Abbigliamento della Chiesa e influenze sulla moda secolare. Il “Met Gala”al Metropolitan Museum di New York

LA MOSTRA DI PARAMENTI SACRI E RELIQUIE DEL VATICANO

Il Met Gala è l’evento che inaugura la mostra di moda più importante dell’anno: quella del Costume Institute al Metropolitan Museum di New York. Quest’anno la mostra è dedicata all’abbigliamento del Vaticano e della Chiesa, e alle influenze reciproche con la moda secolare, dal titolo Heavenly Bodies: Fashion and the Catholic Imagination, ovvero Corpi divini: moda e immaginario cattolico così su Il Post . Da un articolo di Paola Beletti/Aleteia  09 Maggio 2018.

Un articolo veramente acuto, quello di Paola Beletti di Aleteia. Il suo buon gusto ha preferito riconoscere le responsabilità della dittatura mondana, trascurando quelle della dittatura dell’acquiescenza romana. E forse ha fatto bene.

Quando perfino il Presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, e di altri organismi in stretto contatto con ciò che è cultura nella Chiesa, -persona cui non difettano né preparazione teologica, né sapere-, giunge a sostenere e collaborare con una simile iniziativa, evidentemente il problema è un altro.

Si potrà dire che un conto è la mostra dell’abbigliamento ecclesiastico, che ha reso onore alla liturgia per secoli, e un conto la sfilata di moda concomitante. Concomitante, certo, ma non solo. Pretesto per usare ed abusare ciò che è pertinente alla liturgia, come, in particolare, le reliquie. Persino le scarpe di San Giovanni Paolo II non sono state risparmiate.

Se l’intento principale fosse stato porre a confronto le mode ecclesiastiche e mondane delle precedenti epoche, non si sarebbe trovato opportuno trasformare le linee, le stoffe e i preziosi dei paramenti in audaci abiti, in genere femminili,  mimando quelli dei Pastori della Chiesa, fino a far risplendere la Papessa Ryanna.

E’ stato ritenuto interessante che la croce “svelasse”, velatamente, la cantante Madonna; che l‘attore Chadwick Aaron Boseman, carico di aurei anelli, sfigurasse, a confronto, con la Lopez, o altre sfolgoranti modellecosì imbacuccato e con solo quattro croci; che Mons. Ravasi fosse ritratto esortando la selezionata assemblea con elevati discorsi, mentre un Sir, di moda anglo scozzese, in pantaloncini e calzettoni neri, ascoltava, -in traduzione simultanea con cuffie-  le parole del presule.

Si dice che l’immaginario abbia a che fare con i sogni, ma anche con gli incubi. Non sapendo se si tratti di sognare o di patire un incubo, speriamo che il risveglio sopraggiunga presto, per non subire oltre il fascino di una Jennifer Lopez, che, con moderno cipiglio e superiorità, offre uno squarcio di luce nell’immaginario degli oscurantisti cattolici.

 

 

 

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Uno sguardo sull’islam politico. Recensione al testo di Marie Thérès Urvoy “Islamologie et monde islamique”

      islam di Stefano Fontana. Il mondo cattolico affronta il problema dell’islam soprattutto dal punto di vista del dialogo interreligioso. La crescente presenza di musulmani nei Paesi di antica tradizione cristiana impone però di esaminare il mondo islamico anche dal punto di vista strettamente sociale e politico, cosa diversa, anche se non contraria, alla prospettiva del dialogo interreligioso. Per farlo, i cattolici dovranno utilizzare la Dottrina sociale della Chiesa che, quindi, si trova davanti ad un nuovo compito, quello di esaminare la dimensione politica della religione islamica e di valutarla non solo in rapporto alla visione politica dell’occidente cristiano, che può avere elementi di diversità dal cristianesimo anche se, in qualche modo, da esso deriva, ma proprio in rapporto al proprio corpo dottrinale. Leggi il seguito… 

    • Esiste dunque un magistrato a Roma

      coppia-gay-con-figlio di Centro Studi Livatino. Riprendendo il titolo di una famosa opera di Bertold Brecht, siamo particolarmente lieti di pubblicare l’atto con cui la Procura della Repubblica di Roma, nella persona dei pubblici ministeri, dr.ssa Maria Monteleone e Stefano Pizza, impugna la trascrizione, disposta dal Sindaco della Capitale, dell’atto di nascita di una minore, iscritta come figlia di due “padri”, che avevano fatto ricorso alla pratica della maternità surrogata.   Si tratta di un provvedimento pregevole, per più ragioni: Leggi il seguito… 

    • Pro life e pro family si alleano in Senato

      gandolfini-intergruppo-parlamentare di Tempi. Il 18 settembre a Palazzo Madama oltre 150 senatori hanno aderito all’intergruppo parlamentare per la Famiglia, nato per presidiare e promuovere le istanze più profonde dell’antropologia umana, dalla vita alla libertà educativa, «temi che vanno trattati avendo chiaro il riferimento valoriale della tradizione del popolo italiano e che vanno al di là dell’appartenenza partitica del legislatore». Leggi il seguito… 

    • Di sinodalità si può morire

      sinodo di Stefano Fontana. La nuova Costituzione apostolica "Episcopalis Communio" sembra ratificare un grave equivoco sul significato dei Sinodi, ovvero che siano i sinodi a produrre la verità e non viceversa. Ma oggi il vero problema della Chiesa è l’episcopato, vale a dire la perdita del senso di cosa significhi essere successore degli Apostoli. Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.