Abbigliamento della Chiesa e influenze sulla moda secolare. Il “Met Gala”al Metropolitan Museum di New York

LA MOSTRA DI PARAMENTI SACRI E RELIQUIE DEL VATICANO

Il Met Gala è l’evento che inaugura la mostra di moda più importante dell’anno: quella del Costume Institute al Metropolitan Museum di New York. Quest’anno la mostra è dedicata all’abbigliamento del Vaticano e della Chiesa, e alle influenze reciproche con la moda secolare, dal titolo Heavenly Bodies: Fashion and the Catholic Imagination, ovvero Corpi divini: moda e immaginario cattolico così su Il Post . Da un articolo di Paola Beletti/Aleteia  09 Maggio 2018.

Un articolo veramente acuto, quello di Paola Beletti di Aleteia. Il suo buon gusto ha preferito riconoscere le responsabilità della dittatura mondana, trascurando quelle della dittatura dell’acquiescenza romana. E forse ha fatto bene.

Quando perfino il Presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, e di altri organismi in stretto contatto con ciò che è cultura nella Chiesa, -persona cui non difettano né preparazione teologica, né sapere-, giunge a sostenere e collaborare con una simile iniziativa, evidentemente il problema è un altro.

Si potrà dire che un conto è la mostra dell’abbigliamento ecclesiastico, che ha reso onore alla liturgia per secoli, e un conto la sfilata di moda concomitante. Concomitante, certo, ma non solo. Pretesto per usare ed abusare ciò che è pertinente alla liturgia, come, in particolare, le reliquie. Persino le scarpe di San Giovanni Paolo II non sono state risparmiate.

Se l’intento principale fosse stato porre a confronto le mode ecclesiastiche e mondane delle precedenti epoche, non si sarebbe trovato opportuno trasformare le linee, le stoffe e i preziosi dei paramenti in audaci abiti, in genere femminili,  mimando quelli dei Pastori della Chiesa, fino a far risplendere la Papessa Ryanna.

E’ stato ritenuto interessante che la croce “svelasse”, velatamente, la cantante Madonna; che l‘attore Chadwick Aaron Boseman, carico di aurei anelli, sfigurasse, a confronto, con la Lopez, o altre sfolgoranti modellecosì imbacuccato e con solo quattro croci; che Mons. Ravasi fosse ritratto esortando la selezionata assemblea con elevati discorsi, mentre un Sir, di moda anglo scozzese, in pantaloncini e calzettoni neri, ascoltava, -in traduzione simultanea con cuffie-  le parole del presule.

Si dice che l’immaginario abbia a che fare con i sogni, ma anche con gli incubi. Non sapendo se si tratti di sognare o di patire un incubo, speriamo che il risveglio sopraggiunga presto, per non subire oltre il fascino di una Jennifer Lopez, che, con moderno cipiglio e superiorità, offre uno squarcio di luce nell’immaginario degli oscurantisti cattolici.

 

 

 

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il festival itinerante del Migrante

      sinistra-migranti di Marcello Veneziani. Una compagnia di giro fatta di scrittori, cineasti, artisti, giornalisti, pensatori, preti da sbarco, poeti da sballo, attori, cantanti e musicanti, guidata da un collettivo d’impresari a senso unico animerà l’estate italiana portando in scena il solito copione: Viva l’accoglienza, a morte il razzismo, forza stranieri, aprite i porti e le frontiere, come ci piacciono i bambini venuti dal mare o dalla provetta, mentre quelli nati dalla madre italiana non li reggiamo più. Viva gli uteri in affitto per coppie gay, abbasso la chicco e i suoi molesti utenti neonati Leggi il seguito… 

    • Bufale sulla Sindone? Eccome, sono tutte nel “falso” studio

      sindone di Emanuela Marinelli. Tesi a dir poco approssimative, esperimenti oltre il "bizzarro", mancanza di conoscenza e di fondamenti scientifici... questo e molto altro c'è nello studio rimbalzato sui media e che attribuirebbe elementi di falsità alla Sacra Sindone. Ma non è tutto: gli autori della ricerca, Borrini e Garlaschelli, non hanno mai fatto parte del team di scienziati che ha studiato il Lenzuolo di lino, anzi non l'hanno mai nemmeno visto da vicino. C'è altro da aggiungere? Leggi il seguito… 

    • Addio culto, la chiesa si ricicla rifugio dei clandestini

      zanotelli di Luisella Scrosati. Zanotelli auspica la trasformazione delle chiese in ostelli per i clandestini; il vescovo di Caserta vorrebbe chiese-moschee per accogliere. E' il trionfo della strategia Sant'Egidio, che segna l'addio all'esclusività del culto. Una "politica" confermata anche da un prossimo convegno vaticano sull'uso delle chiese dismesse per scopi "sociali e culturali". Leggi il seguito… 

    • Nessuna azione sociale senza dottrina. Non è possibile “costruire la città nuova sulle nuvole”

      giuseppe_toniolo di Silvio Brachetta. San Pio X insegna che è impossibile un’azione sociale senza dottrina: «In questi tempi di anarchia sociale e intellettuale, in cui ciascuno si atteggia a dottore e legislatore, non si costruirà la città diversamente da come Dio l’ha costruita; non si edificherà la società, se la Chiesa non ne getta le basi e non ne dirige i lavori; no, la civiltà non è più da inventare, né la città nuova da costruire sulle nuvole» Leggi il seguito…