegabile verità. Di conseguenza, risultava pericoloso per diritti e libertà che sono tali solo in una società che vive nella menzogna.

A noi, cittadini/sudditi dell’Occidente, come ai compatrioti post-comunisti di Havel, non resta che aggrapparci alla verità: unico potere dei senza potere.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Chiesa e scuola: alle radici del problema

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Alla Dottrina sociale della Chiesa è sempre appartenuta la dottrina della “Regalità sociale di Cristo”. Questa è stata direttamente enunciata in molte encicliche preconciliari. In quelle postconciliari non è più stata affermata con chiarezza, quanto piuttosto presupposta indirettamente, quindi non obliata ma oscurata. In ogni caso non è mai stata formalmente negata. Leggi il seguito…

    • «Sinodo Amazzonia, un pretesto per cambiare la Chiesa»

      di Riccardo Cascioli. Il cardinale Gerhard Müller, già prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, boccia senza appello l'Instrumentum Laboris del Sinodo per l'Amazzonia: «Nasce da una visione ideologica che nulla ha a che fare con il cattolicesimo». «Trattano il nostro Credo come se fosse una nostra opinione europea, ma il Credo è la Rivelazione di Dio in Gesù Cristo, che vive nella Chiesa. Non ci sono altri credo».«Dobbiamo rifiutare in modo assoluto espressioni come “conversione ecologica”. C’è solo la conversione al Signore, e come conseguenza c’è anche il bene della natura». «I sacramenti non sono riti che ci piacciono e il sacerdozio non è una categoria sociologica». «La Rivelazione di Dio in Cristo si fa presente nei sacramenti, e la Chiesa non ha alcuna autorità per cambiare la sostanza dei sacramenti». Leggi il seguito…

    • I cattolici, il suicidio assistito e l’Ordinanza della Corte costituzionale

      di Silvio Brachetta. Assuntina Morresi, su Tempi, critica le posizioni dell’Osservatorio Van Thuân – espresse da Stefano Fontana – circa la necessità di non scendere a compromessi sull’eutanasia. Il compromesso in questione – che un gruppo di parlamentari cattolici ha richiesto alla Conferenza episcopale italiana di sostenere – prevede, tra l’altro, l’attenuazione delle pene regolate dall’articolo 580 del Codice penale, nella speranza di mantenerlo in essere. Se, infatti, l’articolo 580 non sarà abrogato, costituirà almeno un argine all’eutanasia, che potrebbe essere introdotta da future legislazioni in materia Leggi il seguito…

    • Ma oltre i migranti ci sono i restanti

      di Marcello Veneziani. Ero l’altro giorno a Otranto nella piazza dedicata “all’umanità migrante”, dove campeggia un monumento in forma di barca dedicato ai migranti. E mi sono detto: ma all’umanità restante nessuno dedica niente, piazze, monumenti, prediche, premure? Non c’è settimana che Papa Bergoglio non si preoccupi dei migranti che ritiene un’umanità speciale; a loro dà priorità e dedica l’evangelico “Prima gli ultimi”. E non c’è dem, progressista, radicale, cattosinistro, ogni santo giorno, che non consideri bestie, razzisti, subumani e disumani coloro che non ritengono assoluto e illimitato il diritto di migrare e il dovere di essere accolti. Al Papa e ai promigranti vorrei dire: i veri ultimi non sono i migranti. Sono i restanti. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.