Quella voglia degli italiani di cambiare davvero il Paese. E di non essere ancora una volta traditi

salvini_dimaio

di Marcello Foa.

Il messaggio è forte e chiaro: gli italiani non sono disposti a farsi ingannare dalle lusinghe e soprattutto dalla propaganda dall’establishment. Hanno voglia di una vera svolta e sono sempre più attenti alla coerenza dei leader. Non è un caso che il gradimento di Di Maio sia sceso di 6 punti, mentre quello di Salvini continui a salire, fino a superare, per la prima volta, quello del capo del Movimento 5 Stelle. Gli elettori non gradiscono la disinvoltura con cui quest’ultimo si propone sia alla Lega sia al Pd e non amano chi antepone evidenti, incontrollabili ambizioni personali al perseguimento di un disegno più ampio e nell’interesse del Paese

*****************

Qualcosa sta cambiando in Italia e in bene. Mentre fino ad alcuni mesi fa ogni volta che avevo l’opportunità di partecipare a incontri pubblici, percepivo soprattutto rabbia e in certi casi addirittura rassegnazione, ora sento voglia di reagire, di combattere, di sperare. Non che i problemi di fondo siano stati risolti: la lievissima crescita economica ha semplicemente mitigato i problemi, arrestandone la caduta. La disoccupazione resta su livelli inaccettabili, l’imposizione fiscale è proibitiva e recessiva, le preoccupazioni per le pensioni e la tenuta del sistema sociale immutate. L’altro giorno un amico commercialista mi ha detto: nemmeno al Nord si creano più vere aziende. Forse esagerava ma l’Italia di oggi non è certo amica degli imprenditori.

Eppure quelli che non si arrendono sono sempre più numerosi. E sempre più persone vogliono capire il mondo in cui viviamo. Ne ho avuto un riscontro straordinario durante le presentazioni del mio saggio “Gli stregoni della Notizia. Atto secondo” (Guerini editore). A Milano sono arrivate 300 persone, ieri a Roma, con Vladimiro Giacché e Alberto Bagnai, almeno 350 a un incontro organizzato dagli splendidi ragazzi de l’Intellettuale Dissidente  e da Asimmetrie (qui il resoconto di Maria Scopece su Formiche.net). Un successo di pubblico di queste proporzioni ovviamente fa bene all’ego di chi scrive e sentitamente ringrazio.

Ma non è questo il punto. Nello sguardo delle persone che incontro vedo brillare la fiducia e la voglia di impegnarsi in prima persona. Molto probabilmente è la conseguenza del risultato delle elezioni politiche, in cui per la prima volta i partiti alternativi a quelli tradizional –  Il Movimento 5 Stelle, la Lega di Salvini e Fratelli d’Italia – hanno superato abbondantemente, sommati, il 50% dei consensi. Il messaggio è forte e chiaro: gli italiani non sono disposti a farsi ingannare dalle lusinghe e soprattutto dalla propaganda dall’establishment. Hanno voglia di una vera svolta e sono sempre più attenti alla coerenza dei leader.

Non è un caso che il gradimento di Di Maio sia sceso di 6 punti, mentre quello di Salvini continui a salire, fino a superare, per la prima volta, quello del capo del Movimento 5 Stelle. Gli elettori non gradiscono la disinvoltura con cui quest’ultimo si propone sia alla Lega sia al Pd e non amano chi antepone evidenti, incontrollabili ambizioni personali al perseguimento di un disegno più ampio e nell’interesse del Paese.

Non vogliono essere traditi un’altra volta e in questa fase storica sono attenti soprattutto alla coerenza. Salvini, chiaramente, lo ha capito. Chissà se Luigi Di Maio saprà ascoltare ancora la voce degli italiani, quella voce che giunge limpida e vibrante a chi ha l’umiltà di udirla nelle piazze e negli uditori.

PS I risultati delle elezioni in Molise, giunti nel frattempo, confermano la mia analisi: gli elettori vogliono chiarezza e puniscono chi abbandona la Via. Come, appunto, è capitato a Di Maio, che si è visto sfuggire una vittoria sicura (il governatorato), e che arretra nettamente nel voto di lista.  

Fonte

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Uno sguardo sull’islam politico. Recensione al testo di Marie Thérès Urvoy “Islamologie et monde islamique”

      islam di Stefano Fontana. Il mondo cattolico affronta il problema dell’islam soprattutto dal punto di vista del dialogo interreligioso. La crescente presenza di musulmani nei Paesi di antica tradizione cristiana impone però di esaminare il mondo islamico anche dal punto di vista strettamente sociale e politico, cosa diversa, anche se non contraria, alla prospettiva del dialogo interreligioso. Per farlo, i cattolici dovranno utilizzare la Dottrina sociale della Chiesa che, quindi, si trova davanti ad un nuovo compito, quello di esaminare la dimensione politica della religione islamica e di valutarla non solo in rapporto alla visione politica dell’occidente cristiano, che può avere elementi di diversità dal cristianesimo anche se, in qualche modo, da esso deriva, ma proprio in rapporto al proprio corpo dottrinale. Leggi il seguito… 

    • Esiste dunque un magistrato a Roma

      coppia-gay-con-figlio di Centro Studi Livatino. Riprendendo il titolo di una famosa opera di Bertold Brecht, siamo particolarmente lieti di pubblicare l’atto con cui la Procura della Repubblica di Roma, nella persona dei pubblici ministeri, dr.ssa Maria Monteleone e Stefano Pizza, impugna la trascrizione, disposta dal Sindaco della Capitale, dell’atto di nascita di una minore, iscritta come figlia di due “padri”, che avevano fatto ricorso alla pratica della maternità surrogata.   Si tratta di un provvedimento pregevole, per più ragioni: Leggi il seguito… 

    • Pro life e pro family si alleano in Senato

      gandolfini-intergruppo-parlamentare di Tempi. Il 18 settembre a Palazzo Madama oltre 150 senatori hanno aderito all’intergruppo parlamentare per la Famiglia, nato per presidiare e promuovere le istanze più profonde dell’antropologia umana, dalla vita alla libertà educativa, «temi che vanno trattati avendo chiaro il riferimento valoriale della tradizione del popolo italiano e che vanno al di là dell’appartenenza partitica del legislatore». Leggi il seguito… 

    • Di sinodalità si può morire

      sinodo di Stefano Fontana. La nuova Costituzione apostolica "Episcopalis Communio" sembra ratificare un grave equivoco sul significato dei Sinodi, ovvero che siano i sinodi a produrre la verità e non viceversa. Ma oggi il vero problema della Chiesa è l’episcopato, vale a dire la perdita del senso di cosa significhi essere successore degli Apostoli. Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.