Semplice

È così semplice, un padre e una madre. Hanno corpi che si completano, sono le tessere di un mosaico che origina una nuova vita.

Oggi, la rabbia cupa del demiurgo umano vuol confondere, sostituire, persuadere; e se non vi riesce, imporre. Costi quel che costi.

La famiglia è sotto attacco, ovunque.

Conosco una donna che lotta disperatamente per salvare il figlio dalla tentacolare presa della droga. Gli assistenti sociali, il giudice, gli psicologi le impediscono di portare il ragazzo in una comunità. Non serve; dicono.

 

Con analoga sfrontatezza i bambini vengono sottratti ai genitori, perché ritenuti indegni e incapaci di educare. Che dire? Vi saranno certamente casi che esigono questo, ma vi sono pure situazioni in cui non ci si capacita dell’arroganza degli esperti, “signori” che si muovono al ritmo degli apparati teorici che oggi van per la maggiore. Che poi, quanti problemi reali hanno veramente risolto?

Ubriachi di teoremi non riconoscono un sorriso scambiandolo per un moto involontario del viso. Non riconoscono una lacrima se non come secrezione di una ghiandola.

 

Smantellata l’autorità dei genitori, da stuoli di specialisti che intervengono attraverso la scuola e le innumerevoli agenzie educative, i ragazzi si sentono liberi e accampano contro le proprie famiglie diritti individuali, che la legge, di fatto, sancisce.

Instillata l’idea sin dalla più tenera età che il corpo sia un giocattolo da utilizzare per i propri piaceri.

Pianificato il lavoro per addomesticare i fanciulli al pansessualismo e all’indistinzione, eppure è così semplice riconoscere la complementarietà fra i sessi.

Poi; la sorpresa, si susseguono le gravidanze indesiderate, gli aborti, le violenze ed ovviamente i processi alle famiglie esautorate di tutto, ma al contempo caricate di tutte le responsabilità. Devono educare. Educare contro il mondo che ha distrutto il cardine di ogni educazione, il principio di autorità.

Hanno tolto il Padre dal cielo, hanno tolto il padre in terra. Hanno in odio la maternità reale e sono diventati sterili. Nel mondo dove tutto è ammesso, tutto può essere vietato. L’unica verità infatti coincide con la forza di imporsi, con il potere della persuasione.

Lasciate Alfie venga nella terra dove sono nati gli ospedali. Dove Camillo de Lellis, officiò accanto ai malati, dove le corsie erano affrescate da grandi artisti, dove la musica per celebrare la messa era composta da geni. Tutto al servizio dell’uomo immagine di Cristo. La Carità, questa dovreste imparare carissimi esperti, ed essa comincia in ginocchio, non su di una cattedra dove ricevere onori.

 

La vicenda di Alfie è un riflesso di questo marasma, l’onda non anomala che travolge il buon senso ed ogni pietà.

Resistono i giudici contro l’amore, contro la presenza di una famiglia reale in luogo del “famigliame” irreale, resistono persino i preti che dovrebbero circondare quel letto d’ospedale e adorare il bambino, anziché nascondersi vilmente, per non disturbare il loro padrone. Il Mondo.

 

 

 

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La croce intatta tra le macerie è il segno per salvare l’Europa

      croce-maria-gesu-notre-dame di Giacomo Susca. «Stat crux dum volvitur orbis», la croce resta salda mentre il mondo cambia. È la storia del Cristianesimo racchiusa in cinque parole. Il motto dei certosini non può essere ridotto a uno status da social network, però la comunità cristiana, che vive di simboli, si aggrappa al Simbolo per eccellenza. Quella croce perseguitata, offesa, osteggiata, dileggiata, mercificata, nonostante tutto rimane l'Alfa e l'Omega, il principio quando sembra arrivata l'Apocalisse. Se c'è stato un errore di valutazione nel commentare nell'immediatezza la catastrofe parigina, forse è stato quello di intravedere in un incidente la fine di una cultura o di un sistema di valori. Può crollare il tetto sopra le nostre teste, ma non il pavimento in cui affondano le radici della cristianità Leggi il seguito… 

    • L’eros anarchico e l’ideologia nichilista del Sessantotto. A proposito delle recenti “Note“ di Benedetto XVI

      1968 di Don Samuele Cecotti. Papa Benedetto XVI, nelle sue Note scritte a favore di papa Francesco e dei presidenti delle Conferenze Episcopali riuniti in Vaticano per affrontare lo scandalo pedofilia nella Chiesa e ora pubblicate, individua nella Contestazione Sessantottesca una vera e propria rivoluzione affermatasi tanto nel mondo (occidentale) quanto nella Chiesa. Come Osservatorio abbiamo dedicato al ’68 il numero 3 (2108) del “Bollettino di Dottrina sociale della Chiesa” [leggi] partendo proprio dal riconoscimento della natura rivoluzionaria della Contestazione e sviluppando una attenta analisi circa gli esiti socio-politici di tale rivoluzione nichilista. Leggi il seguito… 

    • Cattolici e Radio Radicale: lo scandalo continua

      radio-radicale di Riccardo Cascioli. Ancora una volta, di fronte all'intenzione del governo di cancellare il truffaldino finanziamento pubblico a Radio Radicale, c'è una mobilitazione generale. E in prima fila come sempre ci sono fette importanti del mondo cattolico. Un gioco di favori e ricatti reciproci, a danno della fede dei semplici. Leggi il seguito… 

    • Se il mondo che disprezza il Medioevo piange per Notre Dame

      croce-maria-gesu-notre-dame di Luca Volontè. Dopo le fiamme a Notre Dame i fautori del politicamente corretto, gli stessi che tacciano di “oscurantismo medievale” coloro che difendono la vita del concepito e il matrimonio, hanno esternato lamenti per la cattedrale fondata nel Medioevo. C’è dell’ironia (e della menzogna) in questo. Ma c’è anche la speranza di una ricostruzione della società, che può avvenire solo tornando a Cristo, come ricordano i fedeli raccoltisi in preghiera a chiedere l’intercessione di Maria Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.